Caso Visco, parziale disgelo tra Renzi e Gentiloni. Il toto-nomi per BankItalia

Quirinale - Paolo Gentiloni è il Presidente del Consiglio incaricato

Il nuovo premier, Paolo Gentiloni, al Quirinale

Ettore Maria Colombo – ROMA

BankItalia? “Non parlo neanche sotto tortura: è un compito che spetta, in parte, al governo. Non faccio indiscrezioni”. Formalmente, il premier Gentiloni se la cava così, mentre si trova a Bruxelles per il consiglio europeo, sul caso politico della settimana. Ma come si sa il fuoco cova sotto la cenere. Anche sulle tensioni tra lui e Renzi prova a glissare: “Tutte le opinioni sono legittime e i rapporti tra il governo e il Pd sono ottimi, ma noi decidiamo con in mente l’obiettivo, non per buona creanza. L’autonomia dell’istituto è un valore in sé e per i mercati, sono cose serie”. Chi ha orecchie intenda, sembra dire, ma il ‘gelo’ calato nel rapporto tra il premier e il segretario del suo partito si sta, lentamente, sciogliendo. Gentiloni, che non l’ha mai amata, ha difeso pure la Boschi. Ieri premier ed ex premier si sono sentiti più volte, anche se al telefono: “Quello che dice Paolo lo sottoscrivo, retwitto Gentiloni”, ironizza il leader dem dal suo treno in viaggio. Renzi, ormai, rivolge le sue ire ad altri attori della spy story, tipo la ministra Finocchiaro: ha autorizzato la divulgazione della chat su What App tra lei e i deputati della mozione Orlando. “Pensa di lavarsi la coscienza così, la carina – dicono i suoi – A presto!”. Velata minaccia da “scordati pure una ricandidatura”, anche se lei già ha detto che non la chiederà. Ma anche la presidente della Camera Boldrini è finita nel tritacarne renziano: “Perché invece di predervela con noi che abbiamo presentato la mozione – dicono  i fedelissimi del segretario – non ve la prendete con chi ha permesso che la nostra mozione, per dire di quelle ben più dure della nostra di M5S e Lega, fossero ammesse?”.

Il ministro Orlando e i suoi (Martella, Misiani, etc) pure sono pure nel mirino del segretario: “Attendiamo con ansia – sibilano i renziani – che, dopo tutti questi attacchi, i cento deputati di Orlando pretendano i loro cento collegi sicuri!”. Lo scudiscio del ministro Calenda, invece, non fa più male: lui è dato per perso alla causa del Pd e alleati, come Pisapia, che a sua volta critica Renzi su BankItalia mentre Mdp e SI chiedono al governo di venire a riferire subito alla Camera, il che accadrà la prossima settimana. Ma cosa dirà Franceschini, tornato dagli Usa? Attaccherà, di nuovo, e anche lui il segretario? Ieri, per dire, lo ha fatto la ministra alla Difesa Pinotti, a lui vicina, mentre persino un ‘cane da riporto’ come il vicesegretario e ministro Martina ha espresso dubbi su Renzi, non foss’altro perché, a sua volta, non ha mai saputo quello che il Capo stava preparando. I nemici interni (le minoranze) ed esterni (Prodi, Pisapia) di Renzi aspettano il redde rationem del 5 novembre: sanno che le elezioni siciliane andranno male, per il Pd, e sperano che Renzi, dopo la Waterloo siciliana, sarà costretto, se non proprio a fuggire a Sant’Elena, almeno ad andare a Canossa e concordare con loro le liste. Solo che si sbagliano: Renzi deciderà tutto da solo e già spiega che”le farò coi nomi della società civile”. Il che vuol dire, appunto, che i posti ‘sicuri’ per i suoi oppositori saranno pochi. Del resto, anche se sarà ammaccato, con il Rosatellum le candidature le decide solo lui.

Ma cosa sarà del futuro di BankItalia? Tre sono i nomi in pole position. La riconferma di Visco, per quanto goda del pieno sostegno del Colle, della Bce di Mario Draghi e della Ue, è data in calo perché sono sempre di più le voci che si levano non solo in sua difesa, ma anche in suo attacco, e non solo da parte del Pd di Renzi (Salvini, Grillo, sinistra-sinistra). Mentre salgono, invece, le quotazioni del direttore generale, Salvatore Rossi (piace a Renzi, o almeno così lui dice ai suoi, come pure a Gentiloni) e del vicedirettore, Fabio Panetta, dal profilo tecnico, le cui quotazioni sono date come ‘stabili’. Certo è che, quando, il prossimo 27 ottobre, Paolo Gentiloni riunirà il consiglio dei ministri per presentare al Quirinale una rosa (così dice la legge: il cdm propone, il Quirinale dispone), tale rosa sarà ristretta a questi tre nomi: in ogni caso, una soluzione interna, non esterna. Inoltre, si ragiona tra palazzo Chigi e Colle, “Visco è troppo compromesso, troppo esposto e troppo sotto attacco. L’intero Parlamento, di fatto, si è schierato contro di lui e la commissione sulle banche (presidente né è Casini, ndr) rischia di diventare un vaso di Pandora che gli farà solo male”. Per paradosso, alla fine, Renzi potrebbe averla vinta.

NB: L’articolo è pubblicato a pag. 4 del 21 ottobre 2017 sul Quotidiano Nazionale. 

 

Annunci

Legge elettorale, il retroscena. Il triangolo Renzi-Gentiloni-Mattarella ha funzionato come un metronomo

mattarella

Sergio Mattarella, XII presidente della Repubblica italiana

Ettore Maria Colombo – Roma

“Siete sicuri? Siete davvero convinti? Bene, non sarò certo io a mettermi di traverso”. La telefonata del Capo dello Stato, Sergio Mattarella, arriva a metà mattina al premier, Paolo Gentiloni, che risponde convinto: “sì Presidente, sulla legge elettorale mettiamo la fiducia”. A Gentiloni, invece, poche ore prima, verso le dieci, era arrivata la telefonata del capogruppo del Pd alla Camera, Ettore Rosato: il padre del Rosatellum 2.0, che del suo cognome porta il nome, aveva appena finito di illustrare ai partner della maggioranza di governo “l’assoluta necessità” di porre la fiducia “altrimenti tra emendamenti, voti segreti, franchi tiratori, rischiamo che salti tutto”. Rosato chiede, Gentiloni conviene, l’ok di Mattarella c’è. E quello di Renzi? Ovviamente. Il leader dem preferisce non comparire nella trama della giornata e mantiene il low profile, ma li incita (Rosato, Gentiloni): “Questo è l’ultimo treno che passa – spiega loro – per evitare di votare con i due moncherini del Consultellum. Facciamo di tutto per non perderlo”. Fiducia dunque è e fiducia, oggi, sarà, anche se la voteranno solo i partiti che fanno parte della maggioranza di governo (Pd-Ap-Civici e Innovatori-Popolari Demos-Psi-Autonomie-altri pezzi del gruppo Misto) e non la maggioranza che ha dato vita al ‘patto a 4’ (Pd-Ap-FI-Lega) sul Rosatellum. perché Lega e FI, pur d’accordo con il Pd che venga messa, si limiteranno ad astenersi (o, forse, a uscire dall’Aula) ma voteranno, poi, il provvedimento finale.

Ma la scelta di mettere la fiducia non solo è frutto di una perfetta triangolazione tra Renzi, Gentiloni e Mattarella, ma è precedente a ieri: va retrodatata almeno al 19 settembre, quando il Rosatellum era ancora in commissione. Renzi è convinto che “senza fiducia la legge elettorale non passa”. Gentiloni, di fronte alla richiesta, non si mostra né restio né recalcitrante. Solo Mattarella continua a ripetere agli altri due suoi interlocutori: “Ci avete pensato bene?”. Poi, lunedì, davanti agli 200 emendamenti delle opposizioni (160 sarebbero stati a voto segreto) Pd e governo tirano le somme. E così Rosato alza il telefono, chiama il premier e fa la richiesta.

