Pd, congresso tra gli iscritti: Renzi vola, Orlando resta basso, Emiliano fa flop.

Renzi e Guerini

Matteo Renzi e Lorenzo Guerini alla Camera

Ettore Maria Colombo – ROMA

“Se abbiamo riportato una vittoria? Veramente è un trionfo”. Al Nazareno si stropicciano gli occhi, quasi non ci credono. Nei congressi di circolo – 6324, per la precisione, le convenzioni locali, dal 20 marzo a ieri, sono state 5 mila, l’affluenza è intorno al 58,1%, i votanti sono 235/255 mila su un totale di iscritti che, alla fine, supererà quota 430 mila – la mozione di Matteo Renzi ha fatto il botto. E, certo, è solo il primo round, saranno solo i gazebo – primarie aperte anche ai non iscritti – del 30 aprile a decretare chi sarà il futuro segretario del Pd, ma i numeri sono impressionanti: il Pd è diventato un lago renziano.

I dati del Nazareno parlano chiaro: “Renzi è al 68,22% (141.245 voti assoluti), Orlando al 25,42% (52.630 voti), Emiliano al 6,36% (13.168 voti)” e l’affluenza è stimata al 58% (235-250 votanti, appunto). Vittoria schiacciante. Eppure, i comitati dei due avversari danno numeri diversi: “Orlando è quasi al 30%, al 29,6%, Renzi al 62,4%, Emiliano all’8%”, per gli orlandiani, con un affluenza assai più bassa (200 mila votanti) stimata al 46%; mentre gli emiliani danno il loro candidato “oltre l’8%, Orlando al 30% e Renzi al 62%”, su una affluenza che è molto più bassa (41% al massimo, vuol dire circa 180 mila votanti). Discrepanze che daranno di certo adito a roventi polemiche, che sono già scoppiate, in vista della proclamazione ufficiale dei risultati da parte della commissione congressuale – dato che arriverà solo oggi, però, al massimo entro domani – ma il succo politico resta: il ministro va assai meno bene del previsto, anche nelle zone dove pensava di sfondare o quantomeno di vincere (Bologna ed Emilia rossa, Roma e Lazio, Liguria) e ben peggio di Cuperlo (che nel 2013 sfiorò il 50%), il governatore pugliese fa un mega flop dappertutto (era a rischio persino la possibilità di superare il 5% nazionale o il 15% in 5 regioni necessari per accedere alla seconda fase, quella delle primarie aperte: Emiliano ce la fa per un pelo e le malelingue dicono che i renziani lo hanno aiutato per non togliere appeal e mordente a una gara sonnacchiosa) mentre Renzi stravince e dappertutto.

Infatti, l’ex premier conquista, nel Pd, 20 regioni italiane  su 20 (Liguria di Orlando e Puglia di Emiliano, dato ancora più clamoroso, comprese), le grandi città (a Roma, dove comandano Zingaretti e Bettini, schieratissimi con Orlando, Renzi ha il 62,3%, a Milano il 68,2%, a Bologna il 49,9%, a Genova il 57,7% , a Firenze ‘la bulgara’ l’82,4%, a Napoli il 78%, a Cosenza il 48% ed è una delle poche città dove Orlando lo sovravanza, di poco) e i piccoli centri, zone ‘rosse’ e ‘bianche’, Nord e Sud. Per dare una dimensione dei numeri, Renzi sfiora il 70% non solo dove i renziani e gli uomini di Martina controllano il partito (Lombardia, Toscana, Veneto, Marche), ma anche nelle regioni rosse (63% in Emilia fino al 76% in Umbria), si attesta attorno al 65% in regioni non ‘sue’ come Piemonte, Lazio e Liguria (terra natale del ministro), è saldamente sopra il 60% in tutto il Sud, con punte del 78%, ed è in testa persino in Puglia, la regione di Emiliano, pur non superando il 50%.

“Sono risultati incredibili, vanno oltre le nostre previsioni”, fa filtrare l’ex premier che si gode il successo a Pontassieve mentre è impegnato a finire il libro di memorie scritto per Feltrinelli (il titolo è ancora top secret,  il libro uscirà dopo le primarie). Renzi non vuole farsi trascinare in polemiche e così evita di rispondere ai suoi avversari. Emiliano e Orlando attaccano duro: ora il tentativo è alzare l’asticella in vista del 30 aprile, quando, anche a causa di una data scelta in modo dissennato in quanto è in mezzo a due ‘ponti’ festivi (25 aprile e Primo Maggio), il rischio di una partecipazione bassa è alto. “Se ai gazebo vanno meno di 2 milioni di persone – dice Orlando – è una sconfitta, colpa di chi finora ha guidato il partito”.  Lorenzo Guerini – il vero artefice del successo che in una nota scandisce la “soddisfazione per un risultato che vede in Renzi il segretario in cui i nostri iscritti ripongono fiducia e speranze” – gli legge i dati e a Matteo torna il sorriso.

“Calma, ragazzi, il partito deve restare unito – ribadisce Renzi ai suoi – io voglio dimostrare che non sono divisivo”. Poi, però, una battuta su Orlando gli scappa: “Era convinto di andare molto meglio, ha preso una bottarella, lo ha capito e ha dato segnali di nervosismo, protestando per il voto, ma io sono convinto che io e lui possiamo lavorare insieme”. Su Emiliano non dice nulla, anche se c’è chi giura di averlo visto ‘gongolare’ per un dato che i pasdaran bollano come “il peggior risultato di un ex giudice in politica dai tempi di… Ingroia” (il quale, con la sua Rivoluzione civile, prese il 3%…).

I renziani sono in brodo di giuggiole. Il senatore Marcucci traccia il solco: “Il consenso di Renzi dentro il partito è passato dal 45% del 2013 al 68% di oggi, oltre 20% in più” (ma, dal 2013 ad oggi, il Pd ha perso ben 135 mila iscritti, specie nelle regioni rosse, non pochi). Dal 2014 in poi, però, il numero degli iscritti è sempre aumentato (+30 mila sul 2015, +50 mila sul 2014) fino ad arrivare ai 430 mila – 30 in più dei previsti 405 mila – del 2016. Un numero di 30 mila unità in più rispetto a quello noto finora che il vicesegretario Guerini si era tenuto in serbo per festeggiare, insieme a Renzi, la vittoria schiacciante.

NB: L’articolo è stato pubblicato il 3 aprile 2017 a pag 10 del Quotidiano Nazionale. 

