“Liberi e Uguali” nasce con Grasso alla guida. Il presidente del Senato infiamma la platea, ma i problemi non mancano. Cronaca della giornata e un po’ di ‘colore’

  1. “Io ci sono!”.  Grasso conquista la platea dei delegati della nuova ‘Cosa Rossa’.
Guttuso

I funerali di Togliatti, quadro di Renato Guttuso

<Io ci sono! Io ci sono! Io ci sono!». E’ nato un nuovo leader, nel parco della Sinistra radicale e post-comunista italiana, pur senza averne le stimmate (del glorioso passato). Si chiama Pietro, detto ‘Piero’, Grasso. L’ex pm e poi procuratore capo di Palermo, poi ancora a capo della Procura nazionale Antimafia, amico personale di Falcone e Borsellino, venne candidato ed eletto dal Pd a guida Bersani nel 2012 e poi è diventato presidente del Senato, ieri ha dimostrato la stoffa – non scontata – dell’oratore politico. Specie quando ha attaccato, senza nominarlo, il Pd: «Mi hanno offerto d tutto», ha ricordato sprezzante, «dai seggi sicuri alla possibilità di fare la riserva della Repubblica» (il che vuol dire, tradotto, di fare il presidente della Repubblica nel post-Mattarella: sei anni, però, troppi). E già lì parte la prima standing ovation di una platea che il Pd lo odia e che, sostanzialmente, punta a far perdere le elezioni a Renzi e ai suoi oltre che aspirare – legittimamente – a rientrare in Parlamento con percentuali variabili tra il 6% e il 10% (molto dipenderà, appunto, da quanto porterà con sé in dote proprio la figura di Grasso).
Il discorso di Grasso arriva a conclusione di una decina di interventi di esponenti di «mondi» della «società civile»: applauditissimo il medico di Lampedusa, Bartolo, protagonista di Fuocoammare di Rosi (niente parentele con Francesco), pluri-premiato.
Alternati a loro parlano i «Tre Tenori» Civati-Fratoianni-Speranza. A differenza dei big (Bersani, D’Alema, Bassolino, Epifani, Errani, Rossi, Vendola) – cui tocca confondersi nelle seconde e terze file per evitare la sensazione di sinistra deja–vù – i tre sono quarantenni di belle speranze, e non solo chi, di loro, è Speranza. Anche loro infiammano la platea. Pippo Civati prima si perde nei ricordi familiari («Papà votava La Malfa»), poi, da birichino, sfotte Pisapia («Ma dove Campo vai con Alfano?!»). La sala vibra molto per Fratoianni, ex ‘bello’ di Rifondazione, che tuona contro «la schiavitù del lavoro, l’oppressione del Capitale, il liberismo di Trump e della May», ma anche contro «i nuovi neofascisti». Successo pieno pure per Speranza, che tiene forse il discorso più bello e più appassionato prima di Grasso: invoca una «Nuova Sinistra Mondiale», una sorta di neo-Internazionale, sulle orme di Bernie Sanders e Corbyn (però non cita Tsipras), mette «il lavoro» al centro della «lotta della sinistra» di cui stila un dettagliato programma, art. 18 in testa. La leader della Cgil, Susanna Camusso, è in prima fila ad applaudire e, forse, pure a candidarsi alle Politiche nelle file di Mdp (ma il suo portavoce smentisce secco).
Infine, tocca a Grasso. Infiamma e conquista la platea. Si emoziona, ma non perde il filo. Racconta prima la sua storia di pm in prima fila nella lotta alla mafia. Delinea poi un programma di sinistra radicale nei temi ma «moderata» nei toni, che «rifiuta i tatticismi», ma che farà «proposte serie e credibili». Urla «ora tocca a noi!» ma invoca una leadership collettiva. Rifiuta la logica del ‘voto utile’, ma sa che non sarà né per lui né per la nascente ‘Nuova Cosa Rossa’ una passeggiata di salute, la sfida nelle urne al Pd. Però, spiegano i suoi quando ha finito, «la eserciterà in modo fermo e severo, la sua leadership». Tradotto: vigilerà sui candidati per evitare «zone grigie, errori e malintesi». E – insistono sempre i suoi – invoca «porte aperte» a chi oggi non c’è: sinistra dem, cattolicesimo democratico, femminismo, ambientalismo. La presidente della Camera, Laura Boldrini, non c’è ancora, ma i suoi consiglieri sì, dal portavoce Roberto Natale al consigliere giuridico Carlo Leoni (ex Ds): sta per arrivare pure lei, nella neo-sinistra.
Alla fine, sorrisi e abbracci. I dirigenti della ex Sinistra Radicale brindano: «Abbiamo fatto Bingo», dice Paolo Cento: «lui è il nostro uomo in più, farà la differenza». Grasso commenta che «è stata una bellissima mattinata, ma c’è ancora tanta strada da fare».
In effetti, è vero: la strada ancora da fare, per la Nuova Sinistra Unita, è ancora tanta. I tre partiti fondatori (Mdp-SI-Possibile) hanno dato vita a una lista unica, ma non ancora a un partito unico e nessuno di loro può affermare, in sincerità, che nascerà davvero:le differenze, tra chi viene da Rifondazione poi Sel poi SI e chi dal Pd (gli ex dem di Mdp) sono tante, forse troppe. Le quote per le candidature sono state ripartite col bilancino (50% Mdp, 35% SI, 15% Possibile): sono stati votati, i delegati, in assemblee provinciali, ma non tutto è filato via liscio: SI e Possibile si sono ‘alleate’ e sottratto numeri a Mdp. Sgambetti tra compagni? Si vedrà più avanti, quando le liste verranno composte (se ne occupa Nico Stumpo, già uomo d’ordine di Bersani: nel 2013 fece ‘piangere’ molti sicuri presunti candidati nel Pd, ne farà piangere altrettanti ora, compagni o meno che siano). Inoltre, i posti richiesti da molti, big di Mdp in testa a tutti (Bersani, D’Alema, Errani, Epifani, Bassolino, Panzeri, etc.) sono tanti, forse troppi, e certezze non ve ne sono, di eleggibili: i calcoli più realistici parlano di una pattuglia di 25 deputati e 10 senatori. Infine, nome e simbolo ancora non ci sono. Il simbolo, forse con una rosa stilizzata nel mezzo, avrà due diciture: sopra, «Liberi ed Uguali» (ma l’associazione dei liberal del Pd «Libertà Eguale» preannuncia già ricorso in tribunale per plagio) e, sotto, «con Grasso».
«Con Grasso possiamo puntare al 10%», è la spavalda sfida di Massimo D’Alema che si candiderà al Senato in Puglia: in un collegio, ma pure in cinque listini bloccati. Sarà dura, infatti, strappare collegi uninominali a Pd, destre, M5S, ma i dirigenti della Sinistra-Sinistra ci credono: «A Piacenza, con Bersani, a Ravenna con Errani, in Toscana con Enrico Rossi possiamo fare molto male al Pd». Altri, ben più realistici, fanno di conto: «Ci basta prendere il 6%, vuol dire 25 deputati e 12 senatori. Così andiamo alle consultazioni da Mattarella e come premier il nome di Renzi non lo faremo mai. Altri nomi? D’Alema vorrebbe Draghi, Bersani vuole appoggiare dall’esterno un governo Di Maio. Vedremo».
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
2. Il ‘colore’. Le spillette del Che (e Stalin) ci sono ancora, le bandiere rosse non più. 
speranza

