Il Pd cambia pelle: da partito ‘leggero’ ai ‘piedi piantati sul territorio’. Scure e tagli su tutti gli organismi, a partire dai segretari provinciali, i circoli si finanzino da soli

Lorenzo Guerini

Il vicesegretario del Pd, Lorenzo Guerini, detto anche ‘il Forlani’ di Renzi

UN DOCUMENTO di sette cartelle sulla «forma partito» è stato scritto da un gruppo di lavoro composto da tutte le “anime” del Pd: i vicesegretari Guerini e Serracchiani, il presidente Orfini e un esponente dem per ogni corrente, minoranze comprese (il bersaniano Nico Stumpo, il cuperliano Andrea De Maria, la bindiana Margherita Miotto, la prodiana Sandra Zampa). Tenuto riservato per mesi, tranne che per alcune, imprecise, anticipazioni giornalistiche, il documento riservato del Pd – che QN ha potuto leggere – sta per rivoluzionare il partito guidato da Renzi per come è stato fino concepito fino a ora.

Il lavoro, in realtà, non è finito: il documento, con la dicitura di «contributo aperto» (traduzione: il Nazareno non impone nessun diktat…), è stato spedito a tutti i diversi livelli e unità territoriali per ricevere «osservazioni» ed essere, da queste, rispedito indietro. Dopo le elezioni amministrative, e cioè dopo giugno, ma entro luglio, l’Assemblea Nazionale dem approverà la necessaria modifica allo Statuto e così nascerà il ‘nuovo’ Pd.
Il documento si muove su tre direttrici: organismi interni, ruolo dei militanti, risorse. Le parole d’ordine sono «sburocratizzare» e, insieme, «radicarsi». Di certo scatterà un notevole, pur se non drammatico, assicura il Nazareno, «dimagrimento» degli organi decisionali. I principali, tra questi, almeno sul piano nazionale, sono tre. Il primo è l’Assemblea Nazionale: oggi conta 1000 membri eletti, cui si aggiungono, di diritto, i 400 parlamentari e tutti gli eletti (diverse centinaia) negli enti locali: saranno ridotti a meno di 800. Il motivo è che i rimborsi spettanti ai “Mille” democrat, ogni volta che vengono a Roma, sono diventati assai esosi. Poi c’è la Direzione nazionale: conta 120 membri, più 30 di diritto e 50 scelti fior da fiore nei gruppi parlamentari, 200 in totale: sarà «limata». Infine, c’è la Segreteria Nazionale: composta da 12 membri verrà, finalmente (è ormai dall’estate scorsa che se ne parla visto che ne sono usciti in diversi, come Enzo Amendola, promosso viceministro agli Esteri), “rimpastata”, ma il numero resterà quello.

INFINE, si agirà sui livelli intermedi del partito. Un partito che è diviso in tre cerchi: Unioni comunali, Unioni provinciali e Unioni regionali. Molti circoli (le vecchie ‘sezioni’), come è successo a Roma, causa inchiesta ‘Mafia Capitale’, verranno fusi tra loro perché sono rimasti, troppo a lungo, inattivi, quando non sono stati direttamente ‘inquinati’.

E così, i circa 6 mila, sulla carta, circoli che il Pd ha sull’intero territorio nazionale diminuiranno. La scure vera, però, si farà sentire sulle 120 unità di base provinciali: non scompariranno del tutto, seguendo il destino delle Province di riferimento, cancellate dalla legge che le ha abolite, ma verranno, in moltissimi casi, «accorpate». Un modo gentile per dire che molte di esse, appunto, scompariranno, anche se non tutte. Si cercherà, per le restanti, di farle combaciare con i 100 collegi con cui l’Italicum ridisegna la geografia politica italiana.
Ma non tutti i mali vengono per nuocere: infatti, insieme a questo processo di «razionalizzazione», come lo chiamano al Nazareno, «i segretari di base, circoli in testa, avranno più poteri, saranno più coinvolti e caricati di forti responsabilità, a partire dal foundrising». Detta in volgare: i segretari dovranno trovarsi i soldi da sè e finanziarsi da soli diventando una sorta di “promotori finanziari” o di veri e propri “procacciatori” di denaro. Il finanziamento pubblico è agli sgoccioli e, nonostante il successo del 2xmille (550 mila i donatori privati che hanno scelto il Pd, dato che al Nazareno magnificano a ogni pié sospinto, con legittimo orgoglio), le casse del partito languono. I dipendenti nazionali sono stati già ridotti a 100 in totale, ma solo grazie ai ‘distacchi’ nei gruppi parlamentari e nei diversi ministeri a guida Pd, mentre la Segreteria si è autoridotta tutti i rimborsi spese, specie le auto a nolo, passati da +800 mila (gestioni precedenti a quella di Renzi) a -7 mila.

