La Sinistra incorona Grasso leader, Renzi preferisce parlare con Macron, i ‘piccoli’ del centrosinistra alle prese con le soglie

Pietro Grasso

Il presidente del Senato, Pietro Grasso.

 

  1. Mdp-SI e Possibile hanno scelto: con il Pd non si dialoga, anzi lo si attacca. Sul lavoro, al fianco della Cgil, e non solo. il 3 dicembre l’incoronazione di Grasso.
Ettore Maria Colombo – ROMA
“Il 3 dicembre lanceremo la nostra lista unitaria per l’alternativa e ci sarà Pietro Grasso, il nostro candidato”. Il lieto annuncio e, insieme, la gaffe, la fa Giulio Marcon, capogruppo alla Camera di Sinistra italiana e un lungo passato nelle associazioni pacifiste della sinistra. Marcon rivela, papale papale, ai giornalisti in attesa dell’inutile incontro, dal finale già scritto, tra ‘l’esploratore’ di Renzi, Fassino, e i capigruppo di Camera e Senato Marcon e Guerra (Mdp e SI) proprio nel giorno in cui Pd e Mdp-Si se le danno di santa ragione, alla Camera, su una mozione sull’articolo 18 – quello che tutti, in realtà, sapevano, ma non era ufficiale. Sarà dunque Grasso il leader della nuova lista elettorale di ‘Sinistra’ che nascerà il 3 dicembre a Roma. Una “Grande Assemblea Popolare e Democratica”, la chiamano gli organizzatori si terrà in un “luogo grande, enorme, alle porte di Roma”, per fondere i tre partiti, o sigle, esistenti (Mdp-SI-Possibile), qualche ex cattolico di sinistra del Pd (Rosy Bindi e Giorgio Merlo) e qualche ex dc d’antan (Enzo Carra e, forse, Marco Follini). Ma ‘La Sinistra’, nome finale su cui molti ancora scommettono, specie dentro SI e Mdp, su richiesta di Grasso forse non si chiamerà così, bensì “Libertà e Uguaglianza”. Perché, dicono i promotori, un po’ tristi, “il Presidente non vuole richiami espliciti alla tradizione del Pci-Pds-Ds”. “Ma solo così – assicurano – riusciremo a parlare alla società civile e intercetteremo il voto non solo del Pd, ma pure dei 5Stelle. Puntiamo al 10%”, continuano fieri, ma c’è chi dice “mi accontento del 6%…”. Bei propositi, ma tutti da verificare. Diversi sondaggi li vedono inchiodati al -5-5.5%, il che vorrebbe dire 28 deputati e 17 senatori, come hanno fatto di conto nel Pd, sperando che la profezia si avveri. Anche sul simbolo è tutto ancora in alto mare. C’è chi dice che ci sarà, anche lì, il nome di Grasso, chi dice di no e chi assicura che “ci sarà tanto rosso, ma più stile bandiere Cgil (con cui Mdp fila d’amore e d’accordo, ndr) che del Pci”. Del resto, per Mdp, che parteciperà allo sciopero della Cgil sulle pensioni del 2 dicembre sventolando le rosse bandiere, la mission è la stessa di Camusso: bastonare il Pd di Renzi. Lo dimostra lo scontro alla Camera sulla mozione intorno all’art. 18 che non va in Aula e ritorna in commissione per un pugno di voti (26) e nonostante M5S e centrodestra la votino. E le parole di Bersani a fine serata a un convegno: “Il rinvio in commissione alla Camera della nostra proposta sull’art. 18 è la pietra tombale sul dialogo con il Pd”.
Grasso, però, nel frattempo, è ancora presidente del Senato. Il suo portavoce, perciò, smentisce tutto, persino Marcon prova a fare marcia indietro, ma la frittata è fatta: il re è lui. Grasso, in realtà, si è dato una dead line: l’approvazione della manovra economica al Senato. Si concluderà entro il I dicembre e, da quel giorno, spiegano i suoi, “si sentirà un uomo libero di dire ciò che pensa e fare ciò che vuole”. Ma il rischio dell’ingorgo istituzionale è molto alto anche perché Boldrini, a sua volta, starebbe anche lei per trarre il dado e candidarsi ‘a sinistra’ il che farebbe storcere molto più del naso a Mattarella che già non ha visto di buon occhio la ‘discesa in campo’ di Grasso (il presidente del Senato sostituisce il Capo dello Stato ogni volta che questi è all’estero) e che, di fronte all’impegno politico, a Camere ancora aperte e funzionanti, di entrambi i suoi Presidenti avrebbe espresso ‘riserve’. 
E il – finto – dialogo tra Pd e sinistra radicale, invece, com’è andato? La fine era nota: gelo durante l’incontro tra Fassino e i capigruppo, insulti fuori. Fassino, già irritato per essere stato ricevuto solo dai Carneadi Guerra (Mdp Senato) e, appunto, Marcon (SI, Camera), sospira: “Ci dispiace per loro, andremo avanti con altre forze di sinistra”. Trattasi di Pisapia che Fassino vedrà stamane via una delegazione dei suoi (Tabacci, Ferrara, Manconi) per stringere un’alleanza ormai nei fatti. La lista Pisapia alle elezioni ci sarà, sarà alleata del Pd, punta a prendere il 3%, si vedrà se in bicicletta coi Radicali o no, ma data l’aria che tira meglio essere previdenti. I colonnelli di Pisapia hanno già fatto avere al Pd la richiesta: “20/25 collegi sicuri”. La Sinistra-Sinistra, invece, all’uscita gliene dice di ogni, al Pd: “E’ troppo tardi per un’alleanza, siamo incompatibili”. 
NB: Questo articolo è stato pubblicato su Quotidiano Nazionale il 23 dicembre 2017
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
2. Renzi vola a trovare Macron e ‘sogna’ un partito transnazionale europeo ma i guai stanno di casa tutti in Italia e sono quelli del centrosinistra.

