Renzi presenta il suo programma economico, si compone il mosaico delle candidature: Gentiloni a Roma, Minniti a Pesaro, Boschi a Firenze, Padoan a Siena

 

Pubblico di seguito diversi articoli usciti nei giorni scorsi sul Quotidiano Nazionale e riguardanti il Pd: programma economico, obiettivi, candidature, liste, problemi annessi. NB: Gli articoli sono pubblicati in ordine temporale decrescente dall’ultimo all’indietro.

 

Renzi e Orfini parlano alla Direzione del Pd

  1. Il programma economico del Pd lo ha scritto Tommaso Nannicini: “poche tasse, molto spendi”.

 

Ettore Maria Colombo – ROMA
Le principali misure contenute nei “dieci punti” che sta per lanciare Matteo Renzi, il suo programma economico, sono racchiuse in testo la cui presentazione ufficiale è stata rinviata alla Direzione dem che si terrà giovedì o venerdì. Lì, però, l’attenzione di tutti sarà solo su liste e candidature: collocati i big (Padoan a Siena, per dire), rinunciato a correre l’immunologo Burioni, resta l’incertezza del collegio in cui si candiderà la Boschi, oltre ad almeno un paio di listini proporzionali (sicuro il Trentino più Calabria o Campania): Firenze città (sempre alla Camera, dovrebbe essere Firenze 3, quello del Mugello) o Grosseto (escluse Pisa, Livorno, Siena e, ovvio, Arezzo)? Renzi, peraltro, assai preoccupato dalle voci e lamentazioni che salgono dal Pd bolognese ed emiliano avrebbe deciso di ritornare sui suoi passi per contrastare al meglio le mosse di LeU: a Bologna 1 Senato non correrebbe più Casini, che i dem locali non vogliono al punto da aver messo in moto una vera rivolta di base, che verrebbe dirottato alla Camera, ma la segretaria uscente dello Spi-Cgil Carla Cantone, new entry (insieme a Paolo Siani in Campania e Lucia Annibali in Lombardia) in quota ‘società civile’ del Pd renziano. Anche perché LeU, a Bologna centro, al Senato schiera l’ex governatore dell’Emilia, Vasco Errani, ancora amato e popolare. Inoltre, sempre in funzione anti-LeU, Renzi ha deciso di dirottare Piero Fassino dal Piemonte all’Emila per sfidare, nella quota proporzionale, Pier Luigi Bersani in una sfida dal sapore rusticano, cioè di due ex segretari dei Ds.   
Il programma, invece, è un lavoro, sotto la supervisione politica del vicesegretario Martina, coordinato e redatto da Tommaso Nannicini: professore di economia alla Bocconi, al governo da sottosegretario di Renzi, oggi membro della segreteria dem, si considera solo ‘prestato’ alla Politica e a QN dice: “L’Università e mia moglie sono contrari alla mia candidatura. Deciderò nelle prossime 48 ore” (pare proprio accetterà: sarà capolista nel proporzionale in Lombardia 2).
I ‘dieci punti’ di Nannicini (e di Renzi) non prevedono nessun annuncio eclatante, ma molte novità strutturali. Si parte con il salario minimo “legale” per i lavoratori fuori dai contratti collettivi (sono il 15-20%): avranno otto euro l’ora, ma la cifra la stabilirà una commissione indipendente. Sarà “stabile” (un punto l’anno, dal 33% al 29%) il taglio del cuneo contributivo sul lavoro a tempo indeterminato. La legge Fornero resta, ma si punta a rendere “strutturale” l’Ape sociale e la novità del Pd è la pensione “di garanzia” per i giovani: chi lavora con diverse forme contrattuali e, dalla riforma Dini (1995) in poi, ha il regime contributivo, avrà diritto a un assegno “minimo” di 750 euro mensili. Per i figli – questa la novità cui Renzi tiene e su cui punta  – ci sarà un assegno “universale”. Uno strumento unico di aiuto graduato in base al reddito, all’età e al numero dei figli che funzionerà così: 240 euro mensili per ogni bimbo da 0 a 3 anni, 170 euro ai figli nella fascia 3-18 anni e 80 euro per quelli tra i 18 e i 25 anni. Il contributo è “universale”, dice Nannicini, ma solo per i redditi fino a 100 mila euro l’anno. Una vera rivoluzione che cambierebbe l’intero sistema: tutti gli attuali bonus finirebbero in una “Carta universale dei diritti” a scalare che, come in Francia, li assorbe e agevola. Una famiglia da 35 mila lordi annui di reddito con due figli sotto i tre anni potrebbe risparmiare fino a 3700 euro annui.
Inoltre, Renzi ha chiesto, e Nannicini approntato, un piano straordinario di reclutamento di 10 mila giovani ricercatori, lo sblocco del turn over per 500 mila giovani dentro la PA, un piano straordinario per il tempo pieno nelle elementari. Non manca l’allargamento del reddito di inclusione, il Rei, per renderlo strutturale, un piano per la non autosufficienza (da finanziare con un contributo straordinario delle imprese) e, infine un nuovo sistema fiscale che valorizzi il “contrasto d’interesse” con lo slogan “scaricare tutti, scaricare tutto” che potrebbe anche tradursi in “pagare meno, pagare tutti”.
Come pagare, appunto, il tutto? Nannicini non ha dubbi: “Salario minimo e minori tasse non costano nulla, i 9 miliardi di bonus ai figli con la riduzione delle spese di bene e servizi”. In ogni caso, il piano “meno tasse e più spendi” del Pd costerebbe circa 30 miliardi all’anno, tutto compreso. Tanti. E qui si entra nel tema delle regole imposte dalla Ue: “indichiamo un piano di riduzione del debito pubblico sul Pil al valore del 100%, ma facendo più deficit di quello programmato. Senza sforare il rapporto deficit/Pil al 3%, come chiede Bruxelles, ma facendolo salire lentamente”. Riduzione dei vincoli slow, cioè, se Bruxelles si convince.
NB: L’articolo è stato pubblicato il 23 gennaio 2018 su QN. 
_________________________________________________________________________________________

 

 

Il nuovo premier, Paolo Gentiloni, al Quirinale

2. Gentiloni nel collegio “poco sicuro” di Roma 1, l’accordo con i tre nanetti (che vogliono i seggi “blindati”) è fatto, Renzi lancia gli “Stati Uniti d’Europa”.

 

Ettore Maria Colombo – ROMA
Ieri mattina, a Milano, Matteo Renzi ha chiuso la convention del Pd lanciando l’idea – non nuova – degli “Stati Uniti d’Europa”. Di tutto il discorso di Renzi, dai forti accenti e dallo stile macroniano, ha colpito il paragone (peraltro, già avanzato da Berlusconi, in questa campagna elettorale) tra le elezioni politiche del 2018 e quelle del 1948 (si votò il 18 aprile, tra poco fanno 70 anni e il Cavaliere vuole festeggiarli in grande stile…). “Il 4 marzo”, dice Renzi, che cita la tesi di tal politologo Sergio Fabbrini, allievo del ben più famoso Giovanni Sartori, “sarà cruciali nel processo di riforma europeo come il 1948, quando si decise la collocazione dell’Italia nel fronte occidentale e europeo”.
Eppure, anche ieri è stata, nel campo del centrosinistra, la giornata non del leader dem, ma dell’attuale presidente del Consiglio. Paolo Gentiloni, detto ‘er Moviola’, si sveglia rinfrancato. Un sondaggio Ipsos lo indica come il politica italiano più gradito (44% dei consensi), tallonato solo da Emma Bonino (41%), con tutti gli altri leader di partito a distanze siderali. A chiudere la classifica, manco a dirlo, è Renzi (23%) battuto pure dalla Meloni. L’ex premier, però, ha deciso di fare di necessità virtù, anche perché, come spiega ai suoi, “Paolo da solo vale due milioni di voti”. Morale, quando Renzi, dopo la convention milanese, va negli studi di Sky per farsi intervistare, nega ogni “gelosia o invidia” con Gentiloni, ammette che “abbiamo caratteri e stili di lavoro diversi”e, saggiamente, spiega: se io cercassi di ‘gentilonizzarmi’ o lui cercasse di ‘renzizzarsi’ faremmo una frittata entrambi, ma abbiamo un grande legame”.
Ma ecco che si materializza la notizia, quella della candidatura di Gentiloni nel collegio di Roma 1, alla Camera, ufficializzata non da Renzi, ma proprio dall’attuale premier con un bel post su Facebook. Certo, Gentiloni mette le mani avanti per tutelare, almeno un po’, il suo ruolo istituzionale: “La mia sarà una campagna elettorale particolare. Sarò impegnato per far vincere il mio partito, ma lo farò senza sottrarre nulla ai fondamentali impegni di governo”. Il collegio in cui si presenterà Gentiloni è quello del centro storico della Capitale che comprende anche quartieri popolari (Testaccio, Trastevere, San Lorenzo) e della Roma bene (Prati, Trionfale). Gentiloni sa che è un collegio non “sicuro”, per il Pd, ma ricorda che “è la parte di città in cui abito e lavoro da una vita”. Ovviamente, e a scanso di equivoci, Gentiloni sarà blindato, cioè inserito in più collegi plurinominali: di sicuro nelle Marche, dove i dem locali lo vogliono per rilanciare l’emergenza terremoto e ricostruzione, più Lazio, Lombardia, Puglia. Forse non pago, però, Gentiloni rende ufficiale – lui – che l’accordo tra il Pd e la lista ‘+Europa’ capeggiata dalla Bonino è cosa fatta. Dovrebbe dirlo, in realtà, chi ci ha lavorato e faticato tanto: il povero Fassino (sarà candidato a Torino 1 collegio e nel listino proporzionale del Piemonte: per lui non vale nessun tetto ai tre mandati, la super-deroga già c’è, bella pronta), e il buon Guerini (collegio di Lodi e listino in Lombardia), invece lo fa Gentiloni.
E così il centrosinistra 3.0 avrà ben quattro gambe. I Radicali europeisti di Bonino, Magi e Della Vedova (tre collegi sicuri per loro più altri due per Tabacci e Sanza, due ex dc), che appoggeranno Gori in Lombardia e Zingaretti in Lazio, portando in dote i loro voti. I “Civici e Popolari” della Lorenzin (collegio blindato in Toscana) e di Casini (collegio uninominale blindato a Bologna) e Dellai (candidato nel suo Trentino, dove il Pd è alleato ancehe con la Svp-Patt che garantisce la vittoria in tutti i collegi uninominali), più un altro paio che i ‘popolari’ dovrebbero riuscire a strappare, nonostante la Lorenzin voglia correre, da sola, in Lazio contro quel Zingaretti che non l’ha voluta nell’alleanza di centrosinistra, ma che correrà, come lista ‘Popolari’, al fianco di Gori in Lombardia.  E, infine, la lista ‘Insieme’ (Psi-Verdi-ulivisti): è la più piccola delle tre, quindi avrà solo tre collegi uninominali sicuri: uno per Nencini, ma non in Toscana (forse nelle Marche), uno per Bonelli (idem) e uno in quota “ulivista”. Non per Giulio Santagata, prodiano e portavoce della lista Insieme: proprio lui ha chiesto un seggio per Serse Soverini, storico amico di Prodi e organizzatore instancabile del primo Ulivo e del suo pullmann. E ora, al Nazareno, sperano che, sul centrosinistra, arrivi pure la benedizione del Prof.
NB: L’articolo è stato pubblicato il 21 gennaio 2018 sul Quotidiano Nazionale 
___________________________________________________________________________________________
Lotti e Boschi

