Renzi ha pronta una nuova legge elettorale: premio alla lista e sbarramento al 5%, ma se ne parla dopo le primarie per presentarla

Matteo Renzi parla alla kermesse di Rimini

Renzi a Rimini – Assemblea Nazionale Amministratori Locali del Pd (28/01/2017)

Ettore Maria Colombo – Roma

Altro che il mantra, da tempo ripetuto, “noi una proposta sulla legge elettorale l’abbiamo fatta, ora spetta alle opposizioni che si sono dimostrate tutte a favore del proporzionale fare una  proposta,,,”. Il Pd – quello di Matteo Renzi, si capisce – sta per depositare una nuova, e articolata, proposta per uscire dall’impasse sulla legge elettorale. Ma la data per “aprire i giochi” sull’argomento è l’8 maggio, quando Renzi sarà, così almeno spera, legittimato dal voto popolare (il 30 aprile) e sarà proclamato segretario dall’Assemblea nazionale del Pd (il 7 maggio).

Infatti, solo quella doppia consacrazione gli permetterebbe di godere di una maggioranza granitica in Assemblea e in Direzione nazionale e di fare proposte, pienamente legittimato e di nuovo segretario – non più, cioè, “libero  e semplice cittadino” come dice, modestamente, di sentirsi oggi – non solo sulla legge elettorale, ma anche in tema economico e sociale.

Tornando alla nuova proposta di legge del Pd in materia elettorale, se i principi sono sempre quei due (“garantire governabilità e rappresentanza”), le specifiche sono assai lontane dal punto di partenza, il Mattarellum. Due i punti qualificanti della proposta. Da un lato, un doppio premio di maggioranza (oggi previsto solo alla Camera grazie all’Italicum), ottenuto estendendo l’attuale soglia per raggiungerlo (40%) anche al Senato, ma si badi bene un premio da assegnare alla lista, e non alla coalizione vincente. Dall’altro, una norma ‘anti-frammentazione’. Vuol dire stabilire un’unica sbarramento, da fissare al 5%, facendo la media tra il 3% – oggi previsto, sempre dall’Italicum, alla Camera – e l’8% che il Consultellum prevede, solo al Senato, per i partiti non coalizzati.

E’ chiaro che l’interlocutore del Pd per una proposta siffatta è e può essere uno solo, Forza Italia. E se Renzi non si fida troppo di Berlusconi (“Noi siamo pronti all’accordo con lui – sospira un renziano di rango – ma lui continua a tramare, come dimostra il caso Torrisi”), è anche vero che c’è lo spauracchio dell’eliminazione dei capolista bloccati a spingere a più miti consigli il Cavaliere. Certo, nella proposta del Pd, ci sarà il premio alla lista, mentre il Cav vuole introdurre il premio alla coalizione (almeno così dice). Inoltre, il premio alla coalizione lo chiedono anche molti dei suoi avversari interni (Orlando) e dei suoi alleati (Franceschini).

Renzi, dunque, ha bisogno di essere riconsacrato leader per avanzare, ufficialmente, questa sua nuova proposta. Ma è anche convinto che la spada di Damocle dell’eliminazione dei capolista bloccati offerta su un piatto d’argento ai 5Stelle convincerà Berlusconi a scendere a più miti consigli. Infatti, senza di essi, “per FI sarebbe un dramma – nota un dirigente renziano di alto grado – perché perderebbe voti al Nord a favore dei leghisti e al Sud a favore dei democristiani mentre noi ce la caveremmo egregiamente, eleggendo tutti con le preferenze”. “Male che vada – riflette una fonte altolocata del Nazareno – vorrà dire che andremo a votare con il sistema attuale (Italicum alla Camera e Consultellum al Senato, ndr), siamo i soli cui conviene andare a votare con la legge attuale”,

In attesa della (presunta) vittoria, quella per le primarie, Renzi prepara il rush finale della sua campagna. Per scaldarsi i muscoli, ieri l’ex premier ha corso con l’amico – e sindaco di Prato – Biffoni, la locale ‘Maratonina’ (ben 21 km. e sotto il sole…). Chi lo ha visto assicura che “è dimagrito di almeno dieci chili”. Lui, via Facebook, si è limitato a commentare, entusiasta, che “la politica deve imparare dalla corsa la scelta di mettersi in gioco”. Solo le prossime settimane diranno se ci avrà visto giusto.

NB: L’articolo è stato pubblicato a pagina 10 del Quotidiano Nazionale il 18 aprile 2017

Mdp lancia in resta contro il Pd. Speranza è il nuovo leader, ma i malumori interni già affiorano

