Largo ai fedelissimi. Renzi rafforza il controllo sul partito: Assemblea, Direzione e Segreteria. Un’intervista a Ettore Rosato: il rapporto tra Pd e governo

renzi emiliano orlando

I tre sfidanti alle primarie Pd: Renzi, Emiliano, Orlando

Ettore Maria Colombo – ROMA

Matteo Renzi prepara il suo discorso di investitura in vista dell’Assemblea nazionale di domenica prossima, il luogo che lo proclamerà, formalmente, nuovo segretario del Pd. Il Pd, per ora, non ha più una proposta ufficiale, sulla legge elettorale, anche se Renzi la promette “presto”, parlando ai suoi: vuol dire che domenica, in Assemblea, la specificherà. Intanto, mentre alla Camera, in Commissione Affari costituzionali, il presidente, Andrea Mazziotti di Celso, ha chiesto una settimana in più per approntare il testo base che, entro il 29 maggio, deve arrivare in aula a causa della Babele di proposte dei vari partiti, informalmente il Pd prima ha parlato ai 5Stelle proponendo loro di accordarsi su un premio alla lista per chi arriva al 37% dei voti ma, da due giorni, anche a FI e Lega (ieri il ministro Lotti ne ha parlato fitto fitto col leghista Giorgetti). In questo caso la proposta è un sistema tedesco basato sul 50% di collegi e il 50% di liste corte bloccate, con una soglia di sbarramento unica al 5% che fa già imbufalire Ap.

Sui nuovi assetti del partito, invece, i giochi sono già fatti. Innanzitutto va detto che – grazie al lavoro certosino di Lorenzo Guerini, vicesegretario uscente con Deborah Serracchiani (al loro posto ci sarà un vicesegretario unico, carica che verrà affidata al ministro Maurizio Martina) – Renzi avrà un controllo ferreo in Assemblea e in Direzione. Sui mille delegati congressuali eletti contestualmente alle tre mozioni, Renzi ne ha, in totale, 707, Orlano 212, Emiliano 88 (più tre parlamentari). Sui 700 eletti della mozione Renzi-Martina, però, ben 489 sono renziani di stretta osservanza, 92 di Area dem (la corrente del ministro Franceschini), 65 fanno capo all’area di Martina e 70 sono Giovani Turchi. Per superare la soglia magica di 501 (50,1%) serve aggiungere il gruzzolo della stragrande maggioranza che i renziani doc godono tra i cento parlamentari che, insieme ai 20 segretari regionali (tutti renziani), ai ministri, altre personalità varie, vanno a integrare i membri dell’Assemblea (totale: 1100). E così, con 510/520 delegati Renzi, al netto di Franceschini, potrà contare su una maggioranza ‘bulgara’ e assai granitica.

In ogni caso, le due mozioni alternative, quella di Orlando e di Emiliano, rifiuteranno la gestione unitaria, mentre sono più possibiliste sull’offerta – se, però, mai vi sarà – di una gestione comune degli organi di garanzia (presidente e vicepresidenti d’assemblea, presidenti organi di garanzia). Per la carica di presidente, “Matteo ci sta pensando”, dicono i suoi. Probabilmente resterà Orfini, alleato di Renzi, un’ipotesi potrebbe essere di investire Guerini, ritenuto anche dagli avversari super partes, o la Pollastrini (Orlando) oppure una personalità come Nicola Zingaretti, governatore del Lazio che si è schierato con Orlando per il congresso, ma che va predicando il ritorno all’unità del partito. La nuova segreteria, che verrà formalizzata solo dopo la Direzione di settimana prossima, sarà la sagra del renzismo. Matteo Richetti farà le veci del coordinatore e portavoce, Ricci, Carbone, Ermini e Morani resteranno al loro posto, come pure, ovviamente, il tesoriere, Francesco Bonifazi mentre Michele Anzaldi sarà responsabile Comunicazione. Figure di esperienza (Nannicini e il viceministro Bellanova) affiancheranno giovani in ascesa come Ascani (ex lettiana), Gribaudo (area Orfini) e un ex Sel area Gennaro Migliore, sottosegretario alla Giustizia in grande ascesa nell’Olimpo renziano. Ci saranno dei giovani sindaci ‘pescati’ da Renzi nei territori (Ciro Bonajuto di Ercolano, Davide Galimberti di Varese, Giuseppe Falcomatà di Reggio Calabria) mentre al delicato e cruciale settore dell’Organizzazione andrà il giovane (classe 1976) Andrea Rossi, emiliano e uomo di fiducia del governatore dell’Emilia-Romagna Bonaccini, oltre che ex sindaco di Casalgrande (vicino Reggio-Emilia).

NB: L’articolo è stato pubblicato a p 8-9 del Quotidiano Nazionale del 4 maggio 2017


ettore rosato

2. Intervista al capogruppo dem alla Camera Ettore Rosato sul governo Gentiloni. 

Ettore Maria Colombo – ROMA

“Gentiloni è un dirigente del Pd, e questo è il governo del Pd”, dice il capogruppo alla Camera dem, Ettore Rosato, “ma il Pd deve essere di supporto, stimolo e confronto continuo rispetto all’azione del governo”. Infatti, i ‘paletti’ che Rosato pone non sono pochi e nessuno di poco conto.

Cosa chiedete al governo Gentiloni? Un cambio di passo?

“Serve continuità con quanto fatto negli anni del governo Renzi: bisogna andare avanti sul calo della pressione fiscale e sugli investimenti per creare nuova occupazione e aiutare il sociale. Politiche che hanno portato a risultati tutti positivi per il sostegno dell’occupazione e la crescita economica. Dobbiamo andare avanti su questa strada”.

Confindustria dice: ‘Nella manovrina ci sono troppe tasse’.

“La manovrina farà il suo percorso parlamentare e la esamineremo con attenzione. Ritoccare le tasse su tabacchi e giochi non è un aumento della pressione fiscale, ma solo la rimodulazione della tassazione su due settori specifici”.

Il Pd promette che nella manovra d’autunno non ci saranno nuove tasse. Ma come farete a impedire l’aumento dell’Iva?

“Sono quattro anni che non aumentiamo la pressione fiscale. Possiamo e dobbiamo continuare su questa linea. Aumentare la pressione fiscale produce più danni dei benefici che porta. Padoan sa fare il suo mestiere bene. Troveremo con lui il giusto equilibrio anche questa volta”.

E’ pensabile fare una manovra economica senza sfondare i parametri UE?