Gentiloni riunisce a spron battuto il cdm: i presenti – tranne il Orlando, che si dice “assai perplesso” – sono tutti già convinti, Martina perora la causa e il ministro Minniti parla secco di “dovere istituzionale” chiudendo di fatto ogni discussione. La fiducia è così autorizzata, la Finocchiaro va in Aula e la pone. La vulgata che vuole Gentiloni perplesso o tentennante è falsa: “Quando insediò il suo governo – spiegano i suoi – disse che il governo non sarebbe stato attore protagonista, sul tema, ma anche che avrebbe ‘accompagnato e facilitato’ il percorso di una legge. Senza una legge nuova, il governo dovrebbe lo stesso intervenire, e per di più con un decreto, per armonizzare il Consultellum. La maggioranza ci ha chiesto un atto di responsabilità – continuano da palazzo Chigi – il Colle ha avallato, noi l’abbiamo fatto”. Ma è il Colle, appunto, la chiave di volta dell’operazione fiducia. Mattarella fa sapere, tramite una nota ufficiosa del Quirinale, che “il Presidente non interviene né sul merito del testo né sull’ipotesi del voto di fiducia, che attiene al rapporto Parlamento e governo”, ma la nota sottolinea che “l’adozione di una legge elettorale largamente condivisa” è sempre stata una delle priorità del Colle. E questa, fanno notare dal Quirinale come da palazzo Chigi, lo è: ha l’avallo di FI e Lega che non voteranno la fiducia, ma il testo finale sì, e che hanno chiesto, a loro volta, di mettere la fiducia. “L’ultimo treno” dicono all’unisono Renzi, Gentiloni e Mattarella.

Resta da dire di un ex presidente della Repubblica, ora emerito, Giorgio Napolitano: nel sostenere, proprio ieri, con una nota diramata, guarda caso, ieri mattina, che “bisogna cancellare” dal Rosatellum “l’indicazione del capo politico” nella “compilazione delle liste elettorali” perché “è incompatibile con i nostri equilibri costituzionali”. Inoltre, Napolitano chiede “il più largo consenso” sulla legge elettorale e “si riserva” di valutarla e votarla quando il testo arriverà al Senato. Ma al di là del fatto che “l’indicazione del capo politico” era contenuta già sia nel Porcellum (approvato da Napolitano) che nell’Italicum (e mai Napolitano eccepì su tale norma), “viene il sospetto – fanno notare amari e con malizia diversi renziani di alto rango – che sia mosso solo dal volere attaccare tutti insieme, Renzi, Gentiloni e, soprattutto, Mattarella”, il quale – a differenza dell’ipotesi ventilata da Napolitano – non avrà nulla da eccepire, sul Rosatellum, quando e se arriverà sul suo tavolo per la firma.

Cosa succederà, una volta che (e se) il Rosatellum sarà passato alla Camera? Il Pd e il governo hanno intenzione di andare a spron battuto anche al Senato: dal 19 ottobre il testo potrebbe già arrivare in Commissione Affari costituzionali e, dal 23 ottobre, arrivare in Aula, dove – a causa della sicuramente enorme mole di emendamenti che saranno presentati dalle opposizioni – verrà probabilmente anche qui messa la fiducia. In teoria non servirebbe, perché al Senato i voti segreti, in materia di legge elettorale, non sono ammessi, ma non si sa mai. Meglio ‘blindare’ il Rosatellum. E votarlo in via definitiva al Senato, senza toccare un solo articolo pena ‘navetta’ con la Camera, prima che, il 5 novembre, si svolgano le elezioni regionali in Sicilia. E anche su questo punto e tale timing il trinagolo Renzi-Gentiloni-Mattarella è stato perfetto.

NB: L’articolo è stato pubblicato l’11 ottobre 2017 a pagina 6/7 del Quotidiano Nazionale

NEW!!!! FIDUCIA E LEGGE ELETTORALE ‘for dummies’. Il Rosatellum spiegato al colto e all’inclìta… Tutto quello che c’è da sapere

Il capogruppo del gruppo dem alla Camera Ettore Rosato

 

 

 

 

 

 

 

Ettore Maria Colombo – ROMA

  1. Il Rosatellum bis alla prova dell’Aula. Il Pd chiede al governo Gentiloni di mettere la fiducia e il governo la approva. 

IL GOVERNO HA AUTORIZZATO LA QUESTIONE DI FIDUCIA CHE VERRA’ APPOSTA OGGI, ALLA CAMERA DEI DEPUTATI, SULLA LEGGE ELETTORALE: SARANNO TRE SU TRE RISPETTIVI MAXIEMENDAMENTI E VERRANNO VOTATE DOMANI MERCOLEDì 11 OTTOBRE. VOTO FINALE SUL PèORVVEDIMENTO IL 12 O AL MASSIMO IL 13 OTTOBRE.

Duecento gli emendamenti presentati dalle opposizioni e almeno novanta o cento i voti segreti su cui si possono esercitare i franchi tiratori. Queste le forche caudine che dovrà affrontare, a partire da oggi pomeriggio alle ore 15, il nuovo testo sulla legge elettorale (detto, in latinorum, Rosatellum bis) nell’Aula della Camera dei Deputati. Bisogna cioè superare le colonne d’Ercole di votazioni a raffica, tutte assai insidiose: si inizia dalle pregiudiziali di costituzionalità, si passa ai vari articoli del ddl, relatore il dem Emanuele Fiano. Sulla carta, il patto ‘a 4’ (Pd-FI-Lega-Ap più molti gruppi minori) gode di margini molto ampli (460 voti) e le opposizioni dichiarate (il fronte M5S-Mdp-SI-FdI) non arrivano a 160 voti: servirebbero 150 franchi tiratori: sono tanti, certo, ma sono sempre in agguato. Senza dire del fatto che molti deputati neppure si presentano, specie dentro la maggioranza, mentre le opposizioni fanno blocco. A loro potrebbero aggiungersi tanti peones democrat e azzurri che temono di non avere la rielezione garantita e vorrebbero giocarsela in proprio con le preferenze. Dall’altra parte, e cioè con il Pd, giocheranno invece i 20 deputati di Mdp che sono vicini a Pisapia: per loro, ora, il Rosatellum è diventato un’opportunità imperdibile. 

Così, al Pd, di stretto concerto con i tre contraenti del ‘patto a 4’ (FI-Lega-Ap), hanno individuato due cavalli di Troia. Il primo è già annunciato: si tratta del famoso ‘canguro’. Usato in diverse e delicati passaggi (al Senato, per dire, solo così passò il ddl sulle unioni civili) il ‘canguro’ è un super-emendamento che ne preclude altri, simili, sullo stesso argomento. Il Pd – così ha deciso il capogruppo dem alla Camera, Ettore Rosato – lo metterà subito in azione su due temi ad alto rischio: le preferenze e il voto disgiunto mentre non verrà usato sulle soglie di sbarramento. Ma anche se il ‘canguro’ è strumento di rara e micidiale efficacia, potrebbe non bastare. Ecco perché, alle brutte, e cioè nonostante i ‘canguri’, se la maggioranza accusasse segnali di cedimento, è pronta l’arma ‘fine di mondo’, e cioè la richiesta del Pd al governo di mettere la questione di fiducia. Qui, però, si entra in un terreno minato: il premier, Gentiloni, recalcitra (“Non vuole passare alla storia come un uomo politico divisivo”, dicono al Pd), il Colle osserva in silenzio, ma si dice che non sarebbe contrario, e persino Renzi, che pure la mise sull’Italicum, ora vorrebbe evitare un’altra forzatura. Ma entrambi Renzi e Mattarella vogliono incassare la legge elettorale, anche se per diversi motivi, prima delle elezioni regionali siciliane del 5 novembre.  Infine, FI e Lega non potrebbero certo votare la fiducia, anche se si asterrebbero per farla passare. In ogni caso, resterebbe in bilico il voto finale che sicuramente sarà a scrutinio segreto. Morale: a partire da oggi, i fuochi di artificio. Dibattito e scontri al fulmicotone in Aula, ostruzionismo delle opposizioni, voti segreti, ‘canguri’ e, alla fine, forse, il voto di fiducia sulla legge elettorale. Che alla fine è arrivato… 

Nb: L’articolo è stato pubblicato il 10 ottobre 2017 sul Quotidiano Nazionale 


2. Cos’è e come funziona il Rosatellum. Legge elettorale for dummies

Questo artico è stato pubblicato, in forma ridotta, il 10 ottobre sul sito @Quotidiano.net 

( Qui l’articolo su come funziona il Rosatellum o leggibile all’indirizzo: http://www.quotidiano.net/politica/rosatellum-bis-1.3451104)

Legge elettorale ‘for dummies’….

Abbiamo formulato alcune semplici domande cercando di fornire risposte le più possibili semplici, ma articolate, su un argomento  ostico da sempre anche per gli addetti ai lavori: la legge elettorale. Detto in altre parole, eccovi una legge elettorale ‘for dummies’… Il che non vuol dire che l’autore del presente articolo vi considera degli idioti o degli ignoranti, ma solo che la materia che tratta fa impazzire e perdere la testa anche ai costituzionalisti.