Bersani

L’ex segretario del Pd, Pier Luigi Bersani

Ettore Maria Colombo – ROMA

1. La sfida degli ex: “Siamo qui per vincere”. Speranza incoronato leader. 

Da un lato, l’attacco, stile fabbri in fonderia, al Pd, non solo a quello di Renzi che “farà l’alleanza con Berlusconi”, ma a tutto il Pd, compreso Orlando (solo Emiliano, per carità di ex patria, non viene mai citato: doveva andare con loro, poi si sfilò). Dall’altro l’avvertimento, netto, duro, al governo Gentiloni: “Non siamo disponibili a sostenere misure che aumentino le diseguaglianze”. E ancora: “Il governo arriverà al 2018, ma ci ascolti” (altrimenti?). Parole che suscitano gli entusiasmi dei pasdaran renziani, i quali fanno segreti voti al Cielo che siano proprio i loro ex compagni di partito a creare “l’incidente” e a provocare, in Parlamento, la caduta del governo amico per avere finalmente la scusa di poter correre al voto anticipato. Mdp inizia il suo cammino, lo fa da Napoli, con la prima assemblea nazionale dei comitati promotori del movimento che, a livello organizzativo, è un successo (2200 persone). In platea, prima fila, siedono Bersani, D’Alema e Rossi, che pare depresso (continua a sentirsi messo un po’ in disparte). Speranza li ringrazia tutti per la “loro generosità”, ma la distanza tra ‘Pier Luigi’ e ‘Massimo’, è tornata siderale e si conta sul numero delle tante, troppe, sedie che li separano.

Sul palco introduce sempre lui, Speranza, e mette in chiaro: “Siamo qui per vincere e di certo non solo per partecipare”. Che Speranza non voglia solo partecipare è chiaro a tutti, non solo a lui. “E adesso la parola al nostro leader nazionale! Robertooo Speranza!”. La non più giovane annunciatrice dell’evento – la deputata Luisa Bossa – si lascia, forse, tradire dall’emozione, ma tant’è. La consacrazione del pupillo di Bersani è roboante e plastica. Certo, dentro Mdp, nessuno ha ancora eletto nessuno e tutte le cariche sono ‘provvisorie’ (il congresso, quello fondativo, se mai si farà, si farà in autunno), ma Bersani e bersaniani (il nucleo storico: Stumpo, Zoggia, Leva, più l’ideologo Gotor) hanno già vinto il primo round. Sono loro, ad oggi, il nucleo forte del ‘partito’ appena nato. Gli ex Sel vorrebbero, invece, non “un partitino”, come mette in guardia Ciccio Ferrara, ma un ‘movimento’ largo, non una ‘Cosina Rossa’, aperto e dialogante oggi con Pisapia e, domani, con il Pd, chiunque lo guidi, ma i bersaniani – avvinti nella spirale da delenda Carthago – dicono di voler “far male al Pd e in tutti i modi possibili”.

Speranza, non a caso, fa un discorso tutto all’attacco, contro i democrat, parole di chi i ponti vuole farli saltare, non certo costruirli. E poco importa che l’ex vendoliano Arturo Scotto – altro potenziale leader di Mdp che al neonato partito ha portato in dote 31 deputati su 40 e neppure è diventato capogruppo, carica diventata appannaggio dell’ex bersaniano Francesco Laforgia, che comanda su 40 deputati mentre  i senatori sono 15 e li guida Cecilia Guerra – dica “non chiamateci scissionisti, ma ricostruttori”. “Il Pd è diventato Pdr, partito personale e pigliatutto – scandisce Speranza – presto andrà con Berlusconi: noi diciamo no!”.

Oltre al saluto, rituale ma affettuoso, del sindaco di Napoli, Luigi De Magistris – che in Campania ha la sua rete ‘Dema’ ma a livello nazionale guarda più a Sel e Civati che a Mdp, però ieri è venuto, è stato mezz’ora, poi è andato via, giusto il tempo per farsi guardare in cagnesco da un D’Alema che non lo hai mai amato – la mano tesa di Speranza è per Pisapia. “Questa casa è anche la tua, le nostre strade s’incontreranno presto”, dice Speranza, anche se Pisapia ha preferito tenersi alla larga da Napoli, limitandosi a un – assai tiepido – messaggio di saluto e buon lavoro. Molto dipenderà dalla legge elettorale con cui si vota. Speranza tuona contro “un Parlamento di servi e nominati”, ma dentro Mdp già fanno di conto: “Lo sbarramento all’8% al Senato è inarrivabile, passeremo solo alla Camera, dove è al 3%, i capolista bloccati servono pure a noi, poche storie, altrimenti sarà una guerra all’ultimo sangue e i bersaniani, che sono gli unici davvero organizzati, e che ci stritolano”, dicono gli ex Sel. Meglio non fidarsi troppo, tra compagni.


2. Legge elettorale, governo e forma partito. Gli scissionisti già ai ferri corti. 

Si aspettano mille persone, ne arriveranno almeno 1500, i posti a sedere saranno strapieni, le belle e rosse bandiere sventoleranno. Si tiene oggi, a Napoli, la prima manifestazione nazionale di “Articolo Uno Movimento democratico e progressista” (Mdp, in sigla) e, se il nome è lungo come una Quaresima, sarà una festa. I sondaggi sono discreti, confortevoli: il 4,3% di media non è il 10% cui puntavano, ma è sopra la soglia di sbarramento alla Camera (al Senato è un’altra storia, lì sarà dura). La gente dei mitici ‘territori’ risponde: “molti – assicura il bersaniano Nico Stumpo – aspettano solo la fine del congresso del Pd e la scontata vittoria di Renzi, poi ci sarà il bing bang finale”. In attesa del mitico bing bang, i gruppi parlamentari sono robusti (40 deputati e 15 senatori, più tre europarlamentari), le sezioni ancora non ci sono (“Vedetevi nelle case” ha detto Speranza, come un apostolo di Gesù ai primi cristiani), ma presto arriveranno anche quelle. Poi arriveranno manifestazioni che sono un must per ogni partito di sinistra che si rispetti (il 25 aprile, il Primo maggio, sul 25 ottobre, data della rivoluzione bolscevica di  cui quest’anno ricorre, peraltro, il 70 esimo anniversario, forse si aprirà  un bel dibattito) e, a fine anno, dovrebbe arrivare pure il primo congresso.

