Renzi compone le liste del Pd: promuove i suoi e annichilisce le minoranze. I sommersi e i salvati di una lunga notte

Necessaria premessa “metodologica”. 

Pubblico qui di seguito gli articoli sulla difficilissima composizione delle liste del Pd al Nazareno usciti tra il 25 e il 28 gennaio 2018 mettendoli, nella lettura, in ordine cronologico inverso a quello di pubblicazione (dall’ultimo, il più recente, al più vecchio). 

Segnalo che, in un caso, quello degli articoli del 27 gennaio, sono pubblicate entrambe le versioni dei pezzi usciti sullo stesso tema, ma in edizioni differenti (normale e notturna). 

Nb: per chi volesse consultare l’elenco di tutti i candidati del Pd+centrosinistra alle prossime elezioni Politiche del 4 marzo 2018 può farlo facilmente leggendo l’elenco completo ed esaustivo di tutti i nomi (collegi uninominali e listini proporzionali) uscito e pubblicato sulla rivista on-line del Pd, Democratica ( Rivista Democratica on-line ). 

Buona lettura a tutti/e !

 

Renzi e Orfini
Renzi e Orfini parlano alla Direzione del Pd

 

  1. Renzi presenta le liste elettorali del Pd: “Esperienza devastante”. Ecco perché. 
Ettore Maria Colombo – ROMA
Quando ieri sera, alle 20.30 circa, Matteo Renzi scende al secondo piano del Nazareno, per presentare le liste del Pd – quelle faticosamente e drammaticamente chiuse l’altra notte con la Direzione che slittava di ora in ora fino alle 4.30 – si presenta in maniche di camicia (bianca) e sfodera anche un (finto) buonumore. Il ricordo della “più brutta e devastante esperienza che abbia mai vissuto” come aveva definito la notte trascorsa, in un impeto di sincerità, se lo è, cioè già buttato alle spalle e, durante la conferenza stampa, prova a suonare la carica. “Siamo convinti di aver messo in campo la miglior squadra per andare a vincere le elezioni”, esordisce il segretario del Pd, “i più preparati, i più competenti, i più capaci di portare avanti la fiaccola della speranza” (sic). Renzi, in effetti, può vantare alcune candidature che, specie al Sud, bilanciano quelle dei soliti potenti e ras locali come Franco Alfieri, capo-staff di De Luca e re delle “fritture di pesce”, nel Cilento, lo stesso figlio di De Luca a Salerno, Daniela Cardinale, figlia dell’ex ministro Totò, a Caltanissetta, etc. A metterci una pezza servono, allora, le figure del medico Paolo Siani, fratello del giornalista ucciso dalla camorra Giancarlo, e il maestro di strada dei bassi di Napoli, Marco Rossi Doria (entrambi in Campania), ma pochi altri. Renzi cita pure la giornalista Francesca Barra, che corre a Matera, e un altro giornalista, Tommaso Cerno, candidato a Milano.
Ma in questo caso siamo, come per Annalisa Chirico, leader del movimento iper-garantista “Fino a prova contraria”, in un campo di gioco un po’ diverso. Quello che sta metà tra la testimonianza civile, colta, impegnata e il new kurs del democrat neo-renziano: una sorta di stato d’animo che mischia l’ex posa da radical chic con personaggi glamour, forti sui social,onnipresenti nei talk-show e nello show-biz. Insomma, dei nomi che fanno pensare più al sito Dagospia che agli indipendenti di sinistra che furono (chissà come si troverà, con loro, quell’arzillo gramsciano di Beppe Vacca).
E qui, dagli ‘inclusi’, il discorso cade facile sugli ‘esclusi’. Infatti, già dal mattino presto, con un tweet assai acido, il ministro Carlo Calenda – che, peraltro, non si ricandida e annuncia il suo voto per la lista Bonino – attacca Renzi: “Che senso ha non candidare gente seria e preparata come De Vincenti, Rughetti, Nesi, Tinagli, Manconi”. Il leader dem, pur punto sul vivo, attende fino a sera per replicare, ma parla solo di De Vincenti. L’esclusione dalle liste del ministro (ex dalemiano, poi lettiano, poi renziano tiepido) ha del clamoroso, Renzi sostiene che “ha detto un secco no” (De Vincenti, non lui), ma ora spera “in un recupero”: pare che potrebbe essere nominato all’Authority dell’Energia. Solo in piena nottata si scoprirà che a De Vincenti è stato affibbiato, sia pure in extremis, il collegio rifiutato da Cuperlo: Sassuolo, in Emilia, rielezione assicurata per il ministro.
Sul resto, Renzi filosofeggia con frasi tipo “il ricambio è fisiologico, l’amarezza comprensibile”, ma difende le liste, gli dispiace un po’, forse, solo l’autoesclusione di Cuperlo. Poi incita Padoan (a Siena) e la Boschi (a Bolzano) ed è sicuro che “il collegio di D’Alema” diventerà “quello della Bellanova”, la viceministra che gli ha schierato a Lecce, nel collegio senatoriale del Salento (Lecce-Otranto-Nardò). La verità è che il segretario si è costruito, con queste liste, un Pd a sua immagine e somiglianza. Persino quando, nel cuore della notte, anche il premier, Paolo Gentiloni, è salito da lui per convincerlo a tenere dentro qualche nome escluso (tipo Luigi Manconi, paladino delle battaglie sui diritti civili) Renzi non ha voluto sentire ragioni. Fine. 
NB: L’articolo è stato pubblicato il 28 gennaio 2018 a pagina 2 del Quotidiano Nazionale. 
 