  • L’Italia sta per avere una nuova legge elettorale?

Il cosiddetto “Rosatellum bis” ha superato l’esame della prima commissione Affari costituzionali della Camera dei Deputati dopo oltre 20 ore di dibattito e di votazioni su ogni emendamento. Ma il cammino della nuova legge elettorale è solo appena iniziato. Martedì 10 ottobre, nell’Aula della Camera, inizieranno i voti sul nuovo testo presentato dal Pd (relatore Emanuele Fiano) e che ha ricevuto i voti di altri tre partiti (Forza Italia, Lega Nord, Alternativa Popolare) e di alcuni gruppi parlamentari minori (CI-Civici e Innovatori, Popolari-Demos-Cd, Direzione Italia, Ala-Sc) e la ferma opposizione di altri partiti (M5S, Mdp, SI, Fd’Italia). Solo il voto dell’Aula – dove non mancheranno di farsi sentire i cosiddetti ‘franchi tiratori’ (deputati che, nel segreto dell’urna, cambiano il loro voto rispetto all’indicazione data dal loro gruppo e che potranno esercitarsi nei ben 90 voti segreti già previsti) – dirà se il Rosatellum passerà l’esame. Poi, in ogni caso, ci sarà l’esame del Senato, dove potranno essere apportate modifiche (in quel caso la legge ritornerebbe alla Camera per confermarle o no), e solo alla fine della classica ‘navetta’ parlamentare (Camera e Senato devono, su ogni legge, varare un testo identico!) sapremo se il Rosatellum diventerà legge dello Stato. Allora potrà essere firmata dal Capo dello Stato e pubblicata nella Gazzetta ufficiale.

Fino ad allora, meglio tenersi cauti. Non fosse perché, alla Camera (ma non – attenzione! – al Senato, dove, in base al diverso Regolamento di quella Camera i voti segreti in materia di legge elettorale non sono ammessi) sono possibili i voti segreti che potrebbero far cadere, come è già successo, anche questo tentativo di dotare il nostro Paese di una nuova e coerente legge elettorale. Infine, il governo – anche se lo ha più volte smentito – potrebbe porre la questione di fiducia, sulla legge elettorale (i regolamenti di Camera e Senato non lo vietano: il governo Renzi la mise, per dire, sull’Italicum), ma anche in questo caso il voto sul testo finale del provvedimento può essere, ove richiesto da 20 deputati, a scrutinio segreto. Non resta da fare altro, dunque, che aspettare.

  • Perché ‘Rosatellum’? E soprattutto perché ‘bis’?

Questa domanda ha una risposta semplice. Nella mania, tutta italiana, di dare nomi latini o latineggianti alle leggi elettorali (come fu per il Mattarellum, nome scovato dal politologo Sartori, per il Porcellum, nome che si auto affibbiò l’estensore di quella legge, Roberto Calderoli, o per l’Italicum, nome scovato da Renzi, Consultellum per le due leggi derivate da sentenze della Consulta) anche questa legge ‘latineggia’. Rosatellum viene dal cognome del capogruppo alla Camera, Ettore Rosato, che ha ideato il sistema, ma avendoci già provato a giugno (tentativo fallito e naufragato, appunto, nell’Aula della Camera al primo voto segreto, quando la sua proposta di legge veniva anche chiamata Tedeschllum), ora i cronisti hanno ribattezzato questa legge un ‘Rosatellum bis’, nel senso che il povero Rosato è la seconda volta che ci riprova…

  • Un po’ di storia e qualche riferimento obbligatorio…

Evitiamo, invece, qui di dare spiegazioni sui sistemi elettorali in generale (insomma, ragazzi, arrangiatevi! E ripassate la materia!) e cioè su come funzionano i sistemi elettorali, quanti e quali sono e come trasformare, dal punto di vista tecnico, i voti in seggi… Vi basterà sapere che i sistemi elettorali si dividono in due categorie (maggioritari e proporzionali), che vi può essere un mix delle due categorie con una dose maggiore o minore dell’una o dell’altra, che, ovviamente, i sistemi elettorali sono strettamente collegati al sistema istituzionale del singolo Paese in cui vengono adottati  (presidenziale Usa e FR, del primo ministro GB, proporzionale) e che i metodi tecnici con cui ogni sistema elettorale trasforma, appunto, i voti in seggi (collegi maggioritari uninominali, collegi maggioritari o proporzionali plurinominali, premi di maggioranza, soglie di sbarramento, candidature, metodi di calcolo di quozienti) divergono di volta in volta, quindi è davvero inutile annoiarvi!!! Infine, non vorremmo appesantirvi con una noiosa digressione su quali e quanti sistemi elettorali ha conosciuto l’Italia dalla sua nascita come nazione (1861) ad oggi (in ogni caso sono più di dieci! invece le democrazie anglosassoni hanno lo stesso identico sistema elettorale da metà’ 800 e le democrazie europee dal ’900!) ma, in ogni caso, giusto per essere un po’ pedanti ugualmente sappiate che l’Italia ha votato con questi seguenti sistemi: 1) maggioritari uninominali, sulla base di censo e istruzione, quando non c’è il suffragio universale, cioè dal 1861 al 1912; 2) sistema proporzionale a suffragio universale maschile dal 1919 al 1922; sistema maggioritario  con premio di maggioranza (legge Acerbo) nel 1924; 3) dittatura fascista, sospensione di ogni sistema di voto e solo plebisciti dal 1929 al 1939; 4) sistema proporzionale puro, a suffragio universale pieno dal 1946 al 1948; 5) cd. ‘legge truffa’ (sistema proporzionale con premio di maggioranza) nel 1953; sistema proporzionale puro con soglia di sbarramento all’1% dal 1958 al 1992; 6) sistema maggioritario uninominale a un turno dal 1994 al 2001 con recupero proporzionale (il famoso Mattarellum, dal nome dell’attuale Capo dello Stato, Sergio Mattarella); sistema proporzionale a turno unico con premio di maggioranza alla prima lista o coalizione senza soglia di accesso e diverse soglie di sbarramento (il Porcellum di Roberto Calderoli) dal 2006 al 2013. Fine. Infatti, sia l’Italicum, diventato legge dello Stato nel 2015, sistema proporzionale con premio di maggioranza e ballottaggio, ma valido per la sola Camera dei Deputati, dichiarato in parte incostituzionale dalla Consulta nel 2016, sia il Consultellum (sistema proporzionale senza premio di maggioranza, con le preferenze e diverse soglie di sbarramento in vigore per il Senato dopo che la Consulta bocciò diverse parti del Porcellum nel 2015) non sono mai entrati, almeno fino ad ora, in vigore. Vuol dire che, finora, con nessuno di questi due sistemi si è mai votato in Italia.

  • Ma che cos’è, in buona sostanza, il Rosatellum bis?!

Il Rosatellum è una sorta di Mattarellum ‘rovesciato’, cioè un mix tra elemento maggioritario e parte proporzionale ma dove la quota di proporzionale la fa da padrona: prevede il 64% di listini plurinominali corti e bloccati (da due fino a quattro nomi) e solo il 36% di collegi maggioritari uninominali. Nel Mattarellum la proporzione era esattamente inversa: 75% di collegi maggioritari e quota proporzionale fissata solo per il 25% dei seggi restanti.

In pratica, si tratta, dal punto di vista politologico, di un sistema elettorale ‘misto’ (una quota di maggioritario a turno unico e una quota di proporzionale) in cui l’assegnazione di 231 seggi alla Camera e di 116 (109 piu i 6 del Trentino e Valle d’Aosta) seggi al Senato è effettuata in collegi uninominali con formula maggioritaria, dove vince il candidato più votato secondo la logica, di tradizione anglosassone, del first past the post (il primo prende tutto). L’assegnazione dei restanti seggi (399 seggi alla Camera e 199 al Senato, compresi i seggi all’Estero, rispettivamente 12 alla Camera e 6 al Senato, quindi in realtà si tratta di attribuire 386 seggi alla Camera e 193 al Senato) avviene con un metodo perfettamente proporzionale (metodo dei quozienti interi e dei più alti resti) nell’ambito di collegi plurinominali. Le circoscrizioni sono 20 per il Senato, una ogni regione, e 28 per la Camera. Il numero dei collegi per ogni circoscrizione sarà di 65 e toccherà al governo definirli con una delega.