Lotti e Boschi alla cerimonia del giuramento del governo Gentiloni

3. Minniti correrà in un collegio delle Marche, Boschi in Toscana, Gentiloni a Roma
Ettore Maria Colombo – ROMA
Si vanno configurando, come in puzzle, le candidature delle “teste di serie” del Pd in giro per l’Italia. Il leader dem ieri si è chiuso tutto il giorno al Nazareno con i suoi ‘facilitatori’: Lorenzo Guerini (che correrà nella sua Lodi e in Lombardia), il vicesegretario Martina (Lombardia 2 al proporzionale e Bergamo città), il ministro allo Sport Lotti (si candiderà nel suo collegio storico, quello di Empoli-Valdarno) e Piero Fassino, che tornerà a gareggiare nella sua Torino e nel suo Piemonte (tutti e cinque alla Camera, peraltro, i citati). Il rebus dei dem assomiglia in parte a un gioco da tavolo e, in parte, a un dramma shakespeariano: “Collegi sicuri? Non ne abbiamo più, sono tutti insicuri, ormai” sospira, infatti, un alto big del Nazareno. Eppure, urge trovare la quadra sulle candidature e stringere i bulloni con gli alleati. Sono quattro: la Svp-Patt (che almeno garantisce la vittoria nel Trentino Alto-Adige) e tre piccoli ‘nanetti’. I Radicali di ‘+Europa’ della Bonino, i ‘Civici e Popolari’ della Lorenzin e le tre sigle pulviscolari (Psi-Verdi-Ulivisti) di – sic – ‘Insieme’ (li guida Santagata). Il programma, invece, è a buon punto: domenica a Milano Renzi ne dirà, oggi, in una convention dedicata agli Stati Uniti d’Europa, i principali dieci punti su “cento punti”.   
E veniamo alle teste di serie del Pd, ministri in testa: Renzi li utilizzerà, in campagna elettorale, in modo massiccio. Il premier, Gentiloni, correrà nel collegio Camera di Roma 1. Certo, si tratta di un collegio ad alto rischio sconfitta, il che creerebbe non pochi imbarazzi a lui (e a Mattarella, il quale però fa sapere di non interessarsi in alcun modo su dove correrà il premier o altri esponenti di primo piano del governo), ma Renzi non ha voluto sentire ragioni: “Paolo vale, da solo, un milione di voti, lo dicono i sondaggi. Deve spendersi anche in un collegio”. Gentiloni, pur scettico, ha acconsentito (“Roma è casa sua”, sospirano i suoi), ma ha ottenuto anche di scegliere, nella parte proporzionale, le regioni dove correre: saranno Lazio, Puglia e Marche.
La scelta delle Marche deriva dal fatto che il sindaco di Pesaro nonché responsabile Enti Locali del Pd, Matteo Ricci, è un renzianissimo, ma anche un politico ben consapevole dei tanti problemi legati alla ricostruzione del post-terremoto nelle sue terre. Ricci ha perciò chiesto “un segno tangibile” dell’impegno del governo. E, nella stessa logica di ‘tutela’ del territorio –sarà candidato nelle Marche anche il ministro dell’Interno, Marco Minniti. Rifiutatosi di correre nella sua città natale, Reggio Calabria (da lui perso più volte, in passato, nelle sfide col centrodestra), Minniti avrà dunque un collegio blindato. Infatti, per sua fortuna, i dem marchigiani (sia quelli del collegio di Fano-Senigallia che di quelli di Pesaro-Urbino) ne hanno chiesto a gran voce la presenza dati “i suoi risultati sull’ordine pubblico”. Minniti probabilmente correrà nel collegio uninominale di Pesaro e Urbino, sempre alla Camera, e in più listini proporzionali (certi la Lombardia e la ‘sua’ Calabria).
Sempre parlando di collegi uninominali e non di listini, per quanto riguarda la squadra di governo, il ministro all’Economia, Padoan, correrà a Siena per cercare di fronteggiare al meglio gli scandali bancari, Franceschini a Ferrara, Delrio a Reggio, Orlando a La Spezia, la Pinotti a Genova, la Fedeli in Toscana, etc. (solo Finocchiaro e Poletti hanno tolto l’incomodo da soli decidendo di non ricandidarsi). L’ex ministra Boschi, infine, rischierà l’ordalìa nella sua Toscana: o in una città minore o a Firenze. In questo caso in teorico tandem con Renzi, che si candiderà nel collegio senatoriale di Firenze 1, mentre per il proporzionale verrà schierata in Trentino e Calabria.
 
NB: L’articolo è stato pubblicato il 20 gennaio 2018 sul Quotidiano Nazionale
_________________________________________________________________________________________
Annunci

Il Pd annaspa tra sondaggi in calo, l’assalto dei questuanti sui seggi, la rivalità Renzi-Gentiloni, le deroghe. Tre articoli tre

 

NB; Pubblico qui di seguito tre articoli usciti negli ultimi tre giorni sul Quotidiano Nazionale che parlano di Pd, Renzi, Gentiloni, liste e candidature nel Pd e i suoi alleati. Gli articoli sono pubblicati in ordine decrescente, cioè in testa il più recente e dopo gli altri. 

Matteo Renzi parla alla kermesse di Rimini

Renzi a Rimini – Assemblea Nazionale Amministratori Locali del Pd (28/01/2017)

1, Nel Pd è partita la caccia al seggio sicuro, il guaio è che i seggi ‘sicuri’ sono pochi. 
Ettore Maria Colombo – ROMA
Ieri è andata in onda una scenetta singolare, nel ‘dietro le quinte’ dell’assemblea dei mille amministratori dem che si è chiusa a Torino. Uno spingi-spingi un po’ patetico che ha costretto il segretario a rinchiudersi, prima del suo intervento conclusivo, in uno stanzino del Lingotto e a fuggire via dal Lingotto subito dopo. La causa della operazione in semi-asfissia che Renzi ha dovuto subire è l’assalto all’arma bianca cui i tanti (troppi) aspiranti al seggio sicuro lo hanno sottoposto. Per sua fortuna, Renzi ha potuto dispiegare, dopo, un discorso roboante e tutto giocato all’offensiva su quasi tutti i temi pubblici. Ha affondato il coltello contro i 5Stelle che governano, “con il modello Spelacchio”, le giunte “fallimentari” di Roma e Torino (nel Pd sono convinti che entrambe le sindache, Raggi e Appendino, non reggeranno un altro anno di più e che presto si tornerà al voto con buone chanches di riprendersi quelle due amministrazioni), ma anche contro “il centrodestra modello Spread e modello Arcore di venti anni fa” (e qui ‘la favola dimostra che’ Renzi inizia ad attaccare Berlusconi, dopo anni di reciproco appeasement). Ma se la gara vera Renzi la vuole fare contro i 5Stelle perché il suo principale obiettivo è stabilire quale sarà non la prima coalizione (il centrodestra, ormai è fuori di dubbio), ma il primo partito italiano (e qui la lotta è tra Pd e M5S), perché, davanti a Mattarella, nelle consultazioni, la cosa vale più di qualcosa, l’unica notizia davvero ‘politica’ in un discorso infarcito di citazioni colte (don Benedetto Croce e alcuni economisti obamiani che solo Renzi e Obama conoscono…) è il tentativo di piazzare l’amico Gentiloni al centro del ‘suo’ Pd. Lo schema, ormai, lo hanno capito tutti, i retroscena non servono: l’“attacco a due punte”  e la “partita di squadra” (“Non è importante chi va a palazzo Chigi, conta sia il Pd”).
Eppure, il vero cruccio di Renzi coincideva, anche ieri, forse per l’eterogenesi dei fini, proprio con l’oggetto dell’assalto subito dai tanti, troppi, questuanti dem. Infatti, se è vero, come ricorda, che “i leader i sondaggi li cambiano, non li inseguono” (qui la citazione, assai cattiva, è per il risultato del Pd conseguito nel 2013 a guida Bersani che “dilapidò una vittoria che aveva già in tasca perdendo 11 punti in un mese”, ricorda Renzi, anche se va ricordato che il Pd, nel 2013, prese il 24,5% alla Camera, ma il 27,4% al Senato), è anche vero che il leader dem batte e ribatte, ogni giorno, con i suoi, sempre sullo stesso punto: “Bisogna conquistare i voti collegio per collegio, voto per voto. E anche da chi non sarà candidato mi aspetto impegno, anzi il doppio”. (ecco, auguri…).
D’altronde, con sondaggi da “sprofondo rosso” (ormai il Pd è quotato al 23,4% e continua a scendere), gli aspiranti al seggio – che hanno tanti difetti, ma non sono stupidi – si sono fatti due conti, guarda caso gli stessi che si fanno pure al Nazareno. I collegi uninominali “sicuri”, quelli di fascia A, si contano sulle dita di una mano: sono 50 alla Camera e 25 al Senato. Certo, solo solo 1/3, i collegi uninominali. I restanti 2/3 i partiti li prendono sui listini proporzionali e qui il Pd dovrebbe, in teoria, farla da padrone, rispetto agli altri partiti, ma anche qui, invece, le più rosee previsioni dem parlano di 110/115 deputati e 55/60 senatori ‘sicuri’, non di più. La somma fa 160/170 deputati e 75/80 senatori, 240/250 parlamentari in tutto, tenendo come ‘base’ di partenza il 24% pieno di Bersani nel 2013 che peraltro al momento già pare un sogno (allora i parlamentari eletti furono, anche se solo grazie al premio di maggioranza abnorme del Porcellum, 400). Il destino di molti, se non di tutti, gli aspiranti al seggio si fa dunque assai incerto, anche se al Nazareno contano di recuperare, nella fascia B (i “contendibili”) 20/30 seggi Camera e altrettanti 20/30 al Senato, mentre per i seggi di fascia C (quelli “persi”) c’è appunto poco da fare.
E così, alla fine, Renzi – esasperato dai mille postribolatori – ha tagliato corto con tutti: “Il solo deputato dem che avrà un collegio sicuro si chiama Paolo Gentiloni”. La disperazione si è dipinta sul volto di molti, ma Renzi non scherzava. Non a caso, mercoledì prossimo, quando si terrà la prima, attesissima, Direzione del Pd sul tema liste, in realtà la discussione si fermerà ai prolegomeni. Renzi, peraltro, vorrebbe parlare solo di programmi (ha preparato, con Gentiloni, “I cento punti” di cose fatte dai due governi, pure il suo). Il punto dolente saranno, invece, le ‘deroghe’: nel Pd, per Statuto, non puoi essere ricandidato se hai completato tre legislature (intese come 15 anni in totale e, per la gioia dei derogandi, senza dover contare le varie interruzioni). Ma Renzi ha ribadito il concetto: “I soli che avranno le deroghe di default sono Gentiloni e tutti i ministri” (Franceschini, Orlando, etc.) mentre “tutti gli altri” (i vari Fioroni, Bressa, etc., ma non Luigi Zanda, che non ne ha bisogno) dovranno sudarsela, la deroga, chiedendola al loro Regionale di riferimento. Già si immaginano scene da suburra romana, tipo nel Lazio, con Fioroni che porta le sue truppe cammellate del Viterbese per farsi dare la tanto agognata deroga (Fioroni è in Parlamento dal ’92…) mentre le contro-truppe cammellate del Reatino e del Pontino si oppongono in nome dei loro relativi pupilli che aspirano a un seggio. Ci sarà da divertirsi.
NB: L’articolo è stato pubblicato sul Quotidiano Nazionale del 14 gennaio 2018 
___________________________________________________________________________________________
Quirinale - Paolo Gentiloni è il Presidente del Consiglio incaricato