Annunci

Due pezzi (o commenti) acidi. L’ira funesta di D’Alema e i flop di Sel-Sinistra italiana….

d'alema 2

L’ex premier e leader dei Ds Massimo D’Alema

1) D’Alema non vuole sconfiggere Renzi, ma Belzebù…

SOLO a voler scorrere le agenzie di ieri (12 luglio 2016, ndr.), il botta&risposta Renzi-D’Alema ha riempito di «take» l’intera giornata politica. Il tema erano le banche (Renzi ha rimproverato a D’Alema Telecom, D’Alema a Renzi Banca Etruria…), ma l’altro ieri erano le riforme, domani chissà: forse il Meteo. Renzi ama trovarsi dei nemici né D’Alema è mai stato da meno ma, fino a neppure un mese fa, era Renzi che ‘personalizzava’ lo scontro e D’Alema che la prendeva larga: insomma, a Renzi ‘conviene’ avere in D’Alema il nemico pubblico numero 1 da combattere e battere in nome del ‘nuovo’, della ‘rottamazione’ e del ‘cambiamento’. A D’Alema assai meno. Non a caso, fino a un po’ di tempo fa, D’Alema ha cercato di evitare lo scontro aperto. Di solito, scendeva dall’aereo  e diceva: «Sono reduce da un viaggio a Bruxelles (o altrove, non importava, contava solo il piglio e il cipiglio sprezzante, ndr), non mi occupo di politica italiana, ma di politica estera. Io sono presidente della Feps» (Feps sta per «Foundation for european progressive studies», è il centro studi del Pse, conta pochissimo, ma per Lui è pari, mutatis mutandis, all’Istituto Gramsci del caro Pci: come a dire, conta tantissimo). E invece, appunto, tempo un mese dalla sonora batosta presa da Renzi alle amministrative, D’Alema ha sentito «l’odore del sangue». Ha capito che il (suo) Nemico si può battere. Ma non serve dargli i «colpetti» come vogliono fare «quelli» della minoranza, tipo Bersani e Cuperlo – due tipi che Lui, in verità, disprezza e che, Lui lo sa bene, non avranno mai «il coraggio» di abbandonare e/o tradire la (loro) ex «Ditta».  No, Renzi il Maligno, il Diavolo, Belzebù-Renzi bisogna colpirlo con tutta la forza che si ha, scatenando l’Armageddon.

E COSÌ, a partire dalla famosa dichiarazione estorta, mai rilasciata, ma di fatto confessata (“A Roma voterei pure il Diavolo pur di battere Renzi, compresa la Raggi, Giachetti non ha chanches”), da un mesetto, D’Alema, è tornato tonico, garrulo, sferzante, pugnace e salace. Solo, ieri, per dire, ha parlato, nell’ordine, al Tg5, al Fatto, alla Gazzetta del Mezzogiorno, altre agenzie e tg locali, etc. E così vuole e andrà avanti fin quando si terrà il referendum costituzionale di ottobre: non è solo per Renzi, la «partita della vita», quel referendum, ma pure per Lui. I temi su cui D’Alema punta sono, invece, sempre gli stessi: «La riforma è pasticciata, confusa, non si capisce nulla»; «L’Italicum è una legge pericolosa e incostituzionale»; «Se Renzi cade, nessun diluvio, si fa un altro governo». E qui arriva il colpo basso: «In Italia c’è un cospicuo numero di persone in grado
di fare il premier» (Sottotesto: «Io in testa, ‘disciamo’…»). Ora, al di là del fatto che, in effetti, se cade il governo Renzi, Mattarella, o chi per lui, i partiti presenti in Parlamento, Pd compreso, o chi per loro, e le forze ‘sane’ (?) della Nazione, cercheranno di fare un governo istituzionale o di scopo, come possa (al di là che, ovviamente, ‘voglia’…) rientrare in gioco un politico fuori dal Parlamento, che in teoria si occupa ‘solo’ di politica internazionale e che, dopo averne provate tante, di battaglie per la premiership e la leadership, le ha perse tutte, resta – ai nostri modesti occhi – un Mistero…
Ps. Ieri D’Alema ha parlato anche della «tragedia che ha colpito la nostra terra» e chiesto al presidente Emiliano di «trasmettere tutto il mio cordoglio, affetto, solidarietà». Stile Putin, che ha scritto a Renzi: «Da lontano, ma vi siamo vicini». Ma non era lui il deputato semplice di Gallipoli?

NB: L’articolo è stato pubblicato a pagina 8 di Quotidiano Nazionale del 13 luglio 2016

2) La nuova ‘Cosa Rossa’ neanche è nata e già perde pezzi: se ne vanno Zedda e Cofferati

«NON SI fanno le tessere, non si discute, la democrazia interna è sospesa». Così l’ex sindaco di Bologna ed ex europarlamentare del Pd Sergio Cofferati, appena tre giorni fa, sul Manifesto.
«Dividere la sinistra è stato un errore strategico, le elezioni amministrative sono state un disastro, non c’è stata nessuna autocritica, Sinistra italiana è un’operazione autoreferenziale, fatta in Parlamento, ma mai nata sui territori». Così, invece, Massimo Zedda, sindaco di Cagliari, sostenuto da 300 sardi guidati dal senatore Luciano Uras: entrambi, a lungo, hanno militato in Sel.
In meno di tre giorni, entrambi – Zedda e Cofferati – hanno preso il cappello e sbattuto la porta: il primo (Zedda) perché vuole tornare con il Pd, il secondo perché giudica i suoi compagni di strada, in pratica, sia incapaci che autoreferenziali.

IERI, quando si è aperta l’assemblea programmatica di Sel-SI a Roma, al centro congressi Frentani (storico catino di interminabili, faticosi e litigiosi Comitati politici di Rifondazione Comunista, partito da cui molti di loro provengono per auto-scissione di Vendola dal Prc di Ferrero), molti osservatori, oltre a Zedda, Cofferati (e compresi esponenti di Sel romana di peso come Massimigliano Smeriglio, pure lui assai critico verso l’attuale dirigenza di Sel) si aspettavano qualche cenno, sia pur minimo, di autocritica da parte degli (ex) colonnelli di Vendola (Fratoianni in testa) e degli ex deputati del Pd confluiti in Sel (D’Attorre) che hanno condotto l’esperimento di Sel-SI fino a ora con assai modesti risultati. Invece, zero, niente, nisba. Fratoianni attacca «politicismi e snobismi» (tradotto: Zedda e i suoi si vogliono ‘vendere’ al Pd, Cofferati ha la puzza sotto il naso), D’Attorre, con linguaggio degno del Pci staliniano degli anni ’30, «l’avventurismo renziano». Persino Arturo Scotto, capogruppo di Sel alla Camera, uno bravo, serio, tosto, chiama alla «mobilitazione totale contro Renzi per il No al referendum di ottobre: se Renzi se ne va, abbiamo vinto». Peccato che Sel (o SI: starebbe per Sinistra Italiana, forse farà il suo congresso a dicembre, forse si vedrà, il percorso congressuale non è ancora iniziato, non si sa quanti e quali sono gli iscritti, è tutto molto vago, compreso, appunto, quello straccio di democrazia interna che si rimprovera mancare al Pd) abbia perso, e male, le elezioni amministrative e sia presente in Parlamento solo grazie a un patto stipulato nel 2013 con il Pd (anche se allora c’era Bersani).
Avanti così, a mettere la testa sotto la sabbia, e la sinistra che fu radicale resterà molto confusa e assai poco felice., rischiando di replicare la fine ingloriosa della Sinistra Arcobaleno di Bertinotti, Vendola e una manciata di ex Ds, ex Verdi ed ex Psi che, nel giro di due soli anni (2008-2009), riusci a farsi buttare fuori, per assenza di quorum, dal Parlamento italiano e da quello europeo. 