Articolo 1 risente, tuttavia, a neppure un mese dalla nascita, di un difetto primigenio: la fusione a freddo di identità assai diverse. Un ex berlingueriano ‘socialista’, il governatore toscano Enrico Rossi, neanche arriva e già si lamenta del cono d’ombra in cui è finito. Un ex comunista come Massimo D’Alema si tiene volutamente in disparte perché è intelligente e dunque sa di essere ingombrante, ma non manca di dire la sua come ieri: “Non ho rimpianti ad aver lasciato il Pd, l’unico trauma della mia vita è stata la fine del Pci”. Un post-diessino emiliano come Pierluigi Bersani scopre, invece, la sua seconda giovinezza: interviste, comizi, discorsi in Aula. Giovani di belle speranze (l’ex capogruppo di Sel Scotto e l’ex capogruppo Pd Speranza), ma capaci, davvero dettano la linea, che però è già diventata una e bina: “Mai con il Pd di Renzi”, ‘ma però’ “sì a Gentiloni”. Poi spuntano personaggi fino a ieri laterali come Ciccio Ferrara (ex Pci, ex Prc, ex Sel): dice che non bisogna fare “un partitino” ma “un movimento largo” e poi allearsi con il Campo di Pisapia che, però, guarda a Renzi, e i bersaniani lo vedono di malocchio. Nel frattempo, pure se non c’è Pisapia, di certo arriva la Boldrini.

Il guaio è che Mdp nasce dalle ceneri di due scissioni. La prima, quella dei bersaniani dal Pd, si è forgiata, seppur da poco, nel ferro e nel fuoco, come in un romanzo di Jack London. L’eco delle polemiche di Gotor contro i renziani ancora echeggiano, al Senato, e gli stracci tra bersaniani e renziani ancora volano, alla Camera. Forse è per questo che i bersaniani (Stumpo, Leva, Zoggia, etc) “stanno sempre tra loro, è una setta”, li accusano gli ex vendoliani. La seconda scissione, quella degli ex Sel da Sel – dalle cui ceneri è sorta Sinistra italiana di Fratoianni, oggi in tandem con Civati – è stata invece una separazione consensuale, un gentlmen agreement che ha causato sì qualche dissapore e malumore ma insomma, è stata una cosa civile: gli ex vendoliani ancora si salutano, tra di loro, alla Camera, mentre gli ex democrat non prenderebbero, coi renziani, manco un caffé. Alquanto stucchevole, anche, dentro Mdp, la superfetazione delle cariche: Speranza viene detto ‘leader’ di un Movimento di cui Rossi è presidente, Scotto ‘vice-leader’, poi ci sono i due capigruppo Laforgia (Camera) e Guerra (Senato).

E se proprio Speranza dice “il Mattarellum è un bluff del Pd”, solo due giorni fa Bersani assicurava: “Pronti a votare il Mattarellum”. Ma proprio Bersani, quando ha aperto all’alleanza con i Cinque Stelle, è stato sommerso di critiche un po’ da tutti, Mdp compresa. Certo, mai quanto D’Attorre, che ha ripudiato il Mattarellum e, apriti cielo, assemblea di gruppo subito convocata, sconfessione. Ora c’è il decreto Minniti da votare e la manovrina da varare: gli ex-Pd sono ai ferri corti con gli ex di Sel, il rischio è che li votino in modo separato, si spera di ‘fare sintesi’, ma insomma: che fatica.

NB: Gli articoli sono stati pubblicati il I e il 2 aprile su Quotidiano Nazionale 

Colle in campo. Il Pd rilancia il Mattarellum, ma cerca l’intesa con FI. Polemiche interne e con Bersani (Mdp)

tetto del Quirinale

Il ‘tetto’ del Quirinale (Torrino) dove riceve i suoi ospiti il Capo dello Stato Sergio Mattarella

Ettore Maria Colombo – ROMA

Oggi il Capo dello Stato, padre del cosiddetto Mattarellum, sistema elettorale a base maggioritaria (75%) con recupero proporzionale (al 25%) e basato sui collegi uninominali,  farà filtrare, attraverso alcuni giornali, l’“insoddisfazione” per un dibattito, quello sulla nuova legge elettorale, che “non muove un passo in avanti”. E se pure è vero che Mattarella, ama esercitare le sue prerogative non con parole dirompenti, ma con l’arte della moral suasion, il messaggio quello resta. “Non si muove una  foglia”, è il concetto, “e questo non va bene”. Prova ne sia, infatti, che proprio ieri la conferenza dei capigruppo di palazzo Montecitorio ha deciso che la discussione sulla legge elettorale slitta agli inizi di maggio (doveva essere aprile), anche se con l’impegno di tutti i gruppi “a chiudere entro l’estate”. Ove mai la Camera partorisse una nuova legge, la palla passerebbe al Senato – dove i numeri sono ballerini, si sa, per la maggioranza di governo – e il rischio che non si faccia nessuna nuova legge elettorale è altissimo. Restando l’attuale sistema (Italicum, sia pure dimezzato dal ballottaggio, con sbarramento al 3% e premio di maggioranza alla lista fissato al 40%, ergo irraggiungibile, alla Camera dei Deputati, mentre al Senato ‘vale’ il Consultellum così come modificato dalla Consulta che bocciò il Porcellum nel 2014 e cioè una legge semi-proporzionale con sbarramenti al 20%, al 8% e al 4%) il Capo dello Stato è “molto preoccupato” – e oggi lo farà sapere – che “il giorno dopo le elezioni si creino due diverse maggioranze nei due rami del Parlamento e nessuno riesca a governare”. Senza dire del problema costituzionale che si porrebbe: a chi Mattarella affiderebbe l’incarico? Al partito vincitore alla Camera (competizione su liste) o al Senato (competizione su liste e/o coalizioni, qui ammesse)? Senza dire, infine, di altre differenze macroscopiche dei due sistemi.

