Legge elettorale, il Pd ci riprova. Possibile l’intesa con FI sul cosiddetto “Mattarellum rovesciato”

ettore rosato

Il capogruppo del gruppo dem alla Camera Ettore Rosato

Ettore Maria Colombo – ROMA

“Vogliamo dimostrare a tutti che siamo responsabili e che ci proviamo davvero a fare una nuova legge elettorale, che non vogliamo fare ‘melina’”: questa la voce dei piani alti del Nazareno in merito all’ultima novità partorita in casa Pd: una nuova legge elettorale che – spiegano i dirigenti dem vicini al segretario Renzi – “garantisca la governabilità e tenga aperta la strada di una coalizione di centrosinistra”.

Il Pd, infatti, prova a riaprire, anche se in extremis, i giochi sulla legge elettorale, ferma da mesi in commissione Affari costituzionali della Camera dopo l’infausto voto che, in Aula, a giugno scorso, decretò la bocciatura (o, meglio, il ritiro e il ritorno in commissione) del sistema tedesco. Oggi, il cosiddetto ‘Mattarellum rovesciato’ sarà depositato, in commissione, da Lele Fiano in accordo con il capogruppo Rosato che dice “il Pd è sempre stato per il maggioritario”. Ma quali sono i motivi politici che stanno dietro la mossa del Pd? Il ‘contesto’ è quello di un Capo dello Stato che fa sapere, sia pure informalmente, che è pronto a sciogliere le Camere entro i primi di gennaio per votare entro marzo (prima data utile il 4 marzo 2018) e dall’altro che, se tutti i tentativi parlamentari di dare al Paese una legge elettorale fallissero eserciterà tutta la sua moral suasion sul capo del governo e anche sui presidenti delle Camere per varare un decreto legge che ‘armonizzi’ le principali discrasie tra i due sistemi elettorali oggi vigenti (i due spuntoni di Consultellum per il Senato e Italicum per la Camera risultanti dalle due sentenze della Corte costituzionale che hanno parzialmente abrogati quei sistemi) per evitare il caos e l’ingovernabilità che nascerebbe dopo il voto. Ma il decreto, se la data dello scioglimento delle Camere resta quella indicata, va presentato entro il 15 novembre, altrimenti non verrebbe convertito in legge. E il tempo scarseggia: infatti, da metà ottobre in poi, le Camere saranno impegnate fino a Natale con la sessione di bilancio.

Ecco perché, al Nazareno, si sentono molto “responsabili”. I principi cardine della proposta sono quelli indicati, mentre quelli politici sono due: scavare un solco tra Pisapia e Mdp, con il primo che – sperano ancora nel Pd – sarebbe ancora interessato a un’ottica ‘coalizionista’ con i dem, data dai collegi, a differenza dei secondi; e ‘tentare’ Berlusconi che salverebbe l’offerta coalizionale con Lega e Fd’I ma con una preponderanza di seggi assegnati col proporzionale che gli lascerebbe margini di manovra autonomi dalla Lega.

Nella nuova proposta dem, una sorta di ‘Mattarellum capovolto’, solo il 36% dei seggi sarebbe assegnato in collegi maggioritari mentre il 64% di essi sarebbe attribuito con metodo proporzionale (nella versione originale, il Rosatellum, la percentuale era di 50% di maggioritario e 50% di proporzionale): vuol dire, alla Camera, 231 collegi (compresi quelli del Trentino, superando così il voto che fece saltare la legge a giugno) e 399 seggi su liste bloccate. Niente premi di maggioranza e sbarramento fissato al 5% (ma si parla anche di uno sbarramento al 3% per invogliare i piccoli a starci). Mdp e sinistra si dicono già contrari, M5S pure, la Lega sembra d’accordo e FI è divisa: c’è chi è fermo al tedesco e chi assicura che invece Berlusconi, da sempre contrario ai collegi, “è tentato perché così può sganciarsi dalla Lega” dicono i suoi, e Brunetta dice: “Un buon sistema elettorale deve avere ampio accordo e scontentare tutti”, una dichiarazione conciliante che fa capire che la porta di FI è ancora aperta.

NB: L’articolo è stato pubblicato il 19 settembre a pagina 11 del Quotidiano nazionale

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...