NB: l’articolo è stato pubblicato su Quotidiano Nazionale il 17 luglio 2016 a pagina 14.

E’ tornato il #Pd “quando era bambino”, quello che si mangia i leader. Partito il lungo assedio dei vecchi big e delle mille correnti al Rottamatore

Matteo Renzi parla alla Direzione del Pd.

Matteo Renzi parla alla Direzione del Pd.

BOLOGNA –  «QUANDO il Pd era bambino», i segretari venivano cotti a fuoco lento e poi costretti alle dimissioni (vedi alla voce: Veltroni). «Quando il Pd era bambino», le correnti impazzavano, i «caminetti» di big e le «notti dei lunghi coltelli» pure (vedi voce: Franceschini). «Quando il Pd era bambino», nei territori comandavano «cacicchi» e ras locali, le primarie erano blindate (vedi prima vittoria di Bersani su Renzi) o finivano a schifìo come a Napoli, Palermo e altri posti. Poi, come d’incanto, tutto finì. Il Pd era diventato «adulto»: infatti, era arrivato Renzi il «Rottamatore», con tutto il portato della sua «narrazione». Tre le tesi del renzismo dominante e imperante almeno fino a ier l’altro: 1) Le correnti sono il retaggio di un passato lontano, della fusione «fredda» tra il Pci-Pds-Ds di D’Alema-Veltroni-Fassino e la Margherita di Rutelli&co. che Renzi ha sconfitto per sempre. 2) Le primarie sono la fede laica di ogni democratico provetto: si fanno sempre e a ogni livello. In più, i ras «locali» sono banditi: il centro irradia la sua luce, la periferia, silente, ne gode. 3) C’è ora, finalmente, «un uomo solo al comando», il segretario-premier, cui si deve fedeltà, lealtà, rispetto, fiducia, amore. Il Pd è un «partito nuovo» o, appunto, «della Nazione». Quello del 40% (già sceso intorno al 32-33%, e potrebbe scendere ancora, si vedrà), che vince ‘tutte’ le elezioni (Europee: vinte; amministrative: vinte; Regionali: non vinte), che si impone come guida del Paese, faro delle riforme, cuore del cambiamento, etc. etc. etc.
Tempo un anno (Renzi è segretario del Pd dal dicembre 2013, premier dal febbraio 2014) e tutto pare tornato esattamente come era prima. Dall’Alpe alla Sicilia, da Torino a Roma.

SULL’ALPE vedi caso Milano: al post-Pisapia si sono già candidati in cinque, forse presto diventan dieci, proprio come i piccoli indiani. Alla Sicilia: il governatore Crocetta resiste, a dispetto di pupi, pupari e renziani siculi (Faraone). E a Roma, dove pure i sampietrini e i gatti sanno che Renzi avrebbe voluto cacciare Marino per andare al voto e dove, invece, Marino ha fatto pure il rimpasto (l’ennesimo) ed è li che governa, a dispetto dei santi. Così, quasi non c’è più città o regione dove Renzi riesca a imporsi. Fino a veri e propri «schiaffi» non di Anagni ma di Sesto Fiorentino (la sindaca, sua pupilla, è stata sfiduciata) o pugnalate alle spalle. Tipo quelle di Ladylike Alessandra Moretti, una che sa fiutare il vento: bersianana di ferro, poi renziana al cubo, ora è già pronta a nuove avventure.
E ahivoglia il povero vicesegretario Guerini (la Serracchiani non parla: se parla, fa danno) a correre, mediare, limare, cercar la quadra. I governatori del Sud remano naturaliter contro il governo (Emiliano ha iniziato, De Luca arriverà), quelli del Centro-Nord sono freddi, distanti (Chiamparino, Rossi), nella «rossa» Bologna la sinistra dem s’è ripresa il partito, in altre città e federazioni «lo faremo presto», garriscono i suoi colonnelli.

E LE PRIMARIE? Le primarie meglio farne poche o farle solo per il segretario-leader, certo non per i segretari locali. E anche per sindaci e governatori meglio sceglieri “dall’alto”. E il partito? Ecco, quello meglio rifarlo un po’ più pesante, rispetto al tanto evocato partito “leggero” veltronian-renziano, dare un’aggiustina allo Statuto, metter giù regole nuove dure, un po’ sovietiche, contro i dissidenti (succederà anche ai gruppi parlamentari), riaprire l’Unità (grafica nuova, contenuti light), riprovarci col finanziamento pubblico, dopo il flop di quello privato, provare a riaprire sedi e luoghi (mica tanto “ideali”, ormai, ahiloro, come invocava e predicava il povero Luciano Barca). Solo che, «nel» partito, è ripartita la sarabanda delle correnti. Come prima, più di prima. Vecchie e nuove. I Giovani Turchi, «leali» a Bersani (e a Letta) quasi quanto a Renzi poi (sic) si son messi in proprio: Orfini puntella Marino, lo incita, ne sceglie lui gli assessori, Raciti fa lo stesso con Crocetta.

CENTO fiori nascono: «Progetto democratico» (ex-lettiani, ex-Ppi, ex-prodiani, direttrice tosco-emiliana), «Campo democratico» (Bettini, Gozi, Zampa), «l’area 29 giugno» (Simoni, Garofani, etc.: la data è quella della rielezione di Napolitano, mah), «Sinistra E’ Cambiamento» (Martina, Mauri, Ginefra, Amendola: la sigla è SEC: ri-mah). Vecchie cordate riemergono dopo lungo sonno (fioroniani, veltroniani, franceschiniani) o si confondono, confondono le acque, si uniscono e s’ingrossano come fiumi in piena: i «cattorenziani» (Delrio, Richetti), i renziani «2.0» (ex lettiani, ex-Ppi) e quelli «3.0»: in arrivo, dopo gli ex-Sel di Migliore, gli ex-Sc di Romano, gli ex-Psi di Di Lello e Di Gioia.
E la tanto temuta «sinistra», quella che tutti i giorni regala il titolo «il Pd si divide» provocando travasi di bile a Renzi e al «giglio magico» (Lotti, Boschi: fine) più ristretto?