“La UE non è il nostro maestro e anche noi come Italia ne facciamo parte. Interesse comune è definire misure che applichino le regole europee con l’elasticità consentita. Questo per sostenere la ripresa economica, creare investimenti, aumentare i posti di lavoro. In ogni caso, abbiamo scritto tutto nel Def e ci atterremo a quello”.

Cosa fare su Alitalia?

“Noi siamo convinti che vada salvata dal fallimento in tutti i modi senza risorse pubbliche a fondo perduto, ma investendo tutta la forza del governo in una trattativa che consenta all’Italia di non perdere un asset industriale importante e un pezzo di economia reale del Paese”.

Dopo le primarie, le elezioni sono più lontane o più vicine?

“Non farei più calendari delle elezioni. Occupiamoci delle tante questioni di merito, a partire dalla legge elettorale”.

A proposito, si farà mai una nuova legge elettorale?

“Noi abbiamo fatto una proposta chiara, il Mattarellum. Gli altri ne hanno fatte dieci diverse. Bisogna trovare una sintesi nella consapevolezza come giustamente ha chiesto il Presidente. Ma il Pd non è autosufficiente per approvarla. Serve trovare un accordo ampio alla Camera su un testo che poi regga anche alla prova del Senato”.

I 5Stelle hanno fatto la loro proposta. Come rispondete?

“I 5Stelle sono un interlocutore poco affidabile. Ogni loro dichiarazione sul punto viene smentita sei ore dopo. In ogni caso la valuteremo, come ogni altra proposta. E faccio notare che il modo migliore per far fallire una trattativa sulla legge elettorale è quella di annunciarla sui giornali…”.

Offrirete la gestione unitaria del Pd a Orlando e Emiliano?

“Il Pd è di tutti, Renzi lo ha detto più volte. Noi vogliamo far sentire tutti a casa loro e l’offerta vale per tutti”.

NB: Questa intervista è stata pubblicata su Quotidiano Nazionale il 3 maggio 2017.

“Babbo piange di gioia”. Renzi e caso Consip, la rivincita del leader contro gli avversari interni ed esterni

Renzi/3

Matteo Renzi e, sullo sfondo, il Senato della Repubblica.

“Papà sta piangendo”, confida agli amici con un sospiro. Ai giornalisti, a margine della registrazione di Porta a Porta, il racconto si fa più esteso e disteso: “L’ho chiamato io, lui mi ha chiesto ‘che succede?’, non lo chiamo spesso. Gli ho letto l’agenzia (le rivelazioni sull’inchiesta Consip che scagionano Tiziano Renzi, ndr.) e lui si è messo a piangere. E’ pur sempre un uomo di 65 anni e questa vicenda è una roba grossa. Ora vado a casa: voglio portare i miei figli a cena dal nonno”. Insomma, una giornata già iniziata bene, per Renzi – grazie alle notizie in arrivo da Genova, sempre da un giudice, e che mettono nei guai il M5S nella città del loro fondatore, Beppe Grillo – non poteva che finire meglio.
L’ex premier è sicuro: “incasseremo altre soddisfazioni”, dice ai suoi. Non si riferisce alle primarie, ma alla possibile archiviazione della posizione del padre Tiziano nell’inchiesta Consip. Lascia ai renziani – Ermini, responsabile Giustizia, Morani, Marcucci e altri –
il veleno: “Vogliamo conoscere i nomi, i fatti, e vogliamo sapere i mandanti di questa brutta storia”. Tanto che spetta, invece, al sottosegretario alla Giustizia, Migliore, neo-renziano doc, ribadire la “massima fiducia” non solo nella magistratura ma nella “Procura di Roma”, come volerla contrapporla a quella di Napoli, di Woodckok delle
cui gesta Renzi cita sempre le inchieste finite in nulla che hanno interessato esponenti del Pd (Graziano a Napoli, Margiotta a Matera), poi prosciolti, o l’Eni con De Scalzi che – proprio ieri sera – sono finiti sulla graticola grazie a un inchiesta di Report (Rai 3) che il portavoce di Renzi, Michele Anzaldi, ha attaccato per l’accostamento “tangenti e Pd” . Insomma, l’accusa dei renziani – e, sottotraccia, di Renzi – è quella di ‘macchinazione’.

Certo è che, quando arriva da Vespa, Renzi dà il meglio di sé: “Sarebbe stato facile dire ‘avete visto?’” – attacca – invece bisogna avere totale fiducia nella magistratura, la verità, prima o poi, viene a galla”. Poi aggiunge un sonoro “Grillo vergognati!” e “Leggete le
carte prima di sputar sentenze”.  Il caso Consip ha toccato e ferito Renzi figlio, non solo
Renzi padre: “Ho tatuato addosso quello che è successo in questi mesi”, dice da Vespa, “una vicenda che mi colpito, ma – aggiunge – quando capita a un normale cittadino, finire nella malagiustizia, che si fa? E quando i processi li fanno i giornali e i politici prima delle procure?”. Domande senza risposta, per ora, ma che accennano
alla volontà di mettere mano a un altra ‘Grande Riforma’, quella della Giustizia, che non ha nulla a che vedere – sia detto per inciso – con la riforma del processo penale e della prescrizione che sta portando avanti il ministro Orlando – il quale è riuscito a farci mettere la fiducia solo ora, con Gentiloni, anche perché Renzi gliel’aveva sempre negata – ma con progetti di ‘giustizia giusta’ che ricordano il primo Craxi o il primo Berlusconi.

Orlando (“Se Renzi vince, ci farà perdere le elezioni”) ed Emiliano (“Se Renzi vince, distruggerà il Pd”) lo attaccano a testa bassa, ma per Renzi – sicuro di vincere le primarie, il solo timore rimasto è legato alla scarsa affluenza: i renziani avevano dimezzato le previsioni a non oltre un milione e mezzo di votanti, due al massimo, ora tornano a farsi esigenti e parlando di “due milioni e rotti”, certo è che sotto quella cifra le accuse di flop sarebbero pesanti e lo stesso Renzi ammette “abbiamo scelto un giorno difficile” (il 30 aprile, ma i renziani se lo sono scelti da soli, ndr.) mettiamocela tutta – gli attacchi polemici dei suoi avversari interni sono solo un fastidioso rumore di fondo.  E così, rilassato e pimpante, da Vespa offre rassicurazioni su (quasi) tutto: “Il governo Gentiloni non cadrà, se vincerò le primarie, anche perché io ne sono il primo tifoso e Paolo sta facendo un grandissimo lavoro”; “non ci saranno elezioni anticipate a ottobre”.