La soglia di sbarramento per la Camera e per il Senato è stata fissata al 3% a livello nazionale per le liste, mentre è del 10%, sempre a livello nazionale, per le coalizioni (al 20% nelle regioni che tutelano le minoranze linguistiche). Ci sarà un’unica scheda e non è concessa la possibilità del voto disgiunto. C’è una norma di genere (60-40) e la possibilità di presentare fino a un massimo di cinque pluri-candidature nei listini proporzionali. Niente obbligo di raccolta delle firme per i partiti (cioè i gruppi) presenti in Parlamento al 31 aprile 2017 mentre per tutti gli altri partiti o gruppi le firme da raccogliere sono solo 750 a collegio. Ci sarà un tagliando anti-frode per garantirsi da possibili irregolarità e, udite udite, una scheda con tanto di ‘istruzioni per l’uso’.

Infine, non è prevista l’indicazione del ‘capo’ della coalizione, ovvero del candidato premier, come era nel Porcellum, ma solo quello del ‘capo della forza politica’ né obbligo per la coalizione stessa di presentare un programma comune (ma non è vietato!).

  • Tenetevi forte! I ‘tecnicismi’ della legge elettorale.

Il lettore, già con il mal di testa, potrebbe anche fermarsi qui…, ma ogni legge elettorale è frutto di una (lunga e faticosa) serie di tecnicismi, calcoli e norme specifiche che la contraddistinguono. Per chi, dunque, avesse ancora la pazienza di voler proseguire nella lettura, ecco i principali ‘tecnicismi’ della legge elettorale…

UNA SCHEDA, UN VOTO: diversamente dal Mattarellum, in cui c’erano due schede (una per il collegio ed una per il listino proporzionale, con la possibilità di dare il famoso voto disgiunto), con il Rosatellum 2.0 ci sarà una scheda unica. In essa il nome del candidato nel collegio sarà affiancato dai simboli dei partiti che lo sostengono. Sembra facile, vero?! Aspettate un po’ prima di dirlo!

METODI DI VOTO. Qui le cose si complicano perché sono tre. Uno. Se l’elettore vota il contrassegno di una lista il voto è attribuito automaticamente anche al candidato nel collegio uninominale. Come già detto, nei collegi uninominali il seggio è assegnato al candidato che consegue il maggior numero dei voti. Due. Se l’elettore vota solo per il candidato del collegio uninominale e barra una delle liste dei partiti che lo sostengono il voto è valido (è il cd. ‘doppio voto’). Tre. Se l’elettore vota soltanto per il candidato del collegio uninominale, senza indicare alcuna preferenza per una delle liste che lo sostengono, il suo voto si ‘spalma’, in modo proporzionale, a tutte le liste a lui collegate o, in caso sostenuto da una sola lista, a quella stessa che lo sostiene.

SOGLIE DI SBARRAMENTO. Per accedere in Parlamento è fissata una soglia d’ingresso del 3% al Senato come alla Camera. La soglia per le coalizioni sale al 10%, sempre su base nazionale, ma se una coalizione non raggiunge il 10% dei voti, i voti dei partiti che hanno raggiunto il 3% come liste valgono lo stesso!. ‘Ma’ …  I voti dei partiti in coalizione che abbiano raggiunto la soglia dell’1%, ma non sono riusciti ad arrivare e a superare la soglia del 3%, vengono ripartiti dentro la stessa coalizione. Sotto la soglia dell’1%, invece, i voti dati a quella lista vanno dispersi, cioè non vengono attribuiti a nessuno. Per i collegi plurinominali dove vigono norme specifiche per le minoranze linguistiche (Trentino Alto-Adige e Valle d’Aosta) la soglia di sbarramento è al 20%.

NIENTE VOTO DISGIUNTO. In buona sostanza, non puoi votare il candidato nel collegio appoggiato dalla lista o dalla coalizione del partito dei ‘Gialli’ e, poi, scegliere, nella parte proporzionale, il partito dei ‘Neri’, ove questo, naturalmente non faccia parte del partito/coalizione dei ‘Gialli’. Chiaro, no?!

SCORPORO E ‘BARBATRUCCO’… E’ vietato anche lo scorporo, che era invece possibile nel Mattarellum, ma… c’è un piccolo ‘barbatrucco’, per gli amanti del genere: dato che i voti degli elettori che barrano il nome del solo candidato del collegio uninominale vengono distribuiti proporzionalmente ai partiti che sostengono il candidato del collegio, anche se l’elettore non ha espresso alcuna preferenza per nessun partito, i partiti che hanno superato il 3% dei voti si ‘pappano’ anche i voti delle liste o partiti che non solo non hanno superato il 3% ma neppure l’1% dei voti! L’hanno chiamata, in commissione Affari costituzionali, la norma ‘8xmille’ perché, come si sa, chi non sceglie come destinare il suo 8xmille finisce nel cd. ‘inoptato’ che va, in ogni caso, allo Stato. In questo caso, con tale norma, ci guadagnano i partiti maggiori!

LE COALIZIONI I partiti possono presentarsi da soli o in coalizione. La coalizione è unica a livello nazionale per più liste. Le dichiarazioni di collegamento devono essere reciproche tra le liste che compongono la coalizione. I partiti o le coalizioni di liste devono depositare, insieme al deposito del contrassegno elettorale, un programma con l’indicazione del capo della forza politica. Morale: se voti FI voti per Berlusconi ‘capo’, se voti Pd c’è Renzi, per la Lega Salvini, per i 5Stelle Di Maio e via di questo passo. Inoltre, va detto che anche quando il ‘capo della coalizione’ era indicato espressamente, come nel Porcellum, la Costituzione dice che a conferire l’incarico di presidente del Consiglio è il Capo dello Stato il quale può scegliere, come ha fatto spesso in passato, personalità diverse dal capo di una coalizione per mille ragioni. Una su tutte: il governo deve avere una maggioranza parlamentare e, se non la raggiunge, cioè se non ottiene la fiducia delle Camere, non c’è santo che tiene: anche se ha vinto le elezioni, presto cadrà. Inoltre, se è vero che è possibile costituire delle coalizioni saranno ‘mini’ (tranne, forse, quella del centrodestra tra FI, Lega, FdI e altri partiti minori): vi dovete dimenticare cioè le ‘grandi coalizioni’ del passato (Casa delle Libertà per il centrodestra, Ulivo prima e Unione poi per il centrosinistra) perché, al massimo, il Pd avrà due o tre alleati alla sua sinistra e alla sua destra, ma saranno piccoli, e i Cinquestelle non si alleano con nessuno! Infine, dimenticatevi anche le coalizioni a geometria variabile (e questo è un bene): nel 1994 Berlusconi si alleò con la Lega al Nord (Polo delle Libertà) e con An al Sud (Polo del Buongoverno): ora è impossibile perché le coalizioni dovranno essere fatte per forza sul piano nazionale.  Infine, la retorica demagogica di chi dice ‘voglio conoscere la sera del voto chi governerà’ è sempre stata falsa (l’Italia è, come prevede la Costituzione, una Repubblica parlamentare in cui i governi nascono e muoiono in Parlamento che dà loro la fiducia), ma lo è a maggior ragione ora. Se un partito o una coalizione non supera, abbondantemente, il 40% dei voti non otterrà mai il 51% dei seggi, nelle due Camere, per riuscire a governare da solo! Ergo, i partiti dovranno fare accordi tra di loro in Parlamento, per formare un governo, e questi accordi potranno essere ‘trasversali’ (Pd-FI-centristi o Lega-M5S-altri, per dire) e rompere le coalizioni e i patti stipulati precedentemente (e per finta) davanti agli elettori.

