BankItalia. Il toto-nomi per il dopo Visco e la “tensione continua” tra Colle, palazzo Chigi e Nazareno

mattarella

Sergio Mattarella, XII presidente della Repubblica italiana

NB: Questo articolo è stato scritto sabato scorso 21 ottobre e pubblicato domenica 22 quindi NON tiene conto delle parole di Matteo Renzi dalla Annunziata e delle polemiche che ne sono seguite, come ad esempio quella tra Renzi stesso e la Boldrini. 

Ettore Maria Colombo – ROMA

La nomina del nuovo governatore di Bankitalia arriverà al termine di un percorso “rigoroso” e “nel pieno rispetto delle prerogative e dell’autonomia” dell’Istituto. Una linea “pienamente condivisa” tra Quirinale e palazzo Chigi. Queste parole – ferme, per quanto di circostanza – arrivano da autorevoli fonti di entrambi i due Palazzi, che hanno in mano il boccino della nomina del nuovo governatore. Nomina che, dal 2006 (crack di Banca Italia a causa della rovinosa gestione di Fazio e riforma dell’istituto, da allora non più nominato ‘a vita’, come i Papi), spetta ai due organi: il governo, su suggerimento del ministro del Tesoro e dopo una rosa proposta dall’Istituto stesso, propone e il Colle, dopo aver vagliato, il nome o i nomi, dispone.

E così l’ipotesi di una conferma dell’attuale numero uno, Ignazio Visco, “torna a ridiventare l’opzione più probabile”, dicono le stesse fonti. Ma il cdm potrebbe anche prospettare al Capo dello Stato una terna di nomi con dentro, oltre a Visco, due soluzioni interne molto forti: il direttore generale Salvatore Rossi e il vice direttore generale Fabio Panetta. Sarebbe il Colle, a quel punto, a doversi assumere in toto l’onere della scelta. Ma è proprio da qui che arrivano tre diverse considerazioni.

La prima è che Mattarella, che stava vagliando soluzioni alternative a Visco, ora sa che se confermare il governatore è complicato, molto più complicato, dopo l’improvvida mossa della mozione parlamentare del Pd che lo ha a dir poco “irritato”, è diventato non confermarlo. “L’Europa ci guarda” è l’ossessione (benigna) di Mattarella e il suo cruccio è che “l’indipendenza dell’Istituto sia salvaguardata”. Al Quirinale pensano, però, che la matassa debba scioglierla Gentiloni non prima di un chiarimento con il suo partito, il Pd. In questo paradossale gioco dell’oca, dunque, già si torna alla casella di partenza. E, cioè, al rapporto  – teso, nonostante alcuni parziali schiarite: Gentiloni salirà, sabato, sul treno di Renzi  – tra il premier e il segretario.

Il governo ha rinviato lo scottante dossier al cdm del 27 ottobre, ma non può andare oltre (Visco scade il 31 ottobre quando terrà il discorso alla Giornata del Risparmio) e potrebbe anche anticipare la scelta di qualche giorno. A palazzo Chigi fanno i vaghi: si limitano a dire che “tutte le soluzioni (riconferma di Visco, sua sostituzione con uno dei vice, ndr) sono sul tavolo” mentre persino Renzi finge di dire che “qualsiasi decisione verrà presa dal governo la rispetterò atto né devo dare consigli a Paolo”.

Pietose bugie, certo. E Visco? “Il governatore è tranquillo e al lavoro” raccontano fonti di BankItalia, dove si vuole dare l’idea di una squadra coesa che lavora sempre in modo collegiale sui dossier che è come dire: “Le responsabilità sui crack delle banche popolari, se ci sono, ma non ci sono, sono di tutto il direttorio, non solo sue”. Certo è che “Visco c’è” né intende ritirarsi dalla corsa ad auto succedersi. Anzi, crede di avere ancora molte carte da giocare. Il governatore, in queste ore, sta limando tre discorsi di commiato: il primo sarà una cerimonia tutta interna all’Istituto, ad usum dei dipendenti, ma che terrà alla presenza di tutto il Direttorio; poi c’è l’intervento ufficiale alla Giornata del risparmio, suo ultimo appuntamento ufficiale il 31 ottobre (ultimo giorno, per fatalità, di un mandato lungo sei anni); infine, la sua audizione, già concordata con il presidente Casini, nella neonata commissione parlamentare d’inchiesta sulle banche. Audizione che potrebbe diventare esplosiva, per quello che ha in mente di dire il Governatore ma che comunque si terrà dopo il 31 ottobre.

Ieri, non a caso, il presidente del Pd, Matteo Orfini, duro con Visco forse quasi più di Renzi, ha annunciato l’invio di una lettera proprio a Casini per “de-secretare tutti gli atti di BankItalia” . Un modo per dire – come ha ribadito, ieri sera, Renzi da Firenze – che “è allucinante dire che qualcuno è intoccabile, nessuno può esserlo”. Tantomeno Visco. E se la scelta cadesse sul dg, Salvatore Rossi, assai gradito a Renzi? “Ignazio e Salvatore sono amici da una vita, i loro rapporti sono eccellenti e tali resteranno” assicurano da via Nazionale. Il terzo nome è quello di Fabio Panetta: il vicedirettore di BankItalia “si sta battendo come un eroe”, dicono insieme banche (il tifo del capo di Banca Intesa San Paolo per Panetta non è, da questo punto di vista, indifferente) e imprese, con la Bce di Draghi sulla delicata questione dei crediti deteriorati. Dunque, chi la spunterà tra Visco stesso, Rossi e Panetta? Ancora pochi giorni e si saprà.

NB. Articolo pubblicato il 22 ottobre 2017 a pag. 2 del Quotidiano Nazionale. 