Guarda caso, ma il Pd di marca renziana non intende restare ‘insensibile’ al ‘grido di dolore’ che arriverà dall’alto del Colle. “Noi vogliamo il Mattarellum, è la nostra proposta – spiega una fonte molto in alto del Nazareno renziano – e crediamo anche che abbia i numeri per essere approvato. Alla Camera di sicuro, ma anche al Senato. Fossi in voi (giornalisti, ndr) andrei da Paolo Romani (il capogruppo di FI al Senato, ndr) a chiedere cosa pensa del Mattarellum”. Renzi vuole uscire dall’impasse sulla legge elettorale e, insieme, mantenere e difendere saldo il principio e l’ancoraggio al maggioritario. Falsa, invece, la notizia di un ‘abboccamento’ tra Pd – Rosato in testa – e i pentastellati, nella persona del nuovo capogruppo, Roberto Fico, per ‘adottare’ il Legalicum dei 5Stelle o ‘vestire’ il Senato con la legge della Camera (l’Italicum): “Di loro non ci fidiamo – dicono i democrat renziani – preferiamo parlare con la Lega e gli azzurri”.

E così, il capogruppo alla Camera, Ettore Rosato prima dice “Noi siamo per il Mattarellum, ma prendiamo atto che molti altri sono contrari”, poi ribadisce: “Un sistema di impianto maggioritario e che garantisca la governabilità, per il Pd, è imprescindibile”. Parole, quelle di Rosato, che hanno avuto il ‘visto, si stampi’ di Matteo Renzi in persona. Poi c’è l’ennesima pdl (siamo ormai alla 30 esima) di riforma elettorale: la firma un Carneade del Pd, tale Fragomeli, ma è sottoscritta dalle renzianissime Rotta e Malpezzi, assai digiune di sistemi elettorali: ricalca l’Italicum con le correzioni richieste dalla Consulta e, soprattutto, rilancia il doppio turno con tanto di soglia di accesso. Il messaggio è che il Pd a un sistema di base maggioritario non rinunzia. L’obiettivo non è quello di votare a settembre, ma di far passare un sistema elettorale che, in un colpo solo, eviti il proporzionale puro e il potere di ricatto dei partitini.

Poi, certo, c’è, rimane e fa male il fuoco di fila delle opposizioni che accusano i democrat di “aver bloccato i lavori in attesa del congresso del Pd”, ma c’è pure il fuoco amico dentro il Pd. Il ministro Andrea Orlando, competitor di Renzi con Emiliano, dice che “sul Mattarellum non c’è accordo” e che “bisogna invece proporre delle correzioni all’Italicum”. Stabilito che gli ‘orlandiani’ devono fare pace tra loro stessi (i senatori Pd di fede orlandiana hanno chiesto proprio il Mattarellum!), la legge elettorale crea scompiglio e divisioni pure dentro Mdp, oò movimento nato per scissione dal Pd e già diviso al suo interno. L’altro ieri diversi esponenti di Mdp, da D’Attorre a Scotto, bocciavano il Mattarellum, ma ieri Pier Luigi Bersani ne invocava l’immediato ritorno: “Se si vuol fare il Mattarellum noi siamo pronti a votarlo, a qualsiasi ora del giorno e della notte”. Guarda caso, quasi le stesse parole di Salvini (“Il Mattarellum siamo pronti a votarlo anche domani mattina”). Solo l’M5S resta contrario (“Il Mattarellum è vecchio e invotabile”), ma almeno qui si capisce il perché: i pentastellati avrebbero solo da perderci.

NB: L’articolo è stato pubblicato a pagina 7 del Quotidiano Nazionale il 30 marzo 2017. 

Renzi sfida Grillo: “Non credete ai sondaggi”. Legge elettorale: Mattarella pronto a intervenire

Renzi e Guerini

Matteo Renzi e Lorenzo Guerini alla Camera dei Deputati

Ettore Maria Colombo – ROMA

SUL TAVOLO del Nazareno arrivano sondaggi contraddittori. In parte sono assai poco lusinghieri, come quello di Ipsos: vede il Pd tracollare al 26,8% contro il 30,1% di un mese fa e il M5S schizzare al 32,3% contro il 30,9% di febbraio. In parte, invece, sono molto più positivi. Un sondaggio Swg vede il Pd al 28,1% e l’area di governo al 31,9% (con dentro Ncd e altri) mentre M5S è assai indietro (26,9%).