Roberto Speranza

Ettore Maria Colombo – ROMA

Pala Atlantico, molto oltre l’Eur, grande sala per concerti: 1500 posti a sedere, agibilità per 2700 se una parte resta in piedi. Ce ne sono almeno altri 2500 fuori, di persone: «compagni e compagne» in carne e ossa, corpo e spirito, arrivati dalle lande più lontane.
Morale: un successo, almeno in termini numerici, incontestabile. Fila per entrare interminabile, infinita, ma la gente attende paziente. Pure alcuni giornalisti restano fuori per ore, ma non protestano come di solito sono abituati a fare. Del resto, tra i giornalisti, la Sinistra-Sinistra ‘tira’ assai. Presenta la giornata un collega, Luca Telese, anchorman de La 7, ex del Giornale, fondatore di Pubblico. Cattiverie e maldicenze fioccano solo per lui: «Ha scritto libri peggiori di Pansa per rivalutare i fascisti e ora chiama alla mobilitazione contro i neofascisti?! Lavorava per Berlusconi e ora torna di sinistra?! Maddai, Telese!!!».
Il servizio d’ordine è inflessibile: deve arrivare Pietro Grasso, e le camionette della Polizia sono così tante che sembra debbano respingere gli assalitori del G8 di Genova. E, guarda un po’, chi ti spunta? Luca Casarini, leader delle ‘Tute Bianche’: è un po’ ingrassato, ma si è sposato e con prole, ora veste elegante e vive a Palermo: da dirigente di SI (è, addirittura, il segretario regionale di Sinistra Italiana in terra di Sicilia) si candiderà pure lui, pare. La gente un po’ si arrabbia («Fanno entrare gli invitati e non i delegati!»), ma l’organizzazione regge. Tutto è nelle mani – nodose e nervose – di Nico Stumpo, storico uomo macchina di Pier Luigi Bersani: sarà lui, peraltro, a fare le liste.
Ma per ora non è tempo di argomenti così «volgari». Oggi c’è da festeggiare la nascita della Nuova Sinistra Unita. Il nome ci sarebbe già: bello, facile e comprensibile, «la Sinistra». Invece si chiamerà «Liberi ed (ma la ‘e’ eufonica ci sarà o no? Non si sa) Eguali» e, più sotto, «con Grasso». Epperò, guai a chiamarla «Cosa Rossa»: i giovani ed efficienti addetti stampa di Mdp-SI-Possibile (equamente distribuiti tra uomini e donne, peraltro tutti bravissimi, tosti, efficienti e assai ‘svelti’ sui new media) ti bacchettano  sulle dita.
Si alternano, rapidi e commoventi, l’operaio, la sindacalista, la ricercatrice, il cassintegrato, etc. Silenzio religioso per tutti, grandi applausi per «i Tre Tenori» Civati-Fratoianni-Speranza (ma solo per ‘Bob Hope’ è vera standing ovation pari solo a quella per Enrico Bartolo, il medico degli immigrati che li cura nella martoriata Lampedusa). Intanto, non sventola una bandiera rossa che sia una (ordine di scuderia: «compagni, non ci facciamo riconoscere!»). Poi la sala è scossa da un fremito: «Parola a Grasso!».
Lui si emoziona, la platea – che scatterà in piedi ad applaudirlo un’infinità di volte – pure. E il «colore» tipico delle liturgie comuniste? Scarsino. Bisogna uscire fuori, tra gli infreddoliti rimasti ad ascoltare dai maxi-schermi, per trovare il ‘solito’ – per queste occasioni della Sinistra – stand de il manifesto dove si vendono immaginette, spille e magneti di Che Guevara e Castro, Mao e Ho Chi Min, Lenin, Trotzskij e persino di Stalin.
E i big? Bersani è seduto parecchie file dietro, accanto al senatore Fornaro. Vendola si sbraccia già più file davanti. La deputata Simoni, cugina di Renzi, sfoggia una mise elegantissima e l’inseparabile Toscano. L’ex ‘re’ di Napoli, Bassolino, è intabarrato in una sciarpa azzurra. Infine, soprattutto, c’è D’Alema. Il guaio è che è il «solito» D’Alema. Ai giornalisti che gli si fanno sotto per strappargli dichiarazioni risponde con l’odio che nutre per ‘noi’: «Vi consiglierei di parlare con il dottor Bartolo (il medico di Lampedusa, ndr), gli chiederei come mai è qua. Sarebbe il vostro mestiere, ‘disciamo’. Ma a voi dove vi pigliano?». Ah, se non ci fosse lui, D’Alema, come sarebbe stata più ‘noiosa’ la giornata.
:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
NB: Gli articoli sono usciti il 4 dicembre alle pagine 4-5 del Quotidiano Nazionale.
___________________________________________________________________________________________
Annunci

Legge elettorale al Senato, tumulti in Aula sulla questione di fiducia. La De Petris occupa lo scranno di Grasso, 5Stelle bendati

Palazzo Madama

Il portone d’ingresso di palazzo Madama, sede del Senato della Repubblica.

Ettore Maria Colombo – ROMA

“Vergogna! “. “Siete come Mussolini! “. “Fate schifo!”. La democrazia, secondo la vulgata delle opposizioni, “è morta” ieri, in un freddo martedì di ottobre. A officiare il funerale la ministra ai Rapporti col Parlamento, Anna Finocchiaro: è lei che pone “la questione di fiducia” sul Rosatellum. Luogo del delitto, l’aula di palazzo Madama, sede del Senato. Autori del misfatto il governo Gentiloni – che secondo una nota dei senatori di Mdp Guerra, Fornaro e Pegorer “è uguale a Mussolini” (seguono vivaci proteste dei senatori dem, indignati dal paragone storico) – i partiti che hanno scritto il Rosatellum e, soprattutto, il Pd di Renzi. Complici del delitto, il presidente del Senato, Grasso – che ieri ha diretto l’Aula in modo impeccabile – e pure Mattarella. E proprio al Colle, ieri, sono saliti i gruppi di Camera e Senato di Mdp per annunciare a Mattarella, formalmente, che “Mdp è uscita dalla maggioranza” (facile e immediata l’ironia del democrat Roberto Giachetti: “Ma quante volte escono questi?”).