La sinistra, per i renziani, «trama» nell’ombra: obiettivo, riprendersi la cara vecchia «Ditta». Ma ormai – come diceva la canzone – <la paura dà il coraggio di arrivare fino al bosco>, ergo tutto o quasi avviene alla luce del sole. Sinistra dem di Gianni Cuperlo (25 parlamentari) e Area Riformista di Roberto Speranza (45 parlamentari, di cui 25 senatori: i «vietcong» che hanno fatto, fanno, o presto faranno, il «Vietnam» su ogni legge) a ottobre si fondono. Bersani, tornato tonico, gira le Feste dell’Unità e attacca Renzi (giù applausi).
Enrico Letta non manca un’intervista, un tweet («chi di spada ferisce», etc.) per attaccare il premier a testa bassa. L’ex rottamata Rosy Bindi sfida il premier, lo sfotte e se la ride: «voi dal Pd non mi caccerete mai!». E D’Alema? Ah, beh, D’Alema è il «solito» D’Alema: «io mi occupo di Europa», dice, «di Medio Oriente», di “Fondazioni” (la mitica Feeps…) e, intanto, cena con la leader della Cgil, Susanna Camusso a Ponza, tesse trame, strategie, sottili come i tanto amati origami. Tanto l’obiettivo è sempre quello: riprendersi il partito.
Riprendersi «la Ditta», appunto, come se ancora fosse quella dei tempi del Pci-Pds-Ds. «Lo spezzo in due, il ragazzino», dice «Baffino». Come reagirà Renzi? Non si sa, forse ricorrendo alle elezioni. Ma quali? Politiche? Arduo, almeno fino al 2016, anche 2017. Certo è che, nel Pd, chi perde troppe elezioni locali, tipo le amministrative di giugno 2015, poi perde pure la poltrona da segretario. E’ un must. Di «quando il Pd era bambino».

NB. Questo articolo è stato pubblicato su Quotidiano Nazionale il I agosto 2015 a pagina 4. 

Il caso. Anatomia di un salvataggio. Quello del #Pd su #Azzollini: “In quelle carte non c’è niente, vedrai che Antonio la sfanga…”.

Il portone d'ingresso di palazzo Madama, sede del Senato della Repubblica.

Il portone d’ingresso di palazzo Madama, sede del Senato della Repubblica.

Aggiornamento delle ore 12 del 29 luglio 2015. 

Con il voto che si è tenuto questa mattina nell’aula di palazzo Madama, il Senato della Repubblica ha bocciato la richiesta di arresto (domiciliari) avanzata dalla procura di Trani nei confronti del senatore Ncd Antonio Azzollini, richiesta che era stata portata in Aula con il sì (a maggioranza) della Giunta per le Autorizzazioni a procedere  del Senato. La richiesta di arresto per il senatore Azzollini è stata respinta con 189 ‘no’, 96 ‘sì’ e 17 astenuti. Il Pd – che aveva votato sì alla richiesta di arresto in Giunta – ha lasciato, con una lettera del capogruppo dem al Senato, Luigi Zanda, “liberà di voto ai suoi senatori”.

Questo articolo pubblicato è stato pubblicato su Quotidiano nazionale a pagina 10 del 29 luglio 2015. 

«IL SEGRETO dell’urna serve a ripristinare lo stato di diritto, il principio di legalità e la libertà di coscienza dei senatori, valore che deve valere per tutti, anche per i magistrati. Spero che domani (oggi, ndr.) il Senato abbia il coraggio di ribadirlo». Il senatore del Psi-Autonomie Enrico Buemi è un garantista doc, si sa, ma le sue parole non sono scontate come sembrano. Oggi, infatti, nell’aula del Senato, si vota l’autorizzazione a procedere contro Antonio Azzollini. Tutti credevano, fino a ieri, che il Senato avrebbe votato «sì». A partire da ieri, invece, dentro il Senato, si dubita assai, a partire dal gruppo del Pd.

La vicenda inizia il 10 giugno, quando una richiesta di autorizzazione a procedere per Azzollini arriva al Senato da parte del tribunale di Trani, richiesta poi confermata dal Tribunale della Libertà, per il crack della casa di cura “Divina Provvidenza” di Bisceglie. Rinviato a giudizio per «associazione a delinquere finalizzata alla bancarotta fraudolenta», Azzollini faceva – dice l’accusa – il bello e il cattivo tempo dentro e fuori tale ospedale (pischiatrico, peraltro), in teoria gestito da pie suore (di scarsa “carità”, a dirla tutta). Suore cui, secondo il relata refero di un testimone (uditivo, non oculare: sentiva, ma non vedeva), Azzollini disse: «O fate come dico io o vi piscio in bocca».

Al di là delle parole, forse «dal sen fuggite», la domanda che i senatori oggi si dovranno fare è: il prode collega Azzollini – assai amato, dentro palazzo Madama, assai potente, assai influente, ieri persino presente: sorrisi, battute, qualche ammiccamento, molte strette di mano e una battuta che merita di passare alla storia: “Se mi danno i domiciliari mia moglie, già disperata, stavolta divorzia…” – merita gli arresti, seppur domiciliari? Ecco, oggi, nel segreto dell’urna, quando l’aula di palazzo Madama voterà – a scrutinio segreto, come sempre quando e se il voto del Senato verte sulle persone – i dubbi e i ripensamenti affiorano copiosi, nelle menti e negli animi dei senatori del Pd.

EPPURE, in un sol mese, al Senato, si è lavorato, e assai, sul caso Azzollini: il 10 giugno la richiesta è arrivata alla Giunta per le autorizzazioni, presieduta da Dario Stèfano (Sel), che ha dibattuto e votato: 13 i «sì», 7 i «no»con il Pd compatto nel dire «sì». Capogruppo Giuseppe Cucca in testa. Il quale, però, ora dice: «In Aula confermerò il mio sì, ma c’è libertà di voto e voto segreto, non so dirle come finirà…».

Il Pd, dunque, non è più tanto compatto e sono assai buone le possibilità che l’ex presidente della commissione Bilancio (carica che, prima di dimettersi causa inchiesta, ha ricoperto 15 anni, tra una legislatura e l’altra: una sorta di usucapione…) Antonio Azzollini (classe 1953, nativo di Molfetta, già sindaco del paese natale, nonché recidivo: inquisito per una mega usura speculativa relativa al porto della medesima ridente cittadina pugliese, la procura di Trani già aveva emesso, al Senato, nel 2009, richiesta di autorizzazione a procedere contro il buon Azzollini, anche se solo per usarne le intercettazioni telefoniche: la richiesta rimase nel cassetto per circa un anno, al Senato,, poi fu bocciata e archiviata) riesca a scamparsela. Eppure, sulla carta, spiega Lucio Malan (FI) «non c’è storia: noi di FI, Ncd, Gal, verdiniani, autonomisti, Psi, cioè gli unici e veri garantisti, siamo 90-100. Contro abbiamo i forcaioli sicuri di M5S, SeL, Lega: sono circa 60. A loro, in teoria, va aggiunto l’intero gruppo Pd, 110. Dipende da loro. Certo è che quella richiesta d’arresto è una vera maialata e pure i dem lo sanno», chiude Malan.

