Caso Banca Etruria, ira della Boschi: “Vogliono colpire me e il Pd”. Partono le querele per De Bortoli e altri giornalisti. Renzi preoccupato

Il ministro Boschi

Il ministro alle Riforme Maria Elena Boschi (Pd)

Ettore Maria Colombo – ROMA

Maria Elena Boschi aveva passato lo scorso weekend in modo assai piacevole. Era andata a Caserta per partecipare al seminario organizzato dalla europarlamentare dem Pina Picierno, sua amica, ‘Terre d’Europa’: gli astanti l’avevano trovata “solare, entusiasta, pronta a tuffarsi nella campagna elettorale”. Peraltro, ai dem campani risulta che Boschi non si candiderà in Toscana, nella sua città natale, Arezzo (Laterina, in realtà), ma proprio in Campania, collegio della Camera.

Ieri, però, per l’ex ministro e oggi sottosegretario alla presidenza del Consiglio è stata una giornata infernale. Le dichiarazioni del pm di Arezzo Rossi sono un crescendo. La Boschi decide da sola e molto rapidamente di rispondere con la sostanziale solidarietà di Renzi. Il leader dem – dopo una giornata convulsa fatta di sfoghi, contatti per decidere la linea, rabbia per la vicenda Etruria che riemerge e male – scrive su Facebook una vera chiamata alle armi: “Ognuno può dare una mano contro disfattismo e disinformazione”. Poi, in privato, Renzi invita “tutti” i suoi a fare “fronte comune” perché “la prossima campagna elettorale sarà una battaglia all’ultimo voto. Anche una piccola percentuale farà la differenza. Noi dobbiamo organizzarci e rispondere”. Il guaio è che la solidarietà dem a Meb arriva col contagocce mentre la tattica dei commissari renziani in commissione banche diventerà, a questo punto, quella della ‘guerriglia’: risentire Rossi, mettere sotto pressione Consob, BankItalia, forse persino Padoan che verranno tutti auditi in un calendario col ritmo serrato. Tutto per riprendere la controffensiva dopo che lo stesso Renzi pensava, col suo viaggio in treno e i suoi incontri con i risparmiatori, di aver risalito la china sul tema più spinoso per la Boschi come per lui, le banche.

E così, in poche ore, ‘Meb’ scrive ben due post ‘personali’, tutti e due pubblicati su Facebook: in entrambi, una notizia. Nel primo spiega, de plano, tutte le sue ragioni: “Il fatto che mio padre sia stato per qualche mese vicepresidente della Banca non ha impedito al governo Renzi di commissariarlo. Se mio padre ha commesso dei reati ne risponderà come privato cittadino”. Parlando invece del Pd, per la Boschi “a noi interessano gli atti ma c’è chi li usa solo per attaccarci”. La Boschi ce l’ha chiaramente con Di Maio che le chiede di “smettere di fare politica e dimettersi”: a lui rilancia l’invito a quel confronto tv “davanti a cui Di Maio scappa sempre”.

Ma con il passare delle ore e il fluire della giornata, gli attacchi delle opposizioni (M5S, Lega, etc) si fanno sempre più arrembanti e pesanti anche se solo i 5Stelle chiedono, formalmente, al presidente della commissione bicamerale d’inchiesta sulle banche, Pierferdinando Casini, di audire Ghizzoni, ad di Unicredit, e di riascoltare il pm di Arezzo Rossi per le sue dichiarazioni che, ora, vengono giudicate ‘omissive’. Il guaio è che, tranne casi isolati (il Carneade senatore dem Vazio), le note di agenzie languono di solidarietà dei dem. Al Nazareno si sospira: “I 5Stelle usano la vicenda banche per attaccarci, ma non appena si entra nel merito si capisce che sono attacchi senza sostanza. Loro pensano solo a come attaccare la Boschi, noi a come difendere le famiglie”. Sarà, ma Renzi è preoccupato, i big pure, Gentiloni manco a dirlo.

Nel secondo post della Boschi, che esce più tardi, verso sera, c’è poi l’annuncio di una “azione civile di risarcimento danni” per Ferruccio de Bortoli – che ha scritto, nel suo libro Poteri quasi forti, della richiesta di ‘interessamento’ e di vere e proprie ‘pressioni’ fatte dall’allora ministro verso l’ad di Unicredit Ghizzoni (e, ora, non a caso i 5Stelle chiedono che venga anche lui audito in commissione) su Banca Etruria più, “a breve” altrettante azioni di risarcimento danni, sempre in sede civile, anche verso “altri giornalisti” (forse, anzi sicuramente, de La Verità e forse pure de il Fatto). In serata arriva la risposta, via Twitter, di de Bortoli: “Mi aspettavo una querela per diffamazione, mai arrivata. Dopo sette mesi, apprendo che mi farà causa civile per danni”. Parole al curaro: la querela è un’azione penale che comporta di dover dire sempre la verità, la causa civile ha tempi più lunghi, costa molto a chi la perde e soprattutto non occorre aver detto il falso se il danno effettivo è provato.