 

Annunci

Caso Visco, parziale disgelo tra Renzi e Gentiloni. Il toto-nomi per BankItalia

Quirinale - Paolo Gentiloni è il Presidente del Consiglio incaricato

Il nuovo premier, Paolo Gentiloni, al Quirinale

Ettore Maria Colombo – ROMA

BankItalia? “Non parlo neanche sotto tortura: è un compito che spetta, in parte, al governo. Non faccio indiscrezioni”. Formalmente, il premier Gentiloni se la cava così, mentre si trova a Bruxelles per il consiglio europeo, sul caso politico della settimana. Ma come si sa il fuoco cova sotto la cenere. Anche sulle tensioni tra lui e Renzi prova a glissare: “Tutte le opinioni sono legittime e i rapporti tra il governo e il Pd sono ottimi, ma noi decidiamo con in mente l’obiettivo, non per buona creanza. L’autonomia dell’istituto è un valore in sé e per i mercati, sono cose serie”. Chi ha orecchie intenda, sembra dire, ma il ‘gelo’ calato nel rapporto tra il premier e il segretario del suo partito si sta, lentamente, sciogliendo. Gentiloni, che non l’ha mai amata, ha difeso pure la Boschi. Ieri premier ed ex premier si sono sentiti più volte, anche se al telefono: “Quello che dice Paolo lo sottoscrivo, retwitto Gentiloni”, ironizza il leader dem dal suo treno in viaggio. Renzi, ormai, rivolge le sue ire ad altri attori della spy story, tipo la ministra Finocchiaro: ha autorizzato la divulgazione della chat su What App tra lei e i deputati della mozione Orlando. “Pensa di lavarsi la coscienza così, la carina – dicono i suoi – A presto!”. Velata minaccia da “scordati pure una ricandidatura”, anche se lei già ha detto che non la chiederà. Ma anche la presidente della Camera Boldrini è finita nel tritacarne renziano: “Perché invece di predervela con noi che abbiamo presentato la mozione – dicono  i fedelissimi del segretario – non ve la prendete con chi ha permesso che la nostra mozione, per dire di quelle ben più dure della nostra di M5S e Lega, fossero ammesse?”.

Il ministro Orlando e i suoi (Martella, Misiani, etc) pure sono pure nel mirino del segretario: “Attendiamo con ansia – sibilano i renziani – che, dopo tutti questi attacchi, i cento deputati di Orlando pretendano i loro cento collegi sicuri!”. Lo scudiscio del ministro Calenda, invece, non fa più male: lui è dato per perso alla causa del Pd e alleati, come Pisapia, che a sua volta critica Renzi su BankItalia mentre Mdp e SI chiedono al governo di venire a riferire subito alla Camera, il che accadrà la prossima settimana. Ma cosa dirà Franceschini, tornato dagli Usa? Attaccherà, di nuovo, e anche lui il segretario? Ieri, per dire, lo ha fatto la ministra alla Difesa Pinotti, a lui vicina, mentre persino un ‘cane da riporto’ come il vicesegretario e ministro Martina ha espresso dubbi su Renzi, non foss’altro perché, a sua volta, non ha mai saputo quello che il Capo stava preparando. I nemici interni (le minoranze) ed esterni (Prodi, Pisapia) di Renzi aspettano il redde rationem del 5 novembre: sanno che le elezioni siciliane andranno male, per il Pd, e sperano che Renzi, dopo la Waterloo siciliana, sarà costretto, se non proprio a fuggire a Sant’Elena, almeno ad andare a Canossa e concordare con loro le liste. Solo che si sbagliano: Renzi deciderà tutto da solo e già spiega che”le farò coi nomi della società civile”. Il che vuol dire, appunto, che i posti ‘sicuri’ per i suoi oppositori saranno pochi. Del resto, anche se sarà ammaccato, con il Rosatellum le candidature le decide solo lui.

Ma cosa sarà del futuro di BankItalia? Tre sono i nomi in pole position. La riconferma di Visco, per quanto goda del pieno sostegno del Colle, della Bce di Mario Draghi e della Ue, è data in calo perché sono sempre di più le voci che si levano non solo in sua difesa, ma anche in suo attacco, e non solo da parte del Pd di Renzi (Salvini, Grillo, sinistra-sinistra). Mentre salgono, invece, le quotazioni del direttore generale, Salvatore Rossi (piace a Renzi, o almeno così lui dice ai suoi, come pure a Gentiloni) e del vicedirettore, Fabio Panetta, dal profilo tecnico, le cui quotazioni sono date come ‘stabili’. Certo è che, quando, il prossimo 27 ottobre, Paolo Gentiloni riunirà il consiglio dei ministri per presentare al Quirinale una rosa (così dice la legge: il cdm propone, il Quirinale dispone), tale rosa sarà ristretta a questi tre nomi: in ogni caso, una soluzione interna, non esterna. Inoltre, si ragiona tra palazzo Chigi e Colle, “Visco è troppo compromesso, troppo esposto e troppo sotto attacco. L’intero Parlamento, di fatto, si è schierato contro di lui e la commissione sulle banche (presidente né è Casini, ndr) rischia di diventare un vaso di Pandora che gli farà solo male”. Per paradosso, alla fine, Renzi potrebbe averla vinta.

NB: L’articolo è pubblicato a pag. 4 del 21 ottobre 2017 sul Quotidiano Nazionale. 

 

Caso Visco, Renzi tira dritto e insiste: “Tutti sapevano e comunque io sto con i risparmiatori, non con le banche”

renzi sul treno

Il segretario dem Matteo Renzi sul treno

Ettore Maria Colombo – Roma

“Il Pd è un partito di sinistra – dice, secco, il leader Matteo Renzi, ospite della trasmissione di Lilli Gruber su La 7, Otto e mezzo – e se deve scegliere tra stare dalla parte di governatori e banchieri o dei risparmiatori e del ceto medio, starà sempre con questi ultimi”. Sta in questa frase la chiave di volta per capire come Renzi intende affrontare la campagna elettorale che sta per aprirsi. “Matteo – spiega un alto dirigente del Nazareno – ha deciso che i voti li dobbiamo strappare a grillini e leghisti. Ai partiti ‘popolari’, non alle elites. La gente si deve ricordare che noi stiamo dalla loro parte, coi risparmiatori, non coi banchieri che li hanno fatto fallire”. Ecco perché – come spiega in serata il leader del Pd ai suoi, dopo aver registrato una puntata nello studio della Gruber – “non solo non mi tiro indietro, ma rilancio. Pensano di impedirmi di tornare al governo, si sbagliano. Piuttosto non ci torno. Sono nato rottamatore: io rompo, non medio”. E la rottura conclamata con Gentiloni e con Mattarella? “Ricuciremo, vedrete, con tutti”. In più, alcuni renziani lasciano correre l’illazione che Gentiloni e Mattarella ‘sapevano’.