Dal gruppo dem al Senato mettono le mani avanti: Lega e grillini potrebbero fare il gioco sporco. Voterebbero, cioè, «no» all’arresto, nel segreto dell’urna. Obiettivo: far ricadere sul Pd la colpa del salvataggio di Azzollini, esponendo il governo all’ennesima figuraccia. Sarà. A un certo punto del tardo pomeriggio, lo stesso Zanda, fiutato il clima e probabilmente per togliersi d’impaccio dalla canea estiva che percuote gli animi dei suoi senatori, riscopertosi garantisti come il sole all’improvviso, scrive una lettera ai suoi colleghi: «formatevi in Aula una vostra opinione (non per sconfessare il voto in Giunta, si capisce, ndr.) e votate secondo coscienza». In pratica, per Azzollini è fatta. «La sfanga, la sfanga pure stavolta» sorride sornione un senatore renziano: «i motivi dell’arresto sono deboli, lui ha molti amici e qualcuno vuol dare un “colpettino” a Orfini che ci “ordinò” di arrestarlo, ma noi senatori, abituati a leggere le carte, abbiamo visto e rilevato il fumus».

Eccolo, il fumus. Per dire di «no» a un arresto i senatori possono invocare due storici brocardi. Il primo è il fumus persecutionis che il Senato può ravvedere quando, a suo insindacabile parere, non sussistano i tre motivi (pericolo di fuga dell’indagato, reiterazione del reato e inquinamento delle prove: quest’ultima la fattispecie avanzata dalla procura di Trani per chiedere l’arresto del povero Azzollini) solitamente addotti da una Procura per motivare una limitazione (grave) della libertà personale come l’arresto (in carcere o ai domiciliari che sia). Il secondo è il vulnus al plenum. Del primo si è detto, il secondo sottende un principio costituzionale: se togli un senatore al Senato compi un vulnus che stravolge la composizione dell’organo (il Senato) dalla sua interezza (il plenum). Tradotto: “voi giudici ci volete sottrarre un collega senza motivo alcuno! E cavoli questo è il Senato!, non si fa”. In tema di brocardi antichi, comunque, uno molto noto dai tempi di Roma, repubblicana come imperiale, recita e recitava: senatores probi viri, Senatus mala bestia.

NB. Questo articolo è stato pubblicato il 29 luglio 2015 a pagina 10 del Quotidiano Nazionale. 

#DopoleRegionali/1. Renzi: nessuna mediazione con i ribelli. L’obiettivo del premier: fuori dal Pd chi non rispetta le regole

Il 'tetto' del Quirinale, detto 'Torrino', dove riceve i suoi ospiti il Capo dello Stato, oggi Mattarella

Il ‘tetto’ del Quirinale, detto ‘Torrino’, dove riceve i suoi ospiti il Capo dello Stato, oggi Mattarellad

“Avete visto? Matteo s’è messo la mimetica. Gli mancava solo l’elmetto. Se veniva qui e vedeva la Bindi come minimo sparava”. I fedelissimi del premier provano l’arma del sarcasmo per cercare di stemperare il clima mesto e cupo che regna dalla notte del voto. Moltissimi renziani ieri erano al ricevimento per il 2 giugno che il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha organizzato ai giardini del Quirinale. Renzi, invece, non c’era. Tocca a loro, dunque, il ruolo del ‘genitore o di chi le fa le veci’.

Le ‘veci’ in questo caso, del premier. Infatti, Matteo Renzi, come si è appreso all’improvviso solo ieri mattina – fatto che ha scatenato nugoli di polemiche e di ’si dice’ (il premier fugge dal voto, è nero, ha fatto uno sgarbo pure a Mattarella, etc.) – era volato ad Herat per salutare il contingente militare italiano. E, da Herat, Renzi, sulle Regionali, dice giusto due parole (“siamo passati dal 6 a 6 del 2010 al 10 a 2 di oggi”), senza discostarsi di una virgola dalla conferenza stampa mattutina tenuta al Nazareno dal presidente del partito, Matteo Orfini, e dai due vicesegretari del Pd, Lorenzo Guerini e Deborah Serracchiani (vicesegretari ancora per poco, pare…). Quella conferenza stampa, cioè, dove musi lunghi e visi tirati indicano che il Pd ribolle a tal punto che è sul punto di esplodere.

Nella fattispecie del ricevimento al Colle, a far le veci del premier s’incontrano un po’ tutti i renziani doc: il vicepresidente della Camera” Roberto Giachetti, il presidente del Pd, Orfini, i sottosegretari Gozi, Scalfarotto, Rughetti e molti ministri renzianissimi: Boschi, Madia, Pinotti (elegantissime), etc. I volti sono distesi, gli abiti eleganti, l’eloquio è cortese, ma la sostanza rimane la stessa: i renziani più vicini e fedeli al premier chiedono, come chiede Renzi, la ‘resa dei conti’ con la minoranza. Rapida, sterminatrice, affatto indolore. Lunedì 10 c’è la Direzione e Giachetti già sta preparando le sue cartuscelle anti-Bersani&co. Gennaro Migliore, altro neo-renziano, chiede “ordine e disclipina” e solo Rughetti si limita a un serafico “analizzeremo bene il voto”.

La verità è che Renzi e i renziani sono davvero furibondi e ‘neri’. Ce l’hanno con la minoranza, che accusano di ogni male e di ogni sconfitta’, dalla Liguria (sconfitta dovuta, per Renzi e i suoi, “al tafazzismo della sinistra”) alle vittorie di Pirro di Campania e Puglia, dai possibili nuovi tradimenti (tipo quello della Bindi) e/o ad altre imboscate (al Senato). E se è pur vero che Renzi, ieri, era assai meno abbattuto dei suoi, il mantra “andremo avanti con le riforme” del premier, oggi, non basta più. Infatti l’aggiunta-spia è “… e a rinnovare il Pd”.

Renzi vuole riprendere, e presto, la strada della rottamazione/rivoluzione interna. Su tre direttrici. Uno. Nessuna mediazione con la sinistra interna, neppure con i ‘lealisti’ (Cuperlo): con loro sarà guerra termonucleare globale. Traduzione: “si sta nel Pd se se ne accettano le regole”, dirà Renzi in Direzione, “altrimenti la porta è quella”. Fine di casi alla Civati: se non voti un provvedimento importante o una fiducia, ‘sei fuori’. Due. Ricambio totale, una vera rivoluzione, tra gruppi e partito. L’attuale vicesegretario, Lorenzo Guerini, diventerà il nuovo capogruppo alla Camera, mentre Ettore Rosato, oggi capogruppo vicario, andrà al partito (Organizzazione), azzerando le figure dei due attuali vicesegretari per una sola e assommando nell’Organizzazione anche l’incarico degli Enti locali, a oggi nelle mani di Valentina Paris. Tre. Nessun spostamento al partito di pedine importanti che devono continuare a far ‘bene’ ciò che fanno (Boschi il ministro, e Lotti il sottosegretario) al governo, ma rimpasto e rilancio del governo sì.

NB. Questo articolo è stato pubblicato il 2 giugno 2015 a pagina 3 del Quotidiano Nazionale

#VersoleRegionali/10 (fine). Astensione record, incubo di palazzo Chigi (e ben prima dell’effetto Bindi..). Il Pd teme una vittoria dimezzata, ma con la minoranza dem i renziani preparano la resa dei conti

NB. articolo scritto una settimana fa, ben prima che esplodesse il caso Bindi con le sue liste dei cd. ‘impresentabili’, Lista dove figura De Luca, candidato governatore del Pd in Campania. 