____________________________________________________________________________________________
2. Mutazione genetica del Pd: da partito delle “mille correnti” a “Partito di Renzi”. 
Ettore Maria Colombo – ROMA
Matteo Renzi, l’altra notte, compilando le liste elettorali del Pd, ha compiuto, più che un repulisti interno, una novella strage di San Bartolomeo. Nella parte degli ugonotti, sterminati in una notte dai cattolici del re di Francia, però, non sono finite solo le due minoranze interne, l’area di Orlando e l’area di Emiliano, ma anche molte altre aree. E così, almeno nei gruppi parlamentari (ma nel partito, dat i risultati congressuali che recitano 73% a Renzi, 19% a Orlando, 9% a Emiliano, le cose non sono poi mai andate troppo diversamente), d’ora in poi esiste ed esisterà soltanto il partito di Renzi, renziani, affini&co.
Vediamo come, area per area. Le minoranze congressuali sono state, come è emerso chiaro dalla notte, annichilite. Quella che fa capo al ministro Andrea Orlando contava ben 113 (centotredici) parlamentari uscenti che tifavano per lui, al recente congresso (20% il modesto risultato preso allora). Orlando aveva chiesto a Renzi 40 posti, ma dopo la notte dei lunghi coltelli e dopo tanto strepitare, ne ha avuti 17, non uno in più. Due hanno già rinunciato e siamo già a 15. Uno è sconosciuto (Peppe Provenzano, vicedirettore dello Svimez, doveva correre nella sua Sicilia, a Caltanissetta, ma indignato per la presenza, come capolista, della figlia dell’ex ministro Totò Cardinale, Daniela, ha rinunciato), l’altro, molto più famoso: è Gianni Cuperlo. Alle tre di notte ha scoperto di essere essere stato paracadutato (lui, raffinato intellettuale triestino) nella ‘popular’ cittadina di Sassuolo e ha risposto niet. Certo, nella sporca dozzina di ‘salvati’, tra gli orlandiani, c’è Cesare Damiano (in Umbria, a Terni, dopo trattativa ‘personale’ condotta con Fassino, suo vecchio amico), ma mancano pezzi grossi: il coordinatore della mozione, Andrea Martella, veneziano, il portavoce Marco Sarracino, napoletano, e anche Marco Di Lello, ex del Psi. Orlando ha denunciato l’epurazione, ma alla fine ha chinato la testa e firmato il foglio che Renzi gli ha messo davanti. Comprensivo della sua candidatura, da lui scoperta di notte, nel listino bloccato dell’Emilia-Romagna e di un collegio a Parma, ovviamente blindati. Il governatore pugliese, Michele Emiliano, per sua fortuna, doveva proteggere solo dieci uscenti (9% al congresso), ma è riuscito a garantirne solo tre (Boccia, Capone e una donna), non uno solo in più, e ha dovuto sacrificare alcuni dei suoi pezzi migliori (Dario Ginefra).
Ma alle altre aree interne, in teoria alleate di Renzi, le cose non sono andate molto meglio. Area dem, fondata da Dario Franceschini, all’inizio della legislatura contava la bellezza di 90 parlamentari: bene, semplicemente non esiste più. Sono rimasti Losacco e Giacomelli, in lista e in quota Lotti, mentre Rosato e Fiano sono, ormai, renziani a 36 denti. L’area che fa capo al ministro Martina è stata ridotta a dieci unità (erano 40), i Giovani Turchi sono dimagriti da 30 fino a 12, più altri sei forse. Insomma, se il Pd, col 24%, eleggerà 250 parlamentari, ben più della metà (150) saranno renziani doc o affini alla stirpe.
Tra le correnti che esistevano dalla nascita del Pd (2007) e, di fatto, non esistono più, vanno contati i bindiani, i lettiani (ne era rimasto uno, Marco Meloni, non ricandidato), i popolari (tranne il povero Fioroni, che si butta in una corsa solitaria nel collegio di Viterbo) e, soprattutto, i liberal di Libertà Eguale (Morando e Tonini) mentre il professor Stefano Ceccanti, che pure ne fa parte, è stato candidato, a Pisa, ma ormai è considerato un renziano di complemento. Defunti anche gli ex miglioristi, vicini all’ex Capo dello Stato, Giorgio Napolitano. Andato via, per sua scelta, Ugo Sposetti, che comunque aveva superato il tetto dei tre mandati, è stato tolto dalle liste il toscano Manciulli e messo in Campania 3, in posizione di fatto perdente, il campano Enzo Amendola, sottosegretario agli Esteri, mentre la giovane Lia Quartapelle ha rinunciato al seggio (insicuro) in Lombardia e Nicola Latorre è stato escluso senza un perché in un amen. Minniti anche l’ha presa male. La ridotta ex-Pci non esiste più.
NB: L’articolo è uscito  il 28 gennaio 2018 a pagina 2 del Quotidiano Nazionale
__________________________________________________________________________________________
3 a. Renzi rottama mezzo partito: Orlando ed Emiliano umiliati, posti al lumicino.  
(versione dell’articolo nell’edizione notturna e straordinaria chiusa alle 24.00 del 27/01)
Ettore Maria Colombo – ROMA
 
MATTEO RENZI ha deciso di tornare a fare quello che sa fare meglio, «il Rottamatore». Il guaio è che lo fa troppi anni dopo il successo dell’epoca e con un Pd ridotto a un campo di Agramante.
Vuole tutti volti “nuovi”, “giovani”, “freschi”, “aperti”, “diversi”. Già la Direzione dem che deve convalidare le scelte del segretario è stata, da sola, una commedia degli equivoci, a partire dall’orario: convocata alle 10.30, slitta alle 16, poi alle 20, dopo alle 22.30, infine alle 23.30, non inizia che dopo la mezzanotte, quando i suoi stanchi e provati membri, al bivacco, non ne possono più. Come dice Gianni Cuperlo, entrando in un Nazareno buio, “la trattativa sulle liste? Peggio della scissione del Pci nel 1921”.
 
ALLA FINE, dopo trattative e colloqui tra Renzi e Orlando che, negati da entrambi, sono andati avanti ore e ore, la faticosissima ‘quadra’ interna “non’ viene trovata. Fonti di entrambe le parti, all’ora dei corvi e dei gufi, le 24.00, dicono “Sì, abbiamo un accordo”, ma gli orlandiani sono sul piede di guerra, traditi persino dal loro Capo. Alla minoranza di Andrea Orlando viene concesso qualche posto in più, ma sono davvero pochi: 17/18 (forse 20, ma si tratta ancora a notte fonda), ma non tutti in posizione eleggibile rispetto ai 15 offerti da Renzi. Ma quella di Orlando è una vittoria di Pirro: di parlamentari ne aveva 111, aveva chiesto 38/40 posti per i suoi e ne avrà 17/20, di cui molti incerti. E anche se resterà, forse, tra i ‘salvati’ qualcuno dei ‘reietti’ (Cesare Damiano è di sicuro dentro le liste, Andrea Martella, invece, è sicuramente fuori, etc.) di cui il leader dem voleva imporre la cancellazione, la realtà è che non solo la minoranza dem (Area Dems di Orlando, Fronte dem di Michele Emiliano, cui vanno 5 posti massimo), ma anche le altre aree interne ‘non’ renziane o ‘a’ renziane sono state normalizzate, se non del tutto cancellate per sempre.
 
