“Liberi e Uguali” nasce con Grasso alla guida. Il presidente del Senato infiamma la platea, ma i problemi non mancano. Cronaca della giornata e un po’ di ‘colore’

  1. “Io ci sono!”.  Grasso conquista la platea dei delegati della nuova ‘Cosa Rossa’.
Guttuso

I funerali di Togliatti, quadro di Renato Guttuso

<Io ci sono! Io ci sono! Io ci sono!». E’ nato un nuovo leader, nel parco della Sinistra radicale e post-comunista italiana, pur senza averne le stimmate (del glorioso passato). Si chiama Pietro, detto ‘Piero’, Grasso. L’ex pm e poi procuratore capo di Palermo, poi ancora a capo della Procura nazionale Antimafia, amico personale di Falcone e Borsellino, venne candidato ed eletto dal Pd a guida Bersani nel 2012 e poi è diventato presidente del Senato, ieri ha dimostrato la stoffa – non scontata – dell’oratore politico. Specie quando ha attaccato, senza nominarlo, il Pd: «Mi hanno offerto d tutto», ha ricordato sprezzante, «dai seggi sicuri alla possibilità di fare la riserva della Repubblica» (il che vuol dire, tradotto, di fare il presidente della Repubblica nel post-Mattarella: sei anni, però, troppi). E già lì parte la prima standing ovation di una platea che il Pd lo odia e che, sostanzialmente, punta a far perdere le elezioni a Renzi e ai suoi oltre che aspirare – legittimamente – a rientrare in Parlamento con percentuali variabili tra il 6% e il 10% (molto dipenderà, appunto, da quanto porterà con sé in dote proprio la figura di Grasso).
Il discorso di Grasso arriva a conclusione di una decina di interventi di esponenti di «mondi» della «società civile»: applauditissimo il medico di Lampedusa, Bartolo, protagonista di Fuocoammare di Rosi (niente parentele con Francesco), pluri-premiato.
Alternati a loro parlano i «Tre Tenori» Civati-Fratoianni-Speranza. A differenza dei big (Bersani, D’Alema, Bassolino, Epifani, Errani, Rossi, Vendola) – cui tocca confondersi nelle seconde e terze file per evitare la sensazione di sinistra deja–vù – i tre sono quarantenni di belle speranze, e non solo chi, di loro, è Speranza. Anche loro infiammano la platea. Pippo Civati prima si perde nei ricordi familiari («Papà votava La Malfa»), poi, da birichino, sfotte Pisapia («Ma dove Campo vai con Alfano?!»). La sala vibra molto per Fratoianni, ex ‘bello’ di Rifondazione, che tuona contro «la schiavitù del lavoro, l’oppressione del Capitale, il liberismo di Trump e della May», ma anche contro «i nuovi neofascisti». Successo pieno pure per Speranza, che tiene forse il discorso più bello e più appassionato prima di Grasso: invoca una «Nuova Sinistra Mondiale», una sorta di neo-Internazionale, sulle orme di Bernie Sanders e Corbyn (però non cita Tsipras), mette «il lavoro» al centro della «lotta della sinistra» di cui stila un dettagliato programma, art. 18 in testa. La leader della Cgil, Susanna Camusso, è in prima fila ad applaudire e, forse, pure a candidarsi alle Politiche nelle file di Mdp (ma il suo portavoce smentisce secco).