L’articolo è stato pubblicato sul Quotidiano Nazionale il 5 dicembre 2017

Annunci

BankItalia, lite sulla Boschi. Ma la sottosegretaria parteciperà al cdm di venerdì che deciderà sul dopo-Visco

Il ministro Boschi

Il ministro alle Riforme Maria Elena Boschi (Pd)

E’ stata “una giornata di riflessione”, così viene descritta, quella che ieri Paolo Gentiloni e Sergio Mattarella (ma anche il ministro all’Economia, Piercarlo Padoan, che pure ha voce in capitolo) hanno riservato alla vicenda della successione di Ignazio Visco alla guida della Banca d’Italia. Insomma, il Colle e palazzo Chigi si sentono e si consultano, ma per ora si limitano a ‘riflettere’. Ecco anche perché non sarà di certo anticipata la decisione finale di entrambi che rimane fissata al cdm di venerdì prossimo. Secondo la nuova legge istitutiva di nomina del governatore, in vigore dal 2005, di fatto “il cdm propone e il Quirinale dispone” mentre il consiglio direttivo dell’Istituto si limita ad esprimere un parere. Cdm a cui, a quanto si apprende, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Maria Elena Boschi, “sarà presente” – spiegano fonti di palazzo Chigi – “come è normale che sia. I rapporti tra lei e Gentiloni? Sono ottimi. Lavorano fianco a fianco sulla manovra come sul resto” la replica. Replica a chi sostiene – come ha fatto ieri Arturo Scotto (Mdp), presentando anche una interrogazione parlamentare alla Camera diretta a Gentiloni e a Padoan – che la Boschi dovrebbe “astenersi” dal presenziare al cdm su un vicenda come quella delle banche perché su di lei “grava un pesante conflitto di interessi che non può essere più ignorato”. Trattasi sempre della stessa vicenda: il suo ruolo nel commissariamento di Banca Etruria di cui il padre, Pierluigi, è stato vicepresidente e membro del cda. E a chi fa notare che la Boschi, anche nel recente passato, aveva detto che si sarebbe ‘astenuta’, cosa che peraltro ha poi fatto, dal presenziare ai cdm sulle banche, a palazzo Chigi si replica con una scrollata di spalle: “Ma di che parliamo? La Boschi ha diritto a esserci e ci sarà”. Ma perché la decisione sul post-Visco non è stata anticipata? “Da oggi a giovedì – spiegano fonti ben informate dei due Palazzi –Paolo e Sergio avranno la testa solo sulla legge elettorale”. Non è proprio il momento di mettere altra carne al fuoco”, è il giudizio delle fonti.

E che ‘carne’. Resta tutto aperto, infatti, il busillis: chi dopo Visco? Un nome nuovo, ma comunque interno a BankItalia? Sempre in pole sono le quotazioni del dg, Salvatore Rossi, intimo amico del governatore uscente, ma che gode anche del favor del Pd, come pure quelle del vicedirettore, Fabio Panetta. O si tratterà di una – per nulla ‘semplice’ – successione di Visco a se stesso? Sarebbe, peraltro, la prima volta. Da quando la carica del governatore di via Nazionale non è più “a vita”, cioè dal 2005, la riforma dell’Istituto prevede che la carica sia elettiva. Il motivo sta nel fatto che il governatore Antonio Fazio, in carica dal 1993 al 2005, venne travolto dallo scandalo delle banche Unipol-Mps. Dal 2005 al 2011 il primo governatore eletto fu Mario Draghi, oggi alla guida (e a sua volta in scadenza, ma nel 2018) della Bce, nonché grande sponsor di Visco, le cui chanches restano perciò alte. Va anche detto che il cdm del 27 ottobre coincide, per ironia del Destino, con il giorno esatto in cui il mandato di Visco scade. E anche con il giorno in cui il governatore terrà un importante discorso, di fatto di commiato (almeno per il suo primo mandato), per la Giornata Mondiale del Risparmio. mentre ieri ha tenuto un discorso riservato davanti ai membri dell’Istituto rivendicando l’operato di BankItalia e tra giovedì e venerdì sarà a Francoforte per difendere, davanti alla Bce, l’azione delle banche italiane. Una cosa è certa, il ruolo di Mattarella. Il Quirinale attenderà le indicazioni e le valutazioni del governo per decidere, ma il faro del Colle resta sempre uguale: “Assicurare la stabilità all’istituzione Banca Italia e al suo ruolo dentro i delicati meccanismi della Bce e della Ue”, sottolineando che  “non può passare l’idea del commissariamento della Banca da parte della politica”. Frasi che fanno pendere la bilancia per Visco. 

