Renzi teme soltanto Prodi. “Pisapia si sfila? Contro D’Alema si vince facile…”

d'alema 2

L’ex premier e leader dei Ds Massimo D’Alema

Ettore Maria Colombo  – ROMA

IERI Matteo Renzi ha passato l’ennesima giornata di promozione ossessiva del suo libro, Avanti. Il volume ha tra le sue caratteristiche quella che, ogni giorno, fa arrabbiare qualcuno: ieri, dopo Enrico Letta, è stata la volta della ex minoranza Pd, ora confluita in Mdp, che Renzi lo odia di suo.
Di mattina presto ad Agorà (Rai3) e a metà pomeriggio a La vita in diretta (Rai1), Renzi enuncia sempre gli stessi messaggi, pur dosandoli a seconda del pubblico, ora più acculturato, ora più popolare. «È stato sacrosanto sostituire Letta, il suo governo era fermo, aveva solo aumentato l’Iva» si alterna a «lo sconto fiscale alle famiglie con figli è la priorità»; «l’uscita di D’Alema non mi è dispiaciuta» fa il paio con «i politici che si preoccupano dei posti in Parlamento, io dei posti di lavoro»; «i migranti sono un tema per i prossimi 20 anni» si sposa a «più lavoro, meno tasse».
Dal profluvio di parole si salva solo un messaggio politicamente forte: «Si vota a primavera 2018 e io da qui ad allora voglio tornare in mezzo alla gente, l’importante è non chiudersi dentro il Palazzo».

Insomma, Renzi non vuole ‘pensionare’ in via anticipata il governo Gentiloni. E anche se c’è chi, tra i suoi, è convinto che tenterà l’ultima forzatura sullo ius soli, imponendo al governo la fiducia per farsela, con piglio da Mefistofele, bocciare dal Senato (i centristi sono contrari, Svp pure) e obbligare così il Parlamento a correre a elezioni anticipate a ottobre, Renzi si sta posizionando per una campagna elettorale assai lunga.
NON a caso, dopo la scelta di riprendersi Marco Agnoletti come portavoce ad personam e quella di mettere Matteo Richetti a coordinare la (claudicante) comunicazione del Pd, ecco arrivare l’accordo di collaborazione con l’agenzia Proforma (fecero le fortune di Emiliano e Vendola) per rivederne, da cima a fondo, l’immagine.
Ieri, però, tra un attacco e l’altro (quello di monsignor Galantino sui migranti, mitigato dalla rettifica del segretario di Stato Parolin, quelli consueti della minoranza e delle opposizioni, sul libro e non solo) è arrivata pure qualche buona notizia per il leader del Pd.
Il tentennamento di Pisapia, che annuncia che non si candiderà alle elezioni, fa fregare le mani di gioia a Renzi: «Senza Pisapia non solo in Parlamento, ma anche tenere le redini della fusione fredda di partiti e movimenti troppo diversi tra loro – ragionano al Nazareno – sarà un problema per loro: sono destinati a spaccarsi e a subire l’iniziativa preponderante di D’Alema. Così il tormentone primarie come il premio alla coalizione nella legge elettorale è già finito…».

Quello che invece Renzi teme, e molto, è la tela di Prodi, che sta cercando di tenere insieme tutti i suoi nemici interni (Orlando, ma anche Franceschini) ed esterni (Pisapia e Bersani, non D’Alema) per «costringermi», si lamenta il leader dem, a costruire il «nuovo Ulivo». Ieri, il ministro Orlando ha smentito ogni tentazione di nuova scissione dal Pd, ma altri deputati e senatori (Manconi, Tocci) potrebbero andarsene presto e l’asse Orlando-Franceschini riproporsi a tenaglia.
Sarà il possibile doppio appuntamento, a novembre, delle elezioni regionali in Sicilia e forse in Lombardia, a spingere i vari attori e comprimari del Pd e dell’Ulivo a fare scelte definitive. Sarà quello il momento in cui gli «ulivisti» proveranno davvero a disarcionarlo, Renzi. Sempre che abbiano un leader unico e nuovo a rappresentarli perché, come dicono i renziani, «contro D’Alema si vince facile».

NB: Questo articolo è stato pubblicato il 14 luglio 2017 a pagina 7 del Quotidiano Nazionale

Annunci

I big assediano Renzi. Il corpaccione dem in fuga dai territori. Il gelo di governatori e sindaci

Renzi

Il premier e segretario del Pd Matteo Renzi parla davanti l’Assemblea del Pd

Ettore Maria Colombo – Roma

  1. Renzi in crisi perde truppe e ufficiali. Il corpaccione dem in fuga dai territori. 

Cosa succede nel Pd? Gli attacchi di quasi tutti i padri fondatori dell’Ulivo e del Pd (Prodi, Veltroni) e dei big (Franceschini, Orlando) alla leadership di Renzi sono il segnale di movimenti profondi. Mirano a impedire che sia Renzi (per Statuto segretario e candidato premier) il nome ‘naturale’ per la carica di presidente del Consiglio. Ma è possibile che possa partire, dentro il Pd, uno ‘sganciamento’ di massa dal leader fino a provocarne la caduta, magari in inverno? La scusa è pronta – per unire il centrosinistra servono nomi e volti più ecumenici e unitari (Pisapia, per dire) – e il metodo pure: chiedere, se non obbligare, Renzi a nuove primarie – anche se quelle di partito le ha vinte con due milioni di voti – stavolta di coalizione. Come dice Franceschini, il principale ‘indiziato’ dello sganciamento. Al ministro Lotti che ripete come Renzi «sia stato scelto da due milioni di persone, fine della discussione», il ministro dei Beni culturali replica: «La discussione (interna, ndr) è appena iniziata».

Eppure Renzi controlla in modo ferreo i due organi principali che determinano le scelte e gli assetti interni del Pd, Assemblea nazionale e Direzione. Dentro l’Assemblea nazionale (che può anche sfiduciarlo) i numeri consegnano a Renzi una maggioranza blindata. Su mille componenti, 700 delegati sono stati eletti nella sua mozione congressuale contro i 212 di Orlando e gli 88 di Emiliano. E, all’interno della maggioranza che ha sostenuto Renzi, 420/430 sono renziani puri, 85/95 franceschiniani, 60/62 dell’area Martina e 55 di Orfini.
Anche in Direzione nazionale i numeri sorridono al segretario: su 120 membri eletti, 84 sono quelli di maggioranza, 24 gli orlandiani, 12 gli ‘emiliani’. Anche se i venti franceschiniani si schierassero contro Renzi insieme alle minoranze, i 64 renziani ortodossi avrebbero la meglio. Insomma, negli organi che gestiscono il partito, Renzi non rischia nulla. Metterlo in minoranza, a meno di rivolgimenti oggi impensabili, non è possibile.