Area Dem, l’area storicamente forte di ex-Ppi ed ex-Margherita, guidata da Dario Franceschini – che però, a differenza di Orlando, ha preferito usare con Renzi non i toni dello scontro ma del sorriso – non esiste più, tranne pochi fedelissimi. Il viceministro al Mef Pier Paolo Baretta, per dire, resterà a casa. Gianclaudio Bressa si salva solo perché si fa eleggere in Trentino, terra dove, da ieri, anche la ex ministra Boschi, che lì doveva aprire la campagna, fa fatica a trovare consensi e amicizie (l’ex leader della Svp, Brugger, l’ha attaccata), nonostante i molti favori fatti dal governo Renzi agli ‘amici’ della Svp (Boschi costretta a rinviare a lunedì il suo arrivo ufficiale a Bolzano).
E anche le aree del ministro, filo-renzianissimo, Martina Martina, si deve asciugare (da trenta a non più di cinque), i Giovani Turchi pure (da quaranta a dieci). Tutte le aree composte da non renziani doc non possono superare, per il leader Pd, le 50 unità al massimo. Il calcolo, però, è furbescamente fatto sul 23% (totale: 150) e non sui duecento e rotti parlamentari che, già solo risalendo al 24%, il Pd otterrà di certo. Renzi, del resto, vuole così avere il totale controllo dei suoi parlamentari, con una maggioranza di 150 fedelissimi sul totale.     
A proposito di new entry, oltre a molti acchiappa-voti dai territori (Gianni Pittella in Lucania, Riccardo Illy in Friuli, D’Alfonso in Abruzzo), alcuni anche assai chiacchierati (il figlio di De Luca a Salerno), a notte i bei nomi della società civile devono restringersi un po’ per fare posto a qualche “orlandiano” in più. Inoltre, ogni nome di grido comporta il sacrificio di qualche soldato rimasto nella giungla. Tommaso Cerno, condirettore di Repubblica, gay dichiarato, arriva, ma Sergio Lo Giudice, ex presidente di Arcigay, bolognese, esce. L’avvocata milanese Lisa Noja, disabile, entra, Ileana Argentin, disabile ex-radicale, no. L’inventore degli 80 euro, Yoram Gutgled, torna a casa, l’economista Tommaso Nannicini, e il filosofo Giuliano da Empoli avranno seggi sicuri. Un seggio anche a Filippo Sensi, lo storico e noto (su Twitter come Nomfup) portavoce di Renzi e Gentiloni a palazzo Chigi. Alla fine, per i ‘nanetti’ alleati, restano le briciole: alla Lorenzin vanno 5 collegi sicuri (Casini, Toccafondi, Pizzolante e Dellai), ai super-nani di Insieme tre (Nencini, Bonelli e Santagata), 5 a ‘+Europa’ (Bonino, Magi, Della Vedova, Tabacci). 
NB: Questo è il testo dell’articolo pubblicato in II edizione notturna (chiusura h 24.30) per Quotidiano Nazionale il 27 gennaio 2018 a pagina 8.
________________________________________________________________________________________

4 b. Renzi rottama mezzo partito: Orlando ed Emiliano umiliati, posti al lumicino.  