CIRCOSCRIZIONI. Saranno 20 le circoscrizioni per il Senato, una per ogni regione, mentre saranno 28 quelle della Camera. Perché sono importanti? Perché, anche se la soglia di sbarramento per ogni lista o coalizione, è determinata a livello nazionale, per determinare gli eletti si ‘scende’ prima nelle circoscrizioni e poi, ancora, ci si ramifica nei collegi uninominali per la parte maggioritaria e nei collegi plurinominali per il proporzionale. Le circoscrizioni, inoltre, sono molto importanti per definire il ‘recupero’ dei resti: infatti, anche il sistema più proporzionale che si possa immaginare presenta, sempre, dei ‘resti’ da attribuire. Si tratta di un ‘quoziente’ che stabilisce la cifra degli eletti e la cifra nazionale di ogni partito. Nella nuova legge elettorale verrà usato il metodo del ‘quoziente intero e dei più alti resti’ (nella Prima Repubblica si usava il metodo d’Hare, c’è anche quello ‘d’Hondt’) ma non stiamo neanche a spiegarvelo! E’ un puro calcolo tecnico, matematico: distribuisce in modo il più proporzionale possibile i seggi ai vari partiti e, francamente, è davvero roba per malati…

COLLEGI UNINOMINALI: si tratta di 231 collegi, pari al 36% dei seggi della Camera, per i deputati, e 109 (36%) per il Senato. In realtà, però questo conto è un po’ farlocco: infatti, nei 231 collegi uninominali della Camera sono contati anche i 6 collegi uninominali del Trentino Alto-Adige e uno in Valle d’Aosta, dove i seggi li vincono sempre le rispettive minoranze linguistiche, quindi i collegi della Camera sono in realtà 225. Stesso ragionamento per il Senato: i 109 collegi uninominali sono in realtà 116 ‘al netto’ dei sei del Trentino e di uno in Valle d’Aosta, il che vuol dire che, appunto, i collegi sono solo 109. I partiti si possono coalizzare per sostenere un comune candidato nell’ambito di ogni collegio uninominale mentre corrono da soli nell’ambito dei collegi plurinominali, e cioè per la parte proporzionale.

Risulta eletto il primo candidato di un partito, lista o coalizione di liste che prende un voto in più di tutti gli altri in ogni collegio uninominale. Si tratta, cioè di un sistema uninominale maggioritario secco all’inglese. Non sono ammessi ripescaggi, non ci sono soglie di sbarramento, possibilità di voto disgiunto, voto di scorporo, preferenze, etc. Se il candidato del collegio muore o rinuncia al seggio si ripete l’elezione. Ci si può candidare in un collegio uninominale e in 5 collegi plurinominali. L’alternanza di genere è garantita in proporzione del 60/40 per ogni genere ma al Senato deve essere garantita su base regionale.

COLLEGI PLURINOMINALI: Come risulterà facile capire da un rapido calcolo, se i seggi della Camera sono 630 e quelli del Senato 315 (oggi, al Senato, siedono 320 senatori ma perché in cinque sono senatori ‘a vita’ nominati per alti meriti dal Capo dello Stato) ne mancano parecchi per arrivare a fare ‘la somma del totale’, come direbbe Totò. Quanti sono e come verranno eletti i parlamentari?

Alla Camera ‘restano’ da eleggere 399 deputati nei collegi plurinominali, ma 12 continuano ad essere eletti nelle Circoscrizioni Estere con metodo rigidamente proporzionale. Restano dunque in 386 i deputati da eleggere sempre con metodo proporzionale.

Al Senato, invece, restano da eleggere, tolti i 109 collegi uninominali (116 in realtà perché sono compresi i 6 del Trentino e uno in Val d’Aosta), 199 senatori, ma di questi sono sei gli eletti all’Estero, quindi ne restano 193 di senatori da eleggere nei collegi plurinominali. Da ricordare che il Molise elegge sempre e soltanto un senatore.

I candidati che si presentano nei collegi plurinominali, collegi divisi a livello più grande in 28 circoscrizioni della Camera e 20 del Senato, vengono eletti con un metodo che trasforma in voti in seggi in modo rigidamente proporzionale (metodo detto del quoziente interno e dei più alti resti) su base nazionale, con una soglia di sbarramento nazionale fissata, sia per la Camera che per il Senato, al 3% (al 10% per le coalizioni, al 20% per i collegi dove sono presenti minoranze linguistiche). I voti ai candidati dei collegi plurinominali contribuiscono ad aumentare i voti di ogni coalizione solo e soltanto se compresi tra l’1% e il 3% in partiti facenti parte della rispettiva coalizione mentre sotto l’1% quei voti vanno dispersi. I candidati dei collegi plurinominali sono scelti, all’interno di ogni lista, sulla base di liste bloccate corte composte da un minimo di due a un massimo di 4 nomi. A parità di voti è eletto il candidato più giovane. Sono vietate le preferenze, il voto disgiunto, lo scorporo tra maggioritario e proporzionale. La norma di genere (40/60) assicura che nessun genere possa superare l’altro nella composizione delle liste. Le pluricandidature sono ammesse fino a cinque, oltre a quella in un collegio maggioritario uninominale. Se un candidato viene eletto in più collegi plurinominali dovrà optare per quello dove ha preso meno voti e, al suo posto, scatterà il secondo classificato del suo partito in lista, sempre sulla base del collegio plurinominale di riferimento, ma privilegiando quello che ha preso meno voti in assoluto, non il contrario.

DELEGA AL GOVERNO E ASSEGNAZIONE DEI SEGGI. La legge delega il governo a definire questi collegi plurinominali: saranno circa 65 e dall’approvazione della legge il governo ha 30 giorni di tempo per disegnarli. Il problema, però qui, si fa ostico. Infatti, mentre capire come avviene l’assegnazione del vincitore nel collegio uninominale è molto facile (il primo che arriva vince!), nei collegi plurinominali il percorso è più macchinoso. In buona sostanza è questo: per i seggi da assegnare alle liste nei collegi plurinominali, il riparto avviene a livello nazionale, con metodo proporzionale, tra le coalizioni di liste e le liste che abbiano superato le soglie di sbarramento. Per le coalizioni non vengono comunque computati i voti dei partiti che non hanno superato la soglia dell’1 % mentre un partito che supera la soglia del 3% ottiene i seggi corrispettivi anche se la coalizione di cui fa parte non ha superato il 10%. Sotto la soglia dell’1% nessun partito ha diritto ad avere seggi mentre tra l’1% e il 3% non ne ottiene ma contribuisce ad arricchire quelli della coalizione di chi fa parte. Nel caso il candidato nel collegio uninominale venga eletto sia nel maggioritario che nel proporzionale, prevale la vittoria nel collegio uninominale. Al candidato in più collegi plurinominali che dovesse essere eletto in diversi listini sarà assegnato il collegio plurinominale in cui la lista a lui collegata ha ottenuto il minor numero di voti. In caso di pareggio tra due candidati, sarà eletto il candidato più giovane. Ci avete capito qualcosa? Tranquilli, anche noi facciamo fatica…

LISTINI E PLURICANDIDATURE Nei collegi plurinominali, dove vale il proporzionale, e dunque solo in quelli, sono previsti dei ‘listini’ molto corti, dai 2 ai 4 candidati al massimo. Quanto alle pluri-candidature, saranno possibili ma limitate (massimo 5), sempre nei collegi plurinominali. Nessuno può essere candidato in piuù di un collegio uninominale, a pena di nullità, ma è consentita la candidatura dello stesso candidato in un collegio uninominale e nei collegi plurinominali fino a un massimo di cinque (già detto!).

E I FAMOSI COLLEGI DEL TRENTINO ALTO-ADIGE?! Il testo della nuova legge rimane ancorato, né poteva essere altrimenti, al testo del Tedeschellum come modificato dall’emendamento Fraccaro-Biancofiore votato a scrutinio segreto l’8 giugno scorso quando il Tedeschellum, allora in votazione, naufragò proprio su questo emendamento: sei collegi uninominali e cinque proporzionali, alla Camera, altri sei e due al Senato. Non potrebbe essere altrimenti: i seggi del Trentino godono, infatti, di una riserva ‘costituzionale’: tanti sono e tanti devono essere in qualsiasi legge elettorale venga approvata dalle Camere! Così è.

QUOTE DI GENERE: il Rosatellum bis riconosce una “quota di genere”, un modo gentile per dire che bisogna rispettare, come prevedono diverse leggi italiane ed europee, una proporzione non discriminante verso le donne, il caro vecchio “sesso debole” nella compilazione delle liste elettorali, pena la loro non validità ed esclusione dalle elezioni. Per il Rosatellum la proporzione è di 60%-40%. Infatti sia nei collegi uninominali che in quelli plurinominali nessuno dei due generi può essere rappresentato in misura superiore al 60%. Le future senatrici, però, avranno più chance delle future deputate: il testo dispone che la ripartizione della quota di genere per il Senato, sia nell’uninominale che nel proporzionale, venga rispettata a livello regionale e non nazionale.

TOT FIRME, TOT LISTE. E’stato dimezzato, rispetto al testo originario, il numero delle firme da raccogliere per tutti quei partiti o nuove formazioni politiche che non sono in Parlamento o non hanno un proprio gruppo parlamentare costituito alla data del 15 aprile 2017 (la data originaria era il 31 dicembre 2016, ma Mdp sarebbe rimasta fuori dal novero e pure il Pd gli ha fatto il regalo). Il numero di firme da raccogliere passa da 1.500-2.000 a sole 750, ma attenzione la deroga sarà valida solo per le prossime politiche! Per i partiti presenti in Parlamento sotto forma di gruppi costituiti (anche quelli minuscoli, sottogruppi, nati per microscissioni…) non sarà invece necessario, come già detto, raccogliere le firme.

