NEW! Dalla Romagna a Roma! L’intervista a Pini (Lega) conferma la “Strana Alleanza” tra Lega Nord e Cinque Stelle: la Romagna culla del patto “anti-Renzi”

Beppe Grillo e, dietro, il suo guru, Gianroberto Casaleggio

Grillo e Casaleggio. Il leader dell’M5S e il suo Richelieu, da poco scomparso

Ettore Maria Colombo
BOLOGNA
«TRA LEGA e M5S ho sempre sentito molte affinità. Casaleggio ha inventato Internet, noi i gazebo…». Il vecchio leone lùmbard, Umberto Bossi, è uno che fiuta l’aria. Il Senatùr s’è presentato, a sorpresa, al funerale di Casaleggio a Milano. E Matteo Salvini conferma: «Sulla richiesta di onestà, pulizia e trasparenza, ci sono somiglianze». Un altro uomo d’altri tempi, Luigi Bisignani, scrive, da tempo, sul Tempo, che di «lavori in corso Lega-M5S», parla di «feeling tra i gruppi in Parlamento» e paventa l’ipotesi di «un logo che unirà i due partiti in una Federazione». «Salvini chiama Grillo»? Il leader leghista, per ora, ha fatto scelte diverse: il centrodestra, a Milano, si è ricompattato su Parisi e rosicchia punti al dem Sala.

CERTO è che il candidato M5S, Gianluca Corrado, non brilla per attivismo, sotto la Madonnina. Come se l’M5S volesse perdere e, magari, al ballottaggio, votare Parisi…
A Roma, il favore, invece, sarebbe ricambiato: Salvini voterà Raggi? Lo sostiene una fonte interna leghista ma romana, ergo attendibile: «Berlusconi farà ritirare Bertolaso, ma per appoggiare Marchini, non la ‘nostra’ Meloni, ma vince Giorgia! Detto ciò, ‘se’ al ballottaggio andassero Giachetti e Raggi (i candidati di Pd e M5S, ndr) i nostri voteranno lei, col placet di Salvini…».

Il concetto che molti leghisti e, anche, pentastellati esprimono, pur se off-records, è sempre lo stesso: «Come possiamo fare molto male a Renzi? Unendo le nostre forze».
Le danze si aprono già domenica, con il referendum «anti-trivelle» (Lega e M5S sono per il «sì»), si fanno ballo liscio alle elezioni amministrative di giugno e diventano turbinoso valzer al referendum istituzionale di ottobre. Quando leghisti e grillini andranno tutti, lo dicono già, a votare «per far cadere Renzi». A proposito di ballo liscio, va però sottolineato il caso concreto di tre città al voto in terra speciale, la terra di Romagna.

A Ravenna, l’M5S non si presenta a causa di violenti dissidi interni finiti con la mancata certificazione della lista dal vertice dell’M5S. Dissidi solo in parte rientrati con la lista civica ‘Cambierà’ che candida l’imprenditrice Michela Guerra. Lei è una para-grillina, ma, al ballottaggio, potrebbe appoggiare il candidato leghista, Massimiliano Alberghini, che, forte di un centrodestra unito, punta a soffiare la poltrona di sindaco a Michele De Pascale (Pd-Pri-civiche), anche se, in realtà, Alberghini è espressione di una lista ‘civica’ leghista.
Stessa musica a Rimini. Prima ha fatto epoca e cronaca, locale e nazionale, il tentativo, poi abortito, della ex moglie di Beppe Grillo, Sonia Toni, di presentare una lista «sua». Poi persino lo staff di Casaleggio ha dovuto rinunciare al candidato prescelto, Davide Grassi. Morale: l’M5S, a Rimini, neppure si presenta. Il centrodestra, a trazione leghista, candida invece Marzio Pecci, altro esponente di area civica vicino a Salvini. Benedetto da Salvini dietro lo slogan «Uniti si vince» (lo stesso di Bologna, dove la Lega candida, ma senza l’appoggio di FI, Lucia Borgonzoni), Pecci punta a scalzare Andrea Gnassi (Pd), «anche» con i voti dei grillini.

Ma è Cesenatico – terra amata dai romagnoli e pure da Grillo che viene in Riviera a trovare Dario Fo – il caso «di scuola». Qui, il sindaco uscente, Roberto Buda, di centrodestra, «ha fatto un gran casino», si dice in città. Formalmente e inizialmente, la Lega appoggia Buda contro il candidato dem, Matteo Gozzoli, e pure contro il candidato M5S, Alberto Papparini, giovane molto attivo e molto denunciante vari e gravi scandali. Ma ‘se’ Buda non dovesse arrivare al ballottaggio, a «fare fronte» contro il Pd ci penserebbe Salvini: ha già dato ordine ai suoi fidi luogotenenti locali, a partire dal deputato Gianluca Pini, ‘padano-romagnolo’ sanguigno e Presidente della «Nazione» Romagna, di far convergere i voti dei leghisti su Papparini. O di fare una conversione «a U»: sfiduciare Buda e appoggiare un altro candidato, Enrico Dall’Olio, consigliere comunale leghista e uomo di Pini, sempre per spianare la strada a Papparini (M5S) così da far perdere il Pd (la qual cosa è successa venerdì: la Lega ha sfiduciato Buda e corre insieme a Fi e a Fd’It contro Buda e contro il Pd).
Scambi di favori, piccole cortesie. Chissà che, sempre in funzione anti-Renzi, non nasca in Romagna, «un fiore» da portare a Roma. Obiettivo: far nascere, in Parlamento e, chissà, alle prossime Politiche, una «Santa Alleanza» tra Lega e M5S con dentro Fratelli d’Italia di Meloni, ma senza FI di Berlusconi. Per «liberare» il Paese da Renzi, si capisce. E l’Italia dall’Euro, forse. Come testimonia, peraltro, lo stesso Gianluca Pini in un’intervista a QN pubblicata il giorno dopo l’uscita di questo articolo e che, non a caso, s’intitola “Lega e M5S hanno lo stesso scopo: battere il Pd e mandare a casa Renzi. Pini, uomo forte di Salvini: ‘In Emilia-Romagna siamo pronti all’intesa su molti temi’… “, intervista scritta da Ettore Colombo pubblicata a pagina 15 del Quotidiano Nazionale di sabato 16 aprile 2016.