 (versione dell’articolo nell’edizione normale, non straordinaria, chiusa alle 23.30 del 27/01)
Ettore Maria Colombo  – ROMA
ANTICHI, anche se non scritti patti interni, tutti saltati. Minoranze azzerate nei numeri e insolentite persino nell’onore. Società civile dall’elezione garantita ma con sacrifici (tanti) per altri. Ricambio ben più che fisiologico della classe parlamentare. Robusto innesto di volti locali, i famosi «notabili», alcuni portentosi «acchiappa-preferenze» (Gianni Pittella in Lucania, Riccardo Illy in Friuli, D’Alfonso in Abruzzo) e altri, però, assai chiacchierati (il figlio di De Luca a Salerno). Ministri e big tutti in campo nelle sfide nei collegi, pure quelli che non avrebbero voluto rischiare l’onta della sconfitta, nell’uninominale, neppure sotto tortura. Ed ex-ministri come la Boschi che, dovendo soggiacere a tale calvario, devono subire l’onta, come le è successo ieri, di dover rinviare la sua prima visita in Alto Adige (il collegio prescelto è Bolzano) perché non è tanto gradita neppure lì, nonostante i tanti favori fatti alla Svp.
Matteo Renzi ha deciso di tornare a fare quello che sa fare meglio, «il Rottamatore». Il guaio è che lo fa troppi anni dopo e con un Pd ridotto a un campo di battaglia.
La Direzione dem che doveva convalidare le scelte del segretario e della sua piccola équipe di Angeli Sterminatori (Lotti, Guerini, Rosato, Martina, Fassino) ieri ha rappresentato una commedia degli equivoci anche solo nell’orario di convocazione. Doveva iniziare alle 10.30, slitta alle 16, poi alle 20, infine alle 22.30, poi più tardi.
Renzi e i suoi – Lorenzo Guerini su tutti, ormai specializzato in «faccia di bronzo» con cui fingere davanti ai giornalisti – negano tutto, anche l’evidenza. Prima di aver visto, in un faccia a faccia teso e drammatico, il ministro Orlando e per circa tre ore. Orlando è furibondo e spossato, ma i suoi di più: ieri molti orlandiani parlavano apertamente di boicottare le liste elettorali, di non fare campagna elettorale e incitavano Orlando stesso a non candidarsi, il preludio di una nuova scissione.
Poi Guerini nega che Renzi e i suoi vogliano «mettere il becco» nei nomi proposti dalle minoranze». Invece, Renzi lo fa eccome: oltre a dire a Orlando, che chiedeva 38 posti sicuri, «te ne devi far bastare 15, prendere o lasciare» (a Emiliano è andata peggio: otto), quando il ministro gli allunga la lista dei nomi, Renzi ne depenna, con cattiveria, ben quattro: Martella (portavoce della mozione Orlando, Renzi lo detesta), Damiano (troppe imboscate tese al suo governo), Sarracino e Di Lello.  Infine, i renziani hanno negato che il loro leader volesse aprire e chiudere la discussione in Direzione dicendo: «Datemi il mandato a chiudere le liste, poi ci penso io» (questa si è limitata solo a pensarla, pare).
E così, in questa lunga giornata, Renzi riesce a litigare con tutti.  Di Orlando ed Emiliano si è detto, ma pure con Franceschini volano parole grosse, persino Martina e Orfini si vedono asciugare le truppe, habitué del Parlamento (Fioroni, Pollastrini) vengono sbattuti fuori dalle liste, Cuperlo si salva, ma per un pelo. Infine, ogni new entry di grido comporta il sacrificio di qualche soldato rimasto solo nella giungla. Tommaso Cerno, condirettore di Repubblica, gay dichiarato, arriva, ma Sergio Lo Giudice, ex presidente di Arcigay, bolognese, esce. L’avvocata milanese Lisa Noja, disabile, entra, Ileana Argentin, disabile ex-radicale, no. L’inventore degli 80 euro, Yoram Gutgled, viene rispedito a casa, l’economista di Harvard, Tommaso Nannicini, e il filosofo Giuliano da Empoli hanno seggi sicuri.
Resterebbe da dire dei poveri tre «nanetti» alleati che protestano: la Lorenzin («Civica e Popolare») minaccia di rompere l’alleanza (volevano otto collegi, ne hanno avuti quattro), i super-nani di «Insieme» pure, ma nessuno li ascolta. Solo i Radicali di +Europa, che di posti ne avranno cinque, sanno, come dice Emma Bonino, esperta del ramo, che «fino a lunedì è tutto aperto, faremo le notti».
NB: Questo articolo è stato pubblicato in prima edizione (chiusura h 22.30) sul Quotidiano Nazionale a pagina 8 del 27 gennaio 2018. 
_________________________________________________________________________________________
5. I nanetti del Pd strappano qualche posto al sole, le minoranze dem ancora no. 
Ettore Maria Colombo  – ROMA
Le due minoranze presenti nel Pd – quella che fa capo al ministro Orlando (111 parlamentari uscenti, una quadrata legione, 20% al congresso) e quella che fa capo al governatore pugliese Emiliano (solo otto gli uscenti, 9% al congresso) – sono scese sul piede di guerra. Minacciano, gli orlandiani – come ha detto, furibondo e scuro in volto, lo stesso Orlando a un collega di corrente – di «disertare la campagna elettorale. Se Renzi continua a comportarsi così, le liste se le fa con chi vuole ma non con noi. Noi non ci candidiamo e non facciamo campagna elettorale. Voteremo per il Pd, certo, ma faremo da spettatori», ecco il warning di Orlando a Renzi. La sua area, del resto, è in rivolta, chiede almeno 60 parlamentari, di cui 38 in collegi sicuri: 30 nei listini e otto nei collegi. Le truppe di Emiliano, non meno agguerrite, fanno sapere che «noi, sotto i 20 posti, non scenderemo mai».
Al Nazareno derubricano la pratica “minoranze” al «solito tentativo di alzare la posta all’ultimo minuto come fanno in tanti» e replicano con l’offerta di 15/20 posti. Orlando ha già perso le staffe e i suoi oggi minacciano di disertare la Direzione o di votare contro.
In ogni caso, in base alle cifre prese dalle due minoranze al congresso, una fonte altolocata del Nazareno spiega, in tono gelido: «Possono dire e fare quello che vogliono, ma avranno 15/20 posti sicuri Orlando e 5/6 Emiliano. Stop».
In ogni caso, oggi Renzi avrà prima con Orlando e poi con Emiliano due incontri «chiarificatori».  E così, anche ieri è stata una giornata di passione, al Nazareno, dove Renzi è asserragliato da giorni con i suoi «Angeli Sterminatori» che hanno potere di vita e di morte sui nomi da inserire in lista, anche se l’ultima e definitiva parola spetta, ovviamente, al Segretario.  Si tratta del ministro Lotti, del «Forlani» di Renzi Guerini, del capogruppo dem Rosato, di Piero Fassino e del ministro Martina.
La giornata passa tra riunioni fiume, telefoni bollenti, Renzi che intima ai suoi di «non parlare con i giornalisti» e scene tragicomiche.  Tipo quando i tre leader della minuscola lista «Insieme» (Nencini, Bonelli e Santagata) si presentano al Nazareno per una riunione che credevano decisiva, ma vengono fermati sull’uscio: «Abbiamo altro da fare. Ripassate domani».  Del resto, nel Pd ogni giorno ha la sua pena. Le voraci pretese dei «nanetti» alleati sono state, appunto, rimbalzate a oggi. Hanno chiesto, tutti e tre, un numero siderale di collegi blindati, ma finirà con 6/8 seggi a «+Europa» (Bonino), 6/8 ai centristi di «Civica e Popolare» (Lorenzin) e tre seggi, non di più, ai piccolissimi di «Insieme».
Da giorni, inoltre, vanno avanti le «vivaci»proteste dei territori, Emilia-Romagna e Toscana su tutte, contro i «paracadutati». Ministri anche del Pd, come Fedeli a Piombino, o la Lorenzin a Prato, i dem locali non li vogliono. I radicali Magi e Della Vedova “ballano” da giorni, Nencini e Bonelli pure. Renzi ci ha messo una pezza solo su Casini, confermato a Bologna. Le Marche, gestite in modo prussiano da Matteo Ricci, dopo aver preso in carico Minniti a Pesaro, si «accolleranno» pure Lorenzin. Ma è la Toscana – dove, sostengono il senatore Marcucci e il segretario Parrini, negando anche l’evidenza, «non c’è nessuna rivolta» – che dovrà portare il cilicio più stretto di tutti, tra renziani del «giglio magico» e «nanetti» alleati. L’Emilia-Romagna, almeno, è stata ricompensata con due candidature ex-Ds doc: Fassino capolista nel proporzionale Camera contro Bersani, e Carla Cantone, ex segretaria dello Spi-Cgil, capolista nel listino proporzionale del Senato.
Ma anche al Sud sono dolori. Il segretario siciliano, Fausto Raciti, ha scritto a Renzi dicendogli che «qui la situazione è esplosiva». E in regioni come Sardegna, Campania e Calabria, liste e candidature sono ancora tutte in alto mare.
NB: Questo articolo è stato pubblicato sul Quotidiano Nazionale il 25 gennaio 2018.
___________________________________________________________________________________________
Annunci

Renzi compone le liste del Pd: promuove i suoi e annichilisce le minoranze. I sommersi e i salvati di una lunga notte

Necessaria premessa “metodologica”. 