Il nuovo premier, Paolo Gentiloni, al Quirinale

2. Gentiloni si prende la scena a Roma e a Torino: il candidato premier del Pd è lui. 
Ettore Maria Colombo  – ROMA
Scena prima di Paolo Gentiloni premier e, da ieri, anche e soprattutto candidato in campo del Pd in teoria per «fare squadra» con Renzi ma, in pratica, per continuare a fare il premier se il Pd dovesse «non vincere», ma almena «pareggiare» le prossime elezioni. La scena si svolge al teatro di Adriano, piazza di Pietra, cuore della Roma politica e pure della Roma ‘bene’ che beve, ama e riceva in quel ‘salottino’ chic che è piazza di Pietra. Il Pd capitolino, super-gentiloniano, ha preparato l’appuntamento con la massima cura. L’incontro si chiama «Una Costituente per Roma» e il regista dell’operazione è Roberto Giachetti. Ex sfidante (sconfitto, al ballottaggio) della Raggi, Giachetti, ormai, non è più renziano (anzi, ne è diventato un critico, ancorché leale, in qualche modo, con Renzi), ma è tornato a essere  il capo della «colonna romana» del «partito di Gentiloni». Partito che godrà di diversi posti, nel prossimo Parlamento: lui, la Bonaccorsi, Realacci, altri ancora.
Il parterre, anche senza la presenza di Gentiloni, sarebbe de roi. C’è il ministro Delrio, cattorenziano assai critico, il fondatore della comunità di Sant’Egidio, Andrea Riccardi, che a Roma ‘vale’ quanto un partito, il presidente del Coni, Giovanni Malagò (idem) e il ministro Carlo Calenda. Il quale alle Politiche non si candida, ma si sta spendendo per aiutare il Pd a “chiudere” l’accordo con i Radicali di Bonino, Magi e Della Vedova, partito che peraltro voterà. Calenda è tornato in «luna di miele» con il Pd e persino con Renzi. Lui, e soprattutto Gentiloni, vogliano puntare su Calenda come sfidante della «fallimentare» esperienza di governo della Raggi, se verrà condannata e costretta alle dimissioni, come nel Pd romano sono, peraltro, assai convinti, nel giro di un anno. Obiettivo riconquistare la Città Eterna, ma il colpo alla Raggi lo sferra il «mite» Gentiloni.
«Roma – è la staffilata del premier che lo dice col suo solito mood piano e mite, ma con fermezza– non è una città che si possa governare semplicemente cercando di gestire la sequela di emergenze che si presentano. Non sempre ci si riesce, come è evidente. Sia perché sono tante e complicate, sia perché oggi non c’è efficienza…». Un affondo pesante che non dipende solo dal fatto che proprio Gentiloni dovrebbe candidarsi nel collegio uninominale di Roma 1, oltre che in due listini proporzionali (Lazio e Lombardia).
No, è proprio il nuovo ruolo, tutto «politico», di Gentiloni ad andare in scena. Un ruolo che, da premier «neutrale» è stato, da poco, interamente rivoluzionato, dai suoi due fidati spin doctor, due ex renziani (Sensi e Funiciello). Obiettivo, fargli acquisire lo status del «capo» politico a tutto tondo di quella che proprio Gentiloni definisce la «sinistra di governo». A capirlo aiuta la scena seconda in onda, in serata, a Torino, dove il Pd ha riunito i suoi mille amministratori locali. C’è anche Renzi, che concluderà i lavori oggi, ma la scena, intanto, se la prende tutta ‘Paolo’. Fa un lungo discorso che provoca l’entusiasmo delle folle (si fa per dire) della platea democrat: plaude alla Grosse Koalition appena rinata in Germania, dice che «Noi dobbiamo essere europeisti convinti e fare la campagna elettorale per più Europa», attacca, senza nominarla, la «sinistra che ha paura della sfida del governo», tira in mezzo quei poveri ‘nanetti’ (Radicali, Ulivisti e Popolari) che il Nazareno disprezza, incitando il Pd a quella logica «coalizionale» che piace tanto a Prodi e a Veltroni, ma che a Renzi fa schifo. Infine, sprona i democratici dicendo loro «i giochi non sono fatti, possiamo vincere». Traduzione: ‘Matteo, dì che sono io il candidato premier del Pd e, forse, questa tua barca che fa acqua da tutte le parti la raddrizziamo…’.
NB: L’articolo è stato pubblicato il 13 gennaio 2018, pag 2 del Quotidiano Nazionale 
____________________________________________________________________________________________
3.  Sfilata dei segretari regionali al Nazareno: i ‘paracadutati’ non li vuole nessuno. 
Ettore Maria Colombo – ROMA
In teoria, i venti segretari regionali del Pd, uno per regione, sono tutti renziani. In pratica, però, presentandosi al Nazareno per discutere di candidature, liste e posti spettanti (collegi sicuri e non) a ogni regione ognuno di loro ha detto la sua e, per il Nazareno, sono stati dolori.
C’è chi, come il segretario regionale dell’Emilia-Romagna, Paolo Calvano, ha fatto presente che “Noi emiliani non abbiamo alcuna intenzione di svenarci per dare tutti e solo seggi sicuri a candidati paracadutati da altre liste (i tre ‘nanetti’, ndr.) o dal Nazionale. Di sacrifici non possiamo mica farne troppi”. Il problema riguarda sia i tanti bei nomi della società civile che Renzi vuole in lista, sia i seggi blindati da garantire ad ‘alleati’ che c’è il serio rischio non facciano alcun quorum. Solo in Emilia, per dire, il Nazareno vuole piazzare Lorenzin (a Modena), Casini (a Bologna) e Galletti (non si sa dove…) per la lista ‘Civica e Popolare’, Magi per i Radicali (la Bonino, invece, andrà in Piemonte). In Toscana c’è Nencini (Psi), nelle Marche Bonelli (Verdi), sempre a Bologna, per gli ulivisti, il prodiano Santagata. Per far posto a tutti loro, qualcuno nel Pd deve rinunciare al posto sicuro. E questo, ai segretari regionali, forti nei territori, non sta bene. La segretaria dem campana, Assunta Tartaglione, ha “preso atto” delle richieste del Nazareno e risposto, serafica, “apriremo l’istruttoria”, che vuole dire tutto e niente perché da lei, in Campania, vuole ricandidare tutti i parlamentari uscenti. In più un posto spetta ‘di diritto’ a Piero De Luca, il figlio del governatore Vincenzo, ras a Salerno e in regione. De Luca, non pago, vuole mettere in lista i suoi consiglieri regionali tra cui Franco Alfieri, assurto alle cronache per promettere voti in cambio di “fritture di pesce”. Infine, ma il Nazareno smentisce seccamente la voce, ci sarebbe stato un vero ‘ammutinamento’, da parte di diversi segretari regionali dem (Trentino, Calabria, etc. etc. etc.) contro la ventilata candidatura dell’ex ministro Boschi. Solo il segretario regionale della Toscana, Dario Parrini, uomo temprato nel ferro e nell’acciaio, ha detto di sì a tutte le richieste del Nazionale (del resto lui è renzianissimo). E così sia la Boschi che molti altri big del renzismo militante (Bonifazi, Marcucci, Ermini e sicuramente anche la Boschi) troveranno nella terra di Dante e Petrarca il loro rifugio.
Non a caso, ieri, al Nazareno, dove di solito sono assai loquaci, regnava un silenzio tombale che neppure il Pci di Togliatti. Del resto, Renzi ha intimato a tutta la sua task force sui collegi: “basta parlare ai giornalisti delle candidature, queste cose ci fanno solo perdere voti”. La war room è, ovviamente, capitanata da Renzi in persona e composta da pochi nomi (tutti già eligendi, ovviamente), peraltro tutti maschietti. Sono i ministri Lotti e Martina, il portavoce della segreteria Richetti, il presidente dem Orfini e la vera longa manus di Renzi, il coordinatore Guerini. I cinque ‘angeli della Morte’ (per gli altri), in via del tutto eccezionale, erano accompagnati da due rappresentanti delle due minoranze (che valgono, numericamente, assai poco e avranno collegi per quanto valgono: il 19% e il 9%). Il braccio di ferro, appena iniziato, dentro il Pd, sulle liste elettorali si concluderà con due Direzioni nazionali che ratificheranno tutte le scelte (la prima il 17 gennaio, la seconda il 25), ma è appena iniziato. 
NB: L’articolo è stato pubblicato sul Quotidiano Nazionale del 10 gennaio 2018.
___________________________________________________________________________________________