Diversa la questione se si guarda ai territori, alle federazioni regionali e soprattutto agli amministratori locali. Qui il quadro è magmatico, in perenne evoluzione e a rischio per la leadership renziana che perde colpi quasi ovunque.
Prendiamo i governatori. Quello del Lazio, Nicola Zingaretti, picchia come un fabbro: «Il Pd è isolato, fragile e non sa unire». Renzi gli ha offerto un seggio al Senato, ma Zingaretti appoggia Orlando e la sua «lobby» pro-Pisapia. Il governatore dell’Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini (ex bersaniano, poi renziano) si è fatto ipercritico: «Alle amministrative abbiamo preso una sberla per troppa autosufficienza e arroganza. Ora voglio dare una mano». Una presenza ingombrante. Come quella di De Luca (Campania) che pensa solo a sé. I governatori dell’Abruzzo (D’Alfonso) e della Calabria (Oliviero) non sono renziani e lo danno a vedere. Il governatore pugliese, Emiliano, si è battuto contro Renzi al congresso, e tiene stretta la Puglia.

Dove il Pd non governa è diventato quasi evanescente: in Sicilia non riesce a trovare un candidato per le regionali di novembre dopo la rinuncia del presidente del Senato Grasso; in Lombardia i sindaci dem di tutti i capoluoghi dicono sì al referendum sull’autonomia promosso dal leghista Maroni; in Veneto, dove non governa, come in Friuli il Pd è ridotto ai minimi termini, in Basilicata non si celebra il congresso regionale dal 2015.
In Emilia-Romagna il sindaco di Castenaso si fa fotografare euforico accanto a quello di Budrio, che ha strappato la città al Pd, e nel partito scoppiano polemiche infinite. Per non dire dei due sindaci di Bologna (Merola) e Milano (Sala) che sono anti-renziani a livello epidermico: proprio non lo sopportano.

Infine, c’è la questione scissione e abbandoni, più o meno silenziosi, dal partito. Il grosso dei quadri va verso Mdp. Solo negli ultimi giorni hanno lasciato il Pd 104 tra sindaci, assessori, consiglieri comunali e quadri della provincia di Lecce, 300 giovani dem a Reggio Calabria, il segretario cittadino di Modena, Filippo Calcagno, il consigliere regionale lombardo Onorio Rosati, l’assessore regionale abruzzese Marinella Scrocco. Al responsabile organizzazione di Mdp, Danilo Leva, brillano gli occhi.
Verso Campo progressista di Pisapia, invece, guardano con sempre più interesse sindaci ed esperienze civiche un tempo del Pd o vicine: il candidato sindaco di Frosinone, il sindaco di Latina che ha battuto la destra dopo cento anni, amministratori locali sardi e di altre regioni. Il primo luglio saranno in piazza con Pisapia, piazza dove ci sarà anche Antonio Bassolino, ormai in rotta con Renzi («Non è più lui»). Loro il centrosinistra ‘de-renzizzato’ hanno già iniziato a costruirlo. Nel Pd, invece, i ‘pezzi da novanta’ hanno appena iniziato a posizionarsi e a muovere le pedine.

NB: Questo articolo è stato pubblicato a pagina 7 del Quotidiano Nazionale il 29 giugno 2017


Dario Franceschini

Il ministro ai Beni culturali Dario Franceschini

2. Pd, i padri nobili (da Prodi a Veltroni) rottamano Renzi. Franceschini: Matteo cambi passo

VELTRONI, fondatore del Pd. Prodi, fondatore dell’Ulivo. Franceschini, cofondatore del Pd. Orlando, leader della minoranza interna. Cuperlo, ex presidente del Pd. Zingaretti, governatore del Lazio. L’attacco a Matteo Renzi e alla sua leadership è ritmato, asfissiante, martellante. In teoria, il motivo è il risultato (pessimo) del Pd alle amministrative ma il vero obiettivo è un altro: impedire a Renzi di diventare il prossimo candidato premier del centrosinistra (come è, avendo vinto le primarie, per Statuto) e poi di non farlo tornare mai più al governo.
Renzi e i suoi provano a metterci una pezza per tutto il giorno, ma ormai la ‘caccia’ è iniziata. Inizia, sui giornali, Veltroni. Per il fondatore del Pd, il partito «non ha più un’identità, sembra la Margherita. Renzi deve cambiare passo, basta con l’autosufficienza».
Ma l’affondo più pesante è quello del fondatore dell’Ulivo, Romano Prodi, che aveva detto di «vivere in una tenda accanto al Pd» e che, ieri, a freddo, fa sapere che «la ripone nello zaino perché Renzi mi invita a spostarla più lontano. La mia tenda è leggera, la sposterò senza difficoltà, intanto l’ho messa nello zaino». La reazione di Prodi, spiegherà poi, è dovuta all’intervista di Renzi a Qn, che però non lo tirava in ballo personalmente ma parlava, in generale, delle coalizioni di centrosinistra.

I POMPIERI renziani entrano in azione: Richetti, Guerini e Martina assicurano che «nessuno attacca Prodi o lo invita ad andarsene» ma il danno è fatto e la polemica divampa. I renziani, però, entrano in crisi quando a parlare, sia pure in modo stringato, è il ministro alla Cultura Franceschini, noto per essere sempre stato un alleato sempre assai ‘freddo’ di Renzi.
Impietoso, Franceschini twitta il grafico del crollo dei voti al Pd in alcune importanti città (Genova, Parma, L’Aquila, Verona), con una frase che suona canzonatoria («Bastano questi numeri per capire che qualcosa non ha funzionato?») e un’altra che suona come un epifaffio: «Il Pd è nato per unire il campo del centrosinistra non per dividerlo». Sottotesto: è Renzi che divide il campo, non altri.
A questo punto parte la contraerera e gli animi si scaldano. Lorenzo Guerini, coordinatore della segreteria, di solito felpato e diplomatico, sibila in Transatlantico: «Franceschini dovrebbe mantenere la calma perché bisogna evitare esasperazioni che non servono». Il pasdaran renziano Ernesto Carbone ci va giù pesante: «Franceschini come sempre fiuta il vento. Speriamo per lui che il suo naso sia quello di una volta», twitta. Il senatore Marcucci quasi implora («basta sparare sul quartier generale») e Rosato è costretto a ribadire che la «leadership di Renzi non è in discussione». Ed è questo il punto. «Hanno aperto la caccia e Matteo è il bersaglio grosso. Vogliono impedire che sia lui il candidato premier del Pd alle prossime elezioni», scuotono la testa i fedelissimi.
Registrate le critiche di un (ex?) fedelissimo come il governatore emiliano Bonaccini («quando ti senti autosufficienti sfiori l’arroganza»), la fuga di centinaia di militanti passati armi e bagagli con Mdp a Lecce, pesano anche le parole che arrivano dalla minoranza interna, dure come lame affilate. Per Zingaretti, governatore del Lazio, «il Pd è isolato e fragile». Il ministro Orlando, a un’iniziativa di corrente, attacca duro Guerini («usi un linguaggio da bar»), ribadisce che sarà da Pisapia, che la sua area diventerà «una lobby per il centrosinistra» e mette in chiaro l’obiettivo finale dei nemici di Renzi: «Non può essere lui il candidato premier del centrosinistra».