Lo sanno, e lo dicono – come Alessandro Campi, all’Adnkronos – i politologi. Lo sanno, ma non possono dirlo, perché è in vigore la par condicio, i sondaggisti, e di ogni colore. Pare che una di loro – che poi è quella che ‘ci piglia’ sempre, Alessandra Ghisleri, ieri sondaggista di fiducia del Cav e oggi tutti i martedì di Ballarò, avrebbe in mano numeri bomba: percentuali da brivido o da paura. Il rischio, o la paura, è quello di un astensionismo a livelli record. E il rischio, o la paura, corre sul filo, specie sulla ‘linea rossa’ che collega palazzo Chigi, sede del governo e del suo premier, Renzi, e il Nazareno, quartier generale del Pd, dove ormai la guardia al ‘bidone’ la fa solo il vicesegretario factotum, Lorenzo Guerini.

Perché – per nemesi della storia politica del nostro Paese, dove l’astensionismo colpiva, di solito, sempre il centrodestra (la Dc e i partiti liberali prima, il Pdl e FI poi, nella Seconda Repubblica) – è ormai da un po’ di tempo che il fenomeno dell’astensione ‘dal voto’ (diverso dall’astensione ‘nel voto’ che riguarda le schede bianche e/o nulle) colpisce ‘anche’ a sinistra, non solo a destra. E colpisce, ormai, anche l’M5S: infatti, come nei sondaggi – quelli che non si possono citare, ma che ‘girano’ in tutte le sedi di partito e nei Palazzi – i partiiti del centrodestra vivo no nell’angoscia di uno ‘sprofondo rosso’ (il loro) da fare paura, persino Grillo in varie regioni arranca, lontano dalle percentuali del 2013.

Il premier e segretario del Pd Matteo Renzi parla davanti l'Assemblea del Pd

Il premier e segretario del Pd Matteo Renzi parla davanti 3.

Il problema, però, a volerlo guardare dal lato del Pd, ‘è’ del Pd. Renzi ha già rinculato, passando dal “vinciamo 6 a 1!” (Veneto escluso, cioè’) fino al “mi andrebbe benissimo vincere 4 a 3, come a calcio”, rievocando la famosa semifinale Italia-Germania 4 a 3 dei Mondiali del 1970 e, soprattutto, mettendo le mani avanti. Senza dire che più’ passano i giorni, più si avvicina il giorno del voto (ormai manca solo una settimana), più i guai aumentano, in casa del Pd.

La minoranza è sul piede di guerra, come dimostra l’intervista di ieri di Alfredo D’Attore a QN, e gia’ si dice pronta a ‘far pagare’ a Renzi di tutto: astensionismo, mancato ‘6 a 1’ e, soprattutto, percentuali del Pd ‘inferiori’ a quelle del tanto vituperato Bersani (25,4% nel 2013).

Ma il vero spettro, o incubo, per il Nazareno, è il cd. “effetto Emilia-Romagna”. In Emilia, infatti, vinse il candidato renziano (ed ex bersaniano di ferro) Bonaccini, ma con numeri che dire striminziti è dir poco. Bonaccini, infatti, governa, dal novembre del 2014, quando vinse le elezioni, a Regione avendo preso il 49,05% dei voti e strapazzato il centrodestra, inchiodato al 39,8%, ma anche registrando una percentuale di votanti bassissima: il 37,7% contro il 68,1% delle Regionali 2010 e il 70% Europee 2014.

Certo, “le Regionali non sono le Comunali, dove si vota di più, da sempre”, mettono le mani avanti i pochi renziani dem avvistati ieri a Montecitorio, ma il rischio che il combinato disposto di poche o non esaltanti vittorie, inaspettate sconfitte, performance assai debole della lista Pd (ben lontana, cioè, dal famoso 41% delle Europee 2014) e vittorie dimezzate causa astensionismo si faccia sentire e deflagri, dentro il partito, è molto alto. Quasi da anticipo di resa dei conti.

NB. Questo articolo è stato pubblicato il  26 maggio 2015 a pagina 9 del Quotidiano Nazionale

#VersoleRegionali/8. Bindi contro Resto del Mondo. Renzi e il Pd furibondi. Il caso degli impresentabili e le liste De Luca in Campania. Quattro articoli scritti negli ultimi quattro giorni al prezzo’ di uno…

Il portone d'ingresso di palazzo Madama, sede del Senato della Repubblica.

Il portone d’ingresso di palazzo Madama, sede del Senato della Repubblica.

1) Bindi spacca pure la sinistra Pd: Speranza per De Luca. Renziano furiosi: tolga il disturbo. 

“La str. (irriferibile, ndr.) ha orchestrato un agguato scientifico per farci perdere, ma non in Campania, dove vinceremo, ma in Liguria, dove grazie a lei e Pastorino possiamo perdere”. Ormai i renziani parlano della Bindi non come ne parlerebbe Silvio Berlusconi, ma molto peggio, tra parolacce e rabbia. “Quand’è che toglie l’incomodo e se ne va con Civati e con i suoi amichetti, quei ‘minorati’ (sic) di Fassina e D’Attorre?!” è l’unica domanda che – in prospettiva del post-voto, quando se andasse male, si potrebbe un redde rationem, nel Pd – i renziani di prima, seconda e pure di terza fascia si fanno. Il day after la bufera degli ‘impresentabili’, compreso De Luca, nella black list della commissione bicamerale Antimafia, tra i renziani la rabbia contro Rosy la pasionaria non solo non è sbollita, ma (se possibile) è aumentata.

Peraltro, la Bindi non può essere sostituita neppure volendolo fare: per i presidenti di Bicamerali non c’è fturn over di metà legislatura come per gli altri, sono inamovibili, a meno di sue dimissioni. Il sentiment anti-Rosy accomuna tutte le correnti del partito: dai franceschiniani, i più severi censori e avversari dai tempi del Ppi, ai Pop-dem e ai Giovani Turchi. Ieri sono scesi in campo pro-Rosy solo due tra gli ultimi ulivisti prodiani ancora attivi: gli onorevoli Corsini e Monaco. I due attaccano De Luca (“il Pd non doveva candidarlo”) e anche i membri dem dell’Antimafia (“fino a 24 ore prima dalla pubblicazione sono rimasti zitti, ora si stracciano le vesti, come mai?”), il cui capogruppo è, peraltro, il lombardo (e, peraltro, renzianissimo) Franco Mirabelli (e non Beppe Lumia, come scritto ieri: lo e’ stato nella scorsa llegislatura).