I voti di fiducia che affronterà l’Aula oggi, a partire dal primo pomeriggio, dopo la discussione generale (iniziata già ieri), saranno cinque, posti su sei articoli della legge (sul sesto non serve) mentre il voto finale arriverà solo giovedì. Di mattina e con la diretta tv, chiesta e pretesa dai 5 Stelle. Ma il voto finale sarà palese. Vuol dire che mentre solo i partiti di maggioranza (Pd-Ap-Psi-Autonomie) voteranno la fiducia, sul voto finale arriverà il lesto soccorso di Lega e FI. E lì problemi non ve ne saranno: i verdiniani come altri gruppi minori di centrodestra garantiranno il numero legale, mettendo in missione o in congedo alcuni dei loro senatori. Infatti, se per votare una legge come quella elettorale, non serve il plenum del quorum dell’assemblea (161 voti), ma basta la maggioranza dei presenti, in Aula va comunque garantito il numero legale. Ecco il perché del soccorso ‘azzurro’. Infatti il capogruppo di FI, Romani, calma gli animi: “vedrete, il numero legale ci sarà” mentre il verdiniano Barani assicura: “Questa è la legge che voleva Denis, il nostro voto non mancherà di certo, noi ci siamo!”. Né impensieriscono i voti in dissenso di cinque senatori dem capitanati da Chiti più Tocci, Mucchetti, Micheloni e, forse, di altri quattro eletti all’Estero, tra cui Micheloni e altri eletti sempre in quota democrat. Insomma, il Rosatellum passerà.

Il presidente emerito della Repubblica, Giorgio Napolitano, parlerà oggi, in sede di discussione generale. Il suo intervento, di certo sarà assai critico (e forse anche duro) sul merito del Rosatellum, non si trasformerà, però, in voto contrario: voterà, cioè, la fiducia. O almeno così il capogruppo dem, Zanda, si è assicurato con lui.

Che altro dire? Che la gente chiamata a protestare fuori dal Senato per “la morte della democrazia” era assai pochina e che urgeva, dunque, inventarsi qualcosa. Le vivaci e colorite proteste dei senatori pentastellati Crimi, Endrizzi, Taverna, a colpi di cartelli e occhi bendati? Scene già viste e, quindi, ripetitive. E così ecco arrivare il coup de theatre. Loredana De Petris, capogruppo dei senatori di Sinistra italiana, si catapulta sull’alto scranno di Grasso e lo occupa manu militari. I commessi intervengono, ma troppo tardi, e lei non si muove dai banchi della presidenza dove resta assisa per ore. Poi i grillini, privi di fantasia, provano a loro volta occupare i banchi del governo, respinti dal sottosegretario alle Riforme Luciano Pizzetti. Verranno tutti rimossi, ma urlando “Il Senato non esisteeee!!!”. Cosa, in effetti, vera. Il Senato, si sa, è noioso.

NB: L’articolo è stato pubblicato sul Quotidiano Nazionale il 25 ottobre 2017 pag 6

 

4) Lo Stato centrale torna a ‘prevalere’ sulle Regioni. Cnel e Province vengono abolite. Speciale riforma n. 4) FINE

Il 4 dicembre i cittadini italiani saranno chiamati a votare, secondo la procedura prevista dall’art. 138 della Costituzione (referendum confermativo, ovvero senza necessità di quorum), per il referendum costituzionale. Dunque, con un Sì o con un No, si potrà esprimere il proprio voto pro o contro la riforma del Senato. Il testo della riforma costituzionale è stato approvato dal Parlamento dopo sei letture (la famosa ‘navetta’): l’iter è iniziato al Senato l’8 aprile 2014 e si è concluso alla Camera il 12 aprile 2016. La riforma incide su 47 dei 139 articoli della Costituzione. In quattro puntate abbiamo illustrato i contenuti della riforma: lunedì scorso la composizione del Senato; martedì scorso i poteri e funzioni delle Camere; ieri gli organi costituzionali e i referendum; oggi rapporto Stato-Regioni, abolizione del Cnel e delle Province (FINE).

aula-del-senato

L’aula di palazzo Madama, sede del Senato della Repubblica

UNA DELLE PRINCIPALI modifiche della riforma costituzionale riguarda la nuova divisione tra competenze regionali e dello Stato. Nell’attuale Costituzione, dopo la riforma costituzionale del Titolo V approvata nel 2001, le varie materie legislative sono divise in tre grandi ‘branche’: la prima di competenza dello Stato, la seconda di “competenze concorrenti”, cioè competenze miste tra Stato e Regioni, e una terza formata da competenze non nominate esplicitamente e che, dunque, sono di competenza regionale. Le materie “concorrenti” sono state considerate una delle principali cause dell’incertezza normativa che ha portato a una lunga serie di contenziosi tra Stato e Regioni presso la Corte costituzionale (circa 1500 negli ultimi 15 anni). La riforma, di fatto, elimina o limita le materie “concorrenti”, allunga la lista delle competenze statali esclusive, elenca le competenze regionali, lascia sempre a queste le competenze non esplicitamente citate.

La legislazione esclusiva (art. 117)
«La potestà legislativa – recita la Costituzione all’art. 117 – è esercitata dallo Stato nelle seguenti materie: a) politica estera e rapporti internazionali dello Stato; rapporti dello Stato con la Ue; diritto di asilo e condizione giuridica dei cittadini di Stati non appartenenti alla Ue; b) immigrazione; c) rapporti tra la Repubblica e le confessioni religiose; d) difesa e Forze Armate; sicurezza dello Stato; armi, munizioni ed esplosivi». In tutti questi casi la legislazione esclusiva dello Stato, anche nella riforma, resta identica.

Le materie concorrenti (art. 117)
Le competenze concorrenti ritornano, anche se sotto altra forma, anche nella riforma Renzi-Boschi. In alcune materie di esclusiva competenza dello Stato centrale, infatti, la riforma specifica che lo Stato si dovrà occupare solo di “disposizioni generali e comuni” o di “disposizioni di principio”, gli stessi termini usati attualmente. Lo Stato tornerà, però – pur se con una competenza “limitata”, simile alla vecchia competenza concorrente, cioè non “esclusiva”– ad avere molta più voce in capitolo su una lunga serie di materie e le Regioni molto meno. Le materie e i relativi poteri “concorrenti” che lo Stato eserciterà in materia esclusiva riguardano: energia, ricerca, opere pubbliche strategiche, salute, politiche sociali e di sicurezza alimentare, istruzione, disciplina giuridica del lavoro, associazioni tra Comuni, attività culturali, turismo, governo del territorio, sistema nazionale di Protezione civile (art. 117).