Pd, rebus liste. I segretari regionali non vogliono i ‘paracadutati’. Renzi sprona i ministri a ‘metterci la faccia’ nei collegi

1. Rebus liste, l’Emilia avverte Renzi: “Non vogliamo invasione di paracadutati”. Vertice con i segretari regionali. In Campania spunta il figlio di De Luca e il re delle “fritture di pesce”…
Renzi e Guerini

Matteo Renzi e Lorenzo Guerini alla Camera

Ettore Maria Colombo – ROMA
In teoria, i venti segretari regionali del Pd, uno per regione, sono tutti renziani. In pratica, però, incontrando i vertici del partito al Nazareno, ieri ognuno di loro ha detto la sua. C’è chi, come il segretario regionale dell’Emilia-Romagna, Paolo Calvano, ha fatto presente che “Noi emiliani non abbiamo alcuna intenzione di svenarci per dare seggi sicuri a candidati paracadutati da altre liste (i tre ‘nanetti’, ndr.) o anche dal Nazionale. Di sacrifici non possiamo mica farne troppi…”. Il problema riguarda sia i tanti bei nomi della società civile che Renzi vuole in lista, sia i seggi blindati da garantire ad ‘alleati’ che c’è il serio rischio non facciano alcun quorum (senza l’1% non portano seggi né a loro, ovviamente, né alla coalizione, invece se prendono tra l’1% e il 3% non eleggono nessuno ma portano voti e seggi al Pd). Solo in Emilia-Romagna, per dire, il Nazareno vuole piazzare Lorenzin, Casini e Galletti, nomi di punta della lista ‘Civica e Popolare’, la quale chiede almeno sei/otto seggi sicuri, Magi per i Radicali (la Bonino, invece, andrà in Piemonte) e Della Vedova ancora non si sa, sempre che si chiuda l’accordo tra Pd e ‘Forza Europa” (lista assai più esosa: il singolare duo di guida Bonino-Tabacci ne vuole 10). In Toscana, per la lista ‘Insieme’, c’è Nencini (Psi) da paracadutare, nelle Marche bisogna fare spazio a Bonelli (Verdi), in Emilia a Santagata (ulivisti), ai quali però – più parchi – bastano solo sei posti. Per far posto a tutti loro, certo è che qualcuno nel Pd dovrà rinunciare a seggi sicuri. Senza dire di un dato di fatto ulteriore, e cioè che Renzi vuole imporre tanti bei nomi della “società civile”. I quali saranno anche tutti nomi “eccellentissimi”, come spergiurano al Nazareno, ma che a oggi sono già più di dieci e pare che lieviteranno almeno a venti: anche per loro servono altrettanti seggi sicuri blindati nelle zone rosse.
E tutto questo, ai segretari regionali, forti nei territori di appartenenza, non sta bene. La segretaria dem campana, Assunta Tartaglione, per dire, ha “preso atto” delle richieste del Nazareno e risposto, serafica, “apriremo l’istruttoria”, che vuole dire tutto e niente: lei, in Campania, vuole ricandidare tutti i parlamentari uscenti, tranne Salvatore Piccolo, ma solo perché quest’ultimo ha già detto che non si ricandida… In più un posto spetterà ‘di diritto’ a Piero De Luca, il figlio del governatore Vincenzo, ras nella sua Salerno come in tutta la sua regione. De Luca, non pago, vuole in lista anche molti consiglieri regionali a lui afferenti, tra cui Franco Alfieri, assurto agli onori delle cronache per promettere voti in cambio di “fritture di pesce”. Infine, ma il Nazareno smentisce seccamente la voce, ci sarebbe stato un ‘ammutinamento’, da parte di diversi segretari regionali dem (Trentino, Calabria, etc.) contro la ventilata candidatura dell’ex ministro Maria Elena Boschi. Solo il segretario regionale della Toscana, Dario Parrini, uomo temprato nel ferro e nell’acciaio delle polemiche anti-renziane, ha detto di sì a tutte le richieste del Nazionale, ma lui è renzianissimo. E così sia la Boschi che molti altri big del renzismo militante (Bonifazi, Marcucci, Ermini, ovviamente Lotti e sicuramente anche la Boschi, pur non essendo chiaro ancora dove: di certo non nella sua Arezzo, più probabile Lucca o Grosseto, di certo non a Firenze, dove già si candiderà Renzi, anche se al Senato, nel collegio di Firenze-Scandicci) troveranno nella terra di Dante e Petrarca il loro rifugio.
Certo è che, ieri, al Nazareno, dove di solito sono sempre assai loquaci, regnava un silenzio tombale che neppure il Pci di Togliatti. Del resto, Renzi ha intimato a tutti loro: “basta parlare ai giornalisti delle candidature, queste cose ci fanno solo perdere voti”. La war room è, ovviamente, capitanata da Renzi in persona e composta da pochi nomi (tutti già eligendi, ovviamente), peraltro tutti maschietti. Sono i ministri Luca Lotti e Maurizio Martina, il portavoce della segreteria, Matteo Richetti, il presidente dem Matteo Orfini e la vera longa manus di Renzi sull’intero dossier candidature, il coordinatore della segreteria Lorenzo Guerini. I cinque ‘angeli della Morte’ (per gli altri, si capisce), in via del tutto eccezionale, erano accompagnati anche da due rappresentanti delle due minoranze (che valgono, numericamente, assai poco: il 19% l’area di Orlando, Dems, il 9% l’area di Emiliano). Il braccio di ferro dentro il Pd sulle liste si concluderà con due Direzioni nazionali che ratificheranno tutte le scelte (la prima il 16 gennaio, la seconda il 25), ma è appena iniziato. 
NB: L’articolo è uscito il 10 gennaio 2018 a pagina 10 del Quotidiano Nazionale
______________________________________________________________________
2.  Renzi sprona i big e i ministri del Pd: dovete “metterci la faccia” e candidarvi anche nei collegi, non solo nei listini proporzionali. La Boschi correrà in Toscana. 
Il ministro Boschi

Il ministro alle Riforme Maria Elena Boschi (Pd)

Ettore Maria Colombo – ROMA
Da giorni, al Nazareno, suona l’allarme rosso. Sulla soglia nazionale che toccherà al Pd, certo (Renzi, ieri sera, in tv, ha fissato l’asticella al 25% di Bersani alle Politiche 2013, risultato su cui, peraltro, andrebbe fatta chiarezza: il Pd prese il 24,5% alla Camera, ma il 27,4% al Senato) e, soprattutto, sulle sfide one to one nei collegi uninominali. Perso in gran parte, se non tutto, il Nord, evaporato il Sud, inabissate le Isole, reggono solo le regioni rosse (Emilia e Toscana, ché già Umbria e Marche pencolano assai) e il Trentino (solo perché là vince la Svp, secolare alleata del Pd) più qualche collegio sparso nelle città più grandi (Milano, Torino,  Roma e, ovviamente, Bologna e Firenze). La war room ormai permanente insediatasi al Nazareno (ne fanno parte, oltre a Renzi, il presidente Orfini, il coordinatore Guerini, i ministri Lotti e Martina), ha deciso, perciò, di correre ai ripari in due modi. Il primo è di definire i collegi uninominali secondo le tre fasce classiche in cui definiscono i collegi tutte le forze politiche (la prima è “sicuri”, la seconda “perdenti”, la terza “incerti”), ma che saranno definite e riempite solo l’ultimo giorno con i relativi candidati. Renzi, infatti, vuole riservarsi di vedere chi, in quei collegi, indicheranno gli avversari per farvi meglio fronte.
La seconda è una decisione politica già gravida di nubi e di possibili scontri tra il partito di Renzi e quello dei vari big, detto anche partito dei ‘ministeriali’ perché comprende tutti i ministri targati Pd. Le regole d’ingaggio decise dal Nazareno e comunicate ai big sono chiare: “Carissimi, va bene la vostra candidatura in più listini proporzionali, il che vi assicura la rielezione, ma bisogna portare tutti la croce. Dovete andare nei collegi, metterci la faccia e rischiare”. L’esempio che viene portato dai renziani doc è quello del vero ascaro di Renzi, il vicesegretario e ministro Maurizio Martina: “Lui – spiegano al Nazareno – si candiderà in Lombardia, nel proporzionale, e pure nel collegio uninominale di Bergamo, sfida persa in partenza”.
Il discorso vale anche per il premier, Paolo Gentiloni. I suoi – ma anche il Capo dello Stato, Mattarella – vorrebbero preservarlo per il futuro – cioè per rimanere al suo posto, a capo di un governo, pur dimissionario o addirittura con un nuovo incarico – ed evitargli l’onta di una possibile sconfitta in un collegio: ecco perché vorrebbero che corresse solo in due (o tre) listini del proporzionale (Lazio, Piemonte). Ma Renzi – che ieri in tv, dalla Gruber, ha lodato Gentiloni ed ha ammesso che “la differenza tra vittoria e sconfitta la farà il nome del premier: se sarà del Pd, la vittoria sarà del Pd” – non vuol sentire ragioni: “Caro Paolo, devi metterci la faccia anche tu in un collegio”.
Il premier, dunque, dovrà correre anche nell’uninominale, e lo farà a Roma centro, Padoan andrà a Milano, Franceschini a Ferrara, Delrio a Reggio, Orlando a La Spezia e via così. Ma mancano ancora molte caselle, tipo quella di Minniti, che non vuole correre nella ‘sua’ città, Reggio Calabria, dove il seggio uninominale è considerato perso in partenza, per il Pd. In ‘sofferenza’ e sui carboni ardenti restano due ministri che non sono mai piaciuti a Renzi e ai renziani: la Fedeli, imputata di tutti i peggiori disastri in merito alla disastrosa riforma della ‘Buona Scuola’, che ha fatto arrabbiare tutti, docenti e discenti, e Poletti, titolare del welfare, ritenuto troppo ‘moscio’, poco combattivo. Solo di dove si candiderà il segretario, Matteo Renzi, si sa tutto: correrà nel collegio uninominale del Senato di Firenze-Scandicci (si chiama Firenze 1) e in due liste proporzionali (Lombardia e Campania) o forse anche in tre. Regna ancora un alone di mistero, infine, sul caso Boschi: ieri sera, in tv, Renzi ha detto che l’ex ministra sarà candidata anche lei con il doppio binario, cioè collegio e listino, ma è ancora in alto mare il ‘dove’. Di certo non a Firenze, dove appunto c’è già Renzi, mentre Luca Lotti batterà la provincia fiorentina, e quasi sicuramente non Arezzo, sua città natale, dove rischia la rivolta. Possibile che l’ex ministra finisca a Lucca o a Grosseto collegio, più in due listini ‘sicuri’ (Toscana e Campania).
 