RENZI prova a precisare meglio le sue intenzioni: «I discorsi sulle coalizioni sono artificiali, bisogna confrontarsi sui contenuti». E ancora: «I nostri militanti non meritano tutte queste polemiche interne». E nella Enews dice basta a una china che giudica pericolosa: «Chiedo una moratoria sulle coalizioni. Ho vinto le primarie. Non ci sto a tornare al passato, al tempo delle correnti e dei caminetti, del tutti contro tutti». Il timore principale di Renzi è di ritrovarsi con un centrosinistra che rassomigli a un’«Unione bis». Ma è proprio quello che sta accadendo.

NB: questo articolo è stato pubblicato il 28 giugno 2017 a pag. 4 del Quotidiano Nazionale

Mdp lancia in resta contro il Pd. Speranza è il nuovo leader, ma i malumori interni già affiorano

Bersani

L’ex segretario del Pd, Pier Luigi Bersani

Ettore Maria Colombo – ROMA

1. La sfida degli ex: “Siamo qui per vincere”. Speranza incoronato leader. 

Da un lato, l’attacco, stile fabbri in fonderia, al Pd, non solo a quello di Renzi che “farà l’alleanza con Berlusconi”, ma a tutto il Pd, compreso Orlando (solo Emiliano, per carità di ex patria, non viene mai citato: doveva andare con loro, poi si sfilò). Dall’altro l’avvertimento, netto, duro, al governo Gentiloni: “Non siamo disponibili a sostenere misure che aumentino le diseguaglianze”. E ancora: “Il governo arriverà al 2018, ma ci ascolti” (altrimenti?). Parole che suscitano gli entusiasmi dei pasdaran renziani, i quali fanno segreti voti al Cielo che siano proprio i loro ex compagni di partito a creare “l’incidente” e a provocare, in Parlamento, la caduta del governo amico per avere finalmente la scusa di poter correre al voto anticipato. Mdp inizia il suo cammino, lo fa da Napoli, con la prima assemblea nazionale dei comitati promotori del movimento che, a livello organizzativo, è un successo (2200 persone). In platea, prima fila, siedono Bersani, D’Alema e Rossi, che pare depresso (continua a sentirsi messo un po’ in disparte). Speranza li ringrazia tutti per la “loro generosità”, ma la distanza tra ‘Pier Luigi’ e ‘Massimo’, è tornata siderale e si conta sul numero delle tante, troppe, sedie che li separano.

Sul palco introduce sempre lui, Speranza, e mette in chiaro: “Siamo qui per vincere e di certo non solo per partecipare”. Che Speranza non voglia solo partecipare è chiaro a tutti, non solo a lui. “E adesso la parola al nostro leader nazionale! Robertooo Speranza!”. La non più giovane annunciatrice dell’evento – la deputata Luisa Bossa – si lascia, forse, tradire dall’emozione, ma tant’è. La consacrazione del pupillo di Bersani è roboante e plastica. Certo, dentro Mdp, nessuno ha ancora eletto nessuno e tutte le cariche sono ‘provvisorie’ (il congresso, quello fondativo, se mai si farà, si farà in autunno), ma Bersani e bersaniani (il nucleo storico: Stumpo, Zoggia, Leva, più l’ideologo Gotor) hanno già vinto il primo round. Sono loro, ad oggi, il nucleo forte del ‘partito’ appena nato. Gli ex Sel vorrebbero, invece, non “un partitino”, come mette in guardia Ciccio Ferrara, ma un ‘movimento’ largo, non una ‘Cosina Rossa’, aperto e dialogante oggi con Pisapia e, domani, con il Pd, chiunque lo guidi, ma i bersaniani – avvinti nella spirale da delenda Carthago – dicono di voler “far male al Pd e in tutti i modi possibili”.

Speranza, non a caso, fa un discorso tutto all’attacco, contro i democrat, parole di chi i ponti vuole farli saltare, non certo costruirli. E poco importa che l’ex vendoliano Arturo Scotto – altro potenziale leader di Mdp che al neonato partito ha portato in dote 31 deputati su 40 e neppure è diventato capogruppo, carica diventata appannaggio dell’ex bersaniano Francesco Laforgia, che comanda su 40 deputati mentre  i senatori sono 15 e li guida Cecilia Guerra – dica “non chiamateci scissionisti, ma ricostruttori”. “Il Pd è diventato Pdr, partito personale e pigliatutto – scandisce Speranza – presto andrà con Berlusconi: noi diciamo no!”.

Oltre al saluto, rituale ma affettuoso, del sindaco di Napoli, Luigi De Magistris – che in Campania ha la sua rete ‘Dema’ ma a livello nazionale guarda più a Sel e Civati che a Mdp, però ieri è venuto, è stato mezz’ora, poi è andato via, giusto il tempo per farsi guardare in cagnesco da un D’Alema che non lo hai mai amato – la mano tesa di Speranza è per Pisapia. “Questa casa è anche la tua, le nostre strade s’incontreranno presto”, dice Speranza, anche se Pisapia ha preferito tenersi alla larga da Napoli, limitandosi a un – assai tiepido – messaggio di saluto e buon lavoro. Molto dipenderà dalla legge elettorale con cui si vota. Speranza tuona contro “un Parlamento di servi e nominati”, ma dentro Mdp già fanno di conto: “Lo sbarramento all’8% al Senato è inarrivabile, passeremo solo alla Camera, dove è al 3%, i capolista bloccati servono pure a noi, poche storie, altrimenti sarà una guerra all’ultimo sangue e i bersaniani, che sono gli unici davvero organizzati, e che ci stritolano”, dicono gli ex Sel. Meglio non fidarsi troppo, tra compagni.