Pubblico qui di seguito gli articoli sulla difficilissima composizione delle liste del Pd al Nazareno usciti tra il 25 e il 28 gennaio 2018 mettendoli, nella lettura, in ordine cronologico inverso a quello di pubblicazione (dall’ultimo, il più recente, al più vecchio). 

Segnalo anche che, in un caso, quello degli articoli del 27 gennaio, sono pubblicate…

View On WordPress

Altro retroscena. Renzi assediato dai complottardi. E scatta l’ira dei pretoriani: “Stavolta le liste le facciamo noi”

Dario Franceschini
Il ministro ai Beni culturali Dario Franceschini

Ettore Maria Colombo – ROMA

I renziani, i fedelissimi, ormai, non ci vedono più per la rabbia. Solo Lorenzo Guerini sta cercando, da giorni, di placare gli animi: “tranquilli, ragazzi, vedrete che alla fine aggiustiamo tutto e recuperiamo tutti”. Ma la guardia pretoriana del renzismo è accecata dall’ira funesta. Il ‘giglio magico’ – diviso in due fazioni ostili tra loro: i ‘lottiani’, nel senso di Luca Lotti, e i ‘boschiani’, nel senso della Boschi – del resto, lo ha fiutato da tempo, il cumpluttuni. Detto alla siciliana perché l’asse Franceschini-Orlando dentro il Pd (con il sostegno, forse, di Veltroni, ma tra i suoi c’è chi dice che “Walter tornerà a fare asse con Renzi e molto presto: ci sono le elezioni da vincere”) e quello Prodi-Pisapia, fuori dal Pd, lo farà partire il 6 dicembre. Quel giorno, infatti, si sapranno i risultati delle regionali siciliane, ma il copione è già scritto: il paladino del Pd, Micari, perderà male e il Pd può crollare a minimi storici. Evocativi dell’abissale tonfo (16%) in cui, nel 1994, Pietro Folena trascinò il Pds in Sicilia. E, intanto, la frattura tra Renzi e Gentiloni, esplosa anche in sede di cdm che doveva nominare, ufficialmente, Ignazio Visco a capo di BankItalia, cdm disertato da tutti i renziani doc con mille, pluerili, scuse (malattie, impegni, etc.)

Certo, i ‘complottardi’ dovrebbero trovare quel cuor di leone che finora in loro ha scarseggiato per riuscire a destituire Renzi. Per capirsi: schierarsi contro Renzi in Direzione nazionale o in Assemblea nazionale, dove il leader controlla il 58% dei delegati, equivale a un suicidio. Però potrebbero imporgli un’alleanza “larga” di centrosinistra, “stile Unione” (il copyright è di Franceschini) alle politiche che vada – Franceschinidixit, ma anche Piero Fassino lo teorizza – “da Alfano a Civati”. Un modo gentile e ipocrita per far inghiottire al Pd l’alleanza con Bersani, Speranza e, manco a dirlo, D’Alema. Renzi, che già s’innervosisce a sentire evocare il nome ‘Ulivo’ (“Io ci sono nato, con l’Ulivo – dice spesso – ma oggi c’ il Pd”), alla parola ‘Unione’ mette mano alla pistola: “Vorrebbero farmi alleare con quella Mdp che ogni giorno mi insulta” la sua risposta. Ma il ‘piano’ dei complottardi, più passano i giorni, e più fa gola anche ad altri pezzi di Pd: gentiloniani, veltroniani, fioroniani. Per non dire dei parlamentari che, a caccia di un seggio, non vedono l’ora di farla pagare al leader attuale che “tanto non ci ricandida o ci mette solo in collegi già persi per piazzare tutti e solo i suoi fedelissimi”. Poi ci sono Gentiloni e Veltroni. Il premier e il Fondatore ancora si dolgono che “Matteo non ci ascolta, non sa ascoltare, fa solo tutto di testa sua”. Traduzione: non puoi fare tu il candidato premier, resta a fare il segretario di partito, sacrificati, troviamo un altro nome. Guarda caso, identica proposta la faranno Franceschini e Orlando mentre per ora si limitano a desiderarlo, il ribaltone con il cumpluttuni, Prodi, Pisapia e molti altri.

Come reagirà Renzi? Per paradosso, non con la guerra alla guerra. Certo, ha già rimosso la fase zen: è tornato aggressivo, puntuto, ma sa che deve ricucire a destra e a sinistra, dentro e fuori il Pd. Magari con una mossa spiazzante, tipo: “Volete fare le primarie per il premier del centrosinistra? Facciamole!”. Intanto, oggi, lui e Gentiloni saliranno – idelamente, si capisce – sullo stesso treno quello di Renzi, per scendere “insieme, da amici”. all’antica stazione ferroviaria di Pietrarsa-Portici, dove ieri si è aperta l  – a Conferenza organizzativa del Pd. Il guaio sono i renziani. L’hanno giurata a tutti gli altri: “Niente prigionieri” è il grido di battaglia, “le liste elettorali stavolta le facciamo noi”.

L’articolo è stato pubblicato il 28 ottobre 2017 a pagina 11 del Quotidiano Nazionale

 

Retroscena. Renzi assediato dai complottardi. E scatta l’ira dei pretoriani: “Stavolta le liste le facciamo noi”

Renzi assediato dai complottardi. L’ira dei pretoriani: “Stavolta le liste le facciamo noi”.