 

immagine voto europeo generico

Un immagine tutta ‘positiva’ del voto europeo (elezioni 2014)

Ettore Maria Colombo – ROMA

E’ stata una giornata intesa, ieri, per Matteo Renzi. Di buon mattino, l’ex premier vola a Parigi per vedere il presidente francese, Emanuel Macron: ricevuto all’Eliseo con tutti gli onori, accompagnato da Sandro Gozi, sottosegretario agli Affari europei. Renzi ha con Macron diverse passioni in comune (tipo il tennis), ma è andato in trasferta per altro. Infatti, il leader dem e quello del movimento “En Marche!” che lo ha aiutato a vincere a mani basse le elezioni presidenziali francesi, mettono in subbuglio, in poche ore, quel che resta del Pse. Renzi e Macron fanno un annuncio forte: far compiere un “percorso comune” per la creazione di “liste transnazionali” in vista delle “elezioni europee del 2019”. Agli altri partiti ‘socialisti’ – che fanno parte del Pse come pure, peraltro, molti di loro, dell’Internazionale socialista, – Spd in testa, con tutti i guai che ha in Germania, viene lo stranguglione. Gozi, non contento, ci mette il carico da 11: “La Brexit libererà 73 seggi all’Europarlamento – spiega all’Huffington Post –dobbiamo creare liste transnazionali per forgiare veri partiti europei”. Apriti cielo. L’italiano Gianni Pittella, che del gruppo del Pse è il presidente, è contrarissimo. Si attacca al telefono, chiama Renzi, che lo rassicura – o finge di farlo – e dice che “Il Pd non va da nessuna parte, è e resta uno dei pilastri fondamentali del Pse”. Gozi prima prova a frenare (“La scelta di Renzi è di riformare il Pse”), ma la frittata è fatta, e da lui stesso confermata: “Le famiglie europee attuali, dal Pse al Ppe, sono solo un insieme disomogeneo di partiti nazionali”. Amen. Certo, Renzi e Macron parlano “di come rilanciare l’Europa, della crisi in Germania” e molto altro.
Renzi però, poi torna a Roma e si infila negli studi di Porta a Porta. Cavalleresco con il Cavaliere (“Spero che Berlusconi sia in campo e che gli permettano di candidarsi”), che sfida anche a duello rusticano (“Si candidi contro di me nel collegio”), durissimo contro Di Maio (“Contro il capo del partito ‘No Vax’ candideremo il giovane scienziato”, che poi è l’immunologo Burioni), Renzi si dice ottimista sulle percentuali del Pd, giura che “il Rosatellum non sarà un boomerang” (falso) e prova a calmare così i desiderata di chi, anche adesso, dentro il Pd lo vorrebbe ‘commissariare’. Poi ribadisce di esser disposto a rinunciare al ruolo di candidato premier del centrosinistra: “Il sarò quello del Pd, poi il presidente del Consiglio lo sceglierà Mattarella”. Per quanto riguarda il – teorico – dialogo con Mdp e SI, Renzi si fa caustico: “Alla nostra sinistra ci sono 29 sigle, con qualcuna dialogheremo… Non coltivo rancori personali – assicura – ma non sono ottimista. Nonostante il generoso tentativo di ricucitura di Prodi e Fassino, molto più bravo di me a rimettere insieme i cocci, le nozze si fanno in due”. Che è come dire: non è un problema mio…
Nozze a sinistra che ‘non s’hanno da fare’ perché nessuno le vuole. Intanto, però, in Transatlantico si inseguono ridda di voci. C’è chi dice che “Mdp è pronta a fare un accordo tecnico col Pd nei collegi, solo Renzi e D’Alema si oppongono” (falso, oltre che impossibile dal punto di vista tecnico: le coalizioni devono essere nazionali). E chi dice che “Grasso e Boldrini ci stanno ripensando: non vogliono più andare dentro la ‘Cosa Rossa’!” (falso: ci saranno, e tutti e due). La sola cosa vera è che il Pd è entrato in pressingasfissiante su Pisapia e Bonino: “Se date vita e corpo a una lista, dovete candidarvi, metterci la faccia”, la perentoria richiesta dem. Bonino ci rifletterà su, ma Pisapia no: ha già detto che non si candida e così sarà. I suoi, invece, si chiedono disperati: “Con chi mi conviene candidarmi per tornare qua?”. Ma pure nel Pd i big avranno vita dura: dovranno candidarsi nei collegi e portare voti, pur se col ‘paracadute’ dei vari listini.
NB: L’articolo è pubblicato mercoledì 24 novembre 2017 sul Quotidiano Nazionale
:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...