A latere, ma grosse come grattacieli, restano in piedi le macerie. L’attacco a Visco che Renzi giudica “non una lesa maestà”. E le reazioni di chi si è schierato a difesa del governatore: quasi tutti, ma non Silvio Berlusconi, cosa di cui Renzi si compiace non poco. E resta in piedi anche un busillis che appassiona tutti i retroscena. Quello da “Dieci piccoli indiani”: chi sapeva, ed è complice, del tentativo di assassinio (politico) di Visco dai vertice di BankItalia? Renzi non ha dubbi: “Il governo non era solo informato, a partire da Gentiloni”, dice a QN, “ma era d’accordo”. Da palazzo Chigi arriva subito, di mattina, una, gelida, freddissima, nota di smentita che nega le “ricostruzioni di vario segno uscite oggi sui giornali”. Una nota stile “respingete gli attacchi da qualunque parte provengano” come il comunicato del maresciallo Badoglio l’infausto 8 settembre 1943.

Chi è stato, dunque, non a ordine (Renzi) ma avallare il delitto? E la Boschi ha davvero fatto tutto da sola con la sua gelida manina? “Scaricano tutto su Maria Elena – ribolle Renzi con i suoi – perché fa gioco addossarci le colpe per Banca Etruria, una piccola banca, ma nessuno parla delle popolari venete che hanno gettato sul lastrico migliaia di risparmiatori”. E pubblicamente rincara la dose: “Stiamo discutendo da 48 ore di una cosa su cui tutti erano informati, da Rosato alla Finocchiaro”, sibila Renzi a La 7. E così è servita pure la Finocchiaro, che si diceva “indignata e furibonda”: “Anna si è chiusa in stanza per ore con Rosato per limare la mozione” è la versione di Renzi, stanco delle “veline altrui”. Gentiloni –aggiunge poi – mi ha chiamato martedì pomeriggio per dirmi che c’erano dei punti da cambiare e noi l’abbiamo cambiata”. Vero, i cronisti sul treno del leader lo avevano capito: quando il viaggio per l’Italia di Renzi, il primo giorno, aveva fatto tappa a Civita Castellana, il leader dem si era appartato al telefono con Gentiloni. Telefonate e ore drammatiche, L’intervento del sottosegretario Baretta che, in Aula della Camera, ci mette una pezza a colori e ‘smussa’ la virulenza della mozione, serve a poco. Gentiloni si sente tradito e offeso, dalla Boschi – che lo ha tenuto all’oscuro di tutto – come da Renzi. Lo stesso Rosato, cui spetta di argomentare nell’ufficio di presidenza del gruppo, mentre la minoranza di Orlando ribolle e schiuma rabbia, viene descritto come “molto provato”. Alcuni sostengono che neppure alcuni fidatissimi uomini di Renzi nel Pd sapessero. Ed è vero. Fino al giorno prima, lunedì, nessuno ne sapeva niente, della mozione, tranne tre persone: Renzi, Boschi e Lotti (più Bonifazi), cioè un ex premier, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio e un ministro del governo Gentiloni. Gentiloni ha saputo tutto martedì. Persino Rosato è dovuto scendere dal treno di Renzi di corsa per avallarla prima dentro l’ufficio di presidenza del gruppo Pd, poi in Aula. Certo è che a difendere Renzi restano in pochissimi, oltre ai suoi: Franceschini, negli Usa, tace, Orlando attacca duro, altri pure, solo Orfini si ri-schiera a sua difesa. E Lorenzo Guerini che dice: “Il Pd ha solo chiesto una valutazione libera di quanto è successo. Nessun attacco all’autonomia di BankItalia, ma nessun timore nel dare giudizi”. Parole misurate, diplomatiche ma la tempesta resta. Renzi tirerà dritto, anche se Gentiloni confermasse Visco: “Non la vivrei come una sconfitta”, assicura, ma crede che così proprio non sarà.

NB: L’articolo è stato pubblicato il 20 ottobre 2017 sul Quotidiano Nazionale a pag. 4

 

Caso Visco. Mattarella, Gentiloni, mezzo governo e mezzo Pd: “Tutti contro Renzi”

NB: sull’attacco al governatore di BankItalia Ignazio Visco da parte del Pd con la mozione parlamentare di lunedì scorso sul @quotidiano.net si può leggere intervista a Matteo Renzi firmata da @davidenitrosi caporedattore del Politico del Quotidiano Nazionale (L’intervista di QN l leader del Pd Matteo Renzi 

http://www.quotidiano.net/economia/renzi-bankitalia-1.3473852). Sullo stesso sito, le reazioni degli altri protagonisti della vicenda, a partire dalla smentita di Gentiloni. 


Quirinale - Paolo Gentiloni è il Presidente del Consiglio incaricato

Il nuovo premier, Paolo Gentiloni, al Quirinale

1. Caso mozione Pd contro il governatore di BankItalia Visco. Tutti contro Renzi: mezzo governo e mezzo Pd parlano di “atti inaccettabili” 

Ettore Maria Colombo – ROMA

 

Mattarella e Napolitano, presidente in carica e presidente emerito. Mezzo governo, da Padoan (“Non ci posso credere”) a Calenda (“Non parlo per carità di patria”), senza dimenticare Franceschini che ribolle e si macera, seppure in silenzio. Mezzo partito: non solo la minoranza interna (Orlando, Cuperlo, etc.), ma pure pezzi di maggioranza dem ‘non renziana’. Il capogruppo dem al Senato, Luigi Zanda, uomo delle istituzioni, è furibondo.  E il premier Gentiloni, nonostante il silenzio glaciale, anche. 

 

Tutte le opposizioni che lo attaccano come l’intera sinistra (Pisapia, Mdp con Bersani particolarmente duro). Walter Veltroni che stigmatizza e Prodi che basta immaginarselo. Tutti schierati contro il leader dem per la sua messa in discussione del ruolo e del futuro, in scadenza, del governatore di BankItalia, Ignazio Visco. Ieri difeso da tutti, da Casini a Gianni Letta e oltre. E’ partito un gioco ormai classico, quello del “tutti contro Renzi”, gioco che al leader dem è costato molto, nel recente passato. La sconfitta al referendum istituzionale del 4 dicembre, tanto per dire.

 

Il giorno dopo, immancabile, parte la geremiade dei timorosi. “Matteo, ma chi te l’ha fatto fare? Così abbiamo messo tutto il mondo istituzionale, politico, bancario e finanziario contro il Pd!”. Esponenti dem di alto grado e lignaggio sono “sconcertati”, se non profondamente “irritati”. Stile Mattarella di ieri, per capirsi. Insomma, il ‘Renzi solo contro tutti’, sul caso Visco, “non ci aiuta – dicono al Nazareno come nei ministeri presidiati da big del Pd – “anzi ci rende molto più difficile proporci come forza di governo”. E la considerazione dei renziani ortodossi (Boschi, Lotti, Bonifazi: il ‘giglio magico’, insomma) che “solo così strapperemo sempre più armi elettorali ai grillini e ai sovranisti” non consola i big dem.