NB: L’articolo è stato pubblicato a pag 8 del Quotidiano Nazionale il 24 ottobre 2017

BankItalia. Il toto-nomi per il dopo Visco e la “tensione continua” tra Colle, palazzo Chigi e Nazareno

mattarella

Sergio Mattarella, XII presidente della Repubblica italiana

NB: Questo articolo è stato scritto sabato scorso 21 ottobre e pubblicato domenica 22 quindi NON tiene conto delle parole di Matteo Renzi dalla Annunziata e delle polemiche che ne sono seguite, come ad esempio quella tra Renzi stesso e la Boldrini. 

Ettore Maria Colombo – ROMA

La nomina del nuovo governatore di Bankitalia arriverà al termine di un percorso “rigoroso” e “nel pieno rispetto delle prerogative e dell’autonomia” dell’Istituto. Una linea “pienamente condivisa” tra Quirinale e palazzo Chigi. Queste parole – ferme, per quanto di circostanza – arrivano da autorevoli fonti di entrambi i due Palazzi, che hanno in mano il boccino della nomina del nuovo governatore. Nomina che, dal 2006 (crack di Banca Italia a causa della rovinosa gestione di Fazio e riforma dell’istituto, da allora non più nominato ‘a vita’, come i Papi), spetta ai due organi: il governo, su suggerimento del ministro del Tesoro e dopo una rosa proposta dall’Istituto stesso, propone e il Colle, dopo aver vagliato, il nome o i nomi, dispone.

E così l’ipotesi di una conferma dell’attuale numero uno, Ignazio Visco, “torna a ridiventare l’opzione più probabile”, dicono le stesse fonti. Ma il cdm potrebbe anche prospettare al Capo dello Stato una terna di nomi con dentro, oltre a Visco, due soluzioni interne molto forti: il direttore generale Salvatore Rossi e il vice direttore generale Fabio Panetta. Sarebbe il Colle, a quel punto, a doversi assumere in toto l’onere della scelta. Ma è proprio da qui che arrivano tre diverse considerazioni.

La prima è che Mattarella, che stava vagliando soluzioni alternative a Visco, ora sa che se confermare il governatore è complicato, molto più complicato, dopo l’improvvida mossa della mozione parlamentare del Pd che lo ha a dir poco “irritato”, è diventato non confermarlo. “L’Europa ci guarda” è l’ossessione (benigna) di Mattarella e il suo cruccio è che “l’indipendenza dell’Istituto sia salvaguardata”. Al Quirinale pensano, però, che la matassa debba scioglierla Gentiloni non prima di un chiarimento con il suo partito, il Pd. In questo paradossale gioco dell’oca, dunque, già si torna alla casella di partenza. E, cioè, al rapporto  – teso, nonostante alcuni parziali schiarite: Gentiloni salirà, sabato, sul treno di Renzi  – tra il premier e il segretario.

Il governo ha rinviato lo scottante dossier al cdm del 27 ottobre, ma non può andare oltre (Visco scade il 31 ottobre quando terrà il discorso alla Giornata del Risparmio) e potrebbe anche anticipare la scelta di qualche giorno. A palazzo Chigi fanno i vaghi: si limitano a dire che “tutte le soluzioni (riconferma di Visco, sua sostituzione con uno dei vice, ndr) sono sul tavolo” mentre persino Renzi finge di dire che “qualsiasi decisione verrà presa dal governo la rispetterò atto né devo dare consigli a Paolo”.