NB: L’articolo è stato pubblicato sul Quotidiano Nazionale del 9 gennaio 2018. 
___________________________________________________________________

Il Pd, in panico da sondaggi, serra le fila. Resta il problema: dove e come candidare la Boschi?

Lotti e Boschi

Lotti e Boschi alla cerimonia del giuramento del governo Gentiloni

Pubblico qui due articoli che riguardano il Pd e il caso Boschi: il primo uscito oggi, 22 dicembre 2017, e il secondo ieri, 21 dicembre 2017, sempre sul Quotidiano Nazionale.
1. Pd in allarme per i sondaggi. La domanda è: dove la candidiamo la Boschi?
Ettore Maria Colombo – ROMA
“Sono una che non si arrende” dice ai suoi amici ‘Meb’, alias Maria Elena Boschi, che ieri non si è sottratta ai flash. Prima i funerali di Matteoli, poi il voto di fiducia alla Camera: serena, sorridente, non ha lasciato trasparire il minimo dubbio sul suo futuro e sul suo ruolo. Sarà candidata in Toscana, questa, però, è la sua unica certezza: sia in un collegio che nel listino proporzionale. C’è però chi scommette che verrà candidata ‘solo’ in un collegio, quello di Arezzo, per farle sfidare gli elettori senza il paracadute del listino. C’è chi dice, invece, che verrà blindata e messa solo nel listino perché “se la candidiamo in un collegio, Arezzo o un altro, opposizioni e media non le darebbero tregua”. Matteo Renzi taglia corto in pubblico (“La Boschi sarà candidata”) e pure in privato (“Una stupidaggine non metterla in lista e “una stupidaggine” mandarla al massacro solo in un collegio senza il paracadute del listino perché sarebbe un’ordalìa o un Giudizio di Dio per lei…).
Anche il ministro Luca Lotti, che avrebbe espresso dubbi a una sua ricandidatura, alla cena di Natale organizzata dalla sua fidata deputata, Covello, inzeppata di parlamentari amici di Meb, pur se senza di lei, si è presentato sorridente insieme a Rosato e Guerini. Morale: la Boschi sarà candidata in un collegio e nel listino, al 99% in Toscana. Come ricorda il segretario dem locale, Parrini, “in regione ci sono 21 collegi, 14 alla Camera e 7 al Senato. Sono pronto a scommettere che li vinceremo tutti”. Anche se, nel Pd, c’è chi non dispera che la stessa ‘Meb’, durante le vacanze di Natale, possa maturare un – clamoroso e, in questo caso, del tutto singolare e personale – ‘passo indietro’ che toglierebbe l’intero Pd d’impaccio dal dover sostenere la sua ‘madonna pellegrina’ che, durante la campagna elettorale, sarà certo sottoposta all’ennesimo crucifige
Resta che il Pd è ancora oggi in modalità ‘pugile suonato’. I sondaggi sono brutti. Per Youtrend il Pd è crollato al 24,1%. I dem si auto-consolano e rilanciano il sondaggio di Swg che li quota al 25% (ma Swg tratta sempre bene il Pd) e i sondaggi di Vespa (quelli di Ghisleri e Piepoli) che mettono la forchetta al 24-25%.
In ogni caso, urge correre ai ripari. L’altro ieri sera Renzi, appena tornato a Roma, ha tenuto una riunione fiume che, iniziata alle 18 è finita a notte fonda, intorno alle 23. I pochi presenti – oltre a Renzi c’erano il coordinatore della segreteria, Lorenzo Guerini, il presidente del partito, Matteo Orfini, il plenipotenziario Piero Fassino, il ministro Luca Lotti, il vicesegretario Maurizio Martina  – fanno parte del nuovo ‘gabinetto di guerra’ dem. Un ‘gabinetto’ cui è stato riammesso, ieri, dopo lo scivolone del fuori onda in cui ‘inguaiava’ il segretario criticandolo aspramente, Matteo Richetti: con Renzi ha vagliato lui i ‘temi’ su cui impostare la campagna elettorale. Questi sei golden boy di Renzi decideranno le sorti dei troppi parlamentari uscenti (380) e delle possibili new entry. Sentite, ovviamente, “le istanze territoriali” – spiega Parrini – “i circoli, i segretari di federazione, i segretari regionali”. Una fictio giuridica, in realtà: il lavoro sui collegi inizierà, prova a rassicurare il Nazareno, “solo dal 27 dicembre”, ma di uomini e alleanze i golden boy di Renzi discutono e si arrovellano da giorni. L’idea è quella di forgiare un gruppo compatto, omogeneo e composto, in prevalenza, solo da fedelissimi. Gli altri big (l’area di Franceschini, oggi, ha 90 parlamentari, Orlando la bellezza di 120, solo Emiliano ne ha pochi, 10) potranno, certo, dire la loro, ma con una certa parsimonia. Inoltre, sul capo di molti big pende il non expedit alle deroghe che chiederanno tutti (Franceschini, Orlando, etc.) e che otterranno di sicuro, causa i troppi mandati fatti finora. Morale: le altre aree non renziane del Pd prenderanno le briciole, in quanto a posti, specie se il Pd non avrà più di 260 parlamentari.
In ogni caso, la Direzione del partito verrà convocata nel… 2018, ma solo intorno al 20-22 gennaio, cioè molto dopo la Befana, nonostante l’area Orlando ne abbia chiesto una convocazione ad horas proprio per discutere del caso Banche e, pure, della Boschi. Eppure, per consegnare le liste resterà assai poco tempo: se si vota il 4 marzo, le liste vanno consegnate 35 giorni prima e, cioè, entro il 28/29 gennaio. Morale: tanti parlamentari dem aspiranti al seggio passeranno un pessimo inizio d’anno, è la assai facile previsione. 
NB: L’articolo è stato pubblicato su Quotidiano Nazionale del 22 dicembre 2017
________________________________________________________________________________________

2. La mail di Carrai a Ghizzoni inguaia anche Renzi e il Pd. Che farà ora Boschi?

Ettore Maria Colombo – ROMA

“E’ quasi finita. Ancora qualche giorno poi questo attacco concentrico contro di me, Maria Elena e il Pd passerà. Ora, finalmente, potremo iniziare a parlare di temi veri, dei progetti che abbiamo per il Paese”. Matteo Renzi ci crede, ne è sicuro, forse prova persino a darsi forza: “Il peggio è passato, andiamo avanti”, dice, mentre parla al telefono, sulla via di ritorno da Firenze a Roma. Ma le preoccupazioni del leader dem sono ancora concentrate sul Calvario che è diventata per lui la commissione Banche.

Ieri è stata la volta dell’audizione dell’ex ad di Unicredit, Fedrico Ghizzoni. Il banchiere,ovviamente, parla della Boschi, ma dice di aver ricevuto, da lei, “interessamenti” e non “pressioni”. Poi tira fuori dal mazzo il jolly: la mail con cui l’imprenditore fiorentino Marco Carrai gli chiede, a sua volta, di Banca Etruria. Apriti cielo. ‘Marchino’ Carrai è l’amico di una vita di ‘Matteo’: risulta, in teoria, ‘solo’ consigliere della Cassa di Risparmio di Firenze, ma ha collezionato cariche e partecipazioni azionarie in municipalizzate, cda, società e affittato casa a Renzi che ha cercato di portarlo a palazzo Chigi con lui come consulente sulla cybersecurity perché Carrai è esperto del ramo e, inoltre, gode di solidi rapporti con Usa e Israele.

Nel Pd renziano, davanti all’in cauda venenum di Ghizzoni, si scatena il dramma nel dramma. Prima i renziani provano a sostenere che le parole di Ghizzoni danno torto a de Bortoli. Orfini attacca: “I giornali sono pieni di fake news contro di noi”. E mentre de Bortoli dice “grazie Ghizzoni, confermi quanto ho scritto”, la Boschi replica: “Le parole di Ghizzoni mi saranno utili nella causa contro de Bortoli”. Siamo alla semantica bancaria, la difesa del Pd si inerpica sul significato delle parole, ma poi esplode il caso Carrai. Qui il Pd si presta a scene comiche come quella del capogruppo dem alla Camera Ettore Rosato, di solito uno assai serio, che dice “Carrai non ha nulla a che fare col Pd”. Il nervosismo è altissimo, i deputati dem sono nel panico, terrorizzati dai sondaggi, i renziani in Transatlantico hanno facce da funerale. Lo stesso Renzi prende le distanze da Carrai e fa sapere che “Marco scrisse a Ghizzoni perché un fondo israeliano, di cui tutelava gli affari, aveva perso soldi in Banca Etruria”. “Le audizioni e ‘Meb’ – mastica amaro una fonte altolocata dem – ci hanno fatto perdere tre punti, nei sondaggi, solo nell’ultimo mese e mezzo (il Pd è quotato al 23-24%, ndr)”. Poi la stilettata sempre dalla stessa fonte, che fa paura: “Siamo nell’angolo e abbiamo il problema che, forse, candidare la Boschi, a prescindere dalla regione e dal collegio specifico, non è la scelta giusta. Parliamone”.

Sembra la ‘caduta degli Dei’. Infatti, nessuno, fino a ieri, metteva in discussione la candidatura dell’ex ministra. Al massimo se ne discuteva il ‘dove’, anche se i dem locali, da Arezzo a Napoli, dal Trentino alla Lucania, ogni volta che spunta il suo nome raccolgono firme contro il suo ventilato arrivo nel loro collegio al grido “Da noi, no”. Renzi continua a ribadire che “Maria Elena non si tocca, il Pd la candiderà. Se lo merita e su questo non transigo”. Ma tanti altri, nel Pd, la pensano all’opposto. I ministri Franceschini, Minniti, etc, sono muti come pesci, sul punto e ormai da settimane, ma riterrebbero le sue dimissioni almeno dal governo Gentiloni, che resterà in carica fino alle elezioni, assai ‘gradite’. Gianni Cuperlo oggi, via intervista, le chiederà “un passo indietro” formale. Infine, l’area del ministro Orlando ieri ha recapitato a Renzi la perentoria richiesta di una Direzione ‘straordinaria’ da convocare ad horas, di certo non a gennaio inoltrato, come è l’intenzione del Pd, per discutere del ‘caso’, ma Orfini sostiene di non aver ricevuto “nessuna richiesta”. ‘Meb’ è diventata un vero ‘ problema’ per il Pd e il Pd non sa ancora come risolverlo.