La «clausola di supremazia» dello Stato
Alla nuova ripartizione di competenze tra Stato e regioni si aggiunge l’introduzione della “clausola di supremazia”, una norma chiave che consente allo Stato di legiferare anche sulle materie di esclusiva competenza regionale quando lo richiede «la tutela dell’unità giuridica o economica della Repubblica ovvero la tutela dell’interesse nazionale» (art. 117, III comma). Dalla clausola di supremazia sono escluse le cinque regioni a statuto speciale (Valle d’Aosta, Friuli-Venezia Giulia, Trentino Alto Adige, Sicilia e Sardegna) a meno che da sole non modifichino i loro stessi statuti regionali.

L’abolizione di Province e Cnel (artt. 99 e 114)
L’abolizione del Cnel (Consiglio nazionale dell’Economia e del Lavoro) e delle Province rappresentano tagli ai costi della politica. Il Cnel (art. 99), nato nel 1957 come luogo di mediazione tra le parti sociali e con funzioni di consulenza delle Camere, è diventato col passare dei decenni un ente sempre più residuale, poi del tutto inutile. Il suo costo è di 20 milioni l’anno, ma la sua abolizione non produrrebbe un risparmio equivalente, causa i suoi dipendenti che, trasferiti alla Corte dei Conti, pesano per 7 milioni annui. Anche le Province (art. 114) verrebbero abolite. Già la legge Delrio del 2014 ne ha prodotto la trasformazione in “enti di area vasta” insieme alle città metropolitane e ne ha cancellato le giunte provinciali, prevedendo che i consigli e i presidenti relativi vengano eletti non più dai cittadini, ma dai sindaci e dai consiglieri comunali (elezione di secondo livello). Dal costo delle Province (320 milioni annui) si avrebbero risparmi per 163 milioni.

Il taglio ai costi della Politica (art. 122)
Tra gli altri risparmi, vi sono, sul fronte delle Regioni, due norme ad hoc: il divieto di finanziare i gruppi politici presenti nei consigli regionali e la riduzione degli stipendi dei consiglieri regionali al livello di quello del sindaco del comune capoluogo di Regione, che però non sono uguali da Regione a Regione ma variano in base alle fasce demografiche. Il risparmio sui gruppi politici sarebbe nell’ordine dei 30 milioni annui mentre i circa 600 consiglieri regionali attuali perderebbero in media oltre la metà della propria indennità (circa 10mila euro lordi mensili). Escluse le regioni a statuto speciale, sarà una legge nazionale bicamerale a stabilire il taglio come pure a fissare i principi per promuovere l’equilibrio uomo/donna nella rappresentanza politica regionale. Infine, dopo una legge attuativa, si potrà arrivare alla rimozione di un governatore (art. 120) in caso di grave dissesto finanziario della sua Regione.

La curiosità. Sussidiarietà, una parola in declino

Il principio di ’sussidiarietà’ è diventato un principio costituzionale con la riforma del 2001, scritto all’art. 117. Resta tale anche con questa riforma, ma perderà valore perché molte competenze ritornano in capo allo Stato.

Ecco il grafico da me pensato, scritto e pubblicato per Quotidiano Nazionale 

quarta_puntata

(4-fine)

NB: questo articolo è stato pubblicato il I dicembre 2016 a pagina 6 del Quotidiano Nazionale (http://www.quotidiano.net)

1) Il Senato cambia pelle ma non muore. Entrano sindaci e consiglieri regionali. Se passa la riforma sarà di 100 membri, eletti in via indiretta. Speciale riforma 1

aula-del-senato

Roma, 28 novembre 2016 – IL 4 dicembre i cittadini italiani saranno chiamati a votare, secondo la procedura prevista dall’art. 138 della Costituzione (referendum confermativo, ovvero senza necessità di quorum), per il referendum costituzionale. Dunque, con un o con un No, si potrà esprimere il proprio voto pro o contro la riforma del Senato. Il testo della riforma costituzionale è stato approvato dal Parlamento dopo sei letture (la famosa ‘navetta’): l’iter è iniziato al Senato l’8 aprile 2014 e si è concluso alla Camera il 12 aprile 2016. La riforma incide su 47 dei 139 articoli della Costituzione. In quattro puntate illustriamo i contenuti principali della riforma: oggi la composizione del Senato; domani poteri e funzioni delle Camere; mercoledì organi costituzionali e referendum; giovedì il rapporto tra Stato e Regioni e l’abolizione di Cnel e Province.

Addio al bicameralismo perfetto

LA BASE e la parte più importante della riforma costituzionale che verrà sottoposta a referendum il prossimo 4 dicembre è il superamento del bicameralismo perfetto o paritario. Oggi, infatti, la Camera e il Senato svolgono le stesse funzioni, anche se separatamente: votano la fiducia al governo e una legge, per essere approvata, deve avere il sì di entrambe. Se il testo viene modificato dal Senato deve ritornare alla Camera e viceversa (è la cosiddetta “navetta parlamentare”). Con la riforma, il Senato non darà più la fiducia al governo e non seguirà più l’iter di molte leggi di cui sarà competente la sola Camera dei Deputati (rinviamo l’esame delle competenze del Senato a un’altra puntata).

La composizione (artt. 57-59)

Oggi il Senato è composto da 320 senatori. Cinque sono senatori a vita, nominati dal Capo dello Stato (in realtà sono 4 senatori a vita più un presidente emerito, l’ex presidente della Repubblica Napolitano) e 315 sono senatori eletti a suffragio universale diretto, anche se nel 2013 sono stati eletti con una legge elettorale, il Porcellum (concede il 55% dei seggi alle coalizioni vincenti nelle 20 regioni e il 45% dei seggi alle altre liste, regione per regione), dichiarata incostituzionale dalla Consulta.
I nuovi senatori saranno invece cento, non più eletti direttamente ma scelti dalle assemblee regionali tra i consiglieri che li compongono e tra i sindaci della regione. In tutto, si tratterà di 95 senatori eletti (74 consiglieri regionali e 21 sindaci) e cinque senatori nominati dal Capo dello Stato ma solo per 7 anni, dunque non più a vita, e non rinnovabili.
Alla fine del loro mandato, gli ex Presidenti della Repubblica saranno, invece, proprio come accade ora, senatori a vita. Il numero totale dei membri del nuovo Senato, quindi, potrà diventare superiore di qualche unità rispetto ai cento teorici.

Il metodo di elezione (art. 57)

Ogni consiglio regionale (e le province autonome di Trento e Bolzano) eleggerà senatore un sindaco del proprio territorio e uno o più consiglieri regionali in base alla popolazione. Nessuna Regione potrà avere meno di due senatori (il Molise, ad esempio, ne avrà 2 mentre la Lombardia, la regione italiana più popolosa, ne avrà 14, la Campania 9, il Lazio 8, 7 Piemonte, Veneto e Sicilia, 6 Emilia-Romagna e Puglia, 5 Toscana, 3 Calabria e Sardegna, 2 tutte le altre, comprese le Province autonome di Trento e Bolzano), il che vuol dire un sindaco e un consigliere.