Pietose bugie, certo. E Visco? “Il governatore è tranquillo e al lavoro” raccontano fonti di BankItalia, dove si vuole dare l’idea di una squadra coesa che lavora sempre in modo collegiale sui dossier che è come dire: “Le responsabilità sui crack delle banche popolari, se ci sono, ma non ci sono, sono di tutto il direttorio, non solo sue”. Certo è che “Visco c’è” né intende ritirarsi dalla corsa ad auto succedersi. Anzi, crede di avere ancora molte carte da giocare. Il governatore, in queste ore, sta limando tre discorsi di commiato: il primo sarà una cerimonia tutta interna all’Istituto, ad usum dei dipendenti, ma che terrà alla presenza di tutto il Direttorio; poi c’è l’intervento ufficiale alla Giornata del risparmio, suo ultimo appuntamento ufficiale il 31 ottobre (ultimo giorno, per fatalità, di un mandato lungo sei anni); infine, la sua audizione, già concordata con il presidente Casini, nella neonata commissione parlamentare d’inchiesta sulle banche. Audizione che potrebbe diventare esplosiva, per quello che ha in mente di dire il Governatore ma che comunque si terrà dopo il 31 ottobre.

Ieri, non a caso, il presidente del Pd, Matteo Orfini, duro con Visco forse quasi più di Renzi, ha annunciato l’invio di una lettera proprio a Casini per “de-secretare tutti gli atti di BankItalia” . Un modo per dire – come ha ribadito, ieri sera, Renzi da Firenze – che “è allucinante dire che qualcuno è intoccabile, nessuno può esserlo”. Tantomeno Visco. E se la scelta cadesse sul dg, Salvatore Rossi, assai gradito a Renzi? “Ignazio e Salvatore sono amici da una vita, i loro rapporti sono eccellenti e tali resteranno” assicurano da via Nazionale. Il terzo nome è quello di Fabio Panetta: il vicedirettore di BankItalia “si sta battendo come un eroe”, dicono insieme banche (il tifo del capo di Banca Intesa San Paolo per Panetta non è, da questo punto di vista, indifferente) e imprese, con la Bce di Draghi sulla delicata questione dei crediti deteriorati. Dunque, chi la spunterà tra Visco stesso, Rossi e Panetta? Ancora pochi giorni e si saprà.

NB. Articolo pubblicato il 22 ottobre 2017 a pag. 2 del Quotidiano Nazionale. 

 

Caso Visco, parziale disgelo tra Renzi e Gentiloni. Il toto-nomi per BankItalia

Quirinale - Paolo Gentiloni è il Presidente del Consiglio incaricato

Il nuovo premier, Paolo Gentiloni, al Quirinale

Ettore Maria Colombo – ROMA

BankItalia? “Non parlo neanche sotto tortura: è un compito che spetta, in parte, al governo. Non faccio indiscrezioni”. Formalmente, il premier Gentiloni se la cava così, mentre si trova a Bruxelles per il consiglio europeo, sul caso politico della settimana. Ma come si sa il fuoco cova sotto la cenere. Anche sulle tensioni tra lui e Renzi prova a glissare: “Tutte le opinioni sono legittime e i rapporti tra il governo e il Pd sono ottimi, ma noi decidiamo con in mente l’obiettivo, non per buona creanza. L’autonomia dell’istituto è un valore in sé e per i mercati, sono cose serie”. Chi ha orecchie intenda, sembra dire, ma il ‘gelo’ calato nel rapporto tra il premier e il segretario del suo partito si sta, lentamente, sciogliendo. Gentiloni, che non l’ha mai amata, ha difeso pure la Boschi. Ieri premier ed ex premier si sono sentiti più volte, anche se al telefono: “Quello che dice Paolo lo sottoscrivo, retwitto Gentiloni”, ironizza il leader dem dal suo treno in viaggio. Renzi, ormai, rivolge le sue ire ad altri attori della spy story, tipo la ministra Finocchiaro: ha autorizzato la divulgazione della chat su What App tra lei e i deputati della mozione Orlando. “Pensa di lavarsi la coscienza così, la carina – dicono i suoi – A presto!”. Velata minaccia da “scordati pure una ricandidatura”, anche se lei già ha detto che non la chiederà. Ma anche la presidente della Camera Boldrini è finita nel tritacarne renziano: “Perché invece di predervela con noi che abbiamo presentato la mozione – dicono  i fedelissimi del segretario – non ve la prendete con chi ha permesso che la nostra mozione, per dire di quelle ben più dure della nostra di M5S e Lega, fossero ammesse?”.