 

NB: Articolo pubblicato a pagina 3 di Quotidiano Nazionale il 21 dicembre 2017.


Renzi apre, per finta, alla sinistra ma unisce il Pd. La Boldrini ruba la scena a Pisapia. Tre articoli su Pd, Cp e dintorni

Renzi e Orfini parlano alla Direzione del Pd

Pubblico qui gli ultimi articoli usciti sul Pd e scritti tutti per Quotidiano Nazionale (Giorno- Nazione- Resto del Carlino) negli ultimi quattro giorni (11-14 novembre 2017).
1. Renzi apre a sinistra, ma per finta. Orlando si astiene, ma non rompe. Il Pd, per una volta, ritrova la sua unità. Guerini e Fasssino gli ‘esploratori’. 

Ettore Maria Colombo – ROMA

Bisogna intendersi sulla Direzione del Pd tenuta ieri. C’è, da un lato, la parte per i media: quella del Renzi ‘buono’. Apre a sinistra, vuole dialogare con tutti, pronto a discutere pure con chi, anche ieri, lo insulta. Il Renzi che spergiura “Io non voglio essere e non sarò mai il Macron italiano”. Questo Renzi è quello cui sembra credere persino Enrico Letta (da Parigi arriva una sua dichiarazione conciliante), che fa suo l’appello di Veltroni, che può incassare il sorriso di Prodi. “Serve uno sforzo unitario, a partire da me – dice Renzi – e serve responsabilità. Io non pongo veti verso nessuno: Mdp, SI, Possibile, Pisapia, Verdi e Idv, Psi e Radicali (sigle tutte onorati di relativa certosina citazione ad partitinum, ndr). Dobbiamo costruire un centrosinistra il più largo e aperto possibile. Il Pd lo immagino alleato con un’ala moderata, centrista, robusta, e un’ala sinistra altrettanto forte. La svolta Renzi sembra farla persino sui
programmi: “Ius soli e biotestamento dobbiamo cercare di approvarli –
dice – pur senza intralciare la conclusione ordinata della legislatura
che ci chiede Gentiloni (il quale fa sapere di apprezzare “la spinta di Renzi per l’unità”, ndr.), perché sono dei diritti non modi per stringere patti o alleanze con questo o con quello”. (in realtà lo ius soli serve per parlare al popolo della sinistra, il biotestamento a far contenti i Radicali).

‘Questo’ Renzi, quello pubblico, incassa l’unanimità della Direzione
con un voto ‘bulgaro’ di quelli di moda nei Paesi satelliti dell’Urss. “Udita la relazione del segretario, l’ordine del giorno Martina-Guerini è approvato con 165 voti favorevoli, zero contrari (neanche Emiliano, che anzi si dice “entusiasta” di Renzi…, ndr.), 15 astenuti” (su 180 presenti, ndr.)” recita con tono monocorde Matteo Orfini. Diciassette interventi diciassette eppure la relazione del segretario non riceve una critica: non la prodiana Sandra Zampa, che approva, non Franceschini, che  twitta felice (“condivido la relazione del segretario”, appunto), non Cuperlo, che pure lui – l’eterno dissidente malcontento – vota a favore. La sola eccezione al coro di osanna è data dall’intervento di Andrea Orlando. Il ministro alla Giustizia ci va giù durissimo, contro Renzi: lo accusa di non aver voluto discutere della Sicilia, di aver condotto il Pd “in un vicolo cieco” e molte altre nefandezze come, per dire, quella di voler dare vita, dopo il voto, a un governo con Berlusconi tanto che tira in ballo Domine Iddio per chiedere che “Dio ce ne scampi”, manco si trattasse di un prete che deve fare un esorcismo. Però anche Orlando si riallinea: i suoi colonnelli, all’uscita, rilasciano tutti dichiarazioni concilianti verso la relazione di Renzi, da Andrea Martella a Marco Sarracino. E lo stesso Orlando – anche se il suo staff ne occulta le parole quando manda in giro, via WA, alle agenzie, la relazione – ci va giù pesante contro i nuovi punti di riferimento ideali di Mdp, i presidenti di Camera e Senato: “Con Grasso e Boldrini abbiamo creato dei mostri”.

Poi, però, c’è la realtà dei fatti e le ‘vere’ mosse di Renzi. L’apertura a sinistra, per dire, è‘finta’: appaltata all’ultimo segretario dei Ds, Piero Fassino spetterà a lui l’ingrato compito di dare vita a colloqui ‘informali’ che, non appena se ne dimostrerà la totale inutilità, verranno tosto archiviati, anche se Fassino ‘ci crede’ e fa sapere che ce la metterà tutta. Verrà aperto, invece, e sul serio, il dossier ‘rosa’: sindaci come Zedda, i socialisti di Nencini, i Verdi di Bonelli, l’Idv di Messina, quel che resta dei ‘pisapiani’ che, pur delusi da Pisapia, non vogliono imbarcarsi con Mdp (tipo Massimiliano Smeriglio nel Lazio, Capelli a Milano, etc.).

Certo, resta ancora da decidere se, a sinistra, vicino al Pd, ci sarà un listone unico o, appunto, tante micro-liste, i nanetti. L’apertura ‘vera’, quella al centro, è stata invece appaltata al coordinatore della segreteria, l’ex dc Lorenzo Guerini: parlerà fitto fitto, e con successo, invece, già prevedibile, con i vari Casini, Dellai, Alfano (“anche se di Ap resta ben poco”, sospirano ormai i dem, anche quelli più affini e vicini ad Ap) per dar vita a un’alleanza che, almeno al centro, sia più dignitosa e spessa di quella sinistra. In più ci sarà la lista dei Radicali Italiani di Magi e Bonino sotto il nome di ‘Forza Europa’ di Benedetto della Vedova.

E così, alle otto della sera di una fredda giornata romana, Renzi  accoglie il solito Guerini nel suo ufficio al terzo piano del Nazareno e gli sorride: “Hai visto che capolavoro abbiamo fatto?”. Renzi è soddisfatto. Il Pd, per una volta, “non” si spacca. Ma le occasioni non mancheranno. “A dicembre”, calma gli animi Guerini, “affronteremo i nodi candidature e deroghe”, ma Renzi è già alla ricerca di nomi della società civile: il fratello di Giancarlo Siani, giornalista ucciso dalla camorra, e il professor Roberto Burioni, immunologo di fama, noto per le sue battaglie anti-vax.

________________________________________________________

La presidente della Camera dei Deputati, Laura Boldrini

2. Pisapia si semi-ritira e di fatto cede il passo a Laura Boldrini. 
A sinistra è “una poltrona per due”: lei, Laura, o Pietro Grasso?

Ettore Maria Colombo – ROMA

E’ Laura Boldrini la neofrontwomen della Sinistra-Sinistra. Giuliano Pisapia, invece, compie l’ennesimo passo di lato. Alcuni dei suoi militanti sbottano: “Giuliano è tornato sulle posizioni di mesi fa, basta! Laura, invece, è tosta, chiara”. Ingenerosi. I ‘pisapiani’ hanno organizzato la liturgia degli interventi per dare a lei il proscenio migliore in una semi ideale staffetta, o passaggio di consegne, Pisapia-Boldrini.

Siamo in un Auditorium romano freddo e asettico, quello di via Manzoni, dove per oltre cinque ore (sic), si susseguono, senza soluzione di continuità, tanti – troppi – interventi di “Diversa. Proposta per l’Italia”, la conventiondi Cp. E così Campo progressista, sogno di una notte di mezz’estate di Pisapia che voleva dar vita a un ‘nuovo’ centrosinistra, muore in una piovosa giornata romana di mezzo inverno. Pisapia introduce, ma poi non tiene neppure le conclusioni. Le lascia al suo colonnello romano, Ciccio Ferrara, che peraltro dirà quasi il suo contrario: “Il Pd non ci ha dato mai ascolto ma noi saremo comunque alle elezioni, si vedrà con chi”, lasciando aperta la (velleitaria) ipotesi di una lista autonoma, cioè di un ‘Campo’ che va al voto da solo. Pisapia fa un discorso bello, raffinato, ma ambivalente: “L’autosufficienza è un delitto politico (ce l’ha col Pd, ndr). Servono unità e discontinuità (ce l’ha con Mdp, ndr)”. Poi prova a diradare la nebbia: “Siamo tutti ultimi giapponesi. Ora la palla va a Pd e Mdp, decidano, decidetevi”. Insomma, siamo ‘di capo a dodici’, come si dice a Roma. Però, chiede “discontinuità” sulla manovra economica e la “rapida approvazione” di ius soli e biotestamento e sembra che aspetti solo il segnale giusto per fare l’accordo col Pd. Pone una sola condizione: niente alleanze con Alfano&co. Lo fa più per i suoi, in spasmodica ricerca di ricollocazione (a volersi ricandidare ci sono 20 deputati e alcuni senatori) che per sé. Lui, ribadisce alla fine il suo staff milanese, “non si candiderà alle Politiche. Lo ha già detto e così farà”.

La platea è piena,ma è fredda, stanca di tante indecisioni. Si scalda solo quando arrivano gli interventi ‘di rottura’. Persino l’ex diccì Bruno Tabacci, attacca Renzi e non Mdp, a testa bassa. Quando parla la presidente della Camera, Laura Boldrini, scatta la standing ovation: la nuova vestale di Cp è lei. Propone un programma in sei punti che è un concentrato di super-sinistra alla Corbyn e alla Sanders, ma almeno scalda. Il marchio di fabbrica è il ‘laburismo’, la parola d’ordine è“I presupposti per stare col Pd non ci sono. Non siamo la loro ruota di scorta, niente accordicchi!”. Poi Arriva Roberto Speranza, segretario di Mpd, attesissimo: “Accordi col Pd? Un’alchimia elettorale”. Punto. Fine dei giochi. Speranza parla e sorride fitto fitto con la Boldrini. Intese che dicono più delle parole:con lei o con Grasso o tutti e due alla guida, la Sinistra farà una guerra totale al Pd, altro che accordi Renzi-Bersani, che – come dice Bersani tutti i giorni, ormai – “non esistono”. In serata, viene fatto filtrare una telefonata tra Grasso e Boldrini il cui senso è: ‘non c’è nessuna competizione o rivalità tra di noi’. Non è vero, ma va bene… Con Speranza, invece, all’auditorium dove Campo progressista, di fatto, muore in modo triste e melanconico, c’è pure chi fa le liste per Mdp, Nico Stumpo. Sorride a tutti e il suo sorriso sembra dire: ‘Noi vi imbarchiamo, ma è tardi, è rimasta solo la terza classe, arrangiatevi..’. Pochi posti, cioè, nella nascente lista unitaria della Sinistra-Sinistra. Gianni Cuperlo rappresenta, in teoria, il Pd, ma passa il tempo solo, assorto: deve decidere la data del suo personale addio al Pd. Un’altra micro-scissione è alle porte, ma nel Pd. La Sinistra-Sinistra pare unita.