AVVOCATO, MI CERTIFICA? Per le prossime elezioni, e solo queste, anche gli avvocati abilitati al patrocinio in Cassazione potranno autenticare le firme per la presentazione delle liste.

  • E’ finita? Neanche per idea! Alcune cose divertenti…

Se siete arrivati a leggere fin qui vuol dire che avete preso discrete dosi di citrosodina e bicarbonato, oltre a un po’ di sana nevralgina, per curare il mal di stomaco e il mal di testa! I nostri novelli ‘padri costituenti’ hanno pensato (e hanno fatto) bene ad aiutare il povero elettore a non impazzire, nei seggi. Infatti, tra rischi di contestazioni dei voti e delle schede elettorali e rischio di lunghe code davanti alle cabine elettorali, il rischio caos (e il rischio figuraccia) sarebbe davvero vicino. Ecco dunque alcune novità, davvero mai sperimentate prima!

LA SCHEDA CON LE ISTRUZIONI ‘PER L’USO’… La scheda è unica (ma attenzione in realtà saranno due! Perché una vale per eleggere i deputati alla Camera e una per eleggere i senatori al Senato!), ma conterrà anche, e per la prima volta nella storia repubblicana, delle “istruzioni per  l’uso” che serviranno a informare gli elettori su come devono… votare! Nel frontespizio della scheda, infatti, verrà spiegato come si vota…

IL TAGLIANDO “ANTI-FRODE” La scheda sarà dotata di apposito tagliando rimovibile, dotato di codice alfanumerico progressivo, che sarà rimosso e conservato dall’ufficio elettorale prima dell’inserimento della scheda nell’urna. L’obiettivo è di evitare brogli e scambi tra schede bianche e schede pre-stampate.

MA IL SUO PARTITO ‘TRASPARE’? Sono state inserite, nel Rosatellum bis, diverse norme di cosiddetta ‘trasparenza’. Prevedono che i partiti, i movimenti e gruppi politici organizzati che si presentano alle elezioni debbano avare uno Statuto. Chi ne è o ne sarà sprovvisto (come nel caso dell’M5S, tanto per dire) potrà presentare liste elettorali solo indicando elementi minimi di trasparenza come questi tre: il legale rappresentante, il titolare del contrassegno, gli organi del partito, la composizione e le funzioni. Tutto il materiale sarà pubblicato online sul sito del ministero dell’Interno, insieme al programma elettorale di ogni partito o coalizione e al nome del capo della forza politica di ogni lista o partito. Si badi bene: capo di forza politica, non della coalizione!

Siete arrivati alla fine di questo lungo, troppo lungo, testo sulla legge elettorale?! Beh, allora siete pronti: potete andare a votare! Sempre che, si capisce, il Rosatellum bis diventerà mai legge!!! Ps. L’autore di questo articolo sarà felice di offrire un buon caffè a chiunque gli segnali possibili errori, dimenticanze, sviste etc.

NB: L’articolo, in forma meno lunga, è stato pubblicato sul sito di @Quotidiano.net

 

Il premier suona la carica per il Sì, la Boschi attacca chi vota No al referendum

Il ministro Boschi

Il ministro alle Riforme Maria Elena Boschi (Pd)

La sfida del referendum spacca i partiti. Il premier suona la carica. il Sì è in testa. Si voterà il 20 o il 27 novembre.

Pd (già) spaccato, opposizioni (già) ognuna per conto suo. È lo score o tabellone del referendum costituzionale al primo giorno di una gara che sarà assai poco ‘olimpica’.
La Corte di Cassazione ieri ha dato il via libera ufficiale alla raccolta firme avviata dai Comitati del Sì per il referendum sulla riforma costituzionale. Per ora la vittoria, ai punti, è dei comitati del Sì: 550mila firme raccolte e 3mila comitati locali, coordinati dal senatore dem, ex scout, Roberto Cociancich. Il che vuol dire avere diritto per legge a 550mila euro di rimborsi, più 88mila raccolti finora dai privati. Per contro ci sono le 316mila firme raccolte dal comitato principale del No, quello dei ‘professori’ Zagrebelsky, Pace e Rodotà (vicepresidente operativo l’ex Pds-Ds Alfiero Grandi, sostegno operativo di Sel-SI, Anpi, Fatto e Manifesto) che ha mancato di oltre 200mila firme l’obiettivo e che, perciò, non intascherà un euro, tranne i contributi volontari. Le tante opposizioni a Renzi e alla sua riforma, poi, si sono divise in troppi fronti del No: c’è la sinistra di cui sopra; Forza Italia è assai light, sul tema, tranne Brunetta e Toti, attivissimi; i Fratelli d’Italia sono i più ironici con il loro «No, Grazie»; i pentastellati sono divisi tra Di Battista che batte in moto le spiagge italiche per dire No e un Di Maio assai poco entusiasta di occuparsene; ex-Ncd, ex Udc, ex FI e altri rami minori del centrodestra che si disputano comitati, proessoroni (e -ini) e sponsor.
L’unica richiesta che li unisce è che il governo fissi, «e subito», una «data certa» al referendum. Il primo cdm utile per convocare le urne sarebbe il 10 agosto, ma Renzi aspetterà fino all’11 settembre: infatti, solo allora potrà celebrare il referendum il 20 o il 27 novembre (si può arrivare a 60 giorni per indire, ne servono 50/70 per celebrare).
Nel centrosinistra, i giochi paiono già fatti. La minoranza si sta schierando, per una volta compatta e con grande anticipo sui tempi, sul No (dopo Gotor, Zoggia, Speranza, Cuperlo, manca solo il «No» di Bersani…): la motivazione è che non c’è un reale impegno di Renzi e del Pd a voler cambiare l’Italicum, secondo il teorema dei nefasti effetti del «combinato disposto» legge elettorale-referendum. E, in effetti, Renzi evita di parlarne né lo farà prima del 4 ottobre, quando si riunirà la Consulta per il primo giudizio di legittimità sull’Italicum. Se verrà bocciato, anche solo in parte, Renzi annuncerà la volontà di modificarlo senza dover, per questo, perdere la faccia, ma per necessità. Se l’Italicum passerà l’esame indenne, fino al referendum (e oltre) Renzi ci metterà una pietra sopra.
Gli alleati minori del Pd (Ncd, Ala-Sc, Psi-laici, etc.) si è impegnato per il Sì con comitati autonomi. Pezzi di maggioranza che co-gestiscono, con Renzi, il Pd (Franceschini, Orfini, Orlando, Martina) si stanno già preparando al «dopo» Renzi ove mai il premier dovesse perdere. Garantiscono lealtà nella battaglia per il Sì, ma hanno idee assai diverse da Renzi sul partito e non vedono l’ora di riprenderselo.

E IL PREMIER? Tra un tweet di gioia («Adesso possiamo dirlo, questo il referendum degli italiani») e una E-news di puntualizzazioni («Per vincere il referendum basta entrare nel merito, la legge elettorale non c’entra»), finge di non accorgersi dell’ultima querelle sollevata dalle opposizioni, quella sulla data del referendum, ma sa che è decisiva: punta al 20 o 27 di novembre. Tre i motivi. Sfruttare, per tre mesi pieni, la maggiore potenza di fuoco mediatica di governo e Pd. Due, varare e approvare la Legge di Stabilità, in almeno uno dei due rami del Parlamento per dispiegarne i benefici effetti sull’opinione pubblica prima del voto e per tranquillizzare Mattarella. Tre, se venisse sconfitto al referendum e si dimettesse, come promesso, da premier, Renzi vuole accorciare al massimo i tempi di un possibile governo di scopo in mani altrui, ma che potrebbe nascere solo con i voti decisivi di un Pd di cui vuole restare segretario. E si sa, il tempo, in politica, è tutto.

NB. Questo articolo è stato pubblicato martedì 9 agosto 2016 a pagina 4 del Quotidiano Nazionale. 