 

Inoltre, a spargere sale sulle ferite, c’è un altro dato: la mozione del Pd, quella “prima versione”, dai toni ancora più duri, era conosciuta solo nel giro più stretto del renzismo. Mezzo governo ne era all’oscuro – tranne la sottosegretaria Boschi, che l’avrebbe ‘dettata’ alla sua fedelissima e prima firmataria della mozione parlamentare dem, Silvia Fregolent,  tre quarti di Pd pure. Della tempesta perfetta che stava per scatenarsi sapevano in tre: Renzi, il “giglio magico” in quanto tale (Lotti, Bonifazi, Richetti), ormai da tempo un’entità a sé, e il capogruppo Pd alla Camera Rosato, forse il vice Guerini. La ministra ai Rapporti al Parlamento, Anna Finocchiaro, è “furibonda” perché – dice lei, ma il giorno dopo – “non sapevo nulla”, la presidente della Camera, Laura Boldrini, cade a sua volta dalle nuvole (ma le mozioni passano tutte sulla sua scrivania, prima di essere discusse, qualcosa doveva sapere), l’ufficio di presidenza del gruppo dem alla Camera non c’era o, se c’era, dormiva e un deputato dem, il romano Miccoli, raggiunge l’apoteosi del tartufismo politico e vince il premio faccia di bronzo dicendo che “ho votato una cosa che non ho capito, chiedo scusa a tutti”.

 

In ogni caso, le reazioni di rigetto sono proporzionate alla gravità dell’atto. Veltroni è glaciale: la mozione Pd è “incomprensibile e ingiustificabile”. Poi, in Transatlantico, il suo braccio destro, Walter Verini, spiega “Veltroni parla per difendere l’istituzione di BankItalia”, ma le parole di Veltroni feriscono, e molto, Renzi. Napolitano parla di “cose deplorevoli”. Zanda, che ieri ha parlato fitto fitto con Gentiloni per venti minuti, nell’aula del Senato, scudiscia: “Mozioni così meglio non farne”. L’area del ministro Orlando, tramite il suo portavoce, Andrea Martella, chiede la convocazione dell’assemblea del gruppo “perché bisogna fare chiarezza su un percorso non lineare”, ma i buoi sono scappati e fare un’assemblea a posteriori su un voto già dato suona, francamente, abbastanza ridicolo.

 

Chi resta a difendere il soldato Renzi in pubblico? Il renzianissimo senatore dem Andrea Marcucci e pochissimi altri (tipo Rosato). Parla, però, il presidente del partito, e leader dei Giovani turchi, Orfini: “La mozione l’ho condivisa e l’abbiamo limata con il governo. Comunque, certe reazioni mi sorprendono: solo il Papa è infallibile per chi crede e Visco non è il Papa” sibila. Già, peccato che, da ieri, Visco in Italia sia diventato più intoccabile del Papa.

NB: L’articolo è uscito sul Quotidiano Nazionale a pagina 2 del 19 ottobre 2017. 


mattarella

Sergio Mattarella, XII presidente della Repubblica italiana

2. L’irritazione e lo sconcerto del Quirinale per l’attacco di Renzi e del Pd a Visco. 

Non ne sapevamo nulla. Abbiamo letto della mozione del Pd sulle agenzie”. Clic. Dire che il Capo dello Stato è “sconcertato” e “irritato” per l’attacco a freddo, e del tutto imprevisto, che il Pd ha portato al governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, è dire poco.
Eppure, Mattarella ha ‘coperto’ il Pd, sulla nuova legge elettorale. Al prezzo di dover subire una campagna – pressante, fastidiosa e peraltro solo agli inizi – contro il Rosatellum delle opposizioni. Le quali giudicano “incostituzionale” la nuova legge e che, presto, andranno a manifestare la loro contrarietà proprio sotto il Colle al grido di
“Mattarella non la firmare!”. Morale: un atto di stupidità unito a un atto di scorrettezza è, per il Colle, davvero inaccettabile.

Certo, il governo Gentiloni ha provato – e, in parte, è riuscito – a ammorbidire la mozione presentata dai dem su richiesta di Renzi, ma è dal Presidente della Repubblica che arriva l’altolà più deciso. “Le prese di posizione riguardanti la Banca d’Italia – spiega il Quirinale in una nota concessa, in esclusiva, all’agenzia Reuters, agenzia di stampa estera, tanto per stare a significare quanto al Colle ritengano grave la mossa del Pd per le sue possibili ripercussioni sui mercati italiani e, soprattutto, internazionali – devono essere ispirate ad esclusivi criteri di salvaguardia dell’autonomia e dell’indipendenza
dell’Istituto nell’interesse della situazione economica del nostro Paese e della tutela del risparmio degli italiani e che a questi principi si deve attenere l’azione di tutti gli organi della Repubblica, ciascuno nel rispetto del proprio ruolo”. Insomma, tradotto dal ‘quirinalese’, il Colle, nella precisa persona di Mattarella, è “sconcertato e irritato”.

Fuori dall’ufficialità del comunicato, per quanto duro esso sia, ambienti vicini al Capo dello Stato spiegano così la sua irritazione: “Uno. La mossa del Pd è una scorrettezza istituzionale. La nomina di Visco non passa dal Parlamento e la mozione è solo una non richiesta e inutile invasione di campo. Due, arriva nel momento sbagliato perché –
spiegano le stesse fonti – proprio in queste ore, giorni e mesi abbiamo un contenzioso aperto, e molto difficile, con la Ue, in particolare sul delicato tema dei crediti deteriorati.  Terzo – e qui la fonte del Colle si fa quasi amara – se qualcuno pensava di convincere Visco a non restare al suo posto, e in fondo lui stesso aveva fatto capire che non avrebbe fatto le barricate, ora è impossibile rimuoverlo. Visco resta dov’è. Bravi, bel risultato”.