Resta solo un busillis. Renzi vuole una legge elettorale pronta all’uso. Ecco perché è pronto al ‘patto col Diavolo’, e cioè proprio con quel M5S che attacca tutti i giorni. Da Vespa offre loro, su un piatto d’argento, “l’eliminazione dei capolista bloccati”, scalpo che
i 5 Stelle chiedono da tempo per dare il loro via libera alla trasposizione di quel che resta dell’Italicum al Senato. Ma se solo un neo ‘Nazareno’ con gli arcinemici potrebbe dare al Paese una legge elettorale, la mossa potrebbe anche essere un modo per ‘mettere paura’
a Forza Italia, che i capolista bloccati li vuole eccome, ma per ottenere sempre lo stesso scalpo, la nuova legge elettorale. Non a caso, a Berlusconi riserva una battuta affettuosa: “Altro che agnelli, quello ha sette vite come i gatti!”. Sulla legge elettorale, Renzi è disposto a parlare con tutti e di tutto, pur di avercela bella, nuova e pronta per il voto.

NB: L’articolo è stato pubblicato a pag. 3 del Quotidiano Nazionale l’11 aprile 2017.  
 

Triste, solitario y final. Si prepara l’ennesima scissione a sinistra, stavolta in Sel-SI, ma figlia di tante altre passate.

Nichi Vendola

Il presidente di SEL, Nichi Vendola.

“Perché mi pungi – chiese la rana allo scorpione – ? Perché questa è la mia natura”.  (Esopo)

Alcuni antefatti (storici e microstorici). 

Scissioni. Liti. Incomprensioni. Divisioni. Tavoli che si spaccano e vesti che si stracciano. La sinistra cosiddetta ‘radicale’ – e già sarebbe meglio aggiungere ‘che tale fu’ – ha un’antica coazione a ripetere dalla quale non riesce proprio a discostarsi, neppur volendo. Una’storia’ e una ‘tradizione’ così radicata che ne ha causato una prima volta la morte – diciamo intorno al 2007/2008, quando Rifondazione comunista, fondata nel 1991/1992 per contrapporsi, da sinistra, allo scioglimento del Pci e alla sua trasformazione in Pds-Ds-Pd, si ruppe e diede vita a Sel di Vendola e Prc di Ferrero dall’altro (neppure insieme, nella fantomatica Sinistra Arcobaleno superarono il quorum a Politiche 2008 ed Europee 2009)  – e che sta per causarne, una seconda volta, la ‘ri-morte’ di quel che rimane di entrambe. Insomma, il rischio concreto è che, a sinistra del Pd, resti poco o nulla delle vestigia di un passato che fu, a metà degli anni Novanta, persino semi-glorioso. La Rifondazione di Garavini-Cossutta nel 1993/’94 prima e quella di Bertinotti-Cossutta nel 1996-’98 poi arrivarono a cifre elettorali ragguardevoli e condizionarono, per almeno tre volte, la nascita e poi la morte di governi di centrosinistra, cambiando di fatto la storia d’Italia: nel 1995-’96 dando, i Comunisti Unitari di Crucianelli, e negando, il Prc di Cossutta, la fiducia al governo Dini; nel 1996-’98 dando e poi negando, il Prc di Bertinotti e il Pdci di Cossutta, la fiducia al I governo Prodi e, il secondo, al I e al II governo D’Alema; nel 2007-2008 dando e poi negando, sempre il Prc di Bertinotti, la fiducia al II governo Prodi, che cadde ‘anche’ per colpa del Prc, pur se formalmente la crisi la aprì l’Udeur di Clemente Mastella.

Poi, appunto, un lungo silenzio, quasi assordante, con Ferrero e Vendola che si litigarono le spoglie di una Rifondazione comunista ridotta in briciole (vinse Ferrero, congresso 2009 a Chianciano, Vendola, che di quella sconfitta ancora non si capacita, fondò Sinistra ecologia libertà con Verdi e Psi prima, poi da solo), il Pdci che si inabissava nel nulla, i Verdi pure. Infine, alle Politiche del 2013 – quelle ‘non perse’ ma neppure ‘vinte’ dal Pd di Bersani – la (finta, ingannevole, illusoria) rinascita: Sel, grazie alla coalizione Italia Bene comune, fatta con Pd e i centristi, rientrò in Parlamento dalla porta principale: gruppone alla Camera, Boldrini presidente, nuova attenzione dei media. Durò assai poco. Prima la scissione dei ‘miglioristi’ (nel senso di seguaci dell’ex enfant prodige di Bertinotti nel secondo Prc, Gennaro Migliore) che fondarono una piccola costola di area Pd e poi, nel Pd, entrarono, non pareggiati dai ‘nuovi innesti’ di fuoriusciti dal Pd (Fassina, D’Attorre, Galli, Mineo); poi la stagione dei sindaci ‘arancioni’ (Pisapia a Milano, Zedda a Cagliari, Doria a Genova) che presto dilapidarono la ‘Nuova Speranza’ che si era accesa nel popolo della Sinistra. Ed eccoci, dunque, al semi-triste Epilogo. Una nuova, ennesima, scissione, a occhio l’ultima. Infatti – si legge sul il manifesto (http://www.ilmanifesto.it) a firma di Daniela Preziosi (@danielapreziosi su Twitter), penna attenta, accurata e sapida di tanti e tali mal di pancia – proprio oggi, 16 gennaio 2016, sta per prodursi l’ennesima scissione, stavolta dentro Sel.

L’ennesimo fatto (cioè l’ennesima scissione). 

I fatti stanno così. Sedici parlamentari (tra loro nomi che, nei cascami del ‘socialismo reale’ anche se ‘all’amatriciana’ del Prc che fu dicono ancora qualcosa: Franco Giordano, penultimo segretario del Prc, Ciccio Ferrara, ex responsabile Organizzazione di quel Prc, Claudio Fava, figlio del giornalista Pippo Fava, barbaramente ucciso dalla mafia e oggi vicepresidente della commissione Antimafia, Massimiliano Smeriglio, vicepresidente del Lazio gestione Zingaretti, ‘rastrellatore’ di tessere e iscritti a Roma e nel Lazio, ma pure Dario Stéfano, presidente della Giunta autorizzazioni del Senato, pugliese, che pare voglia candidarsi a sindaco di Taranto, deputati e senatori come Sannicandro, Bordo, Folino, Melilla, Piras, discretamente forti nelle loro realtà locali, e ultimo ma primo per peso politico specifico, il capogruppo di Sel alla Camera, il napoletano sveglio e arguto Scotto) – hanno scritto una lettera – a dir la verità trattasi di vera e propria ‘letteraccia’ – indirizzata al comitato promotore di Sel. Il quale ha dichiarato, in pochi giorni, chiusa per sempre l’esperienza di Sel per dare vita (congresso a Rimini, dal 16 al 19 febbraio) a un ‘nuovo’ soggetto politico, Sinistra Italiana. Soggetto che, però, non si capisce ancora bene ‘chi’ altri dovrebbe unire visto che il Prc di Ferrero (incredibilmente, ancora esiste!) resta a vegetare per conto suo, il Pdci non esiste più, i Verdi sopravvivono per conto loro, la minoranza del Pd non intende uscire dal Pd medesimo, D’Alema si fonderà la sua ‘Cosa’. Eppure, si sa già ‘chi’ guiderà Sinistra italiana: non certo Nichi Vendola, ormai ritiratosi a una (felice) vita privata con il suo compagno Eddy e il loro bel figliolo in quel del Canadà (a proposito: Auguri!), ma il ‘delfino’ storico di Vendola stesso, il bel rude Nicola Fratoianni, affiancato dalla ‘testa d’uovo’ ex Pci-Pds-Ds-Pd, l’economista di sinistra Stefano Fassina.