Infine, tocca a Grasso. Infiamma e conquista la platea. Si emoziona, ma non perde il filo. Racconta prima la sua storia di pm in prima fila nella lotta alla mafia. Delinea poi un programma di sinistra radicale nei temi ma «moderata» nei toni, che «rifiuta i tatticismi», ma che farà «proposte serie e credibili». Urla «ora tocca a noi!» ma invoca una leadership collettiva. Rifiuta la logica del ‘voto utile’, ma sa che non sarà né per lui né per la nascente ‘Nuova Cosa Rossa’ una passeggiata di salute, la sfida nelle urne al Pd. Però, spiegano i suoi quando ha finito, «la eserciterà in modo fermo e severo, la sua leadership». Tradotto: vigilerà sui candidati per evitare «zone grigie, errori e malintesi». E – insistono sempre i suoi – invoca «porte aperte» a chi oggi non c’è: sinistra dem, cattolicesimo democratico, femminismo, ambientalismo. La presidente della Camera, Laura Boldrini, non c’è ancora, ma i suoi consiglieri sì, dal portavoce Roberto Natale al consigliere giuridico Carlo Leoni (ex Ds): sta per arrivare pure lei, nella neo-sinistra.
Alla fine, sorrisi e abbracci. I dirigenti della ex Sinistra Radicale brindano: «Abbiamo fatto Bingo», dice Paolo Cento: «lui è il nostro uomo in più, farà la differenza». Grasso commenta che «è stata una bellissima mattinata, ma c’è ancora tanta strada da fare».
In effetti, è vero: la strada ancora da fare, per la Nuova Sinistra Unita, è ancora tanta. I tre partiti fondatori (Mdp-SI-Possibile) hanno dato vita a una lista unica, ma non ancora a un partito unico e nessuno di loro può affermare, in sincerità, che nascerà davvero:le differenze, tra chi viene da Rifondazione poi Sel poi SI e chi dal Pd (gli ex dem di Mdp) sono tante, forse troppe. Le quote per le candidature sono state ripartite col bilancino (50% Mdp, 35% SI, 15% Possibile): sono stati votati, i delegati, in assemblee provinciali, ma non tutto è filato via liscio: SI e Possibile si sono ‘alleate’ e sottratto numeri a Mdp. Sgambetti tra compagni? Si vedrà più avanti, quando le liste verranno composte (se ne occupa Nico Stumpo, già uomo d’ordine di Bersani: nel 2013 fece ‘piangere’ molti sicuri presunti candidati nel Pd, ne farà piangere altrettanti ora, compagni o meno che siano). Inoltre, i posti richiesti da molti, big di Mdp in testa a tutti (Bersani, D’Alema, Errani, Epifani, Bassolino, Panzeri, etc.) sono tanti, forse troppi, e certezze non ve ne sono, di eleggibili: i calcoli più realistici parlano di una pattuglia di 25 deputati e 10 senatori. Infine, nome e simbolo ancora non ci sono. Il simbolo, forse con una rosa stilizzata nel mezzo, avrà due diciture: sopra, «Liberi ed Uguali» (ma l’associazione dei liberal del Pd «Libertà Eguale» preannuncia già ricorso in tribunale per plagio) e, sotto, «con Grasso».
«Con Grasso possiamo puntare al 10%», è la spavalda sfida di Massimo D’Alema che si candiderà al Senato in Puglia: in un collegio, ma pure in cinque listini bloccati. Sarà dura, infatti, strappare collegi uninominali a Pd, destre, M5S, ma i dirigenti della Sinistra-Sinistra ci credono: «A Piacenza, con Bersani, a Ravenna con Errani, in Toscana con Enrico Rossi possiamo fare molto male al Pd». Altri, ben più realistici, fanno di conto: «Ci basta prendere il 6%, vuol dire 25 deputati e 12 senatori. Così andiamo alle consultazioni da Mattarella e come premier il nome di Renzi non lo faremo mai. Altri nomi? D’Alema vorrebbe Draghi, Bersani vuole appoggiare dall’esterno un governo Di Maio. Vedremo».
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
2. Il ‘colore’. Le spillette del Che (e Stalin) ci sono ancora, le bandiere rosse non più. 
speranza