2. Legge elettorale, governo e forma partito. Gli scissionisti già ai ferri corti. 

Si aspettano mille persone, ne arriveranno almeno 1500, i posti a sedere saranno strapieni, le belle e rosse bandiere sventoleranno. Si tiene oggi, a Napoli, la prima manifestazione nazionale di “Articolo Uno Movimento democratico e progressista” (Mdp, in sigla) e, se il nome è lungo come una Quaresima, sarà una festa. I sondaggi sono discreti, confortevoli: il 4,3% di media non è il 10% cui puntavano, ma è sopra la soglia di sbarramento alla Camera (al Senato è un’altra storia, lì sarà dura). La gente dei mitici ‘territori’ risponde: “molti – assicura il bersaniano Nico Stumpo – aspettano solo la fine del congresso del Pd e la scontata vittoria di Renzi, poi ci sarà il bing bang finale”. In attesa del mitico bing bang, i gruppi parlamentari sono robusti (40 deputati e 15 senatori, più tre europarlamentari), le sezioni ancora non ci sono (“Vedetevi nelle case” ha detto Speranza, come un apostolo di Gesù ai primi cristiani), ma presto arriveranno anche quelle. Poi arriveranno manifestazioni che sono un must per ogni partito di sinistra che si rispetti (il 25 aprile, il Primo maggio, sul 25 ottobre, data della rivoluzione bolscevica di  cui quest’anno ricorre, peraltro, il 70 esimo anniversario, forse si aprirà  un bel dibattito) e, a fine anno, dovrebbe arrivare pure il primo congresso.

Articolo 1 risente, tuttavia, a neppure un mese dalla nascita, di un difetto primigenio: la fusione a freddo di identità assai diverse. Un ex berlingueriano ‘socialista’, il governatore toscano Enrico Rossi, neanche arriva e già si lamenta del cono d’ombra in cui è finito. Un ex comunista come Massimo D’Alema si tiene volutamente in disparte perché è intelligente e dunque sa di essere ingombrante, ma non manca di dire la sua come ieri: “Non ho rimpianti ad aver lasciato il Pd, l’unico trauma della mia vita è stata la fine del Pci”. Un post-diessino emiliano come Pierluigi Bersani scopre, invece, la sua seconda giovinezza: interviste, comizi, discorsi in Aula. Giovani di belle speranze (l’ex capogruppo di Sel Scotto e l’ex capogruppo Pd Speranza), ma capaci, davvero dettano la linea, che però è già diventata una e bina: “Mai con il Pd di Renzi”, ‘ma però’ “sì a Gentiloni”. Poi spuntano personaggi fino a ieri laterali come Ciccio Ferrara (ex Pci, ex Prc, ex Sel): dice che non bisogna fare “un partitino” ma “un movimento largo” e poi allearsi con il Campo di Pisapia che, però, guarda a Renzi, e i bersaniani lo vedono di malocchio. Nel frattempo, pure se non c’è Pisapia, di certo arriva la Boldrini.

Il guaio è che Mdp nasce dalle ceneri di due scissioni. La prima, quella dei bersaniani dal Pd, si è forgiata, seppur da poco, nel ferro e nel fuoco, come in un romanzo di Jack London. L’eco delle polemiche di Gotor contro i renziani ancora echeggiano, al Senato, e gli stracci tra bersaniani e renziani ancora volano, alla Camera. Forse è per questo che i bersaniani (Stumpo, Leva, Zoggia, etc) “stanno sempre tra loro, è una setta”, li accusano gli ex vendoliani. La seconda scissione, quella degli ex Sel da Sel – dalle cui ceneri è sorta Sinistra italiana di Fratoianni, oggi in tandem con Civati – è stata invece una separazione consensuale, un gentlmen agreement che ha causato sì qualche dissapore e malumore ma insomma, è stata una cosa civile: gli ex vendoliani ancora si salutano, tra di loro, alla Camera, mentre gli ex democrat non prenderebbero, coi renziani, manco un caffé. Alquanto stucchevole, anche, dentro Mdp, la superfetazione delle cariche: Speranza viene detto ‘leader’ di un Movimento di cui Rossi è presidente, Scotto ‘vice-leader’, poi ci sono i due capigruppo Laforgia (Camera) e Guerra (Senato).

E se proprio Speranza dice “il Mattarellum è un bluff del Pd”, solo due giorni fa Bersani assicurava: “Pronti a votare il Mattarellum”. Ma proprio Bersani, quando ha aperto all’alleanza con i Cinque Stelle, è stato sommerso di critiche un po’ da tutti, Mdp compresa. Certo, mai quanto D’Attorre, che ha ripudiato il Mattarellum e, apriti cielo, assemblea di gruppo subito convocata, sconfessione. Ora c’è il decreto Minniti da votare e la manovrina da varare: gli ex-Pd sono ai ferri corti con gli ex di Sel, il rischio è che li votino in modo separato, si spera di ‘fare sintesi’, ma insomma: che fatica.

NB: Gli articoli sono stati pubblicati il I e il 2 aprile su Quotidiano Nazionale 

L’intervista. Primarie Pd. Parla Andrea Orlando: “Se corro per arrivare terzo? No, corro per vincere”.

L’INTERVISTA. PARLA ORLANDO: IL MINISTRO DEM CHE CORRE VERSO LE PRIMARIE
Consiglio dei ministri sulla legge di Bilancio