Si tratta, dunque, di una forma di elezione ‘indiretta’. Ma dopo una lunga battaglia parlamentare condotta dalla minoranza del Pd, è stato inserito un comma, il V, sempre all’art. 57, che parla di obbligo di eleggere i futuri senatori «in conformità alle scelte espresse dagli elettori per i candidati consiglieri in occasione del rinnovo dei medesimi organi». Il governo ha assicurato che recepirà, quando si tratterà di scrivere, con legge ordinaria entro sei mesi dalla approvazione della riforma, la legge elettorale per il futuro Senato, il V comma dell’art. 57 e di tener conto del voto diretto dei cittadini. Come, però, questo avverrà (indicazione diretta sulla scheda, listino ad hoc, etc) non è ancora chiaro. In ogni caso, la prima elezione del nuovo Senato avverrà sulla base della sola indicazione dei consigli regionali, se non ancora sciolti, e bisognerà adeguare alla nuove norme le 20 diverse leggi elettorali delle 20 regioni italiane.

Scioglimento dell’assemblea

In ogni caso, i sindaci-senatori e i consiglieri-senatori restano in carica fino allo scioglimento dei rispettivi consigli comunali e regionali. Di conseguenza, ci saranno continue elezioni per il Senato, causa le diverse date di scioglimento dei medesimi consigli. Ne consegue che l’assemblea del Senato non verrà mai sciolta completamente, né ogni cinque anni, come la Camera, né in via anticipata, ma periodicamente rinnovata.

Elettorato attivo e passivo

Oggi servono 25 anni per essere elettori e 40 anni per essere eletti, al Senato. Domani basterà avere i 18 anni necessari per eleggere o essere eletti consiglieri-senatori.

Immunità e indennità 

L’immunità (autorizzazione della Camera di appartenenza per arresto e intercettazioni, art. 68) resterà tale. L’indennità è abolita, o meglio resta lo stipendio da sindaci o da consiglieri regionali mentre i senatori di nomina presidenziale non avranno alcuno stipendio. Ma diaria e rimborso spese per l’esercizio del mandato (circa 6 mila euro al mese) resteranno tali. Resta l’assenza di vincolo di mandato (art. 67): vuol dire che i senatori rappresentano la Nazione, come i deputati, non l’organo (i consigli regionali) che li ha eletti. L’art. 122 della riforma affida a una legge dello Stato il compito di fissare l’importo della retribuzione dei consiglieri regionali: iltetto massimo sarà lo stipendio dei sindaci capoluogo di Regione.

Frequenza dei lavori

I nuovi senatori parteciperanno ai lavori del Senato compatibilmente con i loro impegni di sindaci o consiglieri regionali. La loro presenza a Roma, dunque, non sarà dunque assidua né costante ma limitata ad alcuni giorni al mese.

La curiosità. Le funzioni cambiano, ma il nome resta uguale…

Il Senato rappresenterà, di fatto, le autonomie locali, ma continuerà a chiamarsi ‘Senato della Repubblica’, proprio come oggi. Anche nel nome il Senato italiano non è il Bundesrat’ tedesco (Camera delle Regioni).

Ecco il grafico da me preparato, scritto e pubblicato su Quotidiano Nazionale:

prima_puntata

(1-continua)

NB: Questo articolo è stato pubblicato a pagina 6 del Quotidiano Nazionale il 28 novembre 2016 (htttp://www.quotidiano.net)

Senato, 180 sì alla riforma, ma Renzi ha la maggioranza solo con i voti di Verdini (più una recensione al libro di Ceccanti sulla transizione costituzionale italiana)

Palazzo Madama

Il portone d’ingresso di palazzo Madama, sede del Senato della Repubblica.

Ettore Maria Colombo
ROMA

  1. Il Senato dice 180 volte sì alla sua abolizione e Renzi sfida tutti sul referendum. Larga maggioranza sulle riforme ma solo grazie ai voti di Verdini, determinanti.
  2. «QUESTA è una giornata storica e voi (senatori, ndr.) avete deciso di scrivere la storia. Il Paese vi deve una gratitudine istituzionale».
    Il premier è tonico, gagliardo, sfodera sorrisi (e pure i sorrisetti) delle grandi occasioni e, invece della solita toccata&fuga, si presenta al Senato che sta per abolire per sempre due volte: per il discorso dai banchi del governo e il voto finale, piombando a sorpresa nell’Aula.
    Certo, nel suo discorso, Renzi non rinuncia a sfotticchiare, togliersi sassolini dalle scarpe, sfidare «gufi e rosiconi», sulle riforme e non solo. Del resto, si tratta del «giorno in cui nessuno credeva che saremmo arrivati», dice il premier riprendendo il suo primo discorso del febbraio 2014 al Senato, quando esordì con la prima delle sue provocazioni: «Voglio essere l’ultimo presidente del Consiglio a chiedere la fiducia a quest’Aula». «Una provocazione oggi diventata realtà» ricorda soddisfatto. Ringrazia Giorgio Napolitano: «Senza il suo discorso dell’aprile 2013 non ci sarebbe questa riforma e non sarebbe in piedi questa legislatura», dice (dimenticandosi di aggiungere solo «e neppure il mio governo»).

    RENZI sostiene di «rispettare pesi e contrappesi della Costituzione, con questa riforma», cita Weber, ma il punto focale è il cruciale referendum istituzionale che si terrà a ottobre, rispetto al quale – dice scandendo le parole – «in caso di sconfitta ne trarrò le conferenze». Concetto già ribadito («se perdo mi dimetto»), ma fa sempre effetto. L’opposizione applaude e ride? Renzi ribatte («Sarà bello vedere il giorno dopo la vittoria le stesse facce gaudenti») e sfida i tanti «comitati per il No» presenti in Aula (grillini, centrodestra, sinistra): «Andiamo a vedere da che parte sta il popolo su questa riforma! Se i cittadini la pensano come chi urla o chi scommette sull’Italia!».
    Ma se la riforma Boschi è «la madre di tutte le riforme» e il referendum una sorta di elezione politica camuffata, i problemi, per il governo e la maggioranza, almeno finché il Senato sarà in vita e concede la fiducia, restano in piedi.
    Anche nel voto di ieri, per dire, il bicchiere lo si può vedere mezzo pieno o mezzo vuoto. Pieno se si contano i 180 «sì» alla riforma, ben oltre i 161 voti del plenum (maggioranza assoluta) dell’Aula, che ieri era richiesto. Vuoto se si fanno meglio i conti: senza i 17 voti dei verdiniani (gruppo Ala), cui ieri si sono aggiunti le tre senatrici del mini-gruppo «Fare», legate al sindaco di Verona Flavio Tosi, e due senatori di Forza Italia (Riccardo Villari e Bernabò Bocca), la maggioranza (Pd+Sc+Ncd), al Senato, alla fatidica soglia di 161 voti proprio non ci arriva: 181 meno 22, infatti, fa un modesto 158 voti.
    E questi numeri tengono dentro il Pd, come dentro la maggioranza, l’intera pattuglia degli (ex?) 26 senatori della minoranza dem, la cui «ribellione» era rientrata quest’estate in cambio dell’introduzione di una forma di elettività «semi-diretta» dei futuri senatori. La questione, sembrava risolta, ma ieri la minoranza dem ha battuto un nuovo, sinistro, colpo, presentando un ddl che, nero su bianco, recita «Norme per l’elezione del Senato». I primi firmatari (Fornaro, Pegorer, Gatti, Corsini) non si fidano di Renzi: chiedono l’elezione diretta dei 74 senatori che sono anche consiglieri regionali per legge ordinaria, ben sapendo che ci vuol tempo, almeno due anni, per averla. «Altrimenti – spiega Fornaro – il nostro sì al referendum non sarà scontato come il nostro sì al ddl». Traduzione: potremmo associarci anche noi ai tanti comitati per il No, magari a quelli di Sel&co. Provando a far male al premier fino al punto di farlo cadere. A quel punto l’abolizione del Senato sarebbe stata solo una vittoria di Pirro.