Roberto Speranza

Ettore Maria Colombo – ROMA

Pala Atlantico, molto oltre l’Eur, grande sala per concerti: 1500 posti a sedere, agibilità per 2700 se una parte resta in piedi. Ce ne sono almeno altri 2500 fuori, di persone: «compagni e compagne» in carne e ossa, corpo e spirito, arrivati dalle lande più lontane.
Morale: un successo, almeno in termini numerici, incontestabile. Fila per entrare interminabile, infinita, ma la gente attende paziente. Pure alcuni giornalisti restano fuori per ore, ma non protestano come di solito sono abituati a fare. Del resto, tra i giornalisti, la Sinistra-Sinistra ‘tira’ assai. Presenta la giornata un collega, Luca Telese, anchorman de La 7, ex del Giornale, fondatore di Pubblico. Cattiverie e maldicenze fioccano solo per lui: «Ha scritto libri peggiori di Pansa per rivalutare i fascisti e ora chiama alla mobilitazione contro i neofascisti?! Lavorava per Berlusconi e ora torna di sinistra?! Maddai, Telese!!!».
Il servizio d’ordine è inflessibile: deve arrivare Pietro Grasso, e le camionette della Polizia sono così tante che sembra debbano respingere gli assalitori del G8 di Genova. E, guarda un po’, chi ti spunta? Luca Casarini, leader delle ‘Tute Bianche’: è un po’ ingrassato, ma si è sposato e con prole, ora veste elegante e vive a Palermo: da dirigente di SI (è, addirittura, il segretario regionale di Sinistra Italiana in terra di Sicilia) si candiderà pure lui, pare. La gente un po’ si arrabbia («Fanno entrare gli invitati e non i delegati!»), ma l’organizzazione regge. Tutto è nelle mani – nodose e nervose – di Nico Stumpo, storico uomo macchina di Pier Luigi Bersani: sarà lui, peraltro, a fare le liste.
Ma per ora non è tempo di argomenti così «volgari». Oggi c’è da festeggiare la nascita della Nuova Sinistra Unita. Il nome ci sarebbe già: bello, facile e comprensibile, «la Sinistra». Invece si chiamerà «Liberi ed (ma la ‘e’ eufonica ci sarà o no? Non si sa) Eguali» e, più sotto, «con Grasso». Epperò, guai a chiamarla «Cosa Rossa»: i giovani ed efficienti addetti stampa di Mdp-SI-Possibile (equamente distribuiti tra uomini e donne, peraltro tutti bravissimi, tosti, efficienti e assai ‘svelti’ sui new media) ti bacchettano  sulle dita.
Si alternano, rapidi e commoventi, l’operaio, la sindacalista, la ricercatrice, il cassintegrato, etc. Silenzio religioso per tutti, grandi applausi per «i Tre Tenori» Civati-Fratoianni-Speranza (ma solo per ‘Bob Hope’ è vera standing ovation pari solo a quella per Enrico Bartolo, il medico degli immigrati che li cura nella martoriata Lampedusa). Intanto, non sventola una bandiera rossa che sia una (ordine di scuderia: «compagni, non ci facciamo riconoscere!»). Poi la sala è scossa da un fremito: «Parola a Grasso!».
Lui si emoziona, la platea – che scatterà in piedi ad applaudirlo un’infinità di volte – pure. E il «colore» tipico delle liturgie comuniste? Scarsino. Bisogna uscire fuori, tra gli infreddoliti rimasti ad ascoltare dai maxi-schermi, per trovare il ‘solito’ – per queste occasioni della Sinistra – stand de il manifesto dove si vendono immaginette, spille e magneti di Che Guevara e Castro, Mao e Ho Chi Min, Lenin, Trotzskij e persino di Stalin.
E i big? Bersani è seduto parecchie file dietro, accanto al senatore Fornaro. Vendola si sbraccia già più file davanti. La deputata Simoni, cugina di Renzi, sfoggia una mise elegantissima e l’inseparabile Toscano. L’ex ‘re’ di Napoli, Bassolino, è intabarrato in una sciarpa azzurra. Infine, soprattutto, c’è D’Alema. Il guaio è che è il «solito» D’Alema. Ai giornalisti che gli si fanno sotto per strappargli dichiarazioni risponde con l’odio che nutre per ‘noi’: «Vi consiglierei di parlare con il dottor Bartolo (il medico di Lampedusa, ndr), gli chiederei come mai è qua. Sarebbe il vostro mestiere, ‘disciamo’. Ma a voi dove vi pigliano?». Ah, se non ci fosse lui, D’Alema, come sarebbe stata più ‘noiosa’ la giornata.
:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
NB: Gli articoli sono usciti il 4 dicembre alle pagine 4-5 del Quotidiano Nazionale.
___________________________________________________________________________________________
Annunci

La Sinistra incorona Grasso leader, Renzi preferisce parlare con Macron, i ‘piccoli’ del centrosinistra alle prese con le soglie

Pietro Grasso

Il presidente del Senato, Pietro Grasso.