Il ministro della Giustizia Andrea Orlando a margine del Consiglio dei ministri

Ettore Maria Colombo – ROMA
ORLANDO, ma lei corre per partecipare e arrivare terzo? «No, mi dispiace, corro per vincere». Il ministro alla Giustizia, Andrea Orlando, ci riceve nel suo studio di via Arenula: dopo un lungo e austero corridoio, dove si vedono i ritratti di tutti gli ex Guardasigilli, si entra in un ufficio grande come una piazza d’armi dove ci sono ben tre scrivanie. Una era di Palmiro Togliatti: tenuta come una reliquia, non ci si siede nessuno, manco il ministro. Parla il ‘compagno’ Andrea, ex Pci-Pds-Ds: corre per diventare segretario del Pd, sembra Davide contro Golia e neppure si sa, ormai, se Golia è più Renzi o più Emiliano.
Ministro, con questo bell’ufficio, un bell’incarico, c’è pure la scrivania di Togliatti…
Ma chi glielo ha fatto fare di candidarsi per fare il segretario?
«Ho visto a rischio il mio partito e il progetto politico su cui ho investito le mie energie per dieci anni e su cui hanno investito le loro speranze migliaia di iscritti ed elettori».
I renziani più maligni già ridono: arriva terzo, farà la fine di Cuperlo…
«Cuperlo ha fatto una battaglia importante per tutto il Pd e oggi è un punto di riferimento. Quando si comincia una battaglia non ci si chiede come finirà, ma se è giusto o no farla. È giusto, credo di avere ragione, credo di vincere».
Parliamo degli avversari. Emiliano non sta esagerando nei toni polemici? E un ex pm, sia pure in aspettativa, può fare il segretario dem?
«Su quest’ultima valutazione mi astengo per più ragioni. Sul piano politico, Emiliano compie un errore. Io mi sono candidato perché temo che il congresso non sia la risposta giusta per le domande venute fuori dalla sconfitta al referendum, ma non credo sia giusto chiamare ai gazebo tutti quelli che ce l’hanno con Renzi: forse si raggranellano un po’ di voti, ma non c’è alcun progetto politico dietro».
E Renzi come pensa di batterlo? La macchina del partito, compresi gli ex Ds, è con lui.
«Rivolgendomi ai militanti, agli iscritti e agli elettori del Pd e chiedendo loro non un voto contro Renzi, ma per un’altra proposta politica che consenta di rimettere al centro il tema dell’eguaglianza sociale e di costruire un partito da vivere meglio e dove possano convivere idee diverse. Dove si possa tornare anche un po’ a divertirsi, nel fare politica».
In quale stato versa oggi il Pd? Comatoso?
«Il mio principale rammarico non sono le sconfitte subite, ma che a ogni sconfitta non sia mai seguita una riflessione. Se non dai una lettura alle sconfitte rischiano di ripetersi».
Perché dice che, se vince, non sarà segretario e, insieme, candidato premier?
«Il segretario di partito, in un quadro di legge elettorale pienamente proporzionale verso cui ci ha sospinto purtroppo la sconfitta referendaria, diventa l’elemento di raccordo tra una forza politica e l’azione di governo. Questo rende, oggi, difficilmente sovrapponibili le due figure, al di là di quanto scriveremo nel nostro Statuto. Al Pd serve qualcuno che vi si dedichi, e a tempo pieno».
Ecco, la legge elettorale. Come sarà, se mai sarà?
«Io credo che si debba mantenere, per quanto possibile, un premio per la governabilità, ma pare che la cosa non sia più così scontata. Di certo, non si tornerà più al sistema elettorale iper-maggioritario del passato».
Fino a quando può e deve durare il governo Gentiloni?
«Fino a quando non sarà pienamente efficace e operativa la legge di contrasto alla povertà. Ci sono molte cose che si possono fare, nei prossimi mesi, ma la più importante è dare un segnale in direzione della lotta alle diseguaglianze».
Lei ha parlato di lanciare una Bad Godesberg, per il Pd, ma la Spd lì svoltò a destra…
«Con Bad Godesberg intendo dire creare un’occasione di riposizionamento strategico del Pd. Avrei potuto dire Epinay… Il punto è avere un momento in cui si discute di quale futuro e destino deve avere il Pd. Avevo chiesto a Renzi di convocare la conferenza programmatica. Se avesse accettato, oggi, forse, non faremmo un congresso che ci renderà più difficile parlare al Paese».
La accusano di voler ricostruire il Pci-Pds-Ds…
«Io non voglio fare la sinistra del Pd, ma ‘il’ Pd. Mi rivolgo a tutte le sue aree, a culture politiche tra loro assai diverse che hanno costruito la loro casa comune e che, oggi, sono l’unico argine alle destre, sempre più pericolose».
Mettiamo che, per la sorte, lei diventa segretario: quale la prima mossa?
«Un patto con gli altri candidati per aprire una fase nuova nella vita del Pd, concentrando tutte le nostre energie nella lotta alle diseguaglianze, riportando le nostre idee tra la gente, nelle scuole, nei luoghi di lavoro».
Per D’Alema ‘Orlando non ha avuto il coraggio di seguirci, d’altronde so’ ragazzi…’.
«Non è questione di coraggio. Non faccio una cosa di cui non sono convinto, tantomeno le scissioni. Peraltro, D’Alema sa meglio di me come di solito vanno a finire. La sigla Dp mi fa tornare giovane. Io sono per il dialogo, purtroppo le scissioni quasi mai realizzano i loro scopi».
NB: L’intervista è stata pubblicata a pagina 8 del Quotidiano Nazionale il I marzo 2017

Emiliano fa l’ultima giravolta «Resto nel partito e sfido Renzi». Orlando pronto a rompere gli indugi. Matteo, intanto, è volato in California…