Dario Franceschini

Il ministro ai Beni culturali Dario Franceschini

Ettore Maria Colombo – ROMA

I renziani, i fedelissimi, ormai, non ci vedono più per la rabbia. Solo Lorenzo Guerini sta cercando, da giorni, di placare gli animi: “tranquilli, ragazzi, vedrete che alla fine aggiustiamo tutto e recuperiamo tutti”. Ma la guardia pretoriana del renzismo è accecata dall’ira funesta. Il ‘giglio magico’ – diviso in due…

View On WordPress

Il retroscena. Complotto dentro e fuori il Pd per disarcionare Renzi: “Il voto in Sicilia farà crollare tutto”

Il segretario dem Matteo Renzi sul treno Destinazione Italia

Ripubblico qui, sul mio blog, con alcuni particolari in più, l’articolo che ho già lanciato stamane dal sito di @Quotidiano.net

http://www.quotidiano.net/politica/matteo-renzi-1.3491382 

(ecco Il link al mio articolo di oggi x @Quotidiano.net in originale)

Ettore Maria Colombo – ROMA

Due ministri. Dario Franceschini, capo di Area dem, e Andrea Orlando, capo di Dems (i due nomi si assomigliano curiosamente). Sono considerati, dal leader del Pd, Matteo Renzi, il primo alla stregua di un traditore seriale e un infingardo; il secondo un oppositore leale ma cattivo: di certo, due “pronti a tradirmi “. Poi due ex premier. Romano Prodi  ha piazzato la sua tenda prima “lontano” dal Pd e poi l’ha arrotolata nello zaino portandosela via: domani manderà un video alla reunion di Della Vedova e Bonino che, in nome dello slogan ‘Forza Europa’, vogliono dar vita a una sorta di ‘Lista civica nazionale’ che ricorda tanto un Ulivo 2.0. Ed Enrico Letta: medita “vendetta, tremenda vendetta” da Parigi, cioè da lontano, in teoria, ma qualcuno, nel Pd, lo vedrebbe bene come neo-leader di un ‘nuovo Ulivo’ o premier di futuri governi col Pd. Un ex Padre Fondatore del Pd, Walter Veltroni, che pure aveva fornito i suoi consigli a Renzi, ma che se n’è subito e assai pentito e che ora, come pure Piero Fassino, scuote la testa sconsolato. A tal punto che i – pochi – parlamentari che gli sono rimasti vicini ormai si adontano ogni volta che Renzi parla. “Vuole fare la campagna elettorale come se stesse all’opposizione dicendo che vuole tornare ai parametri di Maastricht, il che però vuol dire passare dal rapporto deficit/Pil, oggi all’1,6%, almeno al 2,9%, una scelta davvero impossibile e inconcepibile sul piano della finanza pubblica che ci farebbe saltare tutti i conti e la credibilità e il rispetto delle regole Ue. Ormai parla come un Grillo o un Salvini qualsiasi – dice Giorgio Tonini, sfogandosi con un collega, alla fine del voto al Senato – e questo è inaccettabile: manca di rispetto a Gentiloni come a noi!”. E un lungo stuolo di deputati e senatori di tutte le aree: sanno di non avere chanches alle politiche perché, grazie al Rosatellum, “Renzi metterà tutti i suoi fedelissimi nei collegi blindati e a noi darà le briciole”: non vedono l’ora di fargliela pagare anche loro. E un premier attuale, Gentiloni, con cui i rapporti si sono fatti gelidi per la nomina di Visco e non solo (Rosatellum, ius soli, Stabilità) per non parlare di quelli col ministro Padoan.

Ecco sono queste le forze che starebbero alla base del ‘complotto’ per disarcionare Renzi il prima possibile scalzandolo di certo da candidato premier del centrosinistra, prefigurando un modello ‘Unione’ o ‘Ulivo allargato’, cioè alleandosi con Mdp, come chiedono apertamente Franceschini e Orlando, e, se possibile, anche da segretario. C’è pure la data: dopo il 6 novembre quando “verrà giù tutto, Renzi perderà e ‘noi’ scenderemo in campo”, profetizza l’ex tesoriere dei Ds, Ugo Sposetti, intendendo per ‘noi’ la ‘carne viva’ degli ex Pci-Pds-Ds, non certo i demoprogressisti di Mdp (“Se osi scrivere che sto con quelli ti querelo!”, scherza, ma neanche troppo, il rude Sposetti).

Il cumpluttuni, però, va declinato così, in dialetto siciliano, perché sarà il 6 novembre che arriveranno i risultati delle elezioni regionali. Il candidato del Pd, Fabrizio Micari, imposto dal sindaco della città, Leoluca Orlando, andrà “male, forse malissimo” prevedono tutti. Di sicuro si piazzerà terzo, a larga distanza dal probabile vincitore, Musumeci (centrodestra) o Cancelleri (M5S). Il guaio – temono i dem – è che “Fava (il candidato di Mdp-SI, ndr) può doppiarlo”. Una sconfitta di Micari e un Pd esangue, al 10-15%, sarebbe una tragedia non solo locale, ma dalle pesanti ripercussioni nazionali. C’è un solo, piccolo, particolare: per disarcionare Renzi bisogna avere, in Direzione nazionale prima e in Assemblea poi, il 51% dei voti del partito. Solo che le liste le hanno fatte Guerini e Lotti, due fedelissimi: Renzi non rischia nulla. Tranne un’altra scissione.

L’articolo è stato pubblicato a pagina 5 del Quotidiano Nazionale il 27 ottobre 2017. 

‘Archivi’. Gli articoli usciti sul Pd negli ultimi tre giorni prima della Direzione

‘Archivi’. Gli articoli usciti sul Pd negli ultimi tre giorni prima della Direzione

NB: Pubblico qui di seguito, ad uso e consumo dei miei affezionati 25 lettori, gli articoli usciti su “Quotidiano Nazionale” negli ultimi tre giorni prima della Direzione del Pd (10/11/12 febbraio). 

Matteo Renzi parla alla kermesse di Rimini

RIMINI Citta’ Italia – Assemblea Nazionale Amministratori Locali 28/01/2017 nella foto: MATTEO RENZI ©Claudio Zamagni/Ag. Aldo Liverani s.a.