I COLONNELLI dei due contendenti di Renzi alla segreteria tuonano che «urge un cambio di passo» (cioè, via Renzi), ma l’ex leader spiega ai suoi che i sondaggi, post scissione e post caso Consip, registrano travasi quasi automatici: «Quello che perdiamo noi lo prendono loro». Lo fa per dire che il Pd rappresenta «l’unica alternativa» a Grillo. E Renzi, nella sua Enews, attacca sul caso Genova: «Noi facciamo congressi aperti, lì se il candidato votato piace a Grillo bene, se no viene espulso».

Renzi, inoltre, prova a rinfrancarsi con i primi dati reali che arrivano dallo scrutinio dei circoli in cui si è già votato. Il trend generale lo vede sopra il 60%, anche se nell’Emilia rossa, dove gli iscritti sono ben 47.200, i dati – sia pure parzialissimi (si è votato in soli 9 circoli su 600) – parlano di Renzi sì in vantaggio, ma solo col 52,3%, Orlando subito dietro con il 44,6 ed Emiliano al lumicino (2,9).

IL VICE presidente della Camera, Roberto Giachetti, renziano di ferro, si sfoga con un collega in Transatlantico: «Il clima che vogliono creare certi mondi e salotti ben precisi pompa il M5S perché prepara, in antitesi, il terreno alla Grande coalizione e al ritorno alla Prima Repubblica attraverso il ritorno al proporzionale e ai partitini. Ecco perché penso che dobbiamo insistere col Mattarellum: meglio una legge elettorale maggioritaria, una proposta di governo chiara, a costo di finire anche all’opposizione, piuttosto che consegnarci alla palude come vogliono molti fuori (D’Alema, ndr) e dentro il Pd (Franceschini, ndr)».

Luca D’Alessandro, deputato di Ala molto vicino a Verdini, fa ragionamenti simili e allarga il discorso a Berlusconi: «Al Cavaliere, che pure dice di non volere il Mattarellum, proprio quel sistema potrebbe, invece, convenire. E al Pd come al centrodestra servirebbe per contenere l’avanzata dei grillini che, con candidati poco riconoscibili e modesti, perderebbero molti confronti, nei collegi. Io credo che se Renzi e Berlusconi si parlassero troverebbero la quadra, ma so che, fino alle primarie del Pd, non si muoverà foglia».
Allo stato è così. Ieri la prima commissione Affari costituzionali della Camera ha deciso l’ennesimo rinvio della discussione sulla legge elettorale, comunicando alla presidente Boldrini l’incapacità di rispettarne il calendario (lunedì prossimo in Aula).

L’IMPASSE preoccupa molto il Quirinale. Sergio Mattarella starebbe pensando non a gesti eclatanti (un messaggio alle Camere stile Napolitano), ma a intervenire ‘a modo suo’. Una moral suasion, la sua, un atteggiamento ‘classico’, cioè, che potrebbe, e presto, prendere la forma di richiesta di colloqui privati, ma non per questo meno istituzionali, con i leader dei principali partiti (Renzi, Berlusconi, Grillo). Obiettivo: chiedere loro chiarezza e tempi ragionevoli su una legge elettorale che, per il Colle, deve essere «compiuta, pienamente e perfettamente operativa» e «capace di dare forma alla democrazia», esercitando quel «ruolo maieutico» che, per l’attuale Capo dello Stato, spetta e spetterà al Parlamento.

NB: L’articolo è stato pubblicato sul Quotidiano Nazionale il 22 marzo 2017 a pagina 10

D’Alema pronto alla scissione e a fare un nuovo partito. Renzi insiste: voto subito.

d'alema 2

L’ex premier e leader dei Ds Massimo D’Alema

Ettore Maria Colombo – ROMA
«SE RENZI volesse sbaraccare tutto – dice l’ex premier ed ex segretario del Pds come dei Ds, Massimo D’Alema, ospite del programma di Bianca Berlinguer su Rai3, Carta bianca – e chiedesse le dimissioni di Gentiloni, senza cambiare la legge elettorale, per andare a votare subito, la reazione dovrebbe essere quella di formare un’altra lista. E se, nella sinistra dovesse nascere un nuovo partito in modo serio sicuramente supererebbe il 10%. Abbiamo fatto fare dei sondaggi che confermano il peso elettorale del nuovo soggetto». Un sondaggio arriva subito: è quello Ipr-Porta a Porta, che dà un partito di D’Alema all’11%, con il Pd fermo al 22% mentre altri sondaggi arrivano, per D’Alema, persino fino al 14%.
Dopo le bordate del governatore pugliese Michele Emiliano, pronto alle «carte bollate» se Renzi non convocherà, subito, un congresso anticipato (la scadenza naturale è dicembre 2017, con convocazione delle assise non prima di giugno, come scandisce il presidente dell’Assemblea nazionale, Matteo Orfini, ma con gli ‘emiliani’ come Francesco Boccia che hanno già iniziato una raccolta di firme – serve il 5% degli iscritti al partito – per chiedere e ottenere, attraverso un voto dell’Assemblea, il congresso), torna a farsi sentire D’Alema.