>>>ANSA/SCATTA IL REGOLAMENTO DI CONTI NEL PD, MINORANZA ALL'ATTACCO

Renzi e Orfini parlano alla Direzione del Pd

Ettore Maria Colombo
ROMA
IL CONGRESSO del Pd sta per aprirsi e chiudersi in un arco di tempo assai ristretto. Fonti renziane altolocate fissano al 9 aprile, la prima domenica del mese, la celebrazione delle primarie aperte: «Non un giorno oltre, così la finestra elettorale di giugno resta aperta», sibilano. Renzi avrà un contendente certo, il governatore pugliese Michele Emiliano, forte al Sud, debole al Nord, e uno incerto, il ministro alla Giustizia Andrea Orlando, forte nel Nord Ovest e – se lo appoggeranno Zingaretti e Marini – al Centro del Paese.
Orlando ha un’agenda fitta: al mattino presenta il suo nuovo blog Lo Stato presente («Non una rivista – spiega – perché non ho soldi per creare think-thank né Fondazioni», stoccata a D’Alema…). La sala è stracolma di parlamentari, anime perse della sinistra dem (ex Giovani Turchi, bersaniani, cuperliani, persino i veltroniani). Poi va in Direzione, non parla, ma presto scioglierà la ‘riserva’. Ieri sera, poi, ha riunito la sua area con Cuperlo e Martina. Insomma, dicono i suoi e i renziani, Orlando (ieri sera in tv da Vespa) si candiderà a segretario e dalla televisione si capisce che il ‘grande passo’ è assai vicino, cosa di giorni. L’idea è quella di una convention ‘aperta’, senza dare un nome alla sua neo-corrente neonata nel Pd, ma radicando la nuova area politica – composta, per ora, da 45 Giovani Turchi, 15 cuperliani e 20 vicini a Damiano – nei territori. Sarà, quindi, una sfida a tre, come quella che, nel 2013, vide Renzi trionfare (67%) su Cuperlo (18%) e Civati (15%).
Naturalmente, trattandosi di Pd, il colpo di scena è arrivato pure ieri con la candidatura – prima negata, poi sospesa – di Emiliano. Il quale, preceduto da un intervento in Direzione del suo comandante in seconda, Francesco Boccia (l’altro è Dario Ginefra: ambedue pugliesi, hanno sposato ambedue due parlamentari dell’ex Pdl-FI, Di Girolamo e Ravetto, una bionda e una mora, unica differenza, il primo era lettiano, l’altro era dalemiano), arriva a sorpresa al Nazareno e interviene, lasciando tutti a bocca aperta. I renziani per la gioia e i bersaniani per l’ira funesta. Emiliano dice che «le regole del gioco sono truccate, Renzi ci gode per la scissione, non offre garanzie sulla durata della legislatura, Rossi e Speranza sono stati offesi con toni arroganti». La conclusione logica doveva essere ‘quindi mi scindo pure io’ e, invece, è stata «mi candido alla segreteria» perché «non si può tradire la speranza di un popolo», «chi non lotta ha già perso» e «dal Pd non mi caccia nessuno». Poi, in tv, dagli studi di Porta a Porta, rilancia: «Posso vincere le primarie». E allontana le accuse: «Io ho tradito? Non faccio parte della corrente di Bersani. Sono un militante single, la mia forza è di non far parte di queste conventicole».
L’EX SEGRETARIO, volato negli Usa per visitare luoghi di eccellenza in California (terrà un diario di viaggio sul suo sito, ma appena torna annuncia che andrà in tv e che ripartirà il ‘Matteo risponde’) si gode lo spettacolo. Nella ENews ribadisce che «gli addii addolorano, ma è tempo di rimettersi in cammino. Ora parliamo dell’Italia, il congresso è stato convocato nei tempi previsti, vinca il migliore». In realtà, Renzi si sta divertendo un mondo: la scissione è «solo di Palazzo», dice ai suoi, «Michele li ha fregati tutti, ora che cosa diranno alla nostra gente? Il Pd è contendibile, tanto che lui si candida!».
A sprizzare gioia da tutti i pori sono anche i renziani: rifiutano sdegnati l’accusa di Bersani&co. di aver ‘provocato’ loro la rottura di Emiliano, ma fanno i calcoli della scissione: «Vedrete, alla fine gli ex-Sel saranno persino di più degli ex-dem». E così la Direzione – mentre fuori dal Nazareno c’è il finimondo – fila via come l’olio. Al netto di alcune schermaglie procedurali tra Boccia e Giachetti sui membri della commissione per il congresso: sono entrati rappresentanti di tutte le correnti (Franceschini, Orlando, Martina, Fioroni, Veltroni, etc), ma il presidente sarà il vicesegretario Lorenzo Guerini, una garanzia per Renzi. Cuperlo fa un ultimo appello: chiede le primarie finali a luglio, ma nessuno gli dà retta. Orfini apre i lavori, li chiude, si vota (1 contrario, 8 astenuti), poi si va tutti a casa.
NB: Questo articolo è stato pubblicato il 22 febbraio 2017 a pagina 10 del Quotidiano Nazionale 

Orlando in campo: lancia la sua sfida. Renzi: la base non seguirà la scissione

Consiglio dei ministri sulla legge di Bilancio
NB: Questa mattina, alla Camera dei Deputati, il ministro alla Giustizia, Andrea Orlando, ha presentato il suo blog di riflessione politica, ‘Lo stato presente’, alla presenza di un folto gruppo di deputati e senatori della sinistra Pd che non prenderanno parte alla scissione di Bersani-Speranza-Rossi. Di fronte alla domanda su una sua eventuale candidatura al congresso del Pd, Orlando ha detto che non è ancora il momento di annunciarla, ma i suoi spiegano che, “a prescindere da quello che farà Emiliano, la sua candidatura è in campo”.
Ettore Maria Colombo
ROMA
«EMILIANO? Rossi? Non so cosa faranno – ragiona Renzi, che oggi non parteciperà ai lavori della Direzione del Pd – ma il congresso si può fare celermente, in modo spedito. Quella che si sta consumando sotto gli occhi dei militanti del Pd non è una scissione, ma la fuga di alcuni ex leader. La grande maggioranza della nostra base non li seguirà». Insomma, dire che l’ex premier sia addolorato per la separazione dei vari D’Alema, Bersani, Speranza, Rossi, sarebbe una bugia. Renzi, poi, si sta godendo lo spettacolo della pochade che ha messo in onda il governatore pugliese, sapendo che – a prescindere se Emiliano resterà o meno nel Pd – gli italiani, e non solo i social, «non perdonano». Infine, l’ex segretario si gira tra le mani gli ultimi sondaggi: Masia su La7 lo dà vincente con il 75% contro gli altri possibili contendenti, ridotti a briciole, mentre per Tecné (Ra1) il 70% degli elettori dem non vuole alcuna scissione. Non che siano né saranno rose e viole, per Renzi e i suoi, a partire da oggi, quando la Direzione lancerà il congresso. Enrico Letta, ha lanciato il suo appello anti-scissione, ma parlando di «cupio dissolvi» e «cumuli di macerie»: parole urticanti.

POI c’è il ministro Orlando, che proprio oggi, prima di andare in Direzione, inaugurerà il suo nuovo blog (Lo stato presente), ha messo intorno a un tavolo i suoi (45 ex Giovani Turchi che hanno rotto con il loro capo Orfini), venti deputati che sostengono Cesare Damiano, il quale ha, a sua volta, spaccato l’area che fa capo al ministro Martina, sfilandogli 20 parlamentari su 40, e i 15 di Gianni Cuperlo. «La tua candidatura può unire un’area vasta e personalità come Zingaretti, Chiamparino e altre», lo hanno incitato. Orlando annuncerà la sua candidatura a segretario non per conto di una correntina – spiegano i suoi – ma di una sinistra che chiede al Pd di tornare a un profilo di sinistra.
Per quanto riguarda le date del congresso, Renzi, che in Direzione gode di numeri bulgari, vuole che il giorno delle primarie aperte, torni a essere il 7 aprile, e non più il 7 maggio, come chiedevano e chiedono ancora, gli altri big. Una data lascia ancora aperta la finestra elettorale di giugno anche se con le amministrative (primo turno l’11 giugno) di mezzo, le Camere andrebbero sciolte entro fine aprile. Nessun renziano, neppure sotto tortura, ammetterebbe oggi di voler precipitare il Paese alle urne, ma la voglia rimane.
Del resto, che «la scissione indebolirà il quadro politico» come dice, in guerinese, il vicesegretario Guerini (ieri Renzi l’ha spedito a Porta a Porta), lo sanno pure i sassi. Gentiloni aspetterà che Mattarella rientri dal suo viaggio in Cina, poi salirà al Colle per riferire sulla «nuova situazione politica che si è creata in Parlamento».