1) Il dato è tratto. Renzi non si dimetterà oggi in…

View On WordPress

‘Archivi’. Gli articoli usciti sul Pd negli ultimi tre giorni prima della Direzione

NB: Pubblico qui di seguito, ad uso e consumo dei miei affezionati 25 lettori, gli articoli usciti su “Quotidiano Nazionale” negli ultimi tre giorni prima della Direzione del Pd (10/11/12 febbraio). 
Matteo Renzi parla alla kermesse di Rimini
RIMINI Citta’ Italia – Assemblea Nazionale Amministratori Locali 28/01/2017 nella foto: MATTEO RENZI ©Claudio Zamagni/Ag. Aldo Liverani s.a.
1) Il dato è tratto. Renzi non si dimetterà oggi in Direzione, ma aprirà la strada al congresso ‘lampo’. Guerini, intanto, perde le staffe con la minoranza. 
13 febbraio 2017 – Ettore Maria Colombo – ROMA 
MATTEO Renzi ha deciso: oggi, davanti alla Direzione del Pd (un parlamentino già monstre, 200 membri con diritto di voto, che, per l’occasione, è stato allargato ai 416 parlamentari e ai 120 segretari locali), annuncerà la volontà di portare «al più presto» il suo Pd al congresso anticipato. Eppure Renzi non annuncerà, contestualmente, le dimissioni dalla carica di segretario. Invierà, invece, una lettera aperta a tutti gli iscritti del Pd, subito dopo la Direzione, che conterrà una vera chiamata alle armi contro «polemiche, accuse, divisioni interne, caminetti da Prima Repubblica» cui «non ci dobbiamo rassegnare», anzi, «dobbiamo rilanciare il Pd, rimetterci in cammino con una leadership legittimata dal voto popolare, rispettando la regola che chi perde dà una mano a chi vince». Morale: Renzi annuncerà le sue dimissioni formali nei prossimi giorni con una lettera a Orfini, presidente del partito, o direttamente nella sede dell’Assemblea nazionale. il 18 febbraio.  E sta proprio qui il punto che farà diventare la Direzione odierna del Pd un evento epocale. Un timing congressuale che definire da brividi è dir poco, visto che inizierà ora per concludersi entro aprile. Insomma, per fine aprile – e in tempo per andare a votare a giugno o, al massimo, a ottobre – il Pd avrà un nuovo segretario eletto che, almeno ai nastri di partenza, si chiamerà sempre Matteo Renzi.
IERI, al Nazareno, Orfini, il vicesegretario Guerini e pochissimi altri uomini del Pd di cui l’ex premier si fida ciecamente hanno stabilito il percorso congressuale a tappe forzate, anche se «nel pieno rispetto dello Statuto», precisano causa le bordate della minoranza che chiede «la segreteria di garanzia». Parole di fronte cui pure uno «mite e calmo» come Guerini perde le staffe e ribatte che «così si supera il livello di guardia, ora basta. Se anticipiamo il congresso lo faremo seguendo le regole, senza formule fantasiose». E cioè, come dice Orfini, senza «segreterie di garanzia» o «altri orpelli con cui credono di logorarci pensando che siamo così scemi da farci logorare da loro», spiega un pasdaran renziano, assai voglioso di indurre «i vari Bersani e D’Alema, a farla, sta’ scissione».
Renzi e i suoi metteranno ai voti il seguente timing congressuale: il 18 febbraio convocazione dell’Assemblea nazionale che indice il congresso (qui s’annida l’unico vero rischio, per Renzi: l’Assemblea può votare un altro segretario, se si trova una maggioranza alternativa).  Poi, ‘Convenzioni dei circoli’ (dove si presentano le candidature e in cui possono votare solo gli iscritti dem in regola con le quote 2016, termine prorogato al 28 febbraio), nel giro di un mese al massimo.
A FINE marzo, ‘Convenzione nazionale’ che screma le candidature fino a un massimo di tre (purché abbiano preso almeno il 5% dei voti). Infine, ai primi di aprile (il 9, il 16 o il 23 aprile), celebrazione delle primarie per il segretario, carica che nel Pd coincide con il candidato premier: i famosi gazebo cui votano iscritti ed elettori.
Dal Nazareno giurano che «la data del congresso non è collegata alla data del voto alle Politiche, che invece dipende dalla legge elettorale e dalle scelte del governo» (oggi, in Direzione, ci saranno il premier Gentiloni e il ministro Padoan), ma è facile pensare che, una volta legittimato dalla mega-gazebata (obiettivo, 4 milioni di elettori), il nuovo segretario del Pd, appena potrà andare al voto anticipato, ci andrà. A costo di far cadere «l’amico Paolo» che, in ogni caso, non potrà che «prendere atto» del fatto.
Resta in piedi una domanda: cosa faranno i pezzi di maggioranza «diversamente renziana» che sostiene Renzi ma non lo ama? Si tratta di metà dei Giovani Turchi, Area dem e Sinistra&cambiamento, tre aree che fanno riferimento a tre ministri: Martina, Franceschini, Orlando, il quale nutre forti perplessità sul percorso e lo dirà forte. «Staranno con noi», dicono sicuri dal Nazareno, «ma anche se volessero ripensarci, abbiamo i numeri sia in Direzione che in Assemblea nazionale per decidere da soli».

2) Il Pd, un partito sempre più sull’orlo della scissione: la sinistra si ritrova a Firenze, Renzi prepara il congresso per farla uscire allo scoperto. 

12 febbraio 2017 – Ettore Maria Colombo – ROMA

IL PD è sempre più sull’orlo della scissione. Oggi, a Firenze, nell’ambito dell’iniziativa unitaria di tutta la sinistra dem (tranne Cuperlo), «Può nascere un fiore», si vedranno i tre candidati antagonisti di Renzi (Speranza, Emiliano, Rossi. Gli anti-renziani di sinistra hanno già deciso di usare «ogni strumento», dallo Statuto alla «carte bollate», per fermare Renzi se il segretario chiederà, come è molto probabile, un congresso straordinario del Pd ma da consumarsi last minute, a partire da marzo ed entro maggio. Roberto Speranza chiede «un congresso vero». «Altrimenti – spiegano gli anti-Renzi – «reagiremo: nel partito usando lo Statuto e fuori, organizzandoci per la scissione». Davide Zoggia parla apertamente di «clima pessimo, con Renzi siamo vicini alla rottura».
E dato che i guai, nel Pd, non vengono mai soli, ora è il turno di una nuova linea divisoria: corre tra i renzianissimi e i gentiloniani. Ieri, sui cellulari di molti pasdaran dell’ex premier girava un fotomontaggio in cui si si vede Trump col telefono in mano che dice «Vorrei parlare con il premier» e Gentiloni che risponde «Può dire a me»…
L’ironia corre su Facebook, filone battute di Osho, ma indica che il livello di guardia, tra i pretoriani di Renzi e gli «amici di Paolo», è stato raggiunto e quasi superato.