_____________________________________________________________

La Boschi scivola sul referendum: “Chi vota no è contro il Parlamento”. Coro di critiche poi il ministro fa dietrofront

MARIA Elena Boschi, primo siluro: «Chi propone di votare No e ricominciare da capo, pensando che in questa legislatura si possa fare una riforma diversa, non rispetta il lavoro fatto dal Parlamento in ben due anni con sei votazioni e maggioranze che hanno sfiorato il 60%. Un dibattito vero».
Seguono proteste di vari esponenti delle opposizioni, tutti inorriditi: «La Boschi dice che chi vota No non rispetta il Parlamento? Lei non rispetta la Costituzione!» (Elio Vito, FI). «Boschi manipola la realtà!» (Campanella, M5S). «Ma di cosa parla la Boschi? Questo è un Parlamento di trasfughi!» (Roberto Calderoli, Lega Nord).
Segue precisazione dell’ufficio stampa del ministro: «La frase ‘non rispetta il lavoro parlamentare’ era evidentemente riferita solo a chi chiede di ripartire da capo con il percorso delle riforme in Parlamento, non a chi vota No»…

SECONDO siluro della ministra, meno citato, ma non meno micidiale: «Mi auguro che nel 2026 non si debba discutere dell’ennesimo tentativo di riforma che non è andato in porto e che ci siano gli stessi che per trent’anni ci hanno spiegato come si fanno le riforme senza riuscirci». E qui saranno fischiate le orecchie ai vari D’Alema&co. che, fino a ieri animati dallo spirito ‘costituente’ delle varie Bicamerali, ora militano per il No.
Non solo Matteo Renzi è tornato, da Rio, con il suo doppio intervento alle feste dell’Unità emiliano-romagnole. Pure il ministro alle Riforme, Maria Elena Boschi, ha iniziato, da giorni, a battere in lungo e largo l’Italia, prendendo per le corna il tema riforme, le ‘sue’ riforme, e cioè, appunto, il ddl Boschi.
Ieri parlava da un convegno a Roma dal titolo inequivocabile, «Perché Sì. Meglio la riforma dello status quo». Messaggio semplice, chiaro, diretto e, va detto, unidirezionale, tanto che la minoranza dem è già sugli scudi: contro la riforma e, ovviamente, contro la «militarizzazione» delle Feste dell’Unità, il cui logo, «L’Italia che dice Sì», campeggia dalle Alpi alla Sicilia.
Intanto, la madrina del Sì va dritta come un treno: spiega che «votare Sì servirà per i prossimi 30 anni, non per i prossimi 6 mesi» (come dire: okkio, ragazzi, la riforma è ‘epocale’), riconosce che «la riforma non è perfetta», ma aggiunge subito: «Sono rincuorata a pensare che anche quando venne approvata la Costituzione nel 1948 non mancavano le voci critiche» (e qui cita Mortati, Salvemini, Ruini, insomma il gotha dei costituenti…).
Poi però rivendica l’iter seguito: «Abbiamo rispettato in toto la procedura dell’articolo 138 per modificare la Costituzione, la strada più dura, un impegno notevole che però ora è un elemento di forza». Ed è qui che, appunto, arriva la frase poi contestata (e poi meglio precisata), quella su chi, «buttando a mare due anni di lavoro che il Parlamento ha fatto e vuole ricominciare da capo immaginando una maggioranza per una riforma diversa. Ma questo vuol dire non rispettare il lavoro del Parlamento». In un Paese dove tutti s’improvvisano costituzionalisti, il Parlamento è diventato la vera ‘vacca sacra’.

NB. Questo articolo è stato pubblicato il 10 agosto 2016 a pagina 7 del Quotidiano Nazionale

 

 

#Senato, l’elettività o meno è una partita di poker. I fedelissimi del premier: ecco il bluff di Renzi

Il portone d'ingresso di palazzo Madama, sede del Senato della Repubblica.

Il portone d’ingresso di palazzo Madama, sede del Senato della Repubblica.

«NO, non questa è una partita a scacchi, ma a poker, e Renzi sa bluffare. Ecco perché la colpa del fallimento dell’accordo deve ricadere tutta sui ribelli…».
Il paragone lo fa un renziano doc, di quelli che abitano ai piani alti del Nazareno. Il terreno di gioco, il tavolo verde, è ovviamente palazzo Madama. La posta della partita è la riforma del Senato stesso: è iniziata la terza lettura (o mano di poker), dopo le prime due (Senato-Camera).
Quattro i giocatori seduti intorno al tavolo. Il primo è Renzi e la sua maggioranza: è fissata a 155-160 la forcella di voti o punti che Lotti e Verdini assicurano al premier di avere in mano in vista del voto finale in Aula (la maggioranza assoluta, a questa mano, non serve). Il secondo giocatore è di gruppo, i ribelli dem: sono 28 i firmatari di emendamenti pro-Senato elettivo, «in realtà siamo 30», dicono loro, in 25 sono stimati i duri e puri, «e pure se ne perdiamo 4 o 5, non scenderemo mai sotto i 20». Il terzo giocatore, le opposizioni: 135, sulla carta (FI, Lega, M5S, Sel, ex-M5S), possono salire e far male al governo se sommati ai 25 ribelli dem e a 8/10 senatori ‘inquieti’ di Ncd, che ogni giorno aumenta posta e pretese (tipo: rivedere l’Italicum).
Il quarto giocatore è singolo, è il presidente del Senato Pietro Grasso: per un’intera estate ha giocato di sponda con ribelli Pd e opposizioni, oggi è neutrale, ma «irritato» verso Renzi. Il quinto giocatore non gioca, ma osserva da vicino la partita: è il presidente Sergio Mattarella.
La mano che si gioca a partire da mercoledì prossimo e fino al 15 ottobre, quando il premier vuole che la riforma passi, con un voto blindato, in Aula, è la più difficile di tutte e per tutti i giocatori seduti al tavolo.
«Renzi sta bluffando», dice e ripete la voce che arriva dal Nazareno, «finge di far aprire a qualcuno di noi (il senatore Giorgio Tonini, ndr.) sull’elettività del Senato, ma con un codicillo proibitivo: tutte le opposizioni, non solo la minoranza, devono rinunciare a tutti emendamenti (2800 quelli all’art. 2, cuore del ddl Boschi, ndr) e solo allora il governo aprirebbe alla mediazione». Insomma, a poker sarebbe come dire: ‘prima’ voi mi fate vedere le carte che avete in mano, poi io decido se farvi vedere l’asso che dico di avere.

LA MINORANZA sa che Renzi è un campione, nell’arte del bluff, ma stavolta spera che non sia così. Dice un giocatore-ribelle: «Anche se agguanta qualche voto in più e passa (Verdini annuncerà a giorni che il suo gruppo, Ala, crescerà di diverse unità, 4/5, e arriverà a 15 senatori: con 4/5 ribelli recuperati, sarebbero ben 20 i voti in più per il governo, ndr), è una vittoria di Pirro: Pd spaccato, opposizioni sulle barricate, caos nel Paese e, al prossimo giro, asticella a 161 voti. Stavolta gli serve rimangiarsi i diktat e stringere con noi il vero accordo». Insomma, il concetto sarebbe: buttiamo tutti insieme le carte sul tavolo, senza bluff, e ci dividiamo il piatto.
Ma mentre le opposizioni dicono, per ora, ‘parola’ (agli altri due giocatori: ‘parola’, a poker, vuol dire che resti in gioco ma aspetti che apra o rilanci un altro), presto toccherà al quarto giocatore, Grasso, parlare, e in Aula. Se riapre l’emendabilità all’art. 2, in tutto o parte, la minoranza e le opposizioni calano l’asso e, a colpi di emendamenti, perde Renzi.
Se, invece, Grasso chiude all’emendabilità sull’art 2, Renzi può tentare il bluff e dire alla minoranza: «Mi spiace, ma il punto ce l’ho in mano io, avete perso senza giocare». Infine, c’è il giocatore-spettatore, Mattarella: userà la sua (silenziosa) moral suasion per far sì che tutti giochino nel modo più corretto e perché un accordo si trovi. È anche l’unico, del resto, il Capo dello Stato che, a naso, non ama affatto un gioco d’azzardo come il poker.

NB. Questo articolo è stato pubblicato il 14 settembre 2015 a pagina 7 del Quotidiano Nazionale

#BuonaScuola nel marasma: #Renzi torna indietro sul ddl (“Troppi emendamenti, rimandiamo tutto”), poi fugge in avanti (“tre giorni per approvarla”), poi… Caos nel Pd.

Interno dell'aula di palazzo Montecitorio.

Interno dell’aula di palazzo Madama.