Il ministro Orlando e i suoi (Martella, Misiani, etc) pure sono pure nel mirino del segretario: “Attendiamo con ansia – sibilano i renziani – che, dopo tutti questi attacchi, i cento deputati di Orlando pretendano i loro cento collegi sicuri!”. Lo scudiscio del ministro Calenda, invece, non fa più male: lui è dato per perso alla causa del Pd e alleati, come Pisapia, che a sua volta critica Renzi su BankItalia mentre Mdp e SI chiedono al governo di venire a riferire subito alla Camera, il che accadrà la prossima settimana. Ma cosa dirà Franceschini, tornato dagli Usa? Attaccherà, di nuovo, e anche lui il segretario? Ieri, per dire, lo ha fatto la ministra alla Difesa Pinotti, a lui vicina, mentre persino un ‘cane da riporto’ come il vicesegretario e ministro Martina ha espresso dubbi su Renzi, non foss’altro perché, a sua volta, non ha mai saputo quello che il Capo stava preparando. I nemici interni (le minoranze) ed esterni (Prodi, Pisapia) di Renzi aspettano il redde rationem del 5 novembre: sanno che le elezioni siciliane andranno male, per il Pd, e sperano che Renzi, dopo la Waterloo siciliana, sarà costretto, se non proprio a fuggire a Sant’Elena, almeno ad andare a Canossa e concordare con loro le liste. Solo che si sbagliano: Renzi deciderà tutto da solo e già spiega che”le farò coi nomi della società civile”. Il che vuol dire, appunto, che i posti ‘sicuri’ per i suoi oppositori saranno pochi. Del resto, anche se sarà ammaccato, con il Rosatellum le candidature le decide solo lui.

Ma cosa sarà del futuro di BankItalia? Tre sono i nomi in pole position. La riconferma di Visco, per quanto goda del pieno sostegno del Colle, della Bce di Mario Draghi e della Ue, è data in calo perché sono sempre di più le voci che si levano non solo in sua difesa, ma anche in suo attacco, e non solo da parte del Pd di Renzi (Salvini, Grillo, sinistra-sinistra). Mentre salgono, invece, le quotazioni del direttore generale, Salvatore Rossi (piace a Renzi, o almeno così lui dice ai suoi, come pure a Gentiloni) e del vicedirettore, Fabio Panetta, dal profilo tecnico, le cui quotazioni sono date come ‘stabili’. Certo è che, quando, il prossimo 27 ottobre, Paolo Gentiloni riunirà il consiglio dei ministri per presentare al Quirinale una rosa (così dice la legge: il cdm propone, il Quirinale dispone), tale rosa sarà ristretta a questi tre nomi: in ogni caso, una soluzione interna, non esterna. Inoltre, si ragiona tra palazzo Chigi e Colle, “Visco è troppo compromesso, troppo esposto e troppo sotto attacco. L’intero Parlamento, di fatto, si è schierato contro di lui e la commissione sulle banche (presidente né è Casini, ndr) rischia di diventare un vaso di Pandora che gli farà solo male”. Per paradosso, alla fine, Renzi potrebbe averla vinta.

NB: L’articolo è pubblicato a pag. 4 del 21 ottobre 2017 sul Quotidiano Nazionale. 

 

Caso Visco, Renzi tira dritto e insiste: “Tutti sapevano e comunque io sto con i risparmiatori, non con le banche”

renzi sul treno

Il segretario dem Matteo Renzi sul treno

Ettore Maria Colombo – Roma

“Il Pd è un partito di sinistra – dice, secco, il leader Matteo Renzi, ospite della trasmissione di Lilli Gruber su La 7, Otto e mezzo – e se deve scegliere tra stare dalla parte di governatori e banchieri o dei risparmiatori e del ceto medio, starà sempre con questi ultimi”. Sta in questa frase la chiave di volta per capire come Renzi intende affrontare la campagna elettorale che sta per aprirsi. “Matteo – spiega un alto dirigente del Nazareno – ha deciso che i voti li dobbiamo strappare a grillini e leghisti. Ai partiti ‘popolari’, non alle elites. La gente si deve ricordare che noi stiamo dalla loro parte, coi risparmiatori, non coi banchieri che li hanno fatto fallire”. Ecco perché – come spiega in serata il leader del Pd ai suoi, dopo aver registrato una puntata nello studio della Gruber – “non solo non mi tiro indietro, ma rilancio. Pensano di impedirmi di tornare al governo, si sbagliano. Piuttosto non ci torno. Sono nato rottamatore: io rompo, non medio”. E la rottura conclamata con Gentiloni e con Mattarella? “Ricuciremo, vedrete, con tutti”. In più, alcuni renziani lasciano correre l’illazione che Gentiloni e Mattarella ‘sapevano’.