Il Pd, in compenso, ha ormai costruito, da diversi anni, un data-base che vale oro: si tratta del 1 milione e 300 mila gli iscritti alle primarie (di partito) che costituiranno, una volta per tutte, l’Albo degli elettori del Pd. Un albo che resterà per forze di cose in pancia al Pd e che resterà anche distinto dall’Albo delle primarie «di coalizione» , cui hanno partecipato e parteciperanno – si spera – in futuro altri partiti diversi dal Pd (Sel, Cd, Idv, Verdi, etc.).

Inoltre, sono arrivati a quota 386 mila gli iscritti del 2015 e, assicura il Nazareno, «arriveremo presto a quota 390 mila», il che vuol dire 30/40 in più del dato del 2014. L’altra novità è, però, un ritorno al passato. Infatti, come forse non tutti sanno, già dalla sua nascita, nel 2007-2009, il Pd faceva eleggere i segretari di circolo e provinciali solo dagli iscritti, mentre quelli regionali sono sempre stati eletti con le primarie, come avveniva – e avviene, ancora oggi, per il segretario nazionale. Dopo la riforma dello Statuto si tornerà a una modalità di elezione dei segretari regionali più ‘chiusa’ e molto meno ‘aperta’. Sarà, cioè, riservata ai soli iscritti o (ma sul punto è ancora aperto il dibattito), alla loro elezione in modo «contestuale» a quella del segretario nazionale. Come già avveniva sotto Veltroni e Bersani con un evidente effetto di ‘trascinamento’ dei segretari regionali. Una ‘comodità’ di cui, invece, Renzi non ha goduto:  infatti, i segretari regionali vennero eletti, nel 2014, solo  mesi dopo l’elezione con primarie del segretario nazionale.
Infine, altra novità, rinasceranno i circoli «tematici» e quelli di pura «iniziativa politica», i quali potranno attirare e far lavorare i militanti (della società civile, ma forse anche di altri partiti…), ma non votare gli organismi interni (segretari di circolo e regionali, segretario nazionale). Infine, c’è la novità dei circoli on-line: ci saranno, anzi già ci sono (a Bologna, l’Aquila, Napoli), ma per votare dovranno trovarsi una sede fisica.

Morale: il Pd va verso una forma di partito più ‘leggero’ o più ‘pesante’? Il vicesegretario Guerini la spiega così: «Il modello a cui ci rifacciamo è quello studiato da due politologi Usa, Richard Katz e Peter Mair, che hanno teorizzato – con un saggio pubblicato nel 1995 e rivolto soprattutto al partito dell’Asinello, e cioè i Democrat Usa – la necessità di creare una via di mezzo tra il Party on the ground, cioè un partito coi i piedi ben piantati sul territorio, e un Cartel Party”. Di che si tratta? Di una forma di organizzazione “leggera”, de-differenziata, con strutture reticolari, esternalizzazione, centralizzazione decisionale; ruolo nevralgico dei leader”, scrivono i due autori statunitensi nel loro saggio, che prevede anche una “competizione su tutto il mercato elettorale; formazione e manipolazione delle preferenze degli elettori; relazioni opportunistiche o neutrali con i gruppi; prevalenza delle funzioni di coordinamento istituzionale e procedurali; logica della competizione (e della collusione)”, ma soprattutto, spiegano, “a causa della crisi delle risorse interne, finanza pubblica e sponsorizzazione da parte dei gruppi di interesse, presenta canali di comunicazione mediali e virtuali; vede i partiti come campaign organizations; expertise e conoscenze specialistiche, ad esempio nel campo delle tecniche di comunicazione“.

Detta in italiano antico, una via di mezzo tra il «partito pigliatutto» com’era la Dc del Secondo dopoguerra, e il partito di «funzionari e quadri», oltre che, ovvio, «di massa», del Pci che fu. Detta in italiano moderno si tratta, appunto, del “Partito della Nazione”.

NB: Questo articolo è stato pubblicato l’8 aprile 2016 a pagina 8 del Quotidiano Nazionale in forma meno estesa (http://www.quotidiano.net)