L’altro, paradossale, risultato è che la querelle tra Pd e BankItalia è scoppiata ieri mentre Renzi era in viaggio per la prima tappa del suo viaggio per l’Italia. Il leader dem prima si è limitato a dire “per me parla Richetti” , ma il portavoce della segreteria dem è stato
altrettanto duro e via così: per l’eterogenesi dei fini, lo scontro tra Pd e BankItalia ha coperto, mediaticamente, tutti i temi del treno di Renzi. Oltre, appunto, a far “irritare”,  e molto, il Colle.

NB: L’articolo è stato pubblicato a pag. 3 del Quotidiano Nazionale il 18 ottobre 2017

Due articoli in viaggio. Il treno di Renzi è partito: alleanze, coalizione, sfide e incontri sul luogo i temi del tour del Pd

  1. Renzi e il treno dei desideri: “Prendo il 40% anche senza D’Alema e Fratoianni
Matteo Renzi parla alla kermesse di Rimini

Renzi a Rimini – Assemblea Nazionale Amministratori Locali del Pd (28/01/2017)

Ettore Maria Colombo – ROMA

Il treno del “viaggio per l’Italia” di Matteo Renzi parte dalla stazione Tiburtina di Roma alle dieci meno cinque, in teoria. Solo che, fino a poco prima della partenza, non si conosce il binario. “Motivi di sicurezza” spiegano dal Pd. Insomma, il binario, che è il due, non si trova: è come cercare il binario “nove e tre quarti” del treno di Harry Potter che porta ad  Hogwarts. Poi, arriva Renzi. All’inizio, tutto sembra filare liscio. Renzi tiene anche una (breve ma molto scoppiettante) conferenza stampa, di quelle col sorriso. Vuole tenersi lontano dal “chiacchiericcio politico”, ma non può. I giornalisti incalzano, il leader improvvisa una conferenza stampa attorniato da tutti i big del partito che, poi, mano a mano scenderanno dal treno o saliranno su di esso a seconda delle fermate.

“La legge elettorale? Guardate, c’è qui Rosato, chiedete a lui…”, risponde il segretario, ben sapendo che il Rosatellum è cosa fatta anche al Senato e che – come dirà poi ad alcuni cronisti al bar – “Grillo nei collegi non toccherà palla, ce li giocheremo tutti noi e
il centrodestra”. “Le coalizioni, le alleanze, le aperture a sinistra? Guardate c’è qui Richetti, chiedete a lui…”. Solo che, poi, al bar, sorseggiando un caffè si lascia andare anche su questo punto: “Io le mie aperture le ho fatte, la mia disponibilità l’ho data, vedremo, ma non penso certo di parlare a Fratoianni e a D’Alema, penso ad altri
della sinistra…” ed è chiaro che sta pensando a Pisapia e Campo progressista. “Lo ius soli? Guardate, c’è qui Delrio, chiedete a lui…”, ma si sa che il leader dem non si straccerà le vesti se la legge non passerà. Renzi comunque assicura che “siamo l’unica forza della sinistra europea in grado, oggi, di vincere le elezioni”, è convinto che “con il 40% torno a governare, e l’ho già preso due volte” e quando l’ex operaio ottantenne Ascanio gli urlerà, a Narni, “prendiamo il 41%!” replica scaramantico “ci metto la firma e ti pago da bere!”. E questo perché il leader dem è arcisicuro che “la coalizione che raggiungerà quella percentuale avrà i numeri e la maggioranza per governare da sola” e senza bisogno di larghe intese: “Voglio vincere le elezioni, è il solo modo per evitare di dover fare, dopo il voto, le grandi coalizioni”. (NB: della vicenda Visco-BankiIalia non viene dato conto qui, in questi articoli, ma in altri che pubblicheremo qui domani). 

Ma cosa c’entrano ‘gli altri’, pur se esponenti del Pd, nel viaggio in treno del leader? C’entrano eccome. Il Pd, per Renzi, deve dare l’immagine della ‘squadra’, così gli hanno spiegato. E lui, alla fine, si è convinto. Ed ecco che, sul treno, prendono posto il
ministro Delrio (chi meglio di lui, ministro ai Trasporti?), il portavoce della segreteria Richetti, che ha un ruolo cruciale per tutto il viaggio, il padre del Rosatellum, Rosato, e il governatore del Lazio, Zingaretti. Saliranno – e scenderanno, appunto – dal treno anche i parlamentari ‘di zona’: Gasbarra e Fioroni, a Fara Sabina (c’è un convento: chi meglio di Fioroni?), Verini, la Ascani (“domani ho la tesi di dottorato, sono tesa”), Trappolini (area Orlando) e la Sereni in Umbria dove le crisi aziendali e gli operai infuriati si sprecano (non a caso arrivano pure la viceministra al Lavoro, Teresa Bellanova, e la presidente dell’Umbria, la dem Marini che qui, anche se nessuno se lo ricorda, ha vinto le regionali, nel 2016, per un soffio e ora tutti tremano). Solo la fedelissima Morani arriva fino a Fano.

Il treno è composito e colorato. C’è un vagone per i giornalisti, uno per lui, uno per il suo staff, uno  per i Millenials, uno per fotografi e cineoperatori, quasi uno intero per la scorta, ma ci sono anche i ferrovieri di Trenitalia che il treno lo devono fare andare, anche se non chiedono il biglietto perché, per tutti, paga il Pd. E, appunto, il tesoriere Bonifazi, alla fatidica domanda ‘chi paga?’, spiega: “il treno non costerà più di 300 mila euro e comunque abbiamo lanciato, proprio oggi, una campagna di crowfounfing sul sito”. C’è, l’intero ufficio stampa del Pd. Poi – si diceva – c’è il vagone dei Millenials: alcuni, giovanissimi, hanno marinato la scuola (“Ma lo faccio solo per Matteo” spiega un diciassettenne, serissimo) mentre Martina (24 anni, molisana di Termoli, ma studia a Roma e vive in una casa con altri 12 studenti) ci tiene a dire “Domani rtorno sui libri, sia chiaro, non mi faccio neanche la tappa in Molise…”. Alla prima tappa, invece, quella al convento benedettino di Farfa Sabina (bellissimo), si capisce subito, però, che il viaggio diventerà un vero tour de force: scendi dal treno, piccola folla, interviste, incontri con delegazioni di imprenditori (tra cui quelli dei bagni) o di operai, circoli Acli o sezioni dem, sali sul pulmino, scendi, risali sul pulmino, risali sul treno, scendi dal treno. Sarà così pure a Civita Castellana, Narni e Spoleto. I giornalisti, alla fine, sono stremati, i suoi pure. Renzi, pimpante e gasato, chiede al portavoce Agnoletti: “Marco, e ora dove si va?”.