Ora, gli estensori della lettera, cioè i 16 parlamentari di Sel attuale (31 in tutto sono i deputati, quindi la metà del gruppo attuale, ma vanno contati pure i 7 senatori nel Misto), non è che dicano che stanno per produrre l’ennesima scissione dell’ennesimo partitino, a sinistra, ma poco ci manca. Infatti, rimproverano al gruppo dirigente di Sel-Si “una cultura dell’intolleranza incompatibile con il progetto politico che stiamo animando”. L’oggetto del contendere è, tanto per cambiare, il rapporto con il Pd di oggi (Renzi), come lo fu, in passato, il rapporto tra il Prc di Cossutta e Garavini (che li divise fino alla rottura) con il Pds di allora (Occhetto); il rapporto tra il Prc di Bertinotti e sempre di Cossutta (ma stavolta a ruoli invertiti) con i Ds di allora (Fassino e D’Alema), che li portò addirittura a fondare due partiti ‘diversi’, anche se semi-cugini (che si odiavano però), il Prc e il Pdci; e il rapporto tra Ferrero e Vendola con il Pd di allora (Veltroni-Franceschini e poi Bersani), che pure portò alla nascita di due tronconi (il Prc di Ferrero e la Sel di Vendola, appunto). Tronconi, con il passare degli anni, sempre più piccoli, sempre più sfiatati e più rachitici.

Stavolta, il punctum dolens è il rapporto con il Pd di Renzi (oggi, ma domani di chi? Orlando? Franceschini? altri? chi può dirlo, il Pd terrà il suo congresso alla fine del 2017). Quelli della lettera, “i 16” Nuovi Apostoli, vogliono dialogarci, con il Pd, e Giuliano Pisapia, ex sindaco di Milano e animatore del ‘Campo progressista’ creato con il sindaco di Bologna Merola, il sindaco di Cagliari Zedda e, forse, il sindaco di Genova Doria, ma anche qualche territorio, vuole allearsi con il Pd, partecipando anche a evenutali primarie (candidata ‘naturale’, Laura Boldrini), mentre tutti gli altri (25 parlamentari), quelli di Fratoianni e Fassina, no. Anzi, si ritengono ‘alternativi’ in modo irriducibile al Pd e al suo progetto politico, che ci sia Renzi, alla guida, o financo Carbon Dimonio. Fassina, poi, letta la lettera sul manifesto, si è arrabbiato moltissimo e ha scritto, oggi, più o meno, così: ‘come vi siete permessi?! Dovevate prima portare l’istanza nel Comitato Federale, discuterla nei circoli, etc. etc.’.

Insomma, Fassina crede ancora che esista un ‘partito’ (si chiami Sel o SI o X non importa) come ai tempi del (grande) Pci (tradizione, peraltro, da cui ben pochi di loro provengono). Invece, Sel (o SI o X) è un partito morente, allo stato liquido, se non gassoso, e SI (o X) non sarà da meno. D’altra parte, i 16 ‘contestatori’ – che oggi assicurano di voler dar vita a nessuna ‘scissione’, per carità, ci mancherebbe – da Sel o SI o X lì se ne andranno presto (al congresso, magari: nei piccoli partiti comunisti si amano le uscite plateali, ai congressi, con tanto di sventolio di bandiere, canti liberatori e, possibilmente, pugni alzati al cielo…) e – tanti cari saluti – finiranno per dare vita a una ‘sinistra-centro’ alleata con questo Pd. Ecco che, dunque, tempo un mese, e si compirà, a sinistra, l’ennesima, triste, scissione e la sinistra-sinistra, già ridotta ai minimi termini, se non al lumicino, sarà ancor più piccola modesta, minimale e residuale. Insomma, come accade nella vita, e anche in politica, se rompi un piccolo atomo e crei due piccoli neutroni, poi li dividi in tanti piccoli neutrini, alla fine fai davvero fatica a renderti conto di quello che è rimasto, se non col microscopio (e lasciamo perdere, per carità di patria, i discorsi sui ‘luoghi’ della Politica, il valore del Sociale, il radicamento nei Territori, la ripartenza dalla Base, la retorica della Militanza!).

Un triste (e scontato) epilogo. 

Una storia minima, per carità, anzi minimale, questa che abbiamo provato qui a raccontare ma la cui ‘fine’ “è nota”, come diceva il titolo di un bel romanzo giallo di Geoffrey Hall.  Una storia che, ci rendiamo conto, appassiona pochi, interessa il giusto qualche giornale (il manifesto, appunto, l’unico che sa ancora raccontarle, con pazienza e lena, tali storie) e qualche sito Internet o social network dove gli ultimi reduci del post-comunismo che fu ancora oggi se le danno di santa ragione. E allora – si chiederà uno dei miei 25 lettori – perché la racconti ancora, questa ‘piccola’, e triste, storia? Perché è stata ‘anche’ la mia. Per troppo tempo, infatti, dal 1991 al 1998 (circa) vi ho preso parte, con qualche rilievo. Poi, per mia fortuna, ho iniziato a fare il giornalista e di quella storia mi restano alcuni cimeli (bandiere, belle, tessere, stropicciate, feticci, ancora in bella evidenza nella mia libreria) e tanti, troppi, ricordi. ‘Ti conosco, mascherina’, si diceva in un’Italia che non esiste più. Ecco, li conosco quasi tutti, quelli e questi protagonisti, ergo non mi ‘fregano’ più, ormai. Però, ai tempi, c’ho creduto, in loro e con loro, in un Avvenire migliore, e tinto di Rosso, e oggi, invece, ‘un fiore in petto m’è sfiorito’. Ecco, tutto qua. E tanti auguri e saluti a tutti, s’intende.  Ps. alla fine, mi fa più simpatia il tentativo di Pippo Civati e del suo ‘Possibile’. Liquidi per liquidi, gassosi per gassosi, tanto vale essere adeguati alla (banale) ‘Modernità’.