A latere, ma grosse come grattacieli, restano in piedi le macerie. L’attacco a Visco che Renzi giudica “non una lesa maestà”. E le reazioni di chi si è schierato a difesa del governatore: quasi tutti, ma non Silvio Berlusconi, cosa di cui Renzi si compiace non poco. E resta in piedi anche un busillis che appassiona tutti i retroscena. Quello da “Dieci piccoli indiani”: chi sapeva, ed è complice, del tentativo di assassinio (politico) di Visco dai vertice di BankItalia? Renzi non ha dubbi: “Il governo non era solo informato, a partire da Gentiloni”, dice a QN, “ma era d’accordo”. Da palazzo Chigi arriva subito, di mattina, una, gelida, freddissima, nota di smentita che nega le “ricostruzioni di vario segno uscite oggi sui giornali”. Una nota stile “respingete gli attacchi da qualunque parte provengano” come il comunicato del maresciallo Badoglio l’infausto 8 settembre 1943.

Chi è stato, dunque, non a ordine (Renzi) ma avallare il delitto? E la Boschi ha davvero fatto tutto da sola con la sua gelida manina? “Scaricano tutto su Maria Elena – ribolle Renzi con i suoi – perché fa gioco addossarci le colpe per Banca Etruria, una piccola banca, ma nessuno parla delle popolari venete che hanno gettato sul lastrico migliaia di risparmiatori”. E pubblicamente rincara la dose: “Stiamo discutendo da 48 ore di una cosa su cui tutti erano informati, da Rosato alla Finocchiaro”, sibila Renzi a La 7. E così è servita pure la Finocchiaro, che si diceva “indignata e furibonda”: “Anna si è chiusa in stanza per ore con Rosato per limare la mozione” è la versione di Renzi, stanco delle “veline altrui”. Gentiloni –aggiunge poi – mi ha chiamato martedì pomeriggio per dirmi che c’erano dei punti da cambiare e noi l’abbiamo cambiata”. Vero, i cronisti sul treno del leader lo avevano capito: quando il viaggio per l’Italia di Renzi, il primo giorno, aveva fatto tappa a Civita Castellana, il leader dem si era appartato al telefono con Gentiloni. Telefonate e ore drammatiche, L’intervento del sottosegretario Baretta che, in Aula della Camera, ci mette una pezza a colori e ‘smussa’ la virulenza della mozione, serve a poco. Gentiloni si sente tradito e offeso, dalla Boschi – che lo ha tenuto all’oscuro di tutto – come da Renzi. Lo stesso Rosato, cui spetta di argomentare nell’ufficio di presidenza del gruppo, mentre la minoranza di Orlando ribolle e schiuma rabbia, viene descritto come “molto provato”. Alcuni sostengono che neppure alcuni fidatissimi uomini di Renzi nel Pd sapessero. Ed è vero. Fino al giorno prima, lunedì, nessuno ne sapeva niente, della mozione, tranne tre persone: Renzi, Boschi e Lotti (più Bonifazi), cioè un ex premier, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio e un ministro del governo Gentiloni. Gentiloni ha saputo tutto martedì. Persino Rosato è dovuto scendere dal treno di Renzi di corsa per avallarla prima dentro l’ufficio di presidenza del gruppo Pd, poi in Aula. Certo è che a difendere Renzi restano in pochissimi, oltre ai suoi: Franceschini, negli Usa, tace, Orlando attacca duro, altri pure, solo Orfini si ri-schiera a sua difesa. E Lorenzo Guerini che dice: “Il Pd ha solo chiesto una valutazione libera di quanto è successo. Nessun attacco all’autonomia di BankItalia, ma nessun timore nel dare giudizi”. Parole misurate, diplomatiche ma la tempesta resta. Renzi tirerà dritto, anche se Gentiloni confermasse Visco: “Non la vivrei come una sconfitta”, assicura, ma crede che così proprio non sarà.

NB: L’articolo è stato pubblicato il 20 ottobre 2017 sul Quotidiano Nazionale a pag. 4

 

Caso Visco. Mattarella, Gentiloni, mezzo governo e mezzo Pd: “Tutti contro Renzi”

NB: sull’attacco al governatore di BankItalia Ignazio Visco da parte del Pd con la mozione parlamentare di lunedì scorso sul @quotidiano.net si può leggere intervista a Matteo Renzi firmata da @davidenitrosi caporedattore del Politico del Quotidiano Nazionale (L’intervista di QN l leader del Pd Matteo Renzi 

http://www.quotidiano.net/economia/renzi-bankitalia-1.3473852). Sullo stesso sito, le reazioni degli altri protagonisti della vicenda, a partire dalla smentita di Gentiloni. 