La ‘buona scuola’, e cioè il ddl scuola ora all’esame del Senato, si prende una (lunga) pausa di riflessione? Forse. Il pit-stop, con in mezzo una grande assemblea di discussione sul tema, ci sarà ‘se’… Renzi in un primo momento questo annuncia, da Vespa. Poi, però, in tarda serata, fa dare “i tre giorni” alla minoranza Pd che – dice – “ha seppellito la riforma sotto una valanga di emendamenti”. “Se la minoranza lavorerà – spiegano, in serata, fonti di palazzo Chigi – per togliere o ridurre gli emendamenti in commissione e consentire alla riforma della scuola di essere approvata nei tempi stretti che ci sono (a fine luglio l’ esame definitivo, alla Camera, ndr.), si può procedere con tutto il piano, assunzioni comprese. Altrimenti, il rischio è che non ci siano più i tempi utili per farla e che si rinvii tutto”, concludono le fonti ‘accreditate’ di Pd e Chigi.

Eppure, a metà pomeriggio, intervistato da Bruno Vespa per una puntata di Porta a Porta che andrà in onda in serata, ma che viene anticipata dalle agenzie, Renzi aveva presentato tutt’altro ‘piano’. “Quest’anno con 3 mila emendamenti mi pare difficile che si assumano i precari. Si andrà al prossimo anno”, aveva detto il premier parlando delle assunzioni degli insegnanti precari. E siccome le 100 mila assunzioni sono la spina dorsale del ddl, andrebbe da sé che a slittare di mesi, o di un anno, sarebbe l’intera riforma. Motivo: i tempi ormai troppo stretti e i troppi problemi.

“Si terrà una conferenza nazionale di un giorno ai primi di luglio, coinvolgendo sindacati, studenti, famiglie, chi vuol essere assunto: presentiamo la nostra proposta, ma poi si chiude”, dice il premier, e le assunzioni “immagino partiranno dal 2016”. Ecco, i posti. “La #buonascuola prevede centomila prof in più, organico funzionale e più soldi. Noi ci siamo. Spero anche gli altri”, rincara, via Twitter, il premier sul punto che le opposizioni – di destra come di sinistra – gli rimproverano subito: l’infornata di assunzioni già promesse.

Eppure, la nuova linea maturata dal ‘Renzi uno’ (o ‘Renzi due’?) e annunciata a Porta a Porta (Rai 1), una sua ratio ce l’aveva anche. Infatti, ieri, tra un impegno a palazzo Chigi e uno a Montecitorio per la – scontatissima, invero – elezione di Ettore Rosato a nuovo capogruppo dem alla Camera, il premier aveva sciolto il dilemma che lo attanagliava da lunedì, dai disastrosi risultati ai ballottaggi. Renzi, riunito il suo ‘gabinetto di guerra’ (Boschi, Lotti, Guerini, non certo la Giannini, il cui posto torna di nuovo a ballare), aveva la necessità di trasformare il ddl scuola (impantanato al Senato) nel provvedimento che avrebbe deciso le sorti della legislatura o ritirarlo per evitare l’incidente finale. SeL, al Senato, infatti, ha un emendamento all’art. 10 del ddl scuola che ‘minaccia’ di rendere effettive ‘tutte’ le assunzioni, via stralcio. E la minoranza dem al Senato (22 senatori, tra cui, in commissione Scuola, Mineo, Tocci, ma anche il senatore a vita Rubbia) era già pronta ad appoggiarlo. Morale: il governo va sotto, addio riforma e, forse, addio governo. Il ‘Renzi 1’ (o ‘Renzi 2’?) ha pensato che va bene ‘avanti tutta’, ma ogni tanto conviene fare come i bisonti: ‘scartare di lato’. Oggi, invece, spunta un’altra idea ancora: il decreto-legge.

NB. Questo articolo è stato pubblicato il 17 giugno 2015 a pagina 2 del Quotidiano Nazionale.

#ilRetroscena/3. Ddl scuola: maggioranza sul filo del rasoio. Sinistra Pd divisa: in 28 non votano. Alla Camera solo 316 sì, al Senato numeri a rischio. I ribelli dem: sarà guerra

Il premier e segretario del Pd Matteo Renzi parla davanti l'Assemblea del Pd

Il premier e segretario del Pd Matteo Renzi parla davanti l’Assemblea del Pd

“Favorevoli 316, contrari 137. La Camera approva”. Quando, ieri mattina, alla Camera, passa la riforma della scuola (prima lettura), ai renziani presenti a Montecitorio e che escono, mesti, dall’Aula, sta per venire uno stranguglione. Alla minoranza dem, invece, che consulta, frenetica ‘confusa e felice’, i tabulati del voto, torna lesto il sorriso. Con tanto di Cuperlo, Speranza, Fassina, D’Attorre, Stumpo, Zoggia, Leva (solo Bersani non si è visto, come pure Enrico Letta) ieri attorniati (e circuiti…) dai giornalisti come non accadeva da mesi. Almeno dal no alla fiducia sull’Italicum.

Ma que pasa? Accade che il ddl scuola passa, ovviamente, perché non era richiesta la maggioranza del plenum dell’assemblea (315+1, cioè, vuol dire il ddl sarebbe passato lo stesso, per un solo voto), ma la maggioranza è, appunto, striminzita. Era dai tempi del Jobs Act che una riforma targata Matteo Renzi non aveva un ‘consenso’ parlamentare così basso, alla Camera: 316 i ‘sì’ allora e 316 ieri. Due riforme cui il premier teneva (e tiene) molto.
Due i problemi, però, paralleli e conseguenti: l’opposizione della minoranza Pd (diversamente modulata, come al suo solito: pochissimi i no, molti gli assenti, tante le astensioni, più vari voti favorevoli ma con ‘dissenso motivato’, etc. etc. etc.) e il successivo approdo, che non sarà un tappeto di rose, al Senato. Ed è proprio su Palazzo Madama che i riflettori di Renzi, una volta passato il giro di boa delle Regionali (6 a 1 l’auspicio, ma con tanti patemi d’animo che si accentrano, ormai, tutti e solo sulla Liguria), saranno puntati. Perché è lì che la minoranza promette e – tutti dicono – stavolta effettivamente darà battaglia. Il famoso Vietnam.
Il ministro alle Riforme Maria Elena Boschi (Pd)

Il ministro alle Riforme Maria Elena Boschi (Pd)

Alla Camera, ‘quota 316’, invece, non crea grattacapi. “E’ la maggioranza assoluta, per cui diciamo che è andato bene pure il voto sulla scuola”, assicura il ministro alle Riforme, Maria Elena Boschi, che tende a vedere il bicchiere mezzo pieno forse anche perché la presenza delle opposizioni era, appunto, scarsina (137 votanti su un pacchetto di voti che, sulla carta, supera le 250 unità…).

A voler vedere il bicchiere mezzo vuoto c’è, invece, la sinistra Pd. In 40, tra i deputati dem, non hanno votato il testo, 28 per scelta ‘politica’. Volendo andare di tabellino, sono otto in meno dei 36 (erano 38, in realtà, ma prima delle uscite di Vaccaro e Civati) sull’Italicum. A loro, però, vanno aggiunti – oltre ai cinque deputati di Scelta civica, assenti non motivati, e al ‘no’ della De Girolamo (Ap) – quei deputati che, pur votando il ddl, si sono appellati, con una lettera promossa da Speranza e Cuperlo, ai colleghi senatori (cioè i loro corrispettivi della minoranza Pd, che al Senato è agguerritissima e conta almeno su 24/25 pasdaran) per ‘migliorare’, dal loro punto di vista, la riforma. Riforma che partirà dalla commissione Istruzione, dove siedono tre democrat tostissimi: Tocci, Mineo e Claudio Martini, ex governatore della Toscana e anti-renziano.

La ‘forchetta’, insomma, a Montecitorio resta ampia (la maggioranza conta, sempre sulla carta, su quasi 400 voti), ma a Palazzo Madama (quorum del plenum:161 voti) sarà tutto un altro film. La maggioranza lì può contare su circa 170/175 voti (112 senatori Pd, tranne Grasso, che per prassi non vota, 36 centristi di Ap, 19 di Autonomie-Psi, 3/4 del Gal su 15 componenti, e 3/5 del Misto di cui sono sicuri Della Vedova, il senatore a vita Monti, le new entry ex azzurre Bondi e Repetti) contro un’opposizione che, ma sulla carta, conta circa 145 voti. Una defezione della sinistra dem potrebbe essere fatale. A meno che, si capisce, le truppe ‘verdiniane’ non giungano in soccorso a compensare i ribelli della sinistra Pd.

NB: Questo articolo è stato pubblicato a pagina 9 del Quotidiano Nazionale (http://www.quotidiano.net) il 21 maggio 2015