NB: L’articolo è stato scritto solo e soltanto per il mio blog personale il 15 gennaio 2017.

Due pezzi (o commenti) acidi. L’ira funesta di D’Alema e i flop di Sel-Sinistra italiana….

d'alema 2

L’ex premier e leader dei Ds Massimo D’Alema

1) D’Alema non vuole sconfiggere Renzi, ma Belzebù…

SOLO a voler scorrere le agenzie di ieri (12 luglio 2016, ndr.), il botta&risposta Renzi-D’Alema ha riempito di «take» l’intera giornata politica. Il tema erano le banche (Renzi ha rimproverato a D’Alema Telecom, D’Alema a Renzi Banca Etruria…), ma l’altro ieri erano le riforme, domani chissà: forse il Meteo. Renzi ama trovarsi dei nemici né D’Alema è mai stato da meno ma, fino a neppure un mese fa, era Renzi che ‘personalizzava’ lo scontro e D’Alema che la prendeva larga: insomma, a Renzi ‘conviene’ avere in D’Alema il nemico pubblico numero 1 da combattere e battere in nome del ‘nuovo’, della ‘rottamazione’ e del ‘cambiamento’. A D’Alema assai meno. Non a caso, fino a un po’ di tempo fa, D’Alema ha cercato di evitare lo scontro aperto. Di solito, scendeva dall’aereo  e diceva: «Sono reduce da un viaggio a Bruxelles (o altrove, non importava, contava solo il piglio e il cipiglio sprezzante, ndr), non mi occupo di politica italiana, ma di politica estera. Io sono presidente della Feps» (Feps sta per «Foundation for european progressive studies», è il centro studi del Pse, conta pochissimo, ma per Lui è pari, mutatis mutandis, all’Istituto Gramsci del caro Pci: come a dire, conta tantissimo). E invece, appunto, tempo un mese dalla sonora batosta presa da Renzi alle amministrative, D’Alema ha sentito «l’odore del sangue». Ha capito che il (suo) Nemico si può battere. Ma non serve dargli i «colpetti» come vogliono fare «quelli» della minoranza, tipo Bersani e Cuperlo – due tipi che Lui, in verità, disprezza e che, Lui lo sa bene, non avranno mai «il coraggio» di abbandonare e/o tradire la (loro) ex «Ditta».  No, Renzi il Maligno, il Diavolo, Belzebù-Renzi bisogna colpirlo con tutta la forza che si ha, scatenando l’Armageddon.

E COSÌ, a partire dalla famosa dichiarazione estorta, mai rilasciata, ma di fatto confessata (“A Roma voterei pure il Diavolo pur di battere Renzi, compresa la Raggi, Giachetti non ha chanches”), da un mesetto, D’Alema, è tornato tonico, garrulo, sferzante, pugnace e salace. Solo, ieri, per dire, ha parlato, nell’ordine, al Tg5, al Fatto, alla Gazzetta del Mezzogiorno, altre agenzie e tg locali, etc. E così vuole e andrà avanti fin quando si terrà il referendum costituzionale di ottobre: non è solo per Renzi, la «partita della vita», quel referendum, ma pure per Lui. I temi su cui D’Alema punta sono, invece, sempre gli stessi: «La riforma è pasticciata, confusa, non si capisce nulla»; «L’Italicum è una legge pericolosa e incostituzionale»; «Se Renzi cade, nessun diluvio, si fa un altro governo». E qui arriva il colpo basso: «In Italia c’è un cospicuo numero di persone in grado
di fare il premier» (Sottotesto: «Io in testa, ‘disciamo’…»). Ora, al di là del fatto che, in effetti, se cade il governo Renzi, Mattarella, o chi per lui, i partiti presenti in Parlamento, Pd compreso, o chi per loro, e le forze ‘sane’ (?) della Nazione, cercheranno di fare un governo istituzionale o di scopo, come possa (al di là che, ovviamente, ‘voglia’…) rientrare in gioco un politico fuori dal Parlamento, che in teoria si occupa ‘solo’ di politica internazionale e che, dopo averne provate tante, di battaglie per la premiership e la leadership, le ha perse tutte, resta – ai nostri modesti occhi – un Mistero…
Ps. Ieri D’Alema ha parlato anche della «tragedia che ha colpito la nostra terra» e chiesto al presidente Emiliano di «trasmettere tutto il mio cordoglio, affetto, solidarietà». Stile Putin, che ha scritto a Renzi: «Da lontano, ma vi siamo vicini». Ma non era lui il deputato semplice di Gallipoli?

NB: L’articolo è stato pubblicato a pagina 8 di Quotidiano Nazionale del 13 luglio 2016

2) La nuova ‘Cosa Rossa’ neanche è nata e già perde pezzi: se ne vanno Zedda e Cofferati

«NON SI fanno le tessere, non si discute, la democrazia interna è sospesa». Così l’ex sindaco di Bologna ed ex europarlamentare del Pd Sergio Cofferati, appena tre giorni fa, sul Manifesto.
«Dividere la sinistra è stato un errore strategico, le elezioni amministrative sono state un disastro, non c’è stata nessuna autocritica, Sinistra italiana è un’operazione autoreferenziale, fatta in Parlamento, ma mai nata sui territori». Così, invece, Massimo Zedda, sindaco di Cagliari, sostenuto da 300 sardi guidati dal senatore Luciano Uras: entrambi, a lungo, hanno militato in Sel.
In meno di tre giorni, entrambi – Zedda e Cofferati – hanno preso il cappello e sbattuto la porta: il primo (Zedda) perché vuole tornare con il Pd, il secondo perché giudica i suoi compagni di strada, in pratica, sia incapaci che autoreferenziali.