2) “Siamo nani sulle spalle di giganti”. Dai Padri Costituenti alla Terza Repubblica. Un libro del professor Stefano Ceccanti sulla lunga transizione italiana “quasi finita”. 

EMC – ROMA
COSA lega la riforma istituzionale che le Camere stanno per approvare (ieri l’ultimo voto del Senato) e persino la nuova legge elettorale (Italicum) al dibattito dell’Assemblea costituente del 1946-’47? Per il professore di Diritto Pubblico Comparato alla Sapienza di Roma, nonché brillante costituzionalista, Stefano Ceccanti il fil rouge è netto, forte, evidente: ci dice che, finalmente, «la lunga transizione italiana è finita». E così s’intitola il suo ultimo libro: La transizione è (quasi) finita (Giappichelli editore), libro dal sottotitolo ancor più programmatico: Come risolvere nel 2016 problemi aperti 70 anni prima.

PRIMA di entrare nel merito del testo – fondamentale anche come vademecum verso il referendum costituzionale che si terrà a ottobre – conviene dire qualcosa sull’autore. Cattolico democratico formatosi nell’ambiente della Fuci, referendario entusiasta nei primi anni Novanta, cristiano-sociale e poi liberal cattolico nel crogiuolo politico che ha visto nascere prima il Pds-Ds e, poi il Pd veltroniano ieri e, oggi, renziano, Ceccanti ha servito le istituzioni come senatore del Pd, membro della commissione dei Saggi di Napolitano, consulente di diversi ministri e ministeri: un vero civil servant, uomo di parte che, con genio e verve, prende «parte», come nel caso del suo convinto «sì» alla riforma del Senato e del Titolo V voluta dal governo Renzi e del relativo referendum, ma si fa forte di testi, citazioni, paragoni.
E qui, appunto, veniamo al libro. Ceccanti, prima ancora di raccontare, con linguaggio chiaro e diretto, i cambiamenti costituzionali e le trasformazioni del nostro bicameralismo, cita due autori cult, faro di ogni buon costituzionalista. Il padre del costituzionalismo italiano, Costantino Mortati, e il padre della politologia europea, il francese Maurice Duverger. Entrambi vengono usati da Ceccanti per supportarne la tesi di fondo: anche i migliori costituzionalisti di ieri avallerebbero le riforme di oggi fatte dal governo Renzi.

DI MORTATI, messo ad exergo del libro, viene ricordata la triste profezia: come relatore del progetto della prima parte della Costituzione, chiese inutilmente «un Senato eletto su base regionale» per evitare «inutili doppioni» con la Camera. Duverger viene citato per imbastire il paragone tra le due esperienze più note e decisive di transizione di forme di governo democratiche dell’Europa: la Francia dalla IV alla V Repubblica e l’Italia, dalla «transizione infinita» degli anni ’90 alle riforme attuali.

CECCANTI, pur ammettendo che «siamo nani sulle spalle di giganti», è rassicurante sul paragone: «il referendum costituzionale del 2016 chiude la lunga transizione italiana poggia sulle spalle dei giganti del 1946, in continuità con le intenzioni originali dei costituenti». Si tratterebbe di un fatto storico e assai positivo: vedere la trasformazione dell’Italia di oggi, come la Francia di De Gaulle di ieri, «dall’Europa dell’impotenza all’Europa della decisione».
E si tratterebbe anche di un caso di applicazione della cd. «democrazia immediata» cara a Duverger: dalla crisi della Repubblica dei partiti», superata, finora, solo per via di sempre nuove leggi elettorali, ecco riforme istituzionali vere, «di struttura». Alla faccia dei sostenitori del «No», che gridano al «golpe», per Ceccanti, il filo rosso che unisce i saggi riformatori di ieri a quelli smart di oggi c’è e si vede.

NB. Entrambi gli articoli sono stati pubblicati il 21 gennaio 2016 a pagina 10 del Quotidiano Nazionale

Tutto il potere a una Camera sola. Analisi dettagliata della riforma del Senato

Palazzo Montecitorio. Portone d'ingresso della Camera dei Deputati.

Palazzo Montecitorio. Portone d’ingresso della Camera dei Deputati.

Da ieri in poi, anche se concretamente solo dopo ultime due, definitive, letture (questo secondo passaggio al Senato è ancora dentro il primo ‘giro’ della riforma: finché il testo non viene votato identico in tutte le sue parti non si passa al ‘secondo’ giro: terza e quarta lettura), si può iniziare a dire addio al vecchio Senato. Il nome resterà quello di sempre, ma si tratterà di una nuova Camera delle Autonomie territoriali: scrive il nuovo testo “il Senato della Repubblica rappresenta le autonomie territoriali”.

Ecco una rassegna, il più possibile rapida e ragionata, delle principali modifiche.

TITOLO V. Corpose le modifiche al Titolo V della Costituzione: vengono ampliate le competente esclusivamente statali (energia, trasporti, infrastrutture) in senso inverso alla riforma del 2001 (Bassanini) voluta dall’allora centrosinistra e dalla forte impronta federalista. Lo Stato potrà esercitare una “clausola di supremazia” verso le Regioni per tutelare l’unità della Repubblica e l’interesse nazionale, ma alle Regioni potranno essere attribuite forme di autonomia su temi come formazione professionale, territorio, etc.