 

  1. Mdp-SI e Possibile hanno scelto: con il Pd non si dialoga, anzi lo si attacca. Sul lavoro, al fianco della Cgil, e non solo. il 3 dicembre l’incoronazione di Grasso.
Ettore Maria Colombo – ROMA
“Il 3 dicembre lanceremo la nostra lista unitaria per l’alternativa e ci sarà Pietro Grasso, il nostro candidato”. Il lieto annuncio e, insieme, la gaffe, la fa Giulio Marcon, capogruppo alla Camera di Sinistra italiana e un lungo passato nelle associazioni pacifiste della sinistra. Marcon rivela, papale papale, ai giornalisti in attesa dell’inutile incontro, dal finale già scritto, tra ‘l’esploratore’ di Renzi, Fassino, e i capigruppo di Camera e Senato Marcon e Guerra (Mdp e SI) proprio nel giorno in cui Pd e Mdp-Si se le danno di santa ragione, alla Camera, su una mozione sull’articolo 18 – quello che tutti, in realtà, sapevano, ma non era ufficiale. Sarà dunque Grasso il leader della nuova lista elettorale di ‘Sinistra’ che nascerà il 3 dicembre a Roma. Una “Grande Assemblea Popolare e Democratica”, la chiamano gli organizzatori si terrà in un “luogo grande, enorme, alle porte di Roma”, per fondere i tre partiti, o sigle, esistenti (Mdp-SI-Possibile), qualche ex cattolico di sinistra del Pd (Rosy Bindi e Giorgio Merlo) e qualche ex dc d’antan (Enzo Carra e, forse, Marco Follini). Ma ‘La Sinistra’, nome finale su cui molti ancora scommettono, specie dentro SI e Mdp, su richiesta di Grasso forse non si chiamerà così, bensì “Libertà e Uguaglianza”. Perché, dicono i promotori, un po’ tristi, “il Presidente non vuole richiami espliciti alla tradizione del Pci-Pds-Ds”. “Ma solo così – assicurano – riusciremo a parlare alla società civile e intercetteremo il voto non solo del Pd, ma pure dei 5Stelle. Puntiamo al 10%”, continuano fieri, ma c’è chi dice “mi accontento del 6%…”. Bei propositi, ma tutti da verificare. Diversi sondaggi li vedono inchiodati al -5-5.5%, il che vorrebbe dire 28 deputati e 17 senatori, come hanno fatto di conto nel Pd, sperando che la profezia si avveri. Anche sul simbolo è tutto ancora in alto mare. C’è chi dice che ci sarà, anche lì, il nome di Grasso, chi dice di no e chi assicura che “ci sarà tanto rosso, ma più stile bandiere Cgil (con cui Mdp fila d’amore e d’accordo, ndr) che del Pci”. Del resto, per Mdp, che parteciperà allo sciopero della Cgil sulle pensioni del 2 dicembre sventolando le rosse bandiere, la mission è la stessa di Camusso: bastonare il Pd di Renzi. Lo dimostra lo scontro alla Camera sulla mozione intorno all’art. 18 che non va in Aula e ritorna in commissione per un pugno di voti (26) e nonostante M5S e centrodestra la votino. E le parole di Bersani a fine serata a un convegno: “Il rinvio in commissione alla Camera della nostra proposta sull’art. 18 è la pietra tombale sul dialogo con il Pd”.
Grasso, però, nel frattempo, è ancora presidente del Senato. Il suo portavoce, perciò, smentisce tutto, persino Marcon prova a fare marcia indietro, ma la frittata è fatta: il re è lui. Grasso, in realtà, si è dato una dead line: l’approvazione della manovra economica al Senato. Si concluderà entro il I dicembre e, da quel giorno, spiegano i suoi, “si sentirà un uomo libero di dire ciò che pensa e fare ciò che vuole”. Ma il rischio dell’ingorgo istituzionale è molto alto anche perché Boldrini, a sua volta, starebbe anche lei per trarre il dado e candidarsi ‘a sinistra’ il che farebbe storcere molto più del naso a Mattarella che già non ha visto di buon occhio la ‘discesa in campo’ di Grasso (il presidente del Senato sostituisce il Capo dello Stato ogni volta che questi è all’estero) e che, di fronte all’impegno politico, a Camere ancora aperte e funzionanti, di entrambi i suoi Presidenti avrebbe espresso ‘riserve’. 
E il – finto – dialogo tra Pd e sinistra radicale, invece, com’è andato? La fine era nota: gelo durante l’incontro tra Fassino e i capigruppo, insulti fuori. Fassino, già irritato per essere stato ricevuto solo dai Carneadi Guerra (Mdp Senato) e, appunto, Marcon (SI, Camera), sospira: “Ci dispiace per loro, andremo avanti con altre forze di sinistra”. Trattasi di Pisapia che Fassino vedrà stamane via una delegazione dei suoi (Tabacci, Ferrara, Manconi) per stringere un’alleanza ormai nei fatti. La lista Pisapia alle elezioni ci sarà, sarà alleata del Pd, punta a prendere il 3%, si vedrà se in bicicletta coi Radicali o no, ma data l’aria che tira meglio essere previdenti. I colonnelli di Pisapia hanno già fatto avere al Pd la richiesta: “20/25 collegi sicuri”. La Sinistra-Sinistra, invece, all’uscita gliene dice di ogni, al Pd: “E’ troppo tardi per un’alleanza, siamo incompatibili”. 
NB: Questo articolo è stato pubblicato su Quotidiano Nazionale il 23 dicembre 2017
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
2. Renzi vola a trovare Macron e ‘sogna’ un partito transnazionale europeo ma i guai stanno di casa tutti in Italia e sono quelli del centrosinistra.