IERI, quando si è aperta l’assemblea programmatica di Sel-SI a Roma, al centro congressi Frentani (storico catino di interminabili, faticosi e litigiosi Comitati politici di Rifondazione Comunista, partito da cui molti di loro provengono per auto-scissione di Vendola dal Prc di Ferrero), molti osservatori, oltre a Zedda, Cofferati (e compresi esponenti di Sel romana di peso come Massimigliano Smeriglio, pure lui assai critico verso l’attuale dirigenza di Sel) si aspettavano qualche cenno, sia pur minimo, di autocritica da parte degli (ex) colonnelli di Vendola (Fratoianni in testa) e degli ex deputati del Pd confluiti in Sel (D’Attorre) che hanno condotto l’esperimento di Sel-SI fino a ora con assai modesti risultati. Invece, zero, niente, nisba. Fratoianni attacca «politicismi e snobismi» (tradotto: Zedda e i suoi si vogliono ‘vendere’ al Pd, Cofferati ha la puzza sotto il naso), D’Attorre, con linguaggio degno del Pci staliniano degli anni ’30, «l’avventurismo renziano». Persino Arturo Scotto, capogruppo di Sel alla Camera, uno bravo, serio, tosto, chiama alla «mobilitazione totale contro Renzi per il No al referendum di ottobre: se Renzi se ne va, abbiamo vinto». Peccato che Sel (o SI: starebbe per Sinistra Italiana, forse farà il suo congresso a dicembre, forse si vedrà, il percorso congressuale non è ancora iniziato, non si sa quanti e quali sono gli iscritti, è tutto molto vago, compreso, appunto, quello straccio di democrazia interna che si rimprovera mancare al Pd) abbia perso, e male, le elezioni amministrative e sia presente in Parlamento solo grazie a un patto stipulato nel 2013 con il Pd (anche se allora c’era Bersani).
Avanti così, a mettere la testa sotto la sabbia, e la sinistra che fu radicale resterà molto confusa e assai poco felice., rischiando di replicare la fine ingloriosa della Sinistra Arcobaleno di Bertinotti, Vendola e una manciata di ex Ds, ex Verdi ed ex Psi che, nel giro di due soli anni (2008-2009), riusci a farsi buttare fuori, per assenza di quorum, dal Parlamento italiano e da quello europeo. 

NB: l’articolo è stato pubblicato su Quotidiano Nazionale il 17 luglio 2016 a pagina 14.

#Pd romano alla caccia di nuovi iscritti con relativo sprezzo del pericolo, ma tra i romani prevale l’apatia e l’indifferenza. “Dotto’, questi se so’ magnati Roma”…

Il presidente del Pd, Matteo Orfini, area dei 'Giovani Turchi'.

Il presidente del Pd, Matteo Orfini, area dei ‘Giovani Turchi’.

“Catoche?” ‘Catoblepismo’. “Vuol dire, ecco, le cito il testo, ‘i partiti, anziché essere controllati dai cittadini, si auto-controllano’. Lo dice Fabrizio Barca. Sa, l’ex ministro? Lei cosa ne pensa?”. “A’ dottò (a Roma basta giacca&cravatta che sei già ‘dotto’, ndr.) ma sti’ infami, se so’ magnati Roma e ancora ce vonno fregà?!”.

Inizia così, in piazza Campo de’ Fiori – dove la statua di Giordano Bruno ricorda, memento mori, che fine fanno i ‘marziani’ a Roma – la giornata del cronista a caccia del nuovo iscritto al Pd romano. Mario (nome d’arte: persino lui, infatti, preferisce l’anonimato) va di fretta. Eppure, è sempre stato fedele “ar Bottegone (Botteghe Oscure, poco più avanti, la storica sede nazionale del Pci, ndr.), ma mo’ nun ce credo più, so’ c. loro. Io c’ho un sacco de’ bollette, da pagà. I soldi pe’ la tessera l’ho dati pe’ na’ vita, e mo’ basta!”.
La sfida lanciata da un Pd romano squassato da Mafia Capitale ha del temerario: due giorni due di campagna per il tesseramento. Anno domini 2015 però, che quello del 2014 è stato azzerato. Dietro Campo de’ Fiori c’è la storica sezione del Pci-Pds-Ds e, ora, Pd, dei ‘Giubbonari’, dal nome dell’omonima via. La sezione è un posto piacevole, pieno di gente indaffarata, anche di giovani, oltre che di antichi militanti. “Dottò (aridaje, si dice a Roma, ndr.) – dice Piero – ‘a tessera ‘a ripijo. Ce credo. Er partito è pulito!”.

La sezione Giubbonari gonfia il petto: avevano quasi 500 iscritti, c’è chi conta di farne altrettanti e chi, mesto, spera: “almeno 300”. La segretaria del circolo, Giulia Urso (sveglia, tosta, preparata) non c’è: è impegnata a un banchetto, ma in tutt’altra zona. Parla al telefono e, quasi dispiaciuta, racconta: “Speravo negli insulti, nella rabbia della gente, pronta a ribattere, a confrontarmi, a spiegare. Invece ho trovato solo disinteresse, fretta e la tipica apatia romana. Di noi, del Pd, non frega più nulla, ai romani, ecco la triste verità”.

Eppure, qualcuno che ancora scrive, ‘a Giulia’, via email, o sms, non per vomitare insulti, ma per dirle ‘daje! vai avanti’ ancora c’è. Eppure, la nuova tessera del Pd costa 30 euro (+10 euro sul 2014). Certo, un signore anziano e distinto, ex iscritto, preferisce inveire contro il sindaco Marino, in perfetto italic: “Lui è un cretino e Roma fa schifo tra vandali, rifiuti, multe, che solo lui non paga. Marino l’ha scelto il Pd. Non li voterò più, campassi cent’anni”.

Tutti così? No, affatto. Molti, invece, ancora ci credono: “Io mi iscrivo. E’ solo grazie a noi, agli onesti, che si può ricominciare”, dice Fabio, barbuto quarantenne. “Non so, ci devo pensare, ma sono di sinistra, la destra romana fa sempre paura, Salvini e Grillo speculano sulle nostre disgrazie, finisce che appena posso ritorno”, è il barlume di speranza che lascia al banchetto Silvia, studentessa. Il guaio è che molte altre sezioni o circoli, che dir si voglia, del Pd romano o sono chiuse o non rispondono neppure al telefono. Del resto, da Ostia a Fregene, da Torbellamonica a Torpignattara, le sezioni più’ periferiche sono proprio quelle che sono state commissariate dal partito nazionale. Per dire, il torinese Esposito e’ stato spedito a vedersela con i “mafiosi veri”, quelli di Ostia, il napoletano Gennaro Migliore pure e’ stato spedito in piena periferia come un’altra piemontese tutta d’un pezzo, la deputata dem Rossomando.