Quirinale - Paolo Gentiloni è il Presidente del Consiglio incaricato

Il nuovo premier, Paolo Gentiloni, al Quirinale

1. Caso mozione Pd contro il governatore di BankItalia Visco. Tutti contro Renzi: mezzo governo e mezzo Pd parlano di “atti inaccettabili” 

Ettore Maria Colombo – ROMA

 

Mattarella e Napolitano, presidente in carica e presidente emerito. Mezzo governo, da Padoan (“Non ci posso credere”) a Calenda (“Non parlo per carità di patria”), senza dimenticare Franceschini che ribolle e si macera, seppure in silenzio. Mezzo partito: non solo la minoranza interna (Orlando, Cuperlo, etc.), ma pure pezzi di maggioranza dem ‘non renziana’. Il capogruppo dem al Senato, Luigi Zanda, uomo delle istituzioni, è furibondo.  E il premier Gentiloni, nonostante il silenzio glaciale, anche. 

 

Tutte le opposizioni che lo attaccano come l’intera sinistra (Pisapia, Mdp con Bersani particolarmente duro). Walter Veltroni che stigmatizza e Prodi che basta immaginarselo. Tutti schierati contro il leader dem per la sua messa in discussione del ruolo e del futuro, in scadenza, del governatore di BankItalia, Ignazio Visco. Ieri difeso da tutti, da Casini a Gianni Letta e oltre. E’ partito un gioco ormai classico, quello del “tutti contro Renzi”, gioco che al leader dem è costato molto, nel recente passato. La sconfitta al referendum istituzionale del 4 dicembre, tanto per dire.

 

Il giorno dopo, immancabile, parte la geremiade dei timorosi. “Matteo, ma chi te l’ha fatto fare? Così abbiamo messo tutto il mondo istituzionale, politico, bancario e finanziario contro il Pd!”. Esponenti dem di alto grado e lignaggio sono “sconcertati”, se non profondamente “irritati”. Stile Mattarella di ieri, per capirsi. Insomma, il ‘Renzi solo contro tutti’, sul caso Visco, “non ci aiuta – dicono al Nazareno come nei ministeri presidiati da big del Pd – “anzi ci rende molto più difficile proporci come forza di governo”. E la considerazione dei renziani ortodossi (Boschi, Lotti, Bonifazi: il ‘giglio magico’, insomma) che “solo così strapperemo sempre più armi elettorali ai grillini e ai sovranisti” non consola i big dem.

 

Inoltre, a spargere sale sulle ferite, c’è un altro dato: la mozione del Pd, quella “prima versione”, dai toni ancora più duri, era conosciuta solo nel giro più stretto del renzismo. Mezzo governo ne era all’oscuro – tranne la sottosegretaria Boschi, che l’avrebbe ‘dettata’ alla sua fedelissima e prima firmataria della mozione parlamentare dem, Silvia Fregolent,  tre quarti di Pd pure. Della tempesta perfetta che stava per scatenarsi sapevano in tre: Renzi, il “giglio magico” in quanto tale (Lotti, Bonifazi, Richetti), ormai da tempo un’entità a sé, e il capogruppo Pd alla Camera Rosato, forse il vice Guerini. La ministra ai Rapporti al Parlamento, Anna Finocchiaro, è “furibonda” perché – dice lei, ma il giorno dopo – “non sapevo nulla”, la presidente della Camera, Laura Boldrini, cade a sua volta dalle nuvole (ma le mozioni passano tutte sulla sua scrivania, prima di essere discusse, qualcosa doveva sapere), l’ufficio di presidenza del gruppo dem alla Camera non c’era o, se c’era, dormiva e un deputato dem, il romano Miccoli, raggiunge l’apoteosi del tartufismo politico e vince il premio faccia di bronzo dicendo che “ho votato una cosa che non ho capito, chiedo scusa a tutti”.

 

In ogni caso, le reazioni di rigetto sono proporzionate alla gravità dell’atto. Veltroni è glaciale: la mozione Pd è “incomprensibile e ingiustificabile”. Poi, in Transatlantico, il suo braccio destro, Walter Verini, spiega “Veltroni parla per difendere l’istituzione di BankItalia”, ma le parole di Veltroni feriscono, e molto, Renzi. Napolitano parla di “cose deplorevoli”. Zanda, che ieri ha parlato fitto fitto con Gentiloni per venti minuti, nell’aula del Senato, scudiscia: “Mozioni così meglio non farne”. L’area del ministro Orlando, tramite il suo portavoce, Andrea Martella, chiede la convocazione dell’assemblea del gruppo “perché bisogna fare chiarezza su un percorso non lineare”, ma i buoi sono scappati e fare un’assemblea a posteriori su un voto già dato suona, francamente, abbastanza ridicolo.