FINE DEL BICAMERALISMO PERFETTO. Finirà il bicameralismo perfetto e quelle famose ‘navette’ tra le due Camere che duravano mesi, se non anni, e che vent’anni di Seconda Repubblica hanno cercato, vanamente, di cambiare con molte Bicamerali finite tutte con un buco nell’acqua. Qui, invece, il cambiamento passa per una legge di ordinaria revisione costituzionale, anche se attraverso la fatica regolamentare di quattro letture. La vera, grande, novità (e ‘rivoluzione’) di questa riforma sta, però, nell’articolo 55 della nuova Costituzione: da quando entrerà in vigore, sarà solo la Camera dei Deputati a votare le leggi e a svolgere funzioni di controllo e indirizzo politico sul governo, a partire dall’atto fondamentale per eccellenza: la questione di fiducia. Il Senato, che mantiene in pieno la funzione legislativa sui rapporti tra Stato, Unione europea ed enti territoriali, conserverà la funzione legislativa anche su alcune materie prettamente statali: riforma della Costituzione, leggi di revisione della Costituzione e altre leggi costituzionali, leggi sui referendum, leggi elettorali e di funzione degli enti locali, ratifiche di trattati internazionali. Per il resto, la funzione legislativa spetterà solo alla Camera. Certo, resterà un piccolo potere di intervento sulle materie di competenza della Camera: il Senato potrà esprimere proposte di modifica alle leggi della Camera, ma molto limitate e, in ogni caso, il Senato deve votare le modifiche entro 15 giorni altrimenti le leggi entrano in vigore, la Camera può comunque ignorare le modifiche del Senato, votando le leggi nella versione precedenza, o – su leggi che riguardano competenze delle Regioni o leggi di bilancio – superare le modifiche volute dal Senato a maggioranza assoluta dei suoi componenti. Molto importante la novità per i disegni di legge ritenuti “essenziali” dal governo: la Camera,  sola a esaminarli, dovrà pronunciarsi entro 70 giorni e alla scadenza il ddl va comunque votato.

ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Di certo, grazie al combinato disposto con l’Italicum, diventerà più facile eleggere il nuovo Presidente della Repubblica per la futura maggioranza di governo. Continuerà ad eleggerlo il Parlamento in seduta comune (630 deputati e 100 senatori), ma scompaiono i delegati regionali (58) e cambiano i quorum, tutti livellati verso il basso: nei primi tre scrutini serviranno i due terzi dei componenti dell’assemblea (pari a 487 voti), dal quarto scrutinio si passa ai tre quinti sempre dei componenti (pari a 438 voti), dal settimo basteranno i tre quinti dei votanti. Cambiano, in parte, anche i poteri del presidente della Repubblica: potrà sciogliere solo la Camera, e non più anche il Senato; sarà il presidente della Camera la seconda carica dello Stato; solo la Camera proclamerà lo stato di guerra a maggioranza assoluta e solo la Camera approverà le leggi di amnistia e indulto (i due atti vanno firmati dal Capo di Stato).

CORTE COSTITUZIONALE. Saranno deputati e senatori, come oggi, a scegliere i cinque membri della Consulta di nomina parlamentare, ma non più in seduta comune:  su 15 membri della Consulta, restano i 9 nominati dal Capo dello Stato, i 5 eletti dalle supreme magistrature, mentre la Camera ne eleggerà tre e il Senato, in seduta separata, altri due.

REFERENDUM.  Molte le novità nel campo dei referendum (abrogativo, più il propositivo). Il quorum varierà in base alle firem raccolte: con 500 mila firme resta in piedi il vecchio quorum (metà più uno degli aventi diritto al voto); con 800 mila firme basterà la metà più uno degli elettori votanti all’ultime tornata di elezioni politiche; infine viene introdotto un referendum propositivo di indirizzo i cui dettagli sono stati però rinviati a una legge a hoc. Salgono da 50 mila a 150 mila, invece, le firme necessarie per una proposta di legge di iniziativa popolare.

CNEL E PROVINCE. Due enti storici, quanto inutili, della Repubblica, verranno aboliti.

LEGGE ELETTORALE. Per la prima volta nella storia d’Italia, viene introdotto il controllo di costituzionalità preventivo sulla legge elettorale (che era e resta una legge ordinaria). A chiederlo dovrà essere un quarto dei deputati. Ammesso, grazie a una norma transitoria, anche il controllo di costituzionalità sulla legge elettorale da poco approvata, l’Italicum.

COMPOSIZIONE DEL FUTURO SENATO ED ELETTIVITA’ DEI FUTURI SENATORI.
Il vero inghippo della riforma, e il vero rischio di confusione, sta invece nella tanto discussa, specie dentro il Pd, questione dell’elettività diretta o indiretta dei futuri senatori. I senatori, che – va detto – non riceveranno alcuna indennità ma manterranno in pieno l’attuale immunità parlamentare, saranno degli strani ‘ibridi’: per metà indicati dai cittadini e per metà eletti dai consigli regionali. In totale saranno cento: 5 di nomina presidenziale (in carica 7 anni, ma non più a vita) e 95 eletti dalle Regioni (74 consiglieri regionali e 21 sindaci). Scompare la differenziazione di elettorato passivo e attivo con la Camera e scompaiono pure i senatori eletti all’Estero. Eletti dentro i consigli regionali, dunque, ma “in conformità alle scelte espresse dagli elettori”, come recita il compromesso all’articolo 2.

I cittadini votano e i consigli ratificano? Non sarà così semplice. I cittadini scelgono, o meglio ‘indicano’ i futuri senatori nelle liste dei partiti presenti alle elezioni regionali, ma come? Molto probabilmente ci sarà un listino in cui attingere i nomi dei futuri senatori, il che limiterà il potere di scelta dei cittadini. Inoltre, il potere dei consigli regionali non sarà di mera ratifica: ad esempio, la loro consistenza ne determinerà il numero perché i consigli eleggono “con metodo proporzionale i senatori tra i propri componenti”. Altro esempio:  i 21 sindaci (uno per regione) saranno tutti indicati indirettamente, non certo dagli elettori, né è stabilito espressamente che si tratti dei sindaci dei maggiori capoluoghi: lo decideranno i consigli regionali e, dentro di essi, le loro maggioranze politiche. Inoltre, considerando che molte regioni esprimeranno solo due senatori ciascuna (Abruzzo, Molise, Basilicata, Liguria, Umbria, Marche, Friuli, Val d’Aosta) o tre (Calabria e Sardegna), che le Province Autonome di Trento e Bolzano ne avranno quattro mentre solo le regioni più popolose ne avranno un numero alto (7 il Piemonte, la Sicilia, il Venento, 5 la Toscana, 6 la Campania, la Puglia e l’Emilia, 8 il Lazio, ben 14 la Lombardia) e che le forze politiche vanno rappresentate in modo proporzionale, sarà molto difficile scogliere alcuni busillis. Ad esempio, le maggioranze di governo delle regioni piccole saranno tentate di mandare al Senato un sindaco di loro appartenenza e il governatore, registrando così dei monocolori mentre solo nelle regioni più grandi i consigli regionali potranno dare voce alle opposizioni. Una legge elettorale quadro dovrà sciogliere molti di questi enigmi, ma in attesa che tutte le Regioni rinnovino i consigli regionali con le nuove norme, saranno gli attuali consigli regionali a scegliere sindaci e consiglieri regionali da mandare al Senato (via indiretta). Perché la riforma arrivi a regime e vengano ovunque rispettate le scelte dei cittadini, bisognerà attendere almeno il 2020, a causa dei tempi differenti in cui le regioni voteranno.