INFATTI, per quanto i bersaniani assicurino che, pur dando vita alla scissione e a nuovi gruppi ‘Eguaglianza e Diritti’, voteranno la fiducia al governo
perinde ac cadaver già si profilano grosse nubi: il decreto Milleproroghe la parte ex-Sel non vuole votarlo. Infine, gira voce – tra i renziani di governo – di prossime modifiche alla legge elettorale non certo amichevole verso gli scissionisti che avrebbero già ricevuto il placet di Forza Italia: la soglia di sbarramento, che al Senato è all’8%, scenderebbe al 5%, ma salirebbe dal 3% al 5% alla Camera «per armonizzare i due sistemi come chiede Mattarella». Un’asticella non insuperabile, certo, ma neppure così facile.

NB: Questo articolo è stato pubblicato il 21 febbraio 2017 a pagina 6 del Quotidiano Nazionale. 

Pd, una giornata di ordinaria follia: Renzi, Emiliano e Bersani l’un contro l’altro. In arrivo il paladino Orlando?

  1. Il Pd davanti alla scissione. Renizi tira dritto: “Congresso nei tempi stabiliti”. I renziani cercano di separare Emiliano da Rossi e Speranza, ma non ci riescono. 

 

>>>ANSA/SCATTA IL REGOLAMENTO DI CONTI NEL PD, MINORANZA ALL'ATTACCO

Renzi e Orfini parlano alla Direzione del Pd

Ettore Maria Colombo – ROMA

“Io soffro a sentire la parola scissione come tutti noi”. Così aveva esordito Matteo Renzi all’Assemblea nazionale Pd. E scissione, pur se annunciata solo a mezzo stampa, è stata. “Io ho fatto di tutto, per evitare la scissione – spiega l’ex premier e, da ieri, anche ex segretario del Pd – ho telefonato e parlato con ognuno di loro, ma si vede che, ormai, la loro era una decisione già presa. Io e il Pd ora andremo avanti, seguendo il nostro percorso congressuale, che è e sarà democratico, e cioè in linea con le regole che abbiamo sempre seguito finora, ma ora dico ‘anche basta’”, è lo sfogo di Renzi con i suoi, “perché è ora di tornare a occuparci non di tatticismi e scissioni, ma dei problemi del Paese, imbastendo una vera discussione aperta a tutta la società, non solo agli iscritti e ai militanti del Pd. Da domani dobbiamo tornare a occuparci dei problemi reali”.

Certo, nella relazione introduttiva, l’ultima da segretario, Renzi non frena sul congresso che si chiuderà – spiega il renzianissimo segretario toscano Dario Parrini – “ad aprile (la data del 7 aprile, rispetto al 7 maggio, torna in circolo, ndr), almeno spero, che il Pd ha una campagna elettorale da fare: i problemi del Paese non aspettano le nostre beghe”. Renzi dice che “peggio della parola scissione c’è solo la parola ricatto” e “chiedere la mia testa non è democratico”. Poi rassicura sul sostegno al governo Gentiloni, ma Orfini presenta una tabella di marcia secca: Direzione nazionale martedì, convocazione della commissione congressuale e formulazione delle regole subito dopo, non oltre una settimana, spiegano i renziani. Renzi dice che  “Il Pd si basa sui voti, non sui veti”, ringrazia Veltroni, ma anche una ex sindacalista della Cgil oggi al governo come Bellanova e tira la stoccata: “Il potere nel Pd appartiene ai cittadini che votano alle primarie, non ai caminetti e alle correnti”.

La scissione, però, pur dopo un’estenuante giornata di trattative intercorse tra i colonnelli di Renzi (Guerini) e quelli degli altri contendenti (specie Boccia per Emiliano), si materializza alle sette di sera col comunicato congiunto.“Sono pazzi. Anzi, peggio: sono ridicoli” è il commento degli uomini più vicini a Matteo Renzi. Guerini, per dire, perde le  staffe: “Sono estrefatto e amareggiato per la presa di posizione di Rossi, Emiliano e Speranza – spiega – perché chiunque abbia seguito il dibattito in Assemblea si è potuto rendere conto che esso andava in tutt’altra direzione, intervento dopo intervento. La decisione è del tutto ingiustificata, ma evidentemente la decisione era già presa”. E quando Boccia e Ginefra scrivono l’ennesima nota alle agenzie per annunciare che ‘sì , noi andremo martedì in Direzione, ma quale scissione, stiamo ancora trattando sulle regole’, i renziani decidono che la misura è colma: iniziano a parlare di “farsa, tragicommedia”, etc.

Resta  l’amaro in bocca per una scissione che i renziani credevano, fino all’ultima ora, di riuscire ad evitare. L’intendimento dei colonnelli di Renzi era di andare a rubare palla nel campo avversario, giocando di rimessa. La prima mossa era sta di imbastire una giornata che, a occhi ingenui, poteva apparire un’assise dell’ex Pci-Pds-Ds, non del Pd. Dopo la lunga relazione di Renzi, gli interventi parlano al ‘cuore rosso’ della sinistra, non certo agli ex-Dc. Prima Piero Fassino, ultimo segretario Ds che guidò la fusione con la Margherita per dar vita al Pd, poi Walter Veltroni, con intervento applauditissimo, hanno tuonato contro la storia delle scissioni della sinistra ‘all’italiana’. Infine, i renziani erano convinti di provocare una bella ‘scissione nella scissione’, quella di Emiliano e Rossi – convinti che sarebbero rimasti dentro il Pd dividendosi da Bersani e D’Alema – per dividere il campo scissionista. Non ci sono riusciti. Ora inizierà la vera e propria guerra. Quella dei nuovi gruppi parlamentari della ‘Sinistra’ contro il Pd e quella dei renziani che cercheranno di far cadere le giunte rosse di Emiliano e Rossi, forse anche riuscendoci, almeno con il secondo.


2. I candidati alternativi a Renzi se i tre tenori (Emiliano-Rossi-Speranza) si ritirano. Di sicuro in campo il ‘laburista’ Cesare Damiano e, forse, il ministro Andrea Orlando . 

Ettore Maria Colombo  – ROMA

Dal momento che i ‘tre Amigos’ o ‘tre tenori’ (Speranza-Emiliano-Rossi) si sono autoesclusi, con un coup de theatre dell’ultima ora, dalla gara per affrontare Matteo Renzi al prossimo congresso democrat, al Pd urge aprire una nuova pratica, quella della ricerca dello sfidante, sempre che non si tratti di mandare sul ring un semplice sparring partner.