 

immagine voto europeo generico

Un immagine tutta ‘positiva’ del voto europeo (elezioni 2014)

Ettore Maria Colombo – ROMA

E’ stata una giornata intesa, ieri, per Matteo Renzi. Di buon mattino, l’ex premier vola a Parigi per vedere il presidente francese, Emanuel Macron: ricevuto all’Eliseo con tutti gli onori, accompagnato da Sandro Gozi, sottosegretario agli Affari europei. Renzi ha con Macron diverse passioni in comune (tipo il tennis), ma è andato in trasferta per altro. Infatti, il leader dem e quello del movimento “En Marche!” che lo ha aiutato a vincere a mani basse le elezioni presidenziali francesi, mettono in subbuglio, in poche ore, quel che resta del Pse. Renzi e Macron fanno un annuncio forte: far compiere un “percorso comune” per la creazione di “liste transnazionali” in vista delle “elezioni europee del 2019”. Agli altri partiti ‘socialisti’ – che fanno parte del Pse come pure, peraltro, molti di loro, dell’Internazionale socialista, – Spd in testa, con tutti i guai che ha in Germania, viene lo stranguglione. Gozi, non contento, ci mette il carico da 11: “La Brexit libererà 73 seggi all’Europarlamento – spiega all’Huffington Post –dobbiamo creare liste transnazionali per forgiare veri partiti europei”. Apriti cielo. L’italiano Gianni Pittella, che del gruppo del Pse è il presidente, è contrarissimo. Si attacca al telefono, chiama Renzi, che lo rassicura – o finge di farlo – e dice che “Il Pd non va da nessuna parte, è e resta uno dei pilastri fondamentali del Pse”. Gozi prima prova a frenare (“La scelta di Renzi è di riformare il Pse”), ma la frittata è fatta, e da lui stesso confermata: “Le famiglie europee attuali, dal Pse al Ppe, sono solo un insieme disomogeneo di partiti nazionali”. Amen. Certo, Renzi e Macron parlano “di come rilanciare l’Europa, della crisi in Germania” e molto altro.
Renzi però, poi torna a Roma e si infila negli studi di Porta a Porta. Cavalleresco con il Cavaliere (“Spero che Berlusconi sia in campo e che gli permettano di candidarsi”), che sfida anche a duello rusticano (“Si candidi contro di me nel collegio”), durissimo contro Di Maio (“Contro il capo del partito ‘No Vax’ candideremo il giovane scienziato”, che poi è l’immunologo Burioni), Renzi si dice ottimista sulle percentuali del Pd, giura che “il Rosatellum non sarà un boomerang” (falso) e prova a calmare così i desiderata di chi, anche adesso, dentro il Pd lo vorrebbe ‘commissariare’. Poi ribadisce di esser disposto a rinunciare al ruolo di candidato premier del centrosinistra: “Il sarò quello del Pd, poi il presidente del Consiglio lo sceglierà Mattarella”. Per quanto riguarda il – teorico – dialogo con Mdp e SI, Renzi si fa caustico: “Alla nostra sinistra ci sono 29 sigle, con qualcuna dialogheremo… Non coltivo rancori personali – assicura – ma non sono ottimista. Nonostante il generoso tentativo di ricucitura di Prodi e Fassino, molto più bravo di me a rimettere insieme i cocci, le nozze si fanno in due”. Che è come dire: non è un problema mio…
Nozze a sinistra che ‘non s’hanno da fare’ perché nessuno le vuole. Intanto, però, in Transatlantico si inseguono ridda di voci. C’è chi dice che “Mdp è pronta a fare un accordo tecnico col Pd nei collegi, solo Renzi e D’Alema si oppongono” (falso, oltre che impossibile dal punto di vista tecnico: le coalizioni devono essere nazionali). E chi dice che “Grasso e Boldrini ci stanno ripensando: non vogliono più andare dentro la ‘Cosa Rossa’!” (falso: ci saranno, e tutti e due). La sola cosa vera è che il Pd è entrato in pressingasfissiante su Pisapia e Bonino: “Se date vita e corpo a una lista, dovete candidarvi, metterci la faccia”, la perentoria richiesta dem. Bonino ci rifletterà su, ma Pisapia no: ha già detto che non si candida e così sarà. I suoi, invece, si chiedono disperati: “Con chi mi conviene candidarmi per tornare qua?”. Ma pure nel Pd i big avranno vita dura: dovranno candidarsi nei collegi e portare voti, pur se col ‘paracadute’ dei vari listini.
NB: L’articolo è pubblicato mercoledì 24 novembre 2017 sul Quotidiano Nazionale
:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Bonanni anticipa l’addio alla Cisl, dove gli succederà la Furlan, ma pensa a una nuova aggregazione di cattolici