Eppure, a Testaccio come a Trastevere, a San Lorenzo come alla ex sezione Prati-Mazzini (quella di D’Alema), i banchetti del Pd ci sono, si vedono, si fanno sentire. “Nessuno ci insulta”, è già un successo”, sospira la deputata calabrese Rosa Calipari. A lei, il partito l’ha spedita a fare da commissario al XV Municipio, “quello der Cecato, per capirsi”, ci spiega, “ma anche il solo dove governava da sempre la destra: qui non c’era un branco di lupi da sfamare. Anzi, s’è fatta una bella discussione, anche con la minoranza…”. Che equivale a dire che, al XV Municipio, non solo esiste il Pd, ma pure la sua minoranza.‘

Proprio ieri il raffinato intellettuale, non certo renziano, Fabrizio Barca ha presentato il suo progetto ‘Luoghi idea (li)’ (scritto così, sic). Barca propone il “partito-palestra, uno spazio di confronto aperto, anche acceso”. Si vede che ci crede, Barca. Il guaio è che, se Buzzi&Carminati “se so’ magnati Roma”, Roma ‘se magna’ chiunque, da millenni. ‘Intellettualini’ o ‘-oni’ in testa.

NB. Questo articolo è stato pubblicato il 14 giugno 2015 a pagina del Quotidiano Nazionale.

#DopoleRegionali/2. Renzi sfida la sinistra dem che si prepara al Vietnam al Senato: “Non sarà ricandidato chi continua a votare ‘no’ ai ddl del governo”. Presto una vera ‘rivoluzione’ al partito e nei gruppi: Rosato vicesegretario unico, Guerini capogruppo alla Camera

Il presidente del Pd, Matteo Orfini, area dei 'Giovani Turchi'.

Il presidente del Pd, Matteo Orfini, area dei ‘Giovani Turchi’.

ROMA – Uno. Nuove regole e modalità di comportamento (sanzioni incluse) per stare nel partito e nei gruppi parlamentare, impedendo che si possa “votare no alla fiducia o a un ddl a prescindere o presentare migliaia di emendamenti killer”. Non si sa ancora se con rigide effettive sanzioni che, pur rispettando la libertà del parlamentare (eletto senza vincolo di mandato in base all’art. 49 della Costituzione), “garantiscano piena libertà di coscienza solo sui temi etici e di riforma costituzionale”, come nella proposta un po’ a sorpresa, venendo da un esponente della minoranza, che fa un cuperliano doc, Andrea de Maria, oggi membro della segreteria Renzi (delega alla Formazione). Due. Possibilità che le ‘nuove’ regole si traducano in una semplice moral suasion, anche se magari con l’aggiunta di una semplice, ma devastante, clausola-killer (‘vota pure no, ma tu non sarai ricandidato’) ma senza minacce o introduzione di espulsioni (“Noi non cacciamo nessuno”, prova a rassicurare la minoranza già in fibrillazione, il presidente Matteo Orfini), Tre. ‘Registrata’ alle primarie che “non possono più restare o ridiventare l’unico metodo di selezione della classe dirigente”, e più attenzione e gestione agli Enti locali fino a “rivoltarli come un guanto”, come spiega a QN Gennaro Migliore, ex SeL e oggi renzianissimo.

La Direzione del Pd di lunedì 10, convocata peraltro alle 21 de la tarde (cioè di sera…), prevede i fuochi d’artificio già solo nell’ordine del giorno, quello appena citato. Odg che, oltre a un classico del renzismo (“Avanti tutta sulle riforme”), risponde al mood post-elezioni del premier: “basta mediazioni al ribasso con i Bersani, Speranza e Stumpo (Renzi non ci mette mai Gianni Cuperlo, nell’elenco dei reprobi, anche perché con lui ha stretto un patto tra gentiluomini, ndr.), ma soprattutto basta coi Fassina e i D’Attorre! La nostra gente non vuole vedere liti, altrimenti si astiene e si ferma il cambiamento”.

La minoranza, per ora, da un lato risponde ‘picche’ e prepara emendamenti qualificanti sul ddl scuola e le riforma istituzionali, oggi entrambe approdate nel terreno minato del Senato, ma dall’altro non ha alcuna intenzione di andarsene. Anzi, punta a riorganizzarsi, come ieri hanno fatto, in un pranzo al ristorante ‘Archimede’, i suoi leader vecchi (Bersani) e nuovi (Speranza) con i loro 22 (Gotor, Fornaro, etc) senatori per preparare molti emendamenti killer (appunto…) al ddl scuola. Ma mentre ‘i Fassina e i D’Attorre’ potrebbero raggiungere Civati fuori dal Pd, la minoranza dem, per ora, vuol dar battaglia dentro, non fuori, il Pd.

Il vicesegretario del Pd, Lorenzo Guerini, detto anche 'il Forlani' di Renzi.

Il vicesegretario del Pd, Lorenzo Guerini, detto anche ‘il Forlani’ di Renzi.

Dopo la Direzione e dopo i ballottaggi arriveranno pure le ricadute organizzative del nuovo ‘passo di carica’ deciso da Renzi per il Pd fase ‘2.0’, quello della nuova rottamazione-rivoluzione. Al Nazareno – dove non arriveranno affatto, come pure si è vociferato e scritto molto, in questi giorni, né il ministro Boschi né il sottosegretario Lotti (“Mi servono dove sono”, ha tagliato corto Renzi) – arriverà e sarà nominato presto un vicesegretario unico e molto organizzativo, forse con un vice. Oggi il Pd ha due vicesegretari. Per Lorenzo Guerini, ‘il Forlani di Renzi’, si tratterà di una promozione: diventerà capogruppo del Pd alla Camera. Il premier ha deciso che serve un abile ‘tessitore’ come lui (‘equi-vicino’ al ‘giglio magico’, a Delrio e pure alla minoranza!) per guidare un gruppo formato da ‘sensibilità’ diverse (troppe e troppo diverse tra loro, ormai).

Ettore Rosato, invece, attuale vice-capogruppo vicario del Pd alla Camera, dalle dimissioni di Speranza in poi, diventerà vicesegretario unico, o  ‘accompagnato’ da un vice, del Pd. Renzi a Rosato lo vuole al Nazareno per raddrizzare la barca dopo la botta delle Regionali, ‘botta’ che ormai neppure i renziani più oltranzisti nascondono di aver preso. Non a caso, Rosato, va sempre più spesso in tv perché funziona’, dicono gli spin doctor del premier. Al suo fianco, o resta la Serracchiani (“ma due friulani nello stesso ufficio sarebbe davvero troppo!”, sibila la minoranza che vorrebbe metterci un suo uomo: Nico Stumpo), o il triestino Rosato potrebbe essere affiancato dal napoletano verace ed ex-Ds Enzo Amendola, oggi deputato e capogruppo dem nella commissione Esteri.