NB: L’articolo è stato pubblicato sul Quotidiano Nazionale il 18 ottobre 2017 a pag. 4


MATTEO RENZI   E   GIULIANO PISAPIA

Matteo Renzi e Giuliano Pisapia

2. La nuova strategia di Renzi: alleanza nei collegi con Pisapia “e chi ci sta”.

Ettore Maria Colombo – ROMA

“Grazie al Rosatellum – spiegava ieri ai suoi il leder del Pd mentre si preparava per il “viaggio per l’Italia’ in treno “contro i populismi”, un Freccia Bianca ribattezza “Destinazione Italia” (cento posti distribuiti in cinque vagoni con una sala riunioni e una sala stampa, oltre a una carrozza per lui e il suo staff, una per i Millennial) nelle 107 province italiane che partirà oggi dalla stazione di Roma Tiburtina – e se gli altri della sinistra ci stanno nei collegi possiamo fare, come succedeva ai tempi dell’Ulivo, accordi di desistenza o veri accordi politici. Sia con Pisapia e il suo ‘campo’ ma anche con Mdp. Se i contenuti politici sono chiari, io sono disponibile”. E a chi dei suoi lo mette in guardia (“Matteo, nel partito e fuori vogliono solo la tua testa”), Renzi risponde serafico: “Se si creano le basi serie per un accordo questo è un problema superabile. Direi sì a primarie di coalizione. Ma – ragiona il segretario dem – non credo che né Pisapia né Mdp avranno il coraggio di mettersi davvero in gioco. Vorrà dire che resterò io, come prevede lo Statuto del Pd, il candidato premier e che la leadership della coalizione la avrà chi avrà preso più voti”.

E così Renzi – di fronte ad attacchi interni (il sindaco di Milano Sala, il governatore pugliese Emiliano) ed esterni (Pisapia, Mdp) che ieri hanno ripreso in livello e intensità, ha deciso di effettuare l’improvviso, ma assai tattico, cambio di strategia. Un cambio che, almeno per ora, non sarà ancora annunciato pubblicamente, ma che viene fatto trapelare ad arte “per vedere l’effetto che fa”. Infatti, è il ragionamento degli strateghi renziani, “così sarà chiaro, davanti agli occhi di tutti, che sono gli ‘altri’ della sinistra, e che sia solo Mdp o anche Cp, ormai poco importa, a non volerci stare e, di fatto, aiutare destre e 5Stelle perché senza Pd non si può fare”.

Del resto, la contromossa di Renzi era quasi obbligata a causa delle (tante, troppe) critiche piovutegli addosso negli ultimi giorni. Particolarmente nefasta, per dire, è stata l’intervista a Repubblica: vissuta come una prova di forza muscolare dai potenziali alleati, questi gli hanno risposto quasi tutti (Radicali, Pisapia, etc) picche.

A ‘consigliare’ Renzi a una strategia più ‘mite’ e ‘inclusiva’ non ci sono solo i suoi sparring partner abituali (Richetti, Guerini, etc) ma anche un alleato ‘nuovo’, uscito allo scoperto da pochi giorni. Si tratta del Fondatore del Pd, Walter Veltroni. Ormai tornato a scena aperta nell’agone politico, Veltroni ha detto che “La sinistra deve ritrovare l’umiltà dell’unità e la sua identità per vincere”, ma soprattutto che, appunto, “Il Pd deve recuperare il rapporto con Pisapia e Mdp, solo così potremo andare ben oltre l’attuale 26%”. Al Nazareno dicono che“Walter e Matteo si sono divisi i compiti”. Oggi, in treno, si vedrà se la ‘svolta’ di Renzi avrà reale seguito. Prima tappa del “treno dell’ascolto contro i populismi”( trattasi di Intercity, non Freccia rossa, si specifica) Lazio, Umbria e Marche. Poi rotta verso Abruzzo, Molise, Puglia e Basilicata, dopo ancora il Nord, infine le Isole.

NB: L’articolo è stato pubblicato su Quotidiano Nazionale il 17 ottobre 2017, pag. 10

La norma salva Verdini è una bufala. Non salva né lui né Alfano ma solo peones. Il bizzarro mondo degli eletti all’Estero

verdini

Il senatore Denis Verdini, leader di Ala

 