E pure nella minoranza si registrare crepe e distinguo. Dopo la difesa a testuggine della Bindi di Cuperlo e Bersani, oltre che dei ‘soliti’ Fassina, D’Attorre e del già fuoriuscito Civati, l’ex capogruppo Pd alla Camera e leader di Area Rifomista Roberto Speranza ha parlato non pro-Bindi ma pro-De Luca, il che ha suscitato l’immediato plauso e sollievo dei renziani che giudicano il solo Speranza un concorrente ‘leale’. “lo conosco bene De Luca – ha detto Speranza in una nota – e vedere il suo nome accostato all’Antimafia è in totale contraddizione con il suo impegno e la sua storia”.

Eppure mentre De Luca chiede la “mobilitazione straordinaria” dei campani per andare a votare, temendone l’astensionismo, la convinzione che, dal Nazareno, si cerca di trasmettere ai media è che il voto di oggi nelle sette regioni andrà bene e che “la vendetta contro Rosy ce la prenderemo nelle urne”. Renzi stesso ha invitato tutti i suoi a tenere i nervi saldi e a lavorare pancia a terra anche oggi per far votare per il Pd. Specie in Liguria e nel centro-nord, dove gli impresentabili rischiano di influenzare le scelte degli elettori molto più che in Campania e indebolire il Pd a vantaggio dell’astensione. Eventuali rese dei conti si faranno solo dopo le elezioni, soprattutto se non andranno come previsto (6 a 1 o 5 a 2). Ritorna la voce di una Boschi catapultata al partito nel ruolo di vicesegretario e di un Guerini che andrebbe a fare il capogruppo alla Camera. Soluzioni che saprebbero di estremi rimedi a mali estremi.

2) Rosy contro tutti, la Pasionaria in trincea. Il socialista Buemi denuncia: “ha consultato solo i grillini”. Socialisti polemici: “la Commissione Antimafia ha esorbitato dalle sue competenze”. 

Il senatore socialista Enrico Buemi

Il senatore socialista Enrico Buemie

“Le liste dei 4 mila comuni al voto non sono mai state vagliate. Reati gravi come l’omicidio sono stati esclusi come se non lo fossero, gravi, perché sono stati inclusi solo i cosiddetti ‘reati spia’, ma in
questi non sono stati inseriti l’abuso d’ufficio né il peculato. Le competenze della commissione sono state almeno esorbitate. Ritardi di Prefetti e Corti d’appello hanno fatto il resto”. La denuncia, fredda
e circostanziata, dei metodi (sbagliati) seguiti dalla commissione bicamerale Antimafia, la consegna, a QN; un suo membro, il senatore Enrico Buemi, socialista e garantista doc.

Cosi sono state composte, secondo Buemi e altri commissari, le“liste di proscrizione” del “novello Silla” (duce e ‘Cesare’ della Roma repubblicana che mandava in esilio i suoi oppositori), come il segretario di Buemi e leader del Psi, Riccardo Nencini, definisce il lavoro di Rosy Bindi, presidente dell’Antimafia che ha stilato la black list dei cd. 16 ‘impresentabili’ e, da ieri, novelli ‘proscritti’. Eppure, la Bindi sostiene che “nessuna iniziativa è stata presa in modo autonomo” (cioè solo da lei) e che “l’Ufficio di Presidenza, allargato ai capigruppo di tutti i partiti, ha condiviso tutte le procedure nelle diverse fasi del percorso di verifica, dando pieno mandato alla presidente (sempre lei, la Bindi, ndr.) di concludere il lavoro”.

Marco Di Lello (Psi), che dell’Antimafia è segretario, ribatte duro: “Dire le bugie è peccato, ricordo alla cattolica fervente Bindi”. Chi ha ragione? Silla-Bindi o Di Lello-Mario, che proprio Silla proscrisse? La domanda non è peregrina perché, nel Pd, da ieri, è scoppiato un’iradiddio dal titolo ‘Bindi contro Resto del Mondo’. Attaccano a testa bassa la Bindi Renziani di prima fascia come Carbone e renziani di complemento. Si va dal presidente del partito, Matteo Orfini al capogruppo dem al Senato, Luigi Zanda fino, in serata, alla nota congiunta dei massimi vertici del partito. Nota che, non potendo esprimere disgusto, mette agli atti la totale disapprovazione dei due vicesegretari nazionali Pd, Guerini e Serracchiani.

Del resto, Renzi è davvero furibondo. Tanto vale sintonizzarsi sulla sua lunghezza d’onda. Tra i pochi renziani che, pero’, avevano parlato prima che i buoi fossero scappati e la Bindi chiudesse le stalle, solo due: il vicepresidente della Camera, Roberto Giachetti, renziano di prima fascia, e Stefano Esposito, senatore e membro proprio dell’Antimafia (Giovani Turchi): parlano di “progetto politico dell’Antimafia” e di “infiltrati che lavorano contro il Pd”. Concludendo, di fatto, entrambi col laconico “è tempo di divorzio”.

A proposito di ‘infiltrati’ e ‘divorzi’ la Bindi viene difesa solo dalla minoranza. E, cioè, da Bersani come pure da Fassina e D’Attorre, i quali due, però, hanno già il piede fuori dal Pd e presto andranno con Civati. Pure la Bindi stessa,del resto, presto se andrà, si dice, dal Pd, ma resta il mistero sul suo lavoro.

La Bindi ha stilato la black list da sola o l’ha condivise con altri? ha condiviso o meno le sue decisioni?  Vediamo. L’Antimafia è composta da 49 membri (24 deputati e 25 senatori), ha due vicepresidenti – Claudio Fava (ex SeL, ora nel Misto) e Luigi  Gaetti (M5S) – e due segretari: Attaguile (Lega) e Di Lello. Il quale ha denunciato: “il lavoro della commissione è sfociato nell’arbitrio”. Si dice che la Bindi abbia operato di concerto ‘solo’ con Fava e i pentastellati, bypassando il resto dei commissari, dagli azzurri (il
capogruppo Ciro Falanga) all’Ncd, con il solo plauso dei Popolari e, ovviamente, di SeL (Peppe De Cristofaro), unico partito che, insieme ai Popolari per l’Italia (Tito Maggio) la difende a spada tratta. Presto, però, nel Pd, sul banco degli imputati potrebbe finire pure il capogruppo in Antimafia, Peppe Lumia: è accusato, dai renziani, di ‘omissione di soccorso’. A Renzi e a De Luca, naturalmente.

3) Boschi blinda De Luca: è eleggibile. Oggi i nomi degli ‘impresentabili’ bollinati dalla Bindi. 

