Sinistra, ‘AAA cercasi leader’. Se sfiorisce il ruolo di Pisapia Amleto, ecco pronto a scendere in campo il paladino Grasso

Pietro Grasso

Il presidente del Senato, Pietro Grasso.

Ettore Maria Colombo – ROMA

Il piano P (Pisapia) doveva essere il piano A, ma perde colpi. E così ecco che, dentro Mdp, si fa largo il piano G (Grasso): in pochi giorni ha preso così tanta quota che non solo entusiasma la platea (“Sono e resto un ragazzo di sinistra” ha detto tra gli applausi il presidente del Senato) ma anche i possibili compagni di strada di Mdp (Fratoianni di Sinistra italiana, i civici, Giustizia e Libertà). Poi, ci sarebbe sempre il piano B nel senso di Laura Boldrini: oggi la presidente della Camera era a Rimini, alla convention dell’area di Orlando, ma non suscita in Mdp gli stessi entusiasmi e simpatie di Grasso, anche perché la Boldrini è sempre stata vista come troppo vicina al Pd la ‘numero 2’ di Pisapia, dentro Mdp, e pronta a candidarsi per suo conto se lui non dovesse farlo, alle Politiche. E se Pisapia assicura di sentire spesso e volentieri sia Prodi che Enrico Letta, facendo capire che mira a costruire qualcosa di ben diverso da una lista di sinistra-sinistra, e cioè un ‘Ulivo 2’ o ‘Ulivo bonsai’ in attesa che il Pd, magari dopo il probabile tonfo alle prossime elezioni regionali siciliane del 4 novembre, imploda e altri (Orlando? Emiliano? Francheschini persino?) lascino al suo destino Renzi e il partito per costruire il ‘nuovo Ulivo’, è anche vero che ormai Mdp, teorico alleato numero 1 di Pisapia, morde il freno.

Sono giorni di festa nazionale di Mdp a Napoli. L’atmosfera è tesa, elettrica: il tempo non aiuta, i dibattiti chissà. Mdp ora ha anche un movimento giovanile, si sta radicando bene sui territori. Il tesseramento funziona, i soldi iniziano ad arrivare, le feste locali sono andate discretamente: nettare per il gusto di Nico Stumpo, responsabile organizzazione. Un partito nascente cui manca solo il leader o meglio il federatore. I big di Mdp hanno a lungo pensato che potesse essere Giuliano Pisapia, che ha fondato, a sua volta, Campo progressista, ma le cose tra loro non vanno bene. I deputati delle due aree stanno nello stesso gruppo ma si guardano in cagnesco, i rispettivi colonnelli se ne dicono di tutti i colori, le prospettive non sono mai in sincrono (allearsi con il Pd o con l’altra sinistra?) e le iniziative neppure: Campo Progressista si è dato appuntamento il 17 ottobre a Roma, al Brancaccio, D’Alema ha annunciato “una grande assemblea nazionale” di Mdp per il 19 novembre, assemblea che dovrà eleggere gli organismi dirigenti nazionali. Ma di Mdp sola o pure di Campo progressista? E con che metodo? Primarie? Tesserati? Quote?.

D’Alema  chiama Pisapia “l’ineffabile avvocato” e lo detesta, ma ieri, nel respingere le suadenti offerte di alleanza del Pd pervenute alla Festa di Mdp, anche se avanzate solo dai ministri Orlando, Franceschini e Delrio, e non da Renzi, ha assicurato che “il leader è lui”, derubricando Grasso a “sgrammaticatura istituzionale”. Poi l’annuncio: “Faremo liste di Mdp in tutti i collegi, non c’è più tempo, la sinistra va unita tutta”. Il che non è però un buon viatico per la strada indicata da Pisapia, che vuole ‘fare il centrosinistra’ ed essere ‘sfidante’ sì, ma non ‘radiclamente alternativo’ al Pd. Anche Speranza, che pure ci dialoga ore, mostra segni d’insofferenza, verso Pisapia. Se pure Bersani mollasse l’avvocato, l’avventura di Insieme sarebbe nata morta. Si vedrà. Intanto si dice che Pisapia, domenica a Napoli per chiudere la Festa con Speranza, da Mdp sarà fischiato.

Ma se salta il piano A (Pisapia) Bersani, ha pronto il piano B: Pietro Grasso. Il presidente del Senato ha girato, negli ultimi mesi, molte feste di partito: Pd, Sinistra Italiana, Mdp. “Ovunque – spiega chi c’era – è stato applaudito quando ha detto che ‘valori e principi di sinistra sono inconciliabili con destra e centrodestra’”. Nettare per le orecchie di Mdp e altri possibili alleati della Nuova Sinistra, non per il Pd, nel cui gruppo al Senato Grasso però siede. “Orfini lo ha attaccato a testa bassa – spiegano i suoi – e nessuno del Pd lo ha difeso. Il presidente non si è mai mosso dall’idea di un partito di sinistra, ma le porte del Pd ormai sembrano aperte solo per chi se ne va”. Grasso, ovviamente, continuerà a fare il presidente del Senato, specie nei prossimi difficili mesi, fino a che Mattarella deciderà di sciogliere le Camere. Quel giorno, però, potrebbe succedere che accetti una semplice candidatura o diventi leader di una forza di sinistra che – spiega chi lo conosce – “sia in competizione con il Pd oggi ma per collaborare con il Pd domani”. Insomma, se son rose, quelle di Grasso, fioriranno, ma solo se appassirà definitivamente il fiore di Pisapia.

NB: Questo articolo è stato pubblicato il 30 settembre 2017 a pagina 12 del Quotidiano nazionale

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...