Ettore Maria Colombo – ROMA
Il Rosatellum si porta con sé il cambiamento delle norme per gli eletti all’Estero non nel senso che cambia il sistema di elezione, che resta un proporzionale puro che si basa sulle preferenze, ma nel senso che cambia la possibilità che ora avranno anche i cittadini italiani residenti in Italia, e non solo quelli residenti all’Estero, di potersi candidare nelle cinque circoscrizioni estere (America del Sud, del Nord, Europa, Africa-Asia-Oceania). Vuol dire che non solo gli iscritti nel registro degli italiani residenti all’Estero (L’Aire in sigla) potranno candidarsi ed essere eletti nei 12 collegi della Camera e nei 6 del Senato, ma anche cittadini italiani che hanno la residenza in Italia e che, magari, lavorano all’Estero. L’esempio più classico è quello di personalità illustri nel campo della scienza (ricercatori, scienziati, astronauti) o della cultura (professori universitari, scrittori, attori, artisti, etc.) che hanno ancora radici nel nostro Paese ma ormai vivono nel loro Altrove. Al di là del fatto che la ormai nota legge Tremaglia (ex senatore di An, da anni defunto) che ha istituito in Italia il sistema e i collegi degli eletti all’Estero non ha mai dato buona prova di sé producendo, di fatto, solo emeriti sconosciuti in gita gratis nei Palazzi italici, macchiette ormai immortali (Razzi), campioni del trasformismo (Pallaro e molti altri), malavitosi matricolati (De Gregorio), oltre che transfughi di ogni schieramento (tutti i citati messi assieme più molti altri), la legge c’è, resterà (c’è in tutti i Paesi europei) perché i voti dei tre milioni e mezzo di italiani residenti all’Estero fanno gola a tutti.  Tanto vale, dunque, cercare di scriverla al meglio, affinarla, evitare buchi ed equivoci.
Ma di una tale – semplice e peraltro sacrosanta – norma, ieri, si è parlato molto perché è stata ribattezzata, dalle opposizioni (M5S, soprattutto, ma anche Mdp) ‘salva-Verdini’. Peccato che non servirà comunque a salvare il senatore Denis Verdini e che, soprattutto, fa sapere ai giornalisti lo stesso Verdini, “io non la userò mai perché non mi candiderò alle prossime elezioni politiche né in Italia né, tantomeno, all’estero”. Il ‘caso’ scoppia in mattinata quando giornali che conducono, di fatto, una forsennata campagna di stampa contro la nuova legge elettorale, il Rosatellum, e – da tempo – contro il ‘connubio’ Renzi-Berrlusconi (con Verdini come onesto sensale dell’innamoramento e del patto tra i due), Il Fatto quotidiano e Repubblica, pubblicano il presunto scoop. Un emendamento, a prima firma Maurizio Lupi (Ap) e sottoscritto dal Pd, avrebbe ‘congeniato’ un testo ad hoc per aiutare Verdini, sotto processo per diversi reati in Italia, a sfuggire alla giustizia: è il comma 2, lettera B, dell’art. 5 del Rostellum e ieri  è stato votato in via definitiva dall’Aula, peraltro a voto palese (gli artt .4 e 5 non prevedevano voti segreti e, dunque, su di essi non era stata messa la fiducia dal governo). Scandalo, urla dei grillini e di Mpd, accuse violente e vibranti in Aula e fuori, in piazza: “Che schifo!! Avete salvato Verdini!”.  Poi, dopo l’intervento in Aula della deputata – molto amica di Verdini – Daniela Santanché (FI, ieri Pdl, berlusconiana di ferro) che in pratica ha dato dei cretini a grillini e Mdp (“Non avete capito nulla, Verdini non c’entra, quella norma è fatta per salvare Alfano!”), i sospetti e gli strali delle opposizioni si sono rivolti contro l’attuale ministro degli Esteri e leader di Ap (Lupi, presentatore dell’emendamento, è il capogruppo del suo partito).  Alfano, considerato un ‘appestato’ da Berlusconi, che non lo rivuole con sé, anche perché Salvini rischia di rompere l’alleanza di centrodestra solo se ne scorgesse il nome sulla scheda, ma anche nel centrosinistra, dove dei moderati vogliono i voti ma non le facce, sarebbe dunque catapultato in una circoscrizione Estero per farsi eleggere lì senza clamori, lontano dai riflettori. Peccato che anche questa ricostruzione sia del tutto falsa.
Ma cosa prevede la norma? “Un banale principio di reciprocità –spiega il relatore della legge, Emanuele Fiano (Pd) – in base al quale, a differenza delle norme previste finora, i cittadini italiani residenti in Italia potranno essere eletti all’Estero e i cittadini italiani residenti all’Estero potranno esserlo in patria. Inoltre, per Verdini – continua Fiano – come per qualsiasi cittadino italiano residente in Italia valgono sempre le norme della legge Severino”. Traduzione: un condannato, anche solo in primo grado di giudizio, diventa automaticamente incandidabile o, se viene eletto, decade come fu per Berlusconi perché è sempre la Camera di appartenenza a decidere, non certo gli italiani all’Estero.
Dove nasce, allora, lo scandalo? Da una senatrice eletta in Sud America e iscritta al gruppo del Pd Renata Bueno: ha sollevato il polverone perché la norma, nella sua prima versione, riduceva da 10 a 5 gli anni previsti per potersi candidare alle Politiche italiane in una circoscrizione all’Estero “qualora si sia ricoperta una carica di consigliere comunale negli anni precedenti al voto”. La norma, più che ‘salva-Verdini’, era cioè una norma ‘ammazza-Bueno’ (e anche ‘ammazza-Zin’, un altro eletto all’Estero iscritto al Pd): i due parlamentari, infatti, non si sarebbero potuti ricandidare perché sono stati entrambi consiglieri comunali in Italia negli ultimi dieci anni (non si capisce poi come, essendo eletti e residenti all’Estero…). Ma la ‘sanatoria’ delle loro posizioni periclitanti è stata fatta in Aula: il comitato dei Nove ha riportato da 10 a 5 il limite stabilito. Dunque, con Bueno (e Zin) accontentati e Verdini che non si candida (così dice lui), nulla quaestio? Dipende. Come si è detto,i partiti i voti (e i seggi) degli eletti all’Estero fanno gola, ma nelle circoscrizioni Estere, risultano sempre e solo eletti peones che viaggiano a colpi di 50-60 mila preferenze. Perché tanti sono i voti che servono per essere eletti all’Estero. Voti che nessun big italiano avrà mai. Non solo, ovviamente, né Verdini né Alfano, ma anche leader come Grillo, Renzi, Berlusconi, in una qualasiasi circoscrizione
NB: L’articolo è pubblicato a pagina 4 del Quotidiano Nazionale il 13 ottobre 2017

Rosatellum, gli studi riservati del Pd: chi ci guadagna e chi ci perde. Un articolo di analisi e di cifre…

Il mio articolo di oggi 12 ottobre 2107, qui riportato in versione estesa, è stato scritto x Quotidiano.net e pubblicato, stamane, in versione ridotta. Tratta di #leggelettorale e #Rosatellum: chi ci guadagna e chi ci perde? Studi dei partiti a confronto tra cui uno riservato del Nazareno. Ne parlano Dario Parrini Federico Fornaro #youtrend. Qui sotto trovate il link. 

http://www.quotidiano.net/politica/rosatellum-bis-1.3458530

E lo trovate on line nella home page del sito Internet di QN @Quotidianonet

modello-scheda-elettroale-rosatellum-02

La versione integrale, pubblicata qui, in esclusiva, solo per il blog, dell’articolo. 

Ettore Maria Colombo – ROMA

Chi ci guadagna e chi ci perde, con il Rosatellum? In Transatlantico girano previsioni terrificanti che agitano i peones democrat e li tentano in vista del voto segreto finale, previsto per stasera, dopo l’ultimo voto di fiducia, previsto questa mattina, sul testo.  Ma il Pd ha in mano uno studio riservato, di cui diamo conto, che dice il contrario: anzi, con il Rosatellum una coalizione di centrosinistra non solo guadagna più seggi (circa 40 rispetto al doppio Consultellum) ma col 33% può arrivare al 41% dei seggi.