È PARTITO l’accerchiamento, da dentro (i governatori Emiliano e Rossi, D’Alema, i colonnelli di Bersani, i big non renziani, da Franceschini a Orlando) come da fuori (Mattarella che vuole due leggi elettorali ‘realmente’ armoniche, la Consulta che deve ancora fornire le motivazioni alla sua sentenza, il Parlamento dei nominati che non vuole fare la fine dei tacchini a Natale, gli altri partiti, specie i piccoli, che temono il voto, etc) il Pd, per impedire a Renzi di: andare al voto; vincere o pareggiare le elezioni; tornare lui premier. Oppure, come dicono diversi parlamentari dem, «offrire al capo dello Stato, dopo il voto, una terna di premier diversi da lui, se Matteo avrà ‘non vinto’». I tre sarebbero, nell’ordine di gradimento dello stesso Renzi: lo stesso Gentiloni, Delrio e persino Franceschini. Oggi Renzi vedrà i suoi al Nazareno per fare il punto con la sua war room. E per mandare agli altri big il messaggio solito: ‘al voto, al voto’. Non foss’altro per indurre il più tentennante dei tre (Franceschini) a un «patto di non aggressione» che permetta a Renzi di ottenere le urne subito, e garantisca a Franceschini «almeno 40 capilista bloccati per i suoi fedelissimi». «Sennò, quelli, con le preferenze, non li elegge nessuno», mastica amaro un renziano che non vorrebbe ceder posti ai franceschiniani, figurarsi i bersaniani.

INSOMMA, i renziani hanno chiara, davanti a sé, la strada. Apertura (finta) agli altri partiti per cambiare la legge elettorale (“Noi proponiamo il Mattarellum, ma tanto ce lo bocciano, si sa”), chiusura della pratica dell’esplorazione con gli altri partiti in una/due settimane al massimo, Direzione del Pd, già convocata, per il 13 febbraio al fine di annunciare – magari con un Gentiloni seduto accanto a Renzi – «a questo punto non ci restano che le urne», voto anticipato ad aprile (difficile) o a giugno (possibile), dimissioni del premier perché «il Pd, partito di maggioranza relativa, ha detto stop». Nel frattempo, nessun congresso anticipato da ‘regalare’ agli avversari perché, come scrive Renzi nella Enews, «mi è stato chiesto di rispettare i tempi e le regole dello Statuto», quelle che lo prevedono a fine anno.

IL GUAIO, per Renzi e per i suoi, è che non solo si stanno muovendo tutti quelli che non vogliono andare a votare fuori dal Pd, ma anche «i pezzi da novanta» interni al Pd.
I governatori della Puglia (Emiliano) e della Toscana (Rossi), pezzi di correnti dem non ‘normalizzate’ da Renzi (ex ulivisti, popolari, cuperliani, Giovani Turchi fan del ministro Orlando) e, appunto, il «nuovo partito» capitanato da Massimo D’Alema. Non si chiamerà «Con-senso», come i comitati presentati dall’ex premier sabato scorso a Roma. Forse sarà, ancora, Pds ma in quanto «Partito della Sinistra», di certo ci sarà la parola ‘Sinistra’. Si tratta di un Frente Amplio che metterà insieme soggetti diversi. I comitati dei ‘professori’ del No vicini, durante la campagna referendaria, a giornali come Il Fatto e il manifesto. Gran parte, se non tutto, quel che resta di Sinistra italiana (una piccola parte di senatori e di sindaci, da Zedda a Doria, da Stefano ad Uras, senatori, se n’è già andata verso Pisapia): di certo il pezzo che afferisce al capogruppo alla Camera, Arturo Scotto, ma per forza di cose anche i vendoliani ‘movimentisti’ (Fratoianni) non potranno restare fuori dalla nuova orbita dalemiana di attrazione, un centro di gravità già diventato quasi permanente. E, ovviamente, la minoranza dem. I bersaniani hanno perso ogni speranza di ‘cambiare’, dall’interno, un partito che non riconoscono più né come la loro (ormai ex) ‘Ditta’.
Al di là delle parole, fino a ieri diplomatiche, che ancora usa Roberto Speranza, dai colonnelli bersaniani arrivano frasi di questo tenore: «Se Renzi vuole andare al voto senza congresso, non c’è più il Pd e noi andremo da qualche altra parte» (cioè D’Alema). O ancora: «Il Pd non è più la nostra casa, e presto ne trarremo le conseguenze». Pronti pure loro alla scissione. Tutti tranne Bersani, ancora silenzioso e pensoso, ma forse per poco.

NB: L’articolo è stato pubblicato a pagina 12 del Quotidiano Nazionale il 12 gennaio 2017

Renzi punta al voto subito (aprile o giugno), ma Emiliano dà l’aut-aut: o si fa il congresso o si va “alle carte bollate”

Matteo Renzi parla alla kermesse di Rimini

RIMINI – Assemblea Nazionale Amministratori Locali del 28/01/2017 – in foto: Matteo Renzi

dall’inviato
Ettore Maria Colombo
RIMINI
L’OFFERTA del Pd a tutti gli altri partiti per cambiare la legge elettorale «va verificata a stretto giro, entro e non i prossimi sette giorni», dice il renziano che ha sentito Renzi – al telefono, in quanto già rientrato, l’altra sera, a Pontassieve – mentre se va via da Rimini. Con la chiosa che, certo, «noi proponiamo il Mattarellum, ma siamo disponibili a discutere anche di altro». Esaurito questo tentativo, «che sarà anche l’ultima offerta che faremo, prenderemo atto che non si può che andare a votare il più rapidamente possibile» (a fine aprile o, al massimo, a giugno). «Decisione che – spiega il renziano di prima fascia – certificheremo nella Direzione già convocata del 13 febbraio e che poi concorderemo con Gentiloni». Il che vuol dire ‘auto-dimissioni’ del premier. Dimissioni ieri paventate dal ministro Delrio che ha citato Sant’Antonio Abate per indicare la «precarietà» sua e altrui.