 

________________________________________________________

Matteo Renzi e Lorenzo Guerini alla Camera

3. La Verità lancia un finto scoop: la madre di Renzi è indagata a Firenze. Intanto, però, i problemi di “casa Pd” non finiscono mai…

Ettore Maria Colombo – ROMA

 

Non solo babbo Tiziano Renzi. Anche la madre, Laura Bovioli-Renzi, secondo un giornale (“La Verità”…, sic) sarebbe “indagata”. Per l’avvocato di famiglia, però, non lo è: ha ricevuto solo “richiesta di informazioni e documenti” da parte della Procura di Firenze, Ma l’eco del cognome Renzi può molto. Alcuni siti ‘sparano’ subito la notizia. L’avvocato di famiglia, Federico Bagattini, diffonde un comunicato che specifica quanto avariata sia la ‘ciccia’. E Renzi? La voglia di reagire tanta, ma la risposta migliore, in questo caso, è il silenzio. E non, cioè, la frase che Renzi ripete da mesi ai suoi: “Vogliono colpire me, non i miei, ma io non mollo di un centimetro. Combatterò a viso aperto”.

Ma cosa è successo davvero? Laura Bovoli, mamma di Renzi, è iscritta nel registro degli indagati della procura di Firenze? Per La Verità di Maurizio Belpietro, direttore e testata non certo ‘amica’ del leader, sì: “I due nomi Renzi – scrive – compaiono in contestazioni legate al crack della cooperativa Delivery service Italia, fallita nel 2015. L’ipotesi investigativa – continuaLa Verità – è che a tirare le fila dell’azienda dissestata, come di altre, ci fosse la Eventi 6: ha come presidente e rappresentante, con la figlia Matilde, Bovoli, ed è proprietà delle donne di casa Renzi (Laura all’8%, le figlie Matilde 56% e Benedetta, al 36%)”. La replica del legale di casa Renzi è puntuta e affilata come una lama: “Il presunto scoop de La Veritàrichiama una notizia già uscita oltre un mese fa. Non abbiamo ricevuto avvisi di garanzia, ma la richiesta d’informazioni e documenti in merito al fallimento di una terza società, già presentati. E il procedimento in questione, aperto dai pm di Genova tre anni fa, è stato definitivamente archiviato”.Eppure, il silenzio contagia l’interoinner circle di Renzi: nessun renziano ne vuole parlare, neppure in via informale. Solo il coordinatore della segreteria, Lorenzo Guerini, di solito sempre diplomatico e cauto, sbotta con un collega deputato: “Si tratta solo di un altro tentativo, l’ennesimo, di colpire, attraverso notizie false sulla sua famiglia, Matteo”.

Guerini, peraltro, è indaffarato in altro: tessere la rete dei ‘papabili’, cioè i possibili alleati in coalizione con il Pd. Oggi Giuliano Pisapia, a Roma, scioglierà il nodo su dove andrà il suo Campo progressista (verso Mdp e al 99,9%). Quindi, sul lato sinistra, il Pd non ‘pescherà’ un bel nulla. Lunedì mattina Renzi vedrà la Bonino e i Radicali italiani che però gli pongono molte pregiudiziali e tutte ostative. Alfano spiega che la sua Ap, a costo di subire l’ennesima scissione verso il centrodestra, c’è e che nascerà un polo moderato di centro con Casini, Dellai, De Mita, etc. etc., ma il suo peso specifico resta quello che è: lo zero virgola. Ed ecco che il ministro Graziano Delrio prova a correre ai ripari. Ieri Delrio, intervenendo alla presentazione del libro di Piero Fassino a Reggio-Emilia, sua città natale, ha fatto un’apertura assai importante a Mdp, con parole molto diversa dal mood tipico di Renzi: “Dobbiamo metterci tutti attorno a un tavolo e fare tutti un passo indietro. Per tutti – spiega e insiste Delrio – intendo tutti: noi, Pisapia, la Bonino, ma anche Bersani ed Errani. Partiamo dai contenuti, ma in modo non ideologico”. Parole, quelle di Delrio, per nulla ‘in linea’ con Renzi. Lunedì, in Direzione, il Pd ne avrà di cose da discutere…

 

_________________________________________________________

NB: Tutti questi articoli sono stati pubblicati rispettivamente sabato 11, domenica 12, lunedì 13 e martedì 14 dicembre 2017 su Quotidiano Nazionale 

Elezioni regionali in Sicilia: pronti? Via! Aspettative, progetti e timori del Pd di Renzi ma anche degli altri competitor

Pubblico qui di seguito un articolo quadro sulle elezioni in Sicilia, uscito qualche giorno fa, e uno sul Pd di Renzi in relazione alle elezioni regionali siciliane e al quadro politico. 

NB: I due articoli sono stati pubblicati il primo il I novembre a pagina 10 e il secondo il 4 novembre a pagina 4 sempre, ovviamente, su Quotidiano Nazionale 

Berlusconi/2

Silvio Berlusconi, leader e fondatore di Forza Italia

 

  1. La ‘corda pazza’. Le elezioni regionali in Sicilia e le aspettative dei vari big (l’articolo è stato pubblicato il I novembre 2017 a pagina 10 del QN)

Ettore Maria Colombo  – ROMA

Il centrodestra, se vincerà, diventerà un blocco granitico, unito fino alle prossime Politiche nello schema del tridente FI-Lega-FdI più liste centriste (Udc di Lorenzo Cesa in testa) d’appoggio oppure il ‘patto dell’arancino’ siglato, a uso e consumo dei giornalisti, nella ‘trattoria del Cavaliere’ di Catania tra Berlusconi, Meloni e Salvini (testimoni inconsapevoli e pittoreschi il candidato Musumeci e soprattutto il funambolico Sgarbi) sarà presto solo un ricordo il centrodestra tornerà a dividersi anche alle Politiche? I 5Stelle, se riusciranno nel colpaccio in terra normanna e saracena, espugnandola, troveranno l’abbrivio e per scalare il Potere romano, magari chiedendo l’appoggio della Lega e, chissà, anche della Sinistra di Bersani e Fratoianni con cui ormai ‘flirtano’? Il Pd, se perderà in modo rovinoso, riaprirà la tiritera sulle alleanze, cercando di recuperare con gli scissionisti di Mdp e sulla spinta dei big che assedieranno Renzi imponendosi a suo scapito e magari scalzandolo dalla posizione di candidato premier del centrosinistra oppure Renzi continuerà a imporre se stesso e la sua strategia in vista delle Politiche?

Le elezioni regionali siciliane del 5 novembre sono un test nazionale, ma presentano anche una lunga serie di varianti locali possibili solo in terra di pupi e di pupari. Quella “corda pazza”, per dirla con Leonardo Sciascia, che è sempre stata, appunto, la Sicilia. Prendiamo la legge elettorale isolana. Si vota l’elezione diretta del governatore e, insieme, di 62 componenti dell’Ars, l’Assemblea regionale siciliana. I seggi, assegnati con metodo proporzionale e soglia di sbarramento al 5%, sono ripartiti su base provinciali. Un meccanismo infernale che prevede, per il candidato vincente, solo 7 seggi di ‘listino’ in appoggio (uno va, di diritto, al secondo candidato governatore meglio piazzato). Morale: governare è quasi impossibile, bisognerà fare accordi trasversali (centrodestra con pezzi di centrosinistra, lo scenario più probabile, o 5Stelle che chiederanno appoggio alla sinistra di Fava, scenario non irrealistico). E così i 4,6 milioni di siciliani chiamati alle urne(ma l’affluenza è prevista molto bassa, a circa 2,3-2,5 milioni di votanti) non lo sapranno neanche lunedì mattina, quando si aprirà lo spoglio reale dei voti, chi ha vinto. Dovranno aspettare, rassegnati, che i partiti facciano i loro giochi una volta dentro l’Ars (dove, non dimentichiamolo mai, un consigliere regionale gode dello status di ‘deputato’ nazionale come neppure succede alle regioni con minoranze speciali e guadagna di più).

E i candidati? Quello del centrodestra, Nello Musumeci, è in testa in tutti i sondaggi, riservati e ufficiali, ma ora è in ambascie perché ‘mascariato’ dalle polemiche sulle liste, dove indagati, rinviati a giudizio e condannati abbondano ‘a sua insaputa’. Inoltre, paga il gioco a rimpiattino di Berlusconi e Salvini che, in Sicilia, nell’arco di soli due giorni, prima decidono di farsi lo sgambetto con comizi concorrenti e poi, solo in corner, si ravvedono, pensando che è meglio farsi vedere insieme (a Catania, appunto). Il candidato dei 5Stelle, Giancarlo Cancelleri, si è portato in giro i poveri Di Maio e Di Battista e, sabato, concluderà una campagna elettorale con i fuochi d’artificio a Palermo, alla presenza del leader-non leader dell’M5S, Beppe Grillo.  Cancelleri iniziava a crederci, nella vittoria al fotofinish, ma anche lui sta subendo polemiche sulle liste ‘inquinate’. Il candidato della sinistra-sinistra, Claudio Fava, spera in un sorpasso clamoroso sul candidato del Pd, rivendica di avere le ‘mani pulite’, ed è pronto a fare accordi, dopo il voto, con l’M5S per aiutarli a governare. Scenari anche nazionali. Infine, c’è il candidato di Pd-Ap, il rettore dell’Università di Palermo Fabrizio Micari. Vittima designata di una sconfitta annunciata, è l’uomo sbagliato al posto sbagliato. Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, lo ha imposto a Renzi e al Pd locale e nazionale, che non lo voleva, ma ora se ne disinteressa della sua sorte e si limita a fare uno sguardo grave e mesto, tipico orlandiano. Il governatore uscente, Rosario Crocetta, disarcionato dal Pd, ha ‘finto’ di non riuscire a presentare la sua lista. Accanto a Micari non si fa più vedere nessuno. Insomma, un vero disastro. Disastrose anche le possibili ripercussioni nazionali nel Pd. Renzi ha deciso di disinteressarsi da tempo del caso Sicilia. Ha demandato la pratica ai suoi luogotenenti locali (Fausto Raciti, segretario regionale, e Davide Faraone, ras renziano) e amen. Consapevole degli effetti di una debacle in Sicilia, Renzi è il solo leader nazionale che ha fatto un solo comizio con Micari e stop. Ora gira con in tasca un foglietto con segnata sopra la percentuale presa dal Pd di Bersani in Sicilia nel 2013 (quando Crocetta vinse grazie alle divisioni nel campo del centrodestra, tra Musumeci e Micciché, oggi nuovo ras incontrastato di Forza Italia e non solo nell’isola, e grazie, soprattutto, ai voti che gli arrivarono in dote dall’Udc, allora molto forte, di D’Alia e Casini, oggi ancora alleati con il Pd mentre l’Udc Cesa l’ha portata armi e bagagli con FI). In realtà, il Pd un alleato ce l’ha. L’esangue Ap di Alfano, i cui sotto-panza locali, quelli con i voti, sono però già quasi tutti saliti sul treno di Musumeci. Poi ci sono dei veri geni della Politica come Totò Cardinale che, come una spia della Guerra Fredda, fa il triplo gioco: renziano a Roma (anzi, per la precisione intimo amico e sodale del ministro allo Sport Lotti), ha fatto una lista pro Micari, ma promette voti sottobanco a Musumeci e strizza l’occhio pure a Cancelleri. Del resto, qualcuno dovrà pur governarla, la Sicilia.