Le riforme, e cioè “la madre di tutte le battaglie che stiamo affrontando in questi giorni”, per dirla con il piglio guerresco del ministro alle Riforme Maria Elena Boschi, sono approdate, a partire da oggi, in Senato. Compito e lavoro non facile, a dirla tutta. Infatti, se è vero che gli effetti della sentenza Ruby hanno subito prodotto i loro benefici effetti – a voler guardare le cose dal punto di vista di palazzo Chigi – con tanto di rinsaldamento (definitivo?) del ‘patto del Nazareno’, il governo rischia di fare i conti senza l’oste. E ‘l’oste’ si chiama Aula, schiumante rabbia, insofferenza e insoddisfazione, di palazzo Madama. Come sempre in questi casi, infatti, ai calcoli politici si mischiano problemi e veri e propri drammi personali.

Infatti, se nella ‘fronda’ dei dissidenti di casa Pd c’è chi lo fa per convinzione profonda (Chiti, Tocci, etc.), chi quasi per dispetto (Mineo) e chi in modo intelligente e collaborativo (Gotor, Russo), in casa azzurra i dissidi di linea politica avversa a quella del Cav (Fitto, ma anche i cosentiniani e altri ‘sudisti’ sparsi tra FI e Gal) si mischiano con voglie ed eccessi di protagonismo (Minzolini). Infine, a complicare le cose, oltre all’ostruzionismo, ormai palese – specie dopo la rottura del (finto) dialogo sulle riforme M5S/Pd – dei grillini e quello dei vendoliani (tutti ‘ortodossi’, e cioè sulla linea Vendola, non a caso neppure uno è uscito dal gruppo di Sel), ci è messa, e a partire da oggi, pure la Lega Nord.

Per un Calderoli sostanzialmente ‘collaborativo’ , ma che ieri avvertiva la Boschi (“Non è vero, come lei dice, che il tempo della trattativa è finito”), c’è un segretario, Matteo Salvini, che avverte Renzi via schermi di Agorà estate (Rai 3): “Il Senato così com’è non serve, la riforma, così com’è, non la votiamo”. Morale: già sommabili i voti di M5S (ortodossi, 40, e dissidenti, 14), Sel (7), due su dieci dei Popolari (Mauro e Di Maggio), i dissidenti democrat (15, ma forse meno) e azzurri (tra cinque e dieci, dipende dalle capacità di ‘convinzione’ che metterà in campo Berlusconi verso di loro in questi giorni…), se arrivano i 15 senatori leghisti, la differenza la potrebbero fare – per far ottenere al governo e alla maggioranza l’agognata ‘quota’ dei 2/3 (214) dei voti utili a evitare il referendum confermativo – due gruppi minori e molto magmatici, Gal (11) e Autonomie (10). Non a caso, già oggi M5S e Sel chiederanno di mettere ai voti la necessità di rispedire il ddl Boschi in commissione e, nel corso dei prossimi giorni, se ne vedranno delle belle sugli articoli più deboli e contestati della riforma del Senato: elettività dei senatori, se di primo o secondo grado e come, immunità degli stessi, riduzione del numero dei parlamentari, se debba riguardare pure la Camera.