Amato e benvoluto dai colleghi deputati (“Se Rosato è il nostro sergente di ferro, Enzino è un commilitone con cui fare gavettoni agli altri!”), che lo eleggerebbero capogruppo al volo, Amendola – che di suo è un po’ pigro – non mostra ambizioni e, proprio come Rosato, che invece è un iperattivo, dice: “Sono a disposizione, faccio quello che mi dice il partito”. Il suo gruppo, invece, i nenonati ‘giovani armeni’ (50 deputati coordinati da Matteo Mauri, ministro di riferimento il ministro Martina e, oggi, anche Andrea Orlando, che si sta posizionando su un idea di Pd ‘socialdemocratico’ e ‘di sinistra’), negano, dopo aver svuotato il grosso di Area riformista (30 deputati), di volere ‘solo’ posti, ma li avranno. Specie i capigruppo delle commissioni che il Pd, entro metà giugno, sfilerà a Forza Italia, all’atto del ricambio di metà legislatura: salteranno le teste di Cicchitto (Esteri), dove potrebbe andare proprio Amendola se non diventasse capogruppo o vicesegretario, Capezzone (Finanze), dove potrebbe andare un ‘giovane armeno’ (Mauri o Ginefra), Affari costituzionali (Sisto), posto predestinato per il capogruppo in I Commissione, Lele Fiano, e molte altre. Invece, le tre presidenze in mano a esponenti della minoranza dem (Epifani alle Attività produttive, Damiano al Lavoro, Boccia al Bilancio) non cambieranno presidente perché i tre esponenti di minoranza si sono dimostrati, in questi mesi, ‘leali’, per i renziani. Traduzione: non hanno fatto cagnara più di tanto tra Jobs Act, Italicum, ddl scuola, etc.

NB. Questo articolo è stato pubblicato il 4 giugno 2015 a pagina 5 del Quotidiano nazionale (http://www.quotidiano.net

#DopoleRegionali/1. Renzi: nessuna mediazione con i ribelli. L’obiettivo del premier: fuori dal Pd chi non rispetta le regole

Il 'tetto' del Quirinale, detto 'Torrino', dove riceve i suoi ospiti il Capo dello Stato, oggi Mattarella

Il ‘tetto’ del Quirinale, detto ‘Torrino’, dove riceve i suoi ospiti il Capo dello Stato, oggi Mattarellad

“Avete visto? Matteo s’è messo la mimetica. Gli mancava solo l’elmetto. Se veniva qui e vedeva la Bindi come minimo sparava”. I fedelissimi del premier provano l’arma del sarcasmo per cercare di stemperare il clima mesto e cupo che regna dalla notte del voto. Moltissimi renziani ieri erano al ricevimento per il 2 giugno che il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha organizzato ai giardini del Quirinale. Renzi, invece, non c’era. Tocca a loro, dunque, il ruolo del ‘genitore o di chi le fa le veci’.

Le ‘veci’ in questo caso, del premier. Infatti, Matteo Renzi, come si è appreso all’improvviso solo ieri mattina – fatto che ha scatenato nugoli di polemiche e di ’si dice’ (il premier fugge dal voto, è nero, ha fatto uno sgarbo pure a Mattarella, etc.) – era volato ad Herat per salutare il contingente militare italiano. E, da Herat, Renzi, sulle Regionali, dice giusto due parole (“siamo passati dal 6 a 6 del 2010 al 10 a 2 di oggi”), senza discostarsi di una virgola dalla conferenza stampa mattutina tenuta al Nazareno dal presidente del partito, Matteo Orfini, e dai due vicesegretari del Pd, Lorenzo Guerini e Deborah Serracchiani (vicesegretari ancora per poco, pare…). Quella conferenza stampa, cioè, dove musi lunghi e visi tirati indicano che il Pd ribolle a tal punto che è sul punto di esplodere.

Nella fattispecie del ricevimento al Colle, a far le veci del premier s’incontrano un po’ tutti i renziani doc: il vicepresidente della Camera” Roberto Giachetti, il presidente del Pd, Orfini, i sottosegretari Gozi, Scalfarotto, Rughetti e molti ministri renzianissimi: Boschi, Madia, Pinotti (elegantissime), etc. I volti sono distesi, gli abiti eleganti, l’eloquio è cortese, ma la sostanza rimane la stessa: i renziani più vicini e fedeli al premier chiedono, come chiede Renzi, la ‘resa dei conti’ con la minoranza. Rapida, sterminatrice, affatto indolore. Lunedì 10 c’è la Direzione e Giachetti già sta preparando le sue cartuscelle anti-Bersani&co. Gennaro Migliore, altro neo-renziano, chiede “ordine e disclipina” e solo Rughetti si limita a un serafico “analizzeremo bene il voto”.

La verità è che Renzi e i renziani sono davvero furibondi e ‘neri’. Ce l’hanno con la minoranza, che accusano di ogni male e di ogni sconfitta’, dalla Liguria (sconfitta dovuta, per Renzi e i suoi, “al tafazzismo della sinistra”) alle vittorie di Pirro di Campania e Puglia, dai possibili nuovi tradimenti (tipo quello della Bindi) e/o ad altre imboscate (al Senato). E se è pur vero che Renzi, ieri, era assai meno abbattuto dei suoi, il mantra “andremo avanti con le riforme” del premier, oggi, non basta più. Infatti l’aggiunta-spia è “… e a rinnovare il Pd”.

Renzi vuole riprendere, e presto, la strada della rottamazione/rivoluzione interna. Su tre direttrici. Uno. Nessuna mediazione con la sinistra interna, neppure con i ‘lealisti’ (Cuperlo): con loro sarà guerra termonucleare globale. Traduzione: “si sta nel Pd se se ne accettano le regole”, dirà Renzi in Direzione, “altrimenti la porta è quella”. Fine di casi alla Civati: se non voti un provvedimento importante o una fiducia, ‘sei fuori’. Due. Ricambio totale, una vera rivoluzione, tra gruppi e partito. L’attuale vicesegretario, Lorenzo Guerini, diventerà il nuovo capogruppo alla Camera, mentre Ettore Rosato, oggi capogruppo vicario, andrà al partito (Organizzazione), azzerando le figure dei due attuali vicesegretari per una sola e assommando nell’Organizzazione anche l’incarico degli Enti locali, a oggi nelle mani di Valentina Paris. Tre. Nessun spostamento al partito di pedine importanti che devono continuare a far ‘bene’ ciò che fanno (Boschi il ministro, e Lotti il sottosegretario) al governo, ma rimpasto e rilancio del governo sì.

NB. Questo articolo è stato pubblicato il 2 giugno 2015 a pagina 3 del Quotidiano Nazionale