i simboli dei diversi partiti italiani alle Europee

I simboli dei principali partiti alle Elezioni europee del 2014

Intervista – quella a Pini del 16 aprile, uscita dopo il pezzo del 15/04 – che ripubblico qui:

Ettore Maria Colombo
BOLOGNA
GIANLUCA PINI (romagnolo, classe 1973) è l’uomo forte di Salvini in Emilia e Romagna, la sua terra, dove ricopre il ruolo di presidente della Lega Nord, ma è anche una delle teste pensanti, oltre che «di ferro», della Lega a Roma. Insomma, è uno che conta, l’onorevole Pini, nel gotha di una classe dirigente leghista sempre più «nazionale» e sempre meno «padana».
Sta per nascere la ‘strana alleanza’, come scrive QN, tra Lega e M5S in Romagna e Roma, o è un ‘entente cordiale’?
«Abbiamo due obiettivi in comune con l’M5S: vincere le elezioni in città chiave della Romagna come Cesenatico, Ravenna, Rimini, dove l’M5S non presenta liste, e battere il Pd. E mandare a casa Renzi a Roma, non solo alle elezioni per la città, ma anche e soprattutto al referendum istituzionale di ottobre quando entrambi i partiti voteranno ‘no’ alla riforma di Renzi. Insomma, scalzare il Pd dal potere locale, in Romagna e altrove, e scalzare Renzi da Palazzo Chigi. Non parlerei di ‘asse’ o alleanza, ma di ‘convergenza di interessi’ sì. Poi, una volta ottenute le elezioni politiche anticipate, ognuno, Lega e M5S, correrà per sé. Su molti temi, come l’immigrazione, siamo e restiamo diversi, su altri lavoriamo bene insieme, anche in Parlamento. In futuro, si vedrà».
Partiamo dai casi «locali». Cosa succede a Cesenatico?
«C’era un sindaco, Buda, che noi abbiamo sostenuto lealmente per 5 anni, anche se ha operato scelte amministrative molto discutibili, e che si è sempre dimostrato molto arrogante. Ha detto che dei partiti non gliene fregava niente. Bene, abbiamo deciso di correre non soli, ma con l’intero centrodestra, e un altro candidato. Dall’Olio? Vedremo. Ne stiamo discutendo. Certo è che l’M5S lì non si presenta. Potrebbe decidere di aiutarci».
E a Rimini e a Ravenna?
«La sinistra, in Romagna, è ormai autoreferenziale, governa da troppo tempo. A Rimini, quattro imbecilli hanno impedito a Salvini anche solo di parlare. Renzi loda Rimini come modello? La città ha perso l’aeroporto e, tra poco, la Fiera. A Ravenna l’economia muore tranne per i soliti ‘amici’ del Pd. I nostri candidati, entrambi civici ma appoggiati dalla Lega, Pecci a Rimini e Alberghini a Ravenna, possono vincere. I grillini non presentano liste. Possono votare per noi, al ballottaggio o già dal primo turno, e aiutarci a mandare a casa il Pd».
A Bologna, invece, correte da soli, pure contro Forza Italia.
«Aspetterei la settimana prossima, vedrà: ci saranno delle sorprese. Io mi sono speso per candidare Lucia Borgonzoni, Salvini pure. Bologna è una città che Merola ha massacrato e reso insicura. Fanno le ronde persino alla Bolognina».
Passiamo al quadro nazionale. A Roma voterebbe Raggi?
«Esistono tre poli, in Italia. Uno a trazione Lega, il centrodestra, uno a trazione M5S, e uno a trazione Pd. Dobbiamo e possiamo allearci per sconfiggere, insieme, il Pd. Una forma di desistenza credo ci sarà, anzi credo sia già in atto, a Roma come altrove: votare per chi, tra Lega e M5S, ha il candidato migliore. Portarlo al ballottaggio e farlo vincere. L’obiettivo è unico: sconfiggere il Pd e mandare a casa Renzi. In tre mosse».
Quali sono le tre mosse?
«La prima sono le comunali: l’obiettivo è far perdere, ovunque, i candidati del Pd. La seconda è il referendum istituzionale di ottobre: non è un mistero che sia noi che l’M5S voteremo no alla riforma di Renzi e Boschi. La terza è ottenere la caduta del governo e andare a elezioni politiche anticipate nel 2017: lì, ognuno per conto suo, si presenterà agli elettori».
E l’alleanza vera e propria?
«La escludo, per ora. Su certi temi, come l’immigrazione, siamo su posizioni diverse, anche se sul punto Casaleggio era più vicino alle nostre, ma in Parlamento collaboriamo e ci scambiamo idee e opinioni su tante cose. Vedremo come evolverà il quadro politico».

NB: Questi due articoli sono stati pubblicati a pagina 7 del Quotidiano Nazionale il 15 aprile 2016 e a pagina 15 del QN del 16 aprile 2016. (htttp://www.quotidiano.net)

Annunci