A complicare di più le cose, c’è anche il timing dei lavori d’aula. Dopo circa trenta ore di dibattito, quelle della scorsa settimana, è iniziata la discussione generale sul ddl Boschi (recante, appunto, riforma del Senato e riforma del Titolo V della Costituzione). Una discussione che si era già rivelata infuocata e ‘caldissima’, oltre che lunga quanto quella del Senatus et popolusque romanum (124 interventi di altrettanti senatori, venti minuti cadauno), ma che, da oggi in poi, s’è capito che la settimana in corso sarà pure peggio. Dopo le repliche dei due relatori, infatti, e prima di iniziare il vaglio degli emendamenti (4500 quelli presentati ‘solo’ sui primi due articoli del ddl, 7831 in tutto, 6 mila solo da Sel…) ha preso la parola la Boschi ed è stata proprio lei a dar fuoco alle polveri. “Le bugie, in politica, non servono, anzi, come diceva Fanfani – ha detto la ministra in Aula – hanno le gambe corte. Parlare di svolta illiberale e autoritaria in corso nel Paese è una bugia allucinante”.

Apriti cielo. Si sono indignati tutti, dai grillini – non nuovi ai soliti show en plein aird’Aula, tra cartelli, urla belluine, pianti e persino letterali svenimenti – ai ‘sellini’, dai dissidenti azzurri a quelli Pd (Mineo) fino ai più oscuri senatori peones di ogni ordine e grado. Il presidente, Pietro Grasso, ha cercato inutilmente di riportare la ‘calma’ in Aula, ma ormai la frittata era fatta. ‘Frittata’, quella della ministra, che fa il paio con l’intervista rilasciata ad Avvenire pochi giorni fa in cui apriva al nemico storico della sinistra italica da decenni (il semipresidenzialismo di craxiana memoria..) e che la mette in una posizione scomoda e difficile anche dentro il Pd. Infatti, se ‘contro’ Renzi, tra i democrat (senatori o deputati) è difficile trovare qualcuno che osi dire ‘ah’, contro la Boschi se ne sentono – specie nei corridoi del Transatlantico – di tutti i colori. E se è vero che c’è del sessismo malcelato, in tali critiche, è anche vero che i mugugni sul Pd a trazione renziana salgono d’intensità. Eppure, il premier è stato chiaro: “L’ostruzionismo è un sasso messo sui binari delle riforme”, ha detto dal Mozambico, “ma noi con pazienza togliamo il sasso e faremo ripartire il treno”. L’intento politico di Renzi, del governo e dei renziani di casa Pd è chiaro. Il solo elemento che latita in modo lampante è la pazienza, che a metter ‘sassi’ sulla via delle riforme ci pensano i dissidenti.

 

– See more at: http://www.pagina99.it/news/politica/6484/La-grande-riforma-alla–dura.html#sthash.GY7kcUiq.dpuf

il leader uscente della Cisl, Raffaele Bonanni

il leader uscente della Cisl, Raffaele Bonanni

ROMA –  Raffaele Bonanni annuncerà oggi, in una riunione straordinaria di tutti i segretari confederali e regionali della Cisl, che lascerà la guida dell’organizzazione che guidava, ormai, dal lontano 2006. La notizia la lancia Dagospia che ‘brucia’ l’intervista che il leader cislino aveva programmato, non a caso, col quotidiano Avvenire. La scadenza ‘naturale’ del mandato di Bonanni (riconfermato segretario nel 2009 e, poi ancora nel 2013, ma solo per due anni perché in procinto di raggiungere, nel 2015, il limite dei 65 anni), era, però, fissata ad aprile 2015 e nessuno si aspettava l’anticipo né, tantomeno, un anticipo così brusco, così immediato e immotivato, a meno che non si voglia credere alle ‘voci’ di una mezza ‘rivolta’ della pancia cislina contro la gestione Bonanni e addirittura contro la sua pensione e le prebende accumulate.