2. Si vota in Sicilia, ma si pensa a Roma. Renzi si eclissa: prepara la guerra del dopo (articolo pubblicato il 4 novembre 2017 a pagina 4 del Quotidiano Nazionale) 

Ettore Maria Colombo – Roma
 
Il segretario del Pd, Matteo Renzi, non passerà un piacevole fine settimana. Reduce dai fasti della conferenza a Chicago – dove Obama lo ha non solo voluto, ma lodato e coccolato – domenica si vota in Sicilia e, per il candidato premier del centrosinistra (ma sarà lui, alla fine?) possono arrivare solo brutte notizie, e pure tante. Il candidato del Pd, Micari, arriverà terzo, se gli va bene, e il risultato della lista del Pd rischia di essere disastroso, anche se il leader ha già in tasca un foglietto con i voti presi dal Pd di Bersani in Sicilia nel 2013 (13%). In ogni caso, Renzi,alla chiusura della campagna di Micari, unico tra i leader di partito nazionali, non c’è. Sa che i risultati in Sicilia gli verranno rinfacciati.
Infatti, mentre il ministro Dario Franceschini, in teoria in maggioranza con Renzi, tace e aspetta lunedì per dire la sua (“e non farà sconti a Renzi”, sibilano i suoi), il ministro alla Giustizia, Andrea Orlando, leader della minoranza interna (Dems) parla a ogni pié sospinto. Solo ieri Orlando ha dato due interviste, una a mane (Repubblica tv) e una a sera (Otto e mezzo). Nella prima ha asserito, minaccioso, che “dopo il voto siciliano bisognerà ragionare sul perimetro della coalizione” e, soprattutto, sul candidato premier del centrosinistra”. Sottotesto: per me non può e non deve essere Renzi. A sera, fintamente più conciliante, Orlando dice che “se perde Micari si porrà il tema di evitare lo stesso destino sul piano nazionale. E’ quindi necessario individuare il miglior candidato premier. Il Pd andrà a quel tavolo con Renzi”. Sottotesto: fingo di appoggiare lui come candidato, ma meglio se è un altro.
 
 
Il segretario dem, in realtà, parla d’altro. Ieri, nella Enews – dove ha confermato che accetta il confronto in tv con Di Maio (si terrà martedì su La 7) e che la Leopolda si terrà dal 24 al 26 novembre a Firenze – ha ribadito per intero la dura  posizione presa dal Pd sulle banche: “Troppe cose non hanno funzionato: i manager e i banchieri che hanno sbagliato devono pagare, sacrosanto. Ma se vogliamo che qualcosa cambi davvero le alte burocrazie del Paese devono smettere di buttare la croce addosso ai politici e assumersi le loro responsabilità”. Ma al di là del caso banche, gira che ti rigira, sempre là si torna: chi sarà il candidato premier del centrosinistra? Renzi o altri (Gentiloni)? Il segretario si dice “pronto” a fare le primarie, ma in realtà aspetta solo di vedere il primo che, in Direzione (già convocata per il prossimo 13 novembre) “si alzerà per chiedere di ‘rivedere’ le alleanze: lui mi tradirà”, dice ai suoi con aria grave  neanche si trattasse di Gesù Cristo che indaga ai commensali il novello e perfido Giuda.
 
Intanto, sempre ieri e alla buon’ora, persino l’indeciso Giuliano Pisapia ha deciso che è arrivata l’ora di ‘scendere in campo’. Però, come ha più volte ripetuto, lui non si candiderà. E’ chiaro solo lo schieramento: unitario, alleato al Pd e composto da tanti ‘nanetti’, la nascente Lista Civica Nazionale (il nome), sarà composto dai Radicali di Riccardo Magi, Forza Europa di Benedetto Della Vedova, il Psi di Riccardo Nencini, forse anche i Verdi di Angelo Bonelli e l’Idv di Ignazio Messina (incredibile, esiste ancora l’Idv, ma non la guida più Tonino di Pietro, passato con Mdp come del resto Bobo Craxi, ma tale Carneade Messina…). Non è chiaro, invece, il front-runner, di una tale Lista e area politica, ma potrebbe essere una front-women, cioè una donna. Emma Bonino, se vorrà, o la presidente della Camera, Laura Boldrini, assai sponsorizzata da Pisapia e dal suo Campo progressista, a meno che non vada col Pd. Sarà lei, per conto del nascente Ulivo bis a chiedere, con la benedizione di Romano Prodi, al Pd di fare le primarie. Una richiesta che, forse, Renzi non potrà più rifiutare. 
___________________________________________________________________________________________
NB: Gli articoli sono entrambi pubblicati sulle pagine del Quotidiano Nazionale 
____________________________________________________________________________________________

Altro retroscena. Renzi assediato dai complottardi. E scatta l’ira dei pretoriani: “Stavolta le liste le facciamo noi”

Dario Franceschini

Il ministro ai Beni culturali Dario Franceschini

Ettore Maria Colombo – ROMA

I renziani, i fedelissimi, ormai, non ci vedono più per la rabbia. Solo Lorenzo Guerini sta cercando, da giorni, di placare gli animi: “tranquilli, ragazzi, vedrete che alla fine aggiustiamo tutto e recuperiamo tutti”. Ma la guardia pretoriana del renzismo è accecata dall’ira funesta. Il ‘giglio magico’ – diviso in due fazioni ostili tra loro: i ‘lottiani’, nel senso di Luca Lotti, e i ‘boschiani’, nel senso della Boschi – del resto, lo ha fiutato da tempo, il cumpluttuni. Detto alla siciliana perché l’asse Franceschini-Orlando dentro il Pd (con il sostegno, forse, di Veltroni, ma tra i suoi c’è chi dice che “Walter tornerà a fare asse con Renzi e molto presto: ci sono le elezioni da vincere”) e quello Prodi-Pisapia, fuori dal Pd, lo farà partire il 6 dicembre. Quel giorno, infatti, si sapranno i risultati delle regionali siciliane, ma il copione è già scritto: il paladino del Pd, Micari, perderà male e il Pd può crollare a minimi storici. Evocativi dell’abissale tonfo (16%) in cui, nel 1994, Pietro Folena trascinò il Pds in Sicilia. E, intanto, la frattura tra Renzi e Gentiloni, esplosa anche in sede di cdm che doveva nominare, ufficialmente, Ignazio Visco a capo di BankItalia, cdm disertato da tutti i renziani doc con mille, pluerili, scuse (malattie, impegni, etc.)

Certo, i ‘complottardi’ dovrebbero trovare quel cuor di leone che finora in loro ha scarseggiato per riuscire a destituire Renzi. Per capirsi: schierarsi contro Renzi in Direzione nazionale o in Assemblea nazionale, dove il leader controlla il 58% dei delegati, equivale a un suicidio. Però potrebbero imporgli un’alleanza “larga” di centrosinistra, “stile Unione” (il copyright è di Franceschini) alle politiche che vada – Franceschinidixit, ma anche Piero Fassino lo teorizza – “da Alfano a Civati”. Un modo gentile e ipocrita per far inghiottire al Pd l’alleanza con Bersani, Speranza e, manco a dirlo, D’Alema. Renzi, che già s’innervosisce a sentire evocare il nome ‘Ulivo’ (“Io ci sono nato, con l’Ulivo – dice spesso – ma oggi c’ il Pd”), alla parola ‘Unione’ mette mano alla pistola: “Vorrebbero farmi alleare con quella Mdp che ogni giorno mi insulta” la sua risposta. Ma il ‘piano’ dei complottardi, più passano i giorni, e più fa gola anche ad altri pezzi di Pd: gentiloniani, veltroniani, fioroniani. Per non dire dei parlamentari che, a caccia di un seggio, non vedono l’ora di farla pagare al leader attuale che “tanto non ci ricandida o ci mette solo in collegi già persi per piazzare tutti e solo i suoi fedelissimi”. Poi ci sono Gentiloni e Veltroni. Il premier e il Fondatore ancora si dolgono che “Matteo non ci ascolta, non sa ascoltare, fa solo tutto di testa sua”. Traduzione: non puoi fare tu il candidato premier, resta a fare il segretario di partito, sacrificati, troviamo un altro nome. Guarda caso, identica proposta la faranno Franceschini e Orlando mentre per ora si limitano a desiderarlo, il ribaltone con il cumpluttuni, Prodi, Pisapia e molti altri.

Come reagirà Renzi? Per paradosso, non con la guerra alla guerra. Certo, ha già rimosso la fase zen: è tornato aggressivo, puntuto, ma sa che deve ricucire a destra e a sinistra, dentro e fuori il Pd. Magari con una mossa spiazzante, tipo: “Volete fare le primarie per il premier del centrosinistra? Facciamole!”. Intanto, oggi, lui e Gentiloni saliranno – idelamente, si capisce – sullo stesso treno quello di Renzi, per scendere “insieme, da amici”. all’antica stazione ferroviaria di Pietrarsa-Portici, dove ieri si è aperta l  – a Conferenza organizzativa del Pd. Il guaio sono i renziani. L’hanno giurata a tutti gli altri: “Niente prigionieri” è il grido di battaglia, “le liste elettorali stavolta le facciamo noi”.

L’articolo è stato pubblicato il 28 ottobre 2017 a pagina 11 del Quotidiano Nazionale