IMMUNITA’ E INDENNITA’. I futuri senatori non percepiranno alcuna indennità (resta che percepiranno lo stipendio da consiglieri o sindaci), ma manteranno il diritto all’immunità.

NB. Una forma breve di questo articolo è stato pubblicato a pagina 5 del Quotidiano Nazionale del 14 ottobre 2015.

L’illusione dei senatori ‘eletti dal popolo’. Come l’intesa Renzi-minoranza, in realtà, salva e promuove i ‘nominati’

Il portone d'ingresso di palazzo Madama, sede del Senato della Repubblica.

Il portone d’ingresso di palazzo Madama, sede del Senato della Repubblica.

A VOLTE, si sa, le toppe sono peggiori dei buchi. Prendiamo, per dire, la riforma del Senato. L’elettività «diretta» o meno dei futuri senatori-consiglieri regionali è stata il cuore di un duro braccio di ferro tra governo e minoranza Pd. Il risultato della mediazione, all’apparenza, soddisfa entrambi, ma la verità è che i ribelli hanno subìto una sconfitta, mascherata da vittoria, e la riforma è zeppa di bachi di difficile o dubbia soluzione.

PRIMO BACO. Il Senato avrà 100 membri, da cui vanno tolti le cinque «personalità autorevoli» nominabili dal Capo dello Stato, ma a tempo (sette anni). E i sei senatori a vita attuali? Restano in carica e già così il numero dei «nominati» (e non eletti) lievita a 11 e il numero complessivo del Senato a 106. Infine, cosa ne sarà del Capo dello Stato attuale (Mattarella) e di tutti i futuri cui non spetterà più, automaticamente, la nomina a senatore a vita e presidente ‘emerito’? Verranno nominati ad hoc ma solo per sette anni anche loro?

SECONDO BACO. È il punto più controverso e, a suo modo, famoso. Il comma 5 dell’articolo 2, così come modificato dall’accordo dentro il Pd, ha aggiunto, alle norme sulla durata del mandato dei senatori, la frase «in conformità alle scelte degli elettori». Il concetto è: i cittadini scelgono, i consigli regionali si limitano a ratificarne la scelta. La minoranza ha gridato al successo. È così? Mica tanto.
Innanzitutto, il comma 5 va letto insieme al comma 2: parla di consigli regionali che «eleggono con metodo proporzionale i senatori tra i loro componenti e, nella misura di uno per ciascuno, i sindaci dei rispettivi territori». Da un lato vuol dire che toccherà comunque ai consigli regionali ‘designare’ (di fatto, ‘nominare’) i futuri consiglieri-senatori, pur dovendo rispettare la volontà dei cittadini “in conformità alle scelte espresse dagli elettori per i candidati consiglieri in occasione del rinnovo dei medesimi organi” (comma 5). Ma in cosa consiste la “conformità alle scelte espresse dagli elettori”? Conformità rispetto ai candidati? Conformità rispetto al risultato politico delle elezioni regionali? Non è chiaro.

Dall’altro lato, si dimentica troppo facilmente che ogni regione «deve» eleggere almeno un sindaco (21 in totale), oltre ai consiglieri-senatori (74). I sindaci da eleggere sono 21 e verranno dunque, «scelti» dai consigli regionali, non certo votati direttamente dagli elettori. Inoltre, nessuna regione può avere meno di due senatori: vuol dire che le regioni più piccole hanno a disposizione un solo consigliere-senatore, oltre al sindaco. Gioco forza, il governatore eletto di ogni regione piccola (esempio: il Molise), essendo anche il consigliere-senatore più votato, sarà, dunque, lui e solo lui il futuro senatore di quella regione. Su 95 seggi, 20 circa se ne vanno così. Ne restano 60 circa, dove invece il cittadino potrà incidere, ma pure qui vige il proporzionale: saranno privilegiate, nelle regioni grandi, che eleggeranno in media cinque senatori, i partiti più grandi. Se un partito non arriva al 15-20% difficilmente eleggeràdei consiglieri-senatori. In pratica, e stante le percentuali attuali, solo il Pd riuscirà, in effetti, a rispettare le indicazioni dell’elettore e le sue ‘preferenze’, in numero di due/tre futuri senatori eletti per ogni regione. E l’M5S e la Lega, forse, ma di certo le preferenze riversate sui consiglieri-senatori dei partiti piccoli finiranno nel nulla: i voti a quei consiglieri di chi pure li volev senatori, non serviranno.

TERZO BACO. Come verranno scelti i consiglieri-senatori? Via libera all’espressione delle preferenze dei cittadini, dice la minoranza. Ma la possibilità di introdurre un «listino», fino a ieri tanto aborrito, è nei fatti. Per evitare che l’elettore non si spacchi la testa, servirà infatti individuare e stilare tre liste: quella del candidato-governatore, che elegge i suoi in blocco per avere la maggioranza in Consiglio; la lista dei consiglieri regionali; la lista/listino dei consiglieri-senatori. Il “listino”, tanto aborrito dalla minoranza, dunque, uscito dalla porta, rientra dalla finestra. Senza dire che, in caso di contestazioni, dubbi interpretativi e questioni di legittimità, sarà il consiglio regionale a discriminare i veri consiglieri-senatori che verranno eletti e non gli elettori. Insomma, i consigli regionali non potranno limitarsi a ‘ratificare’ il voto popolare, ma potranno dire la loro.

QUARTO BACO. Tre le fonti o livelli normativi: la Costituzione (che verrà), la legge elettorale nazionale quadro (tutta da scrivere) e le leggi regionali con tanti sistemi diversi tra loro: armonizzarle non sarà facile e i ricorsi alla Consulta pioveranno. Del resto, la ‘legge-quadro’, pur dovendo armonizzare le norme tra loro, sarà una legge ordinaria: non potrà cioè prevalere (almeno non sempre) sulle diverse leggi regionali (la Costituzione sì, ma in ogni caso i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato non si faranno attendere).

QUINTO BACO. Anche se il referendum istituzionale si tenesse a ottobre 2016, la riforma non potrà entrare in vigore (art. 38 del ddl Boschi) prima della fine della legislatura (2018) e non entrerà a regime prima del 2020. Nel frattempo, saranno i consigli regionali attuali o in scadenza a mandare i loro consiglieri a fare i senatori: in via del tutto indiretta. Come saranno ‘indiretti’ molti dei futuri consiglieri-senatori. Per la minoranza, la vittoria è di Pirro.

NB. Questo articolo è stato pubblicato il 25 settembre 2015 a pagina 10 del Quotidiano Nazionale (http://www.quotidiano.net)