INFINE, però, «per venire incontro alle possibili rimostranze del Colle», il governo potrebbe emettere un decreto che metta mano all’unica cosa cui si può mettere mano, «senza dover passare per le forche caudine di voti segreti e mole di emendamenti»: la revisione dei collegi elettorali del Senato che «così come sono (20 in 20 regioni, ndr) sono troppo grandi, dividendo in più collegi le regioni più popolose», come Lombardia, Lazio, Campania, Sicilia. Poi, però, dritti al voto, «tanto ormai va bene anche agli altri partiti».

RENZI (al telefono, da Pontassieve) e i suoi più stretti colonnelli (Guerini da Lodi, Orfini che presidiava gli ultimi fuochi di dibattito a Rimini, come pure Rosato, Ermini, etc) hanno messo a punto una vera road map di guerra, in vista del voto anticipato cui essi puntano. Quella appena descritta sopra. Sul percorso, però, gli incidenti potrebbero essere diversi e spuntare come funghi: in Parlamento, al Colle e, da due giorni, tra la minaccia di scissione di D’Alema e le bordate di Emiliano tirate ieri in tv, anche e soprattutto dentro il Pd.
«Emiliano? La minoranza che pretende il congresso anticipato? I nostri ministri ‘cuor di leone’ che vorrebbero farci sedere ‘al tavolo’ sulla legge elettorale per non farci alzare più, ingabbiandoci in diatribe infinite così si vota nel 2020?». La verità – dice, con un sorriso tirato, un altro renziano di prima fascia – è una sola: tutti i nostri oppositori, interni ed esterni, hanno capito che facciamo sul serio, ecco perché alzano, tutti, il tiro».
«Stiamo portando il Paese e il Pd a elezioni anticipate – spiega la fonte – a giugno, data più probabile, ma non escludiamo di riuscire ad andare al voto a fine di aprile (vorrebbe dire, però, sciogliere le Camere entro l’8 marzo e votare non oltre il 30 aprile, ndr), se la trattativa con la Ue, che sarà durissima e inizia ora, in questi giorni, finisse male».

E così, prima ancora che in Parlamento, il cannoneggiamento alla strategia del Napoleone del Nazareno – quella che lo vedrà trionfare, come ad Austerlitz, o soccombere, come a Waterloo – è bello che iniziato già da dentro il Pd. Dopo D’Alema sabato, ieri è stato il turno di Michele Emiliano. Il governatore pugliese va negli studi di Rai3, da Lucia Annunziata, e ne spara una più grossa dell’altra: «È Renzi che sta facendo la scissione. Quella di chi non rispetta lo Statuto perché non apre il congresso e dice, in sostanza, le liste ‘le faccio io’. Io sono pronto a candidarmi alla segreteria del Pd, se è necessario, ma se Renzi non ci dà risposte, già in settimana inizieremo a raccogliere le firme degli iscritti. Sono pronto ad arrivare fino alle carte bollate se Renzi non convocherà il congresso». Insomma, Emiliano è pronto a tutto, pure a evocare la scissione, come ha fatto D’Alema.
La minaccia è chiara ed è pure supportata da una ‘trimurti’ di deputati pugliesi (Boccia, Ginefra, Laforgia), diventati il nuovo braccio armato del governatore, che ribadiscono: «Da oggi raccogliamo le firme per il referendum tra gli iscritti» (basta il 5% per chiederlo, dalla commissione di Garanzia del partito gli rispondono subito picche mentre Guerini e Orfini gli ricordano che il congresso, per Statuto, è previsto a dicembre e l’iter inizia a giugno).

Renzi non pare preoccupato più di tanto dalla sparata di Emiliano. Infatti, lascia rispondere ai suoi due bracci, il ‘destro’, Guerini («Emiliano si legga uno Statuto che non conosce e che a regole chiare: il congresso si farà a dicembre 2017») e il ‘sinistro’, Orfini («Spero che conosca la legge meglio di come conosce lo Statuto»). A Orfini tocca rispondere, però, pure all’altra minaccia che insidia la road map del segretario, D’Alema. Orfini tira fuori un altro parallelo bellico, quello dei «riservisti» e, di fatto, dei ‘traditori’ mettendo nel mirino – e dandogli dei ‘traditori’, in pratica – a chiunque andrà con lui. Toni duri, durissimi, che saliranno ancora. Da questo punto di vista, la minoranza bersaniana che invoca, pur se a gran voce, il congresso anticipato, per Renzi è l’ultimo dei problemi. Se, però, non riuscisse ad andare al voto anticipato, la grana del congresso esploderebbe subito e sarebbe assai difficile, per lui e per i renziani, procastinarlo fino alla data formale.