 

Chi resta a difendere il soldato Renzi in pubblico? Il renzianissimo senatore dem Andrea Marcucci e pochissimi altri (tipo Rosato). Parla, però, il presidente del partito, e leader dei Giovani turchi, Orfini: “La mozione l’ho condivisa e l’abbiamo limata con il governo. Comunque, certe reazioni mi sorprendono: solo il Papa è infallibile per chi crede e Visco non è il Papa” sibila. Già, peccato che, da ieri, Visco in Italia sia diventato più intoccabile del Papa.

NB: L’articolo è uscito sul Quotidiano Nazionale a pagina 2 del 19 ottobre 2017. 


mattarella

Sergio Mattarella, XII presidente della Repubblica italiana

2. L’irritazione e lo sconcerto del Quirinale per l’attacco di Renzi e del Pd a Visco. 

Non ne sapevamo nulla. Abbiamo letto della mozione del Pd sulle agenzie”. Clic. Dire che il Capo dello Stato è “sconcertato” e “irritato” per l’attacco a freddo, e del tutto imprevisto, che il Pd ha portato al governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, è dire poco.
Eppure, Mattarella ha ‘coperto’ il Pd, sulla nuova legge elettorale. Al prezzo di dover subire una campagna – pressante, fastidiosa e peraltro solo agli inizi – contro il Rosatellum delle opposizioni. Le quali giudicano “incostituzionale” la nuova legge e che, presto, andranno a manifestare la loro contrarietà proprio sotto il Colle al grido di
“Mattarella non la firmare!”. Morale: un atto di stupidità unito a un atto di scorrettezza è, per il Colle, davvero inaccettabile.

Certo, il governo Gentiloni ha provato – e, in parte, è riuscito – a ammorbidire la mozione presentata dai dem su richiesta di Renzi, ma è dal Presidente della Repubblica che arriva l’altolà più deciso. “Le prese di posizione riguardanti la Banca d’Italia – spiega il Quirinale in una nota concessa, in esclusiva, all’agenzia Reuters, agenzia di stampa estera, tanto per stare a significare quanto al Colle ritengano grave la mossa del Pd per le sue possibili ripercussioni sui mercati italiani e, soprattutto, internazionali – devono essere ispirate ad esclusivi criteri di salvaguardia dell’autonomia e dell’indipendenza
dell’Istituto nell’interesse della situazione economica del nostro Paese e della tutela del risparmio degli italiani e che a questi principi si deve attenere l’azione di tutti gli organi della Repubblica, ciascuno nel rispetto del proprio ruolo”. Insomma, tradotto dal ‘quirinalese’, il Colle, nella precisa persona di Mattarella, è “sconcertato e irritato”.

Fuori dall’ufficialità del comunicato, per quanto duro esso sia, ambienti vicini al Capo dello Stato spiegano così la sua irritazione: “Uno. La mossa del Pd è una scorrettezza istituzionale. La nomina di Visco non passa dal Parlamento e la mozione è solo una non richiesta e inutile invasione di campo. Due, arriva nel momento sbagliato perché –
spiegano le stesse fonti – proprio in queste ore, giorni e mesi abbiamo un contenzioso aperto, e molto difficile, con la Ue, in particolare sul delicato tema dei crediti deteriorati.  Terzo – e qui la fonte del Colle si fa quasi amara – se qualcuno pensava di convincere Visco a non restare al suo posto, e in fondo lui stesso aveva fatto capire che non avrebbe fatto le barricate, ora è impossibile rimuoverlo. Visco resta dov’è. Bravi, bel risultato”.

L’altro, paradossale, risultato è che la querelle tra Pd e BankItalia è scoppiata ieri mentre Renzi era in viaggio per la prima tappa del suo viaggio per l’Italia. Il leader dem prima si è limitato a dire “per me parla Richetti” , ma il portavoce della segreteria dem è stato
altrettanto duro e via così: per l’eterogenesi dei fini, lo scontro tra Pd e BankItalia ha coperto, mediaticamente, tutti i temi del treno di Renzi. Oltre, appunto, a far “irritare”,  e molto, il Colle.

NB: L’articolo è stato pubblicato a pag. 3 del Quotidiano Nazionale il 18 ottobre 2017