La pratica non è affatto semplice. Il rischio non è quello di fare la parte (come si sa nobile) di Davide contro Golia, ma appunto quella del pugile di comodo su un ring che, forse, non sarà truccato (“Useremo le regole dell’ultima volta, quando vinsi contro Cuperlo”, assicura Renzi, ma non è vero: la commissione congressuale chiuderà le regole in 3 giorni, non 3 mesi, il tesseramento si fermerà al 28 febbraio senza deroghe, le settimane per raccogliere le firme per presentare una candidatura saranno molto poche, se non pochissime, etc), ma che di certo non aiuta gli eventuali nuovi competitor a nutrire chanches di reale vittoria.

I candidati pronti a votarsi alla causa sono soltanto due. Il primo, come si sa, è il ministro Andrea Orlando. Il secondo, invece, come ha fatto capire ieri con un battagliero intervento dal palco, è una figura a sorpresa, quella dell’ex ministro Cesare Damiano, oggi presidente della commissione Lavoro alla Camera: “Quello che rimane nel Pd non sarà un monocolore renziano. La sinistra (cioè io, ndr) sarà in campo e sfiderà Renzi al congresso”.

La novità, peraltro, sarebbe proprio Damiano. Infatti, Orlando è già stato da più parti, alcune molto autorevoli (l’ex Capo dello Stato Napolitano, il senatore Macaluso, l’ultimo tesoriere del Pds, Sposetti, esponenti dell’attuale Pd come il governatore del Lazio
Zingaretti, l’ex padre-padrone del Pd romano, Bettini, Fassino) caldamente invitato a candidarsi proprio per cercar di preservare l’integrità di un patrimonio, quello che fa capo agli ex Pci-Pds-Ds e, anche, la titolarità di una storia a essere rappresentata nel Pd.

Ovviamente, il fatto che i tre candidati anti-Renzi si ritirino (soprattutto Emiliano, molto forte al Sud, anche se Emiliano ieri, nel corso di una giornata, ci ha ripensato e cambiato idea già tre volte…), apre squarci notevoli per una candidatura di Orlando, peraltro spalleggiata dal grosso della sua corrente, i Giovani Turchi, ormai più vicini alle sue, di posizioni,  che a quelle del presidente del Pd, Orfini, anche se, per ora, soltanto nei gruppi parlamentari (diverse vanno le cose nei territori dove gli orfiniani sono assai più forti).

Si vedrà. Ieri, Orlando, pur tra molti distinguo (la richiesta ribadita di Conferenza programmatica, le punture di spillo tra lui e Renzi), ha contribuendo a tenere dentro – insieme al ministro Martina – proprio quella parte di sinistra ex Pds-Ds che rischia di smottare. Non a caso è stato da Orlando che è arrivato il vero ‘alt’ a Renzi: “Niente scissioni, ma non bastano gli appelli all’unità. Se va via qualcuno, il Pd non resta quello che è. Serve un vero congresso”.

Ma se, da ieri, sono molti i renziani che tifano perché Orlando si candidi, non mancano neppure i renziani che tifano per un altro nome – questo sì solo uno sparring partner – quello di Cesare Damiano. Ex sindacalista, peraltro di area sempre riformista (fu, per dire, uno storico e fiero avversario di Sergio Cofferati dentro la Cgil), Damiano si è via via spostato su posizioni sempre più di sinistra, prima nell’area del ministro Martina (Sinistra è cambiamento) e, negli ultimi mesi, diventando un fiero avversario di Renzi e delle sue
politiche, ovviamente e naturalmente critico sul piano sociale. Oggi, uno pacato (e, di fatto, assai noioso come Damiano) punta all’impresa ciclopica di  ‘corbynizzare’ il Pd.

Ma se Damiano rischia di fare solo la parte del terzo incomodo, “Andrea (Orlando, ndr) è pure belloccio, mi piace assai nella parte di Davide”, sorride una ‘giovane turca’ che ha amore, oltre che stima, del suo leader.


Bersani

L’ex segretario del Pd, Pier Luigi Bersani

3. Un appunto a una persona cui volevo molto bene, l’ex segretario Pier Luigi Bersani. 

Stavolta non ha tirato fuori “la mucca nel corridoio” e neppure “il piccione sul tetto” – peraltro un proverbio tedesco che gli aveva raccontato il leader della Spd, Sigmar Gabriel, solo che, insomma,  nessuno l’ha mai capito, non solo in Italia, forse manco in Germania. Stavolta, non ha neppure pronunciato la parola che ne aveva contraddistinto la guida del Pd (2009-2013), quella famosa ‘Ditta’ che lui sempre rivendicava e altri gli rimproverava.

Insomma, stavolta Pier Luigi Bersani da Bettola (classe 1951, compleanno il 29 settembre, lo stesso genetliaco di Berlusconi) è stato chiaro. Ha detto, nell’ordine, che “Renzi è per la sinistra che dà spettacolo e io per quella che lotta contro le diseguaglianze”; che “se ci costringono alla scissione e poi, alle prossime elezioni, vince la destra, li vado a cercare a casa” (lui, sempre così mite); che “le scissioni non si fanno a cuor leggere, ma il Pd non è più casa mia” (e qui uno psicanalista potrebbe almanaccare sul più volte ripetuto concetto di ‘casa’ che alberga nel cuore di Bersani); che “se il Pd diventa il partito di Renzi, il PdR, io non ci sto”; che “Renzi ha alzato un muro senza cogliere gli appelli della sinistra”. Parole dure come pietre, staffilate e scudisciate, ma chiare.

Insomma, ieri, Pier Luigi Bersani ha parlato assai chiaro: aveva il volto sofferente, era molto elegante e solo la sua storica portavoce, Chiara Geloni, lo proteggeva dall’assalto asfissiante di fotografi e telecamere. Facciamo, a una persona e a un politico cui abbiamo voluto bene, tanto da averci scritto un libro*, un solo appunto: “Perché, caro Pier Luigi, hai parlato e annunciato la scissione in diretta tv (da In mezz’Ora, su Rai 3, ndr.) e non davanti al tuo popolo, nella sede deputata del tuo partito, cioè l’Assemblea nazionale? Ecco, questo, ‘segretario’, non è da te”.

*Il libro si chiama ‘Bersani’ ed è stato pubblicato a febbraio del 2013 dagli Editori riuniti.

Nb: Questi articoli sono stati pubblicato su Quotidiano Nazionale il 19 febbraio 2016 a pagina 2-3-4