NB: L’articolo è stato pubblicato il 30 gennaio 2017 a pagina 6 del Quotidiano Nazionale.

Legge elettorale, Renzi: Si voti come dice la Consulta, qualsiasi sia la sentenza. “Inutile trattare, subito alle urne”.

>>>ANSA/SCATTA IL REGOLAMENTO DI CONTI NEL PD, MINORANZA ALL'ATTACCO

Ettore Maria Colombo
ROMA
LA NUOVA strategia del segretario del Pd – quella del Renzi abscondito, cioè nascosto al volgo comune: oggi già ripartirà per Pontassieve per festeggiare il compleanno in famiglia – non cambia di una virgola i piani dell’ex premier rispetto all’unica cosa che ha a cuore: il voto anticipato. Di questo e di eventuali mosse e contromosse da compiere sullo scacchiere politico interno (i capi-corrente dem che non vogliono andare a votare manco sotto tortura: Franceschini, Orlando, Bersani, etc.) ed esterno (i desiderata dei vari Mattarella, Berlusconi, Salvini, Grillo), Renzi ha parlato con i più autorevoli, e fedeli, interlocutori che ha nel Pd: il vicesegretario Guerini, che gli tiene le fila dentro il Pd, il senatore Marcucci, che gli tiene il tabellino di voti e umori del Senato, il presidente del Pd Orfini, che gli assicura piena lealtà, il ministro Delrio, suo antico mentore (con lui si è fermato a pranzo), il nuovo responsabile economico Nannicini, il tesoriere Bonifazi, con cui ha affrontato il caso Unità, bomba che però è esplosa solo oggi, il renziano – assai critico – Richetti.

«MATTEO non ha l’ossessione del voto – mettono le mani avanti i suoi – però, gira e rigira, sempre là si torna: come e cosa fare per andare a votare prima (la data cerchiata in rosso è l’11 giugno) della scadenza naturale della legislatura (febbraio 2018)? Tutto il resto, compresa la nuova segreteria del Pd – che sarà definita entro il week-end, con la sua dose di «rinnovamento nella continuità» come ripete Renzi a un ex-dc ricordando il motto in uso nel Pci – è «puro contorno». Il punctum dolens resta una legge elettorale da scrivere «con chi ci sta, anche l’M5S».
Ergo, la sentenza della Consulta, la cui prima udienza sull’Italicum si terrà il 24 gennaio, ma le cui sentenza e motivazioni sono attese, se va bene, ai primi di febbraio, diventa dirimente, una volta sgombrato il campo dall’equivoco natalizio delle presunte «trattative» che dovevano intrecciarsi tra il Pd, che proponeva il Mattarellum, e gli altri partiti. Ieri, il capogruppo alla Camera, Ettore Rosato, ci ha messo una bella pietra sopra: «Prendiamo atto che nessun partito ne vuole discutere prima della sentenza della Corte».
E qui gli scenari possibili sono tre, sempre in vista dell’obiettivo finale.
Il primo, dato per certo che la Consulta casserà il ballottaggio senza soglia di accesso al secondo turno, è se la Corte terrà in vita il ballottaggio e/o anche il premio di maggioranza (40% dei voti la soglia), ma da attribuire in un turno elettorale secco.
«Se la Corte pensa di farci uno sgarbo – ragiona uno degli interlocutori che ieri ha incontrato l’ex premier – lasciando in vita il ballottaggio, si sbaglia: l’M5S è in affanno, potrebbe perderlo e noi vincerlo…». «Certo, con il ballottaggio, far passare una legge elettorale è difficile – continua la fonte dem – ma non impossibile. Lega e M5S la votano una legge ancora iper-maggioritaria». Come ha detto ieri Guerini in un’intervista a QN, «se la Corte mantiene il ballottaggio, non lo cassiamo certo noi, visto che è, da sempre, la bandiera del Pd».

La cosa migliore, e qui siamo già al secondo scenario, «è che la Consulta elimini il ballottaggio e anche il premio di maggioranza: la Corte fa la Corte, la sentenza è subito autoapplicativa, alle Camere non resta che limare la sentenza e tradurla in legge al più presto», dice un altro interlocutore che ieri ha visto Renzi.
Ne uscirebbe un sistema con soglie di sbarramento alte al Senato (8%), ma non alla Camera (3%), che FI gradirebbe. «In ogni caso – precisa il dem – «non stiamo parlando di un proporzionale puro, ipotesi che non esiste, ma di soglie di sbarramento robuste che potrebbero essere limate ancora verso l’alto». Tipo: l’8% scende al 6%, il 35 sale al 5%. Ergo, il problema sarebbe tutto dei partiti piccoli, centristi in testa, che rischierebbero di venir spazzati via.
E qui c’è il terzo scenario, detto anche ‘il baco’ del sistema. «La Corte – ragiona un renziano doc – può bocciare una norma che fa comodo a tutti, i capolista bloccati. Allora sì che sarebbe difficile fare una legge applicativa nelle Camere perché quelli sì che li vogliono tutti». Sottinteso: anche noi del Pd… Non resta che aspettare il 24 gennaio.

NB: questo articolo è stato pubblicato l’11 gennaio a pagina 6 del Quotidiano Nazionale (http://www.quotidiano.net)