I SEGNALI di insofferenza dell’inner circle renziano per Gentiloni non si contano più. Fanucci, giovane deputato renziano, ha raccolto 37 firme («il 10% dei nostri deputati» sfotte Boccia) per dire no all’aumento delle accise su tabacchi e benzina nella prossima manovrina che Padoan dovrà fare per rispettare i vincoli imposti dalla Ue. La raccolta firme ha suscitato una vera e propria «gelata» nei rapporti tra i pretoriani del renzismo e i «gentiloniani» (Giachetti, Realacci, Bonaccorsi). Poi c’è stata la lite al fulmicotone tra Renzi e Padoan con il primo che lo attacca duro, sulla manovrina, e poi lo invita in Direzione per rimediare, e il secondo che si presenterà sì, ma per impartire una lezione di economia. Infine, le tensioni dentro il consiglio dei ministri: quando i titolari dei dicasteri affastellano idee e progetti, solo Luca Lotti ricorda «bisogna prepararsi al voto».

Ecco, è in questo clima di crimini (minacciati) e sospetti (reali), che il Pd si avvicina alla Direzione show down, quella di lunedì 13. Renzi ha davanti a sé tre strade e, con la consueta abilità da manipolatore dei media e giocatore di poker, fa diffondere tre versioni tutte e tre possibili (e verosimili) delle sue prossime, decisive, mosse.

LA PRIMA la sanno anche i sassi: puntare dritti al voto anticipato a giugno, con qualsiasi legge elettorale possibile, risparmiando ai suoi avversari interni (Franceschini e Orlando) e ‘interni/esterni’ (Bersani, etc.) l’onere di una rottura storica e, di certo, drammatica. Quella scissione che D’Alema e alcuni bersaniani (Zoggia, Leva) stanno però già organizzando nei territori costruendo ‘Consenso’, la rete di D’Alema. La seconda – se Franceschini e Orlando non riusciranno a farlo ragionare («Renzi ha l’ossessione di rileggittimarsi, ma proveremo a fermarlo» assicurano gli uomini dei due ministri) – è il congresso anticipato con indizione del percorso a marzo e voto finale (primarie interne) a maggio. Un redde rationem sanguinoso.

La terza corre sul filo del telefono di alcuni renziani di alto lignaggio: dice che Renzi metterà entrambe le pistole sul tavolo: chiederà il congresso anticipato «e anche» le elezioni anticipate, da tenersi l’11 giugno o il 24 settembre. Spaccando per sempre il Pd.

 


3) Non ci sto a fare il bersaglio. Renzi prepara la Direzione del Pd e il congresso dem.

11 febbraio 2017 – Ettore Maria Colombo – ROMA  

«Non ci sto a fare ancora il bersaglio per mesi» è l’unica frase che il segretario del Pd, Matteo Renzi, fa filtrare ieri, peraltro a Unità tv. La frase si presta a due assai diverse interpretazioni, anche se entrambe consistono nel tipico azzardo da giocatore di poker. Lunedì, davanti alla Direzione, Renzi si presenterà al parlamentino del Pd mettendo sul tavolo due scelte entrambe drammatiche per chi lo sostiene come per chi lo osteggia, anzi: vuole «cuocerlo a fuoco lento». Renzi metterà tutti davanti a un bivio: «congresso anticipato, entro maggio, con le mie dimissioni», o «voto a giugno, con una legge elettorale nuova». Renzi, pur di ottenere il voto, è pronto ad aprire, «se gli altri ci stanno», al premio alla coalizione che Franceschini e Alfano chiedono o a votare «con le leggi uscite dalle decisioni della Consulta su Porcellum e Italicum, armonizzandole il più possibile». «Naturalmente – dirà il segretario – con l’accordo di tutti noi». E pazienza se la minoranza dirà di no e farà la scissione, andando al voto dietro le insegne del neo partito di D’Alema unito a quello di Vendola. E pazienza anche «se Gentiloni ci resta male»: l’irritazione di palazzo Chigi per le intemerate dei renziani che raccolgono firme
contro la manovrina è stata già messa nel conto. Tanto che, lunedì, Padoan è stato invitato sì in Direzione, ma a spiegare perché «l’Italia non può permettersi manovre recessive».

L’alternativa a questo percorso di guerra – che vuol dire scontrarsi in modo duro con la Ue, il Colle, gli altri partiti in Parlamento, i poteri forti che vogliono stabilità, etc. – è ancora più drammatica. Renzi, infatti, «se dovesse prendere atto che il suo partito dice ‘no’ al voto a giugno – spiega un fedelissimo – annuncerà le sue dimissioni da segretario per avviare l’iter di un ongresso straordinario». Un congresso non ‘ordinario’, come quello che gli chiede la minoranza dem ma anche Orlando, da tenersi, cioè, tra giugno e ottobre. Vuol dire congresso ‘lampo’, a tappe forzate, come l’ex premier voleva fare già a dicembre, subito dopo la sconfitta al referendum.
Dimissioni immediate, reggenza affidata al presidente del partito (Orfini), convocazione dell’Assemblea nazionale, via al percorso congressuale. Con una postilla tecnica non da poco: tranne i congressi di circolo, quelli provinciali e regionali verrebbero rinviati a una
seconda fase. E’ il solo modo per bruciare le tappe: convenzione nazionale ad aprile, primarie tra i vari contendenti a maggio per chiudere la pratica ben prima che, l’11 giugno, si tengano elezioni amministrative in cui il Pd può perdere città chiave. L’obiettivo di
Renzi è duplice: «mettere paura» ai pezzi della sua maggioranza, i big Franceschini, Martina e Orlando, fingendo di forzare su un congresso anticipato che nessuno dei tre ministri vuole, e pure a una minoranza non ancora pronta a una sfida congressuale perché divisa in partes tres (Speranza, Rossi, Emiliano, e nessuno che intenda rinunciare alla
corsa). Quale sarà l’azzardo finale di Renzi? Non è ancora detto, non si sa. La sola cosa certa è che lunedì, per il Pd, sarà un giorno decisivo.

NB: I tre articoli sono stati pubblicati tra l’11 e il 13 febbraio sul Quotidiano Nazionale.