Il ministro alle Riforme Maria Elena Boschi (Pd)

Il ministro alle Riforme Maria Elena Boschi (Pd)

Uno, il ‘caso’ De Luca. Che è “candidabile ed eleggibile” secondo quanto dice il ministro alle Riforme, Maria Elena Boschi, ieri volata a Napoli a fare le veci del premier Renzi, che sotto il Vesuvio non è più tornato, e per partecipare a un’iniziativa elettorale a sostegno del ‘suo’ candidato governatore. De Luca, appunto, che è, invece, “ineleggibile e invotabile” per lo sfidante, il governatore uscente Stefano Caldoro e tutte le altre opposizioni, causa spada di Damocle della legge Severino pendente sul capo. “Legge che” – assicura la Boschi, dopo le indiscrezioni uscite da palazzo Chigi (“Non cambio la Severino”, assicura Renzi) – “noi rispetteremo, come facciamo sempre”, anche se – specifica poi – “la sentenza della Cassazione (che ha rimesso la decisione al giudice ordinario e non più al Tar, ndr.) non cambia nulla” (sic).
Due, il ‘caso’ Bindi o, in teoria, il caso ‘impresentabili’, ma che, appunto, è già diventato il caso “Bindi contro Resto del Mondo”. Infatti, se l’ormai famosa black list di cui non si conoscono ancora i nomi (10? 12? 15?!), ma che sarebbero tutti concentrati nella sola Campania e nelle liste provinciali di Caserta, Napoli e Salerno, verrà resa nota oggi, dopo la riunione dell’ufficio di presidenza della commissione bicamerale Antimafia (presidente lei, la Bindi), le polemiche, dentro e fuori il Pd, infuriano contro lei, ‘la Rosy’.
Lo gnommero, come lo avrebbe definito Carlo Emilio Gadda, che attorciglia le budella del Nazareno, di palazzo Chigi e di un’intera classe politica (quella campana, soprattutto, ma anche nazionale), ha ben due facce: il caso De Luca e il caso Bindi-impresentabili. Per quanto riguarda De Luca, la questione è un vero ginepraio. Sintesi: se De Luca vince, il tribunale di Salerno che lo ha condannato in primo grado (abuso d’ufficio) fa partire la richiesta di sospensione (anche da semplice consigliere regionale!) in base all’art. 8 della legge Severino, poi la pratica passa a palazzo Chigi.

Nel frattempo, De Luca, che però non potrà più ricorrere al Tar, prende tempo per insediare la Giunta e nominare un suo vice (“Chi? Vogliamo il nome prima!” dicono Scotto di SeL e Civati), il governo prende tempo per decidere e i salmi finiscono in gloria. In attesa che la Consulta, non prima di ottobre 2015, si pronunzii.

Il caso Bindi, invece, in attesa della lista che verrà resa nota oggi, sta scatenando un iradiddio. Per Giarrusso (M5S) la lista “è una boiata pazzesca”, stile corazzata Potemkin, per Lupi “vergonosa”, per Gasparri (FI) “è una pagliacciata”. Nel Pd non parlano, ma sono egualmente furibondi, solo che ora iniziano a leccarsi i baffi: “La Bindi pensava di farci male, ma la brutta figura ora è solo la sua”. Solo il senatore Enrico Buemi (Psi) ha il coraggio di denunciare gli errori dell’Antimafia di cui fa parte (è vicepresidente), ma cui oggi non parteciperà ai lavori proprio per protestare con i metodi seguiti: reati gravi come l’omicidio esclusi, per non dire di abuso d’ufficio e peculato, i comuni non censiti, competenze esorbitate e dubbie, ritardi, omissioni, garantismo violato. Morale: un disastro.

4) Campania, sono almeno 12 gli impresentabili. Renzi: “siamo noi il partito della legalità'”. Domani la lista dell’Antimafia. Palazzo Chigi infuriato con la Bindi. 

L'ex capogruppo alla Camera di Sel, Gennaro Migliore (Pd) parla in aula.

L’ex capogruppo alla Camera di Sel, Gennaro Migliore (Pd) parla in aula.

Quanti sono gli ‘impresentabili’, in quali liste sono concentrati e in quante Regioni? A ieri, si sa solo che sono tutti in Campania. Vuol dire che i candidati delle altre 5 regioni al voto sono ‘impresantabil-esenti’. Insomma, oltre ai ‘Fantastici Quattro’ della Puglia, peraltro equamente ripartiti tra tutti gli schieramenti (uno di FI; due nella lista Schittulli-Fitto; uno nei Popolari per Emiliano, ma in quota Ncd-Ap, con Emiliano che già ha chiesto che si ritiri dalla gara), gli ‘impresentabili’, secondo i boatos raccolti in quell’Antimafia che ha operato lo screeming di concerto con Dda, prefetti e corti d’Appello (che hanno mandato dati in ritardo, specie in Campania) sono tutti concentrati solo lì, sotto il Vesuvio.

In quella terra di Campania, del resto, che, del tormentone ‘impresentabili’ (tra candidati e liste zeppe di suddetti), ha quasi fatto un punto d’onore, ma  al rovescio. Tanto che lo scrittore Roberto Saviano denuncia, inascoltato,vda settimane, che “nelle liste campane c’è Gomorra!”. In particolare, sarebbero concentrati in provincia di Caserta, gli impresentabili della segretissima black lista dell’Antimafia.

Si fanno i nomi di Tommaso Barbato, ex Udeur, ora con De Luca, che sarebbe indagato per voto di scambio; di Antonio Amente, ex sindaco di FI, ora nella lista “Campania in rete”, per De Luca; e di Enrico Maria Natale (“Campania in Rete”, sempre per De Luca). Di Natale, sempre Saviano ne citò e denuncio’ le vicende giudiziarie del padre, presunto prestanome del clan Schiavone, ma non risulta indagato. Rimane il mistero: quanti sono? Il numero varia a seconda di chi sa: “Di sicuro dodici, forse quindici, forse sedici…”, è la sconfortante risposta. Numeri e nomi ‘veri’ li custodisce, come in forziere svizzero (si fa per dire: la fuga di notizie sulla Puglia proprio da lì è uscita, grazie al grillino Francesco D’Uva, capogruppo dell’M5S in Antimafia) solo lei, Rosy Bindi.

E, nel Pd, sono assai furibondi proprio è solo con lei, la Bindi. “Il suo è un colpo basso, dato sotto la cintura e a gong scaduto dell’ultima ripresa …” sbotta un renziano doc e che ama la boxe. Del resto, pure la Bindi è furibonda. Ce l’ha con tutti: Pd, giornali, membri della sua commissione. Rimane che la black list degli ‘impresentabili’ l’Antimafia la pubblicherà solo venerdì mattina. E cioè l’ultimo giorno, quello di chiusura, della campagna elettorale.

Nell’attesa, non resta che registrare le polemiche di giornata. Il Pd, pubblicamente, si limita a dire “rispettiamo il lavoro della Bindi”, ma Renzi quasi si sgola nel dire “Il Pd è il partito della legalità!” e si capisce che, a palazzo Chigi, la mossa della Bindi l’hanno presa malissimo. Grillo urla dal suo blog l’hastag “#Bindi, fuori i nomi e subito!”. E SeL, con Arturo Scotto, dice che in Campania gli impresentabili potrebbero fare “la differenza tra vittoria e sconfitta”. Appunto.

NB. Questi quattro articoli sono stati pubblicati su Quotidiano Nazionale (http://www.quotidiano.net) nei giorni 28, 29, 30 e 31 maggio 2015, nelle pagine di Politica.