Eppure, solo pochi giorni fa, Bonanni, a Senigallia, al seminario dell’Mcl, il movimento cattolico del lavoro guidato da Carlo Costalli, non aveva dato cenni di alcun genere, sull’argomento dimissioni. Anche se aveva tenuto un intervento molto ‘politico’ e criticato non solo la Cgil, ma anche il premier Renzi e la sua cronica ‘carenza’ di concertazione, metodo di lavoro a metà tra il sindacale e il politico da sempre caro al sindacato cislino.

il futuro segretario della Cisl, Anna Maria Furlan

il futuro segretario della Cisl, Anna Maria Furlan

Almeno per la successione a Bonanni, non vi sono né vi saranno problemi. Da tempo il leader cislino ha individuato il suo delfino in Annamaria Furlan (56 anni, genovese), che verrà indicata già oggi all’interno della riunione di tutto lo stato maggiore della Cisl, ma la cui nomina verrà formalizzata solo nella prima decade di ottobre, quando si riunirà il Consiglio generale del sindacato bianco in una sorta di congresso generale anticipato. Ma i motivi delle dimissioni di Bonanni sono assai più complicate. Certo, fonti di via Po, sede centrale della Cisl, parlano di “normale avvicendamento” e di una decisione “già maturata nell’estate”. Tutt’al più, si spingono a indicare una (ennesima) strategia ‘anti-Camusso’.

Venerdì 25 ottobre, peraltro, vi sarà un già previsto incontro a tre (Bonanni-Camusso-Angeletti) per decidere le modalità di mobilitazione di Cgil-Cisl-Uil sul lavoro e su possibili (ma molto difficili) iniziative ‘unitarie’ della cd. ‘Trimurti’ in previsione dell’autunno (caldo?). La Cgil preme per scioperare, come farà la Fiom, sull’art. 18, Cisl e Uil non ci pensano neppure. E lo stesso Bonanni va al Tg3 per assicurare che “la posizione della Cisl sul lavoro non cambierà”. Niente strappi, né tantomeno scioperi, sull’art. 18 come fa la Cgil.

Il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei

Il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei

Ma se Bonanni ha rappresentato, in tutti questi anni, una linea aperta ai tanti cambiamenti del mercato del lavoro (dal pacchetto Treu alla riforma Biagi), oltre che dialogante con tutti i governi (Berlusconi, Prodi, Monti), il leader cislino è stato anche ben altro, specie in campo ‘pre-politico’. Uno dei protagonisti delle operazioni ‘Todi 1’ e ‘Todi 2’, per dire, quando il mondo cattolico (Cisl, Mcl, Acli, Confcoop), era a un passo dal fondare, sotto la benedizione della Cei del cardinal Bagnasco (e, indirettamente, del ‘vecchio’ Ruini), un vero partito o, quantomeno, un movimento politico. Un progetto in parte tradito e, in parte, naufragato con la discesa in campo del senatore Monti e della sua lista. Morta, però, nel giro di meno di un anno, o meglio squagliatasi Scelta civica, il partito-non partito (più un cartello elettorale) montiano e rimessosi in moto il quadro politico, si vuole rimettere in moto pure il mondo cattolico che sente e continua a coltivare il sogno di  colmare, al ‘centro’ dello schieramento politico, un grande vuoto. Ecco perché Bonanni vedrà prima Enrico Letta (già la prossima settimana, si dice) e poi molti altri protagonisti di quella stagione e non, forse pure quel Corrado Passera oggi impegnato a lanciare, portandolo in giro per l’Italia, il suo movimento-pre-partito-non-partito, ‘Italia Unica’. “Se Renzi fallisce e in Italia arriva la Troika, dobbiamo essere pronti a offrire una nuova offerta politica”, dice un ex Todi 2. Almeno Bonanni, da oggi, è pronto a tessere la sua nuova tela.

NB. Questo articolo è stato pubblicato il 23 ottobre 2014 sulle pagine di politica del Quotidiano Nazionale (http://www.quotidiano.net)