Innanzitutto va detto che il Rosatellum è una legge elettorale che si compone di un mix di collegi uninominali maggioritari per il 37% e di collegi plurinominali scelti con metodo proporzionale per il 63% dei seggi. Ma ‘come’ il Rosatellum trasforma i voti in seggi? La base di partenza sono, ovviamente, i 630 seggi della Camera che prenderemo come base di riferimento per comodità di calcolo (al Senato i conti sono parzialmente diversi per la suddivisione dei voti in circoscrizioni a base regionale che lo contraddistingue e la per la diversa formazione dell’elettorato sia attivo che passivo, dato che si vota solo dai 25 anni in su). Il Rosatellum prevede, alla Camera, l’assegnazione di 232 seggi in collegi uninominali maggioritari (6 in Trentino-Alto Adige, 1 in Valle d’Aosta, 225 nelle altre 18 regioni), secondo il principio del first past the post (“il primo – cioè il vincitore – prende tutto”, frase icastica nella logica del maggioritario in uso, storicamente, in Gran Bretagna), e di altri 398 seggi (di cui 12 per gli italiani all’estero) in collegi plurinominali su base proporzionale. Le soglie di sbarramento sono due: il 3% per ogni lista, il 10% per le coalizioni di liste, sempre su base nazionale. Una coalizione che non ottiene il 10% dei voti garantisce solo alle liste coalizzate che hanno superato il 3% dei voti di accedere alla ripartizione dei seggi. Invece, a favore delle coalizioni di liste che superano il 10% dei voti su scala nazionale, interviene un meccanismo poco noto ma che ha un effetto ‘moltiplicatore’ dei seggi per i più grandi perché, ai partiti che hanno superato il 3% dei voti, vengono assegnati, in modo pienamente proporzionale rispetto alla circoscrizione in cui si sono presentati nella parte proporzionale, anche i seggi dei partiti presenti con loro nella stessa coalizione e che hanno superato l’1% dei voti ma non hanno raggiunto il 3% dei voti (la soglia). Invece, per ogni coalizione, che abbia o meno superato il 10% dei voti, i voti alle liste che restano sotto l’1% finiscono ‘buttati’, cioè inutilizzati: quelle liste non eleggono deputati, ovviamente (si elegge con il 3%) né contribuiscono a farli eleggere ad altri. Infine, ogni candidato di collegio usufruisce di tutti i voti raccolti dalle liste che lo sostengono: sia quelle sopra il 3%, sia quelle sotto il 3% e anche quelle sotto l’1%.

La simulazione più attendibile e più nota, invece, rispetto agli attuali sondaggi elettorali, è quella del sito di sondaggi e proiezioni You Trend. Stima in 22-247 i seggi vinti da una coalizione di centrodestra (FI-Lega-FdI), con circa il 32,9% dei voti (13,4% Fi, 14,8% Lega, 4,7% FdI); in 222-247 seggi una di centrosinistra (Pd+Ap, stimati al 27,8% e 2,4%), 163-183 seggi all’M5S (27,7%), 14 seggi a Mdp-SI (al 3%).

Ma i conti che ‘girano’ tra le forze politiche sono molto diversi. In uno studio di un senatore di Mdp, Federico Fornaro, molto esperto di sistemi elettorali, ad esempio, per il Pd si prospetterebbe una Vandea o, in pratica, un bagno di sangue. Fornaro stima in appena gli 75 eletti nei collegi uninominali per il Pd+altri, 115 quelli del centrodestra, 115 al M5S e zero per Mdp-SI. Nel proporzionale Fornaro assegna 120 eletti al Pd, 114 all’M5S, 55 a FI, 60 alla Lega, 19 a Fratelli d’Italia e 19 alla lista Mdp.

Lo studio di Fornaro ha gettato il panico nelle file dei peones dem che temono di non riuscire a farsi eleggere in molte zone del Nord, dove la Lega è forte, ma anche in Lazio e al Sud, causa l’M5S. Anche tra gli azzurri regna la paura: molti deputati temono di dover cedere troppi eletti alla Lega al Nord e di non farcela al Sud. Ma al Nazareno hanno in tasca altre stime e proiezioni. Va premesso che, con l’attuale “doppio Consultellum”, sistema di base proporzionale figlio di ben due sentenze della Consulta che prevede un doppio sistema di voto differente tra la Camera (premio alla prima lista che ottiene il 40% dei voti, soglia nazionale al 3%, mix di capolista bloccati e preferenze, nessuna possibilità di creare coalizioni) e il Senato (soglia di sbarramento regionale all’8% per le liste, al 20% per le coalizioni e al 3% per ogni lista in coalizione, solo preferenze, su base regionale, nessun premio), i big dem prevedevano 215 seggi a una coalizione di centrosinistra, 200 al centrodestra, 180 seggi a M5S, 35 a una lista di Mdp-Sinistra. Con il Rosatellum, invece, il Nazareno stima di ottenere, per il Pd e i suoi alleati molti più seggi. Seggi che sarebbero così ripartiti: nel proporzionale, 145 seggi a Pd+altri, 135 al centrodestra, 100 a M5S, 20 a quella che chiamano la “Cosa rossa” (Mdp-SI-altri). Nei 225 collegi uninominali 110 seggi vinti dal centrosinistra, 80 dal centrodestra, 40 a M5S, zero alla Sinistra. Totale, sommando le due parti (collegi e proporzionale): 255 seggi al centrosinistra, 215 al centrodestra, 140 all’M5S e 20 seggi a quella che, al Nazareno, chiamano ‘Cosa Rossa’. Morale: il Pd più alleati guadagnerebbe, rispetto al Consultellum, almeno 40 seggi, il centrodestra ne guadagnerebbe solo 15, l’M5S ne perderebbe 40, la Sinistra circa 15.

Dario Parrini, deputato toscano renziano ed esperto di sistemi elettorali, la mette così: “Grazie alla disproporzionalità del sistema, dovuta alla parte maggioritaria, una coalizione che ha il Pd in mezzo e due forze nelle ali, una al centro e una a sinistra, può vincere col 33-34% dei voti. Una cifra che, grazie alla quota uninominale, può dare il 40-41% dei seggi. Inoltre, i media e gli elettori concentreranno la loro attenzione sui collegi uninominali, dove ci terranno le sfide: lì noi avremo candidati  riconoscibili, autorevoli e radicati. Il voto nel collegio, per come è strutturato, ‘trascinerà’ quello delle liste. La Cosa Rossa? Non supererà i 20 deputati”. Chi ha ragione? Beh, questo lo potranno decidere solo gli elettori alle prossime elezioni.

NB: Articolo pubblicato sul Quotidiano Nazionale a pag